Home » Recensioni » Quirra e altre storie, il male invisibile della Sardegna:

Quirra e altre storie, il male invisibile della Sardegna

febbraio 7, 2012 Recensioni

Non è stata esattamente un’esigenza quella di scrivere questo libro, ma piuttosto la necessità di rendere pubblico un paradosso”. Lo chiama così Carlo Porcedda, uno dei due autori di “Lo sa il vento. Il male invisibile della Sardegna”, quella bizzarria che fa stare negli stessi chilometri di costa, vicini vicini, un resort di lusso e un poligono militare, il mare cristallino e una raffineria di petrolio. Si tratta di una “eccentricità ambientale” quella che si trova nelle pagine del volume edito da Edizioni Ambiente nella Collana Verdenero (14 euro), scritto a quattro mani con la collega giornalista Maddalena Brunetti.

Lungo alcuni tratti di terra la vita e la morte, la bellezza e l’incubo, le guerre simulate e le vittime sono divise da un confine sempre più sottile. Chi vive lungo quel confine parla di Sindrome di Quirra, un male invisibile e oscuro, fatto di decine di morti apparentemente inspiegabili, che ha portato nel cuore del Mediterraneo l’incubo della contaminazione da polveri di guerra. La morte di soldati colpiti da linfoma, la natura mostruosa di agnelli a sei zampe e capre con un occhio solo. Ma non solo, nelle 200 pagine inquinamento elettromagnetico, fanghi tossici, rifiuti pericolosi, e tutto il repertorio di scorie che un selvaggio abuso militare e industriale porta con sé. In Sardegna non ci si ammala solo di poligoni, ma anche di ciminiere e scarichi nocivi.

Tra le più recenti follie in Sardegna c’è anche la corsa all’oro degli australiani e dei canadesi che, dopo avere violentato colline e impastato la terra di cianuro, sono tornati a casa lasciando lo scempio che oggi pagano i sardi con i propri soldi. “In Sardegna si trova sempre qualcuno convinto che è meglio un morto in casa che la disoccupazione alla porta”, dice Porcedda. Anche se c’è chi ha saputo dire no. Come Luca Melis, allevatore che non ha paura di dire come la pensa (“Siamo pastori non pecore”) e in piazza contro lo sgombero del poligono deciso dal magistrato non ci è andato. Luca ha sempre denunciato i problemi che ha avuto il suo bestiame. Qualcuno lo ha chiamato il Sardinia Horror Tour. Un tour in un territorio, come quello di Quirra appunto, dove c’è l’anomalia (solo ora cessata) della coabitazione di militari e allevatori, dove per 50 anni si è sperimentato sulla pelle dei vivi, sul dolore dei padri e il futuro dei figli. E il vento sa di quali dolori si parla.

Come quello di Maria Grazia e Maria Teresa. L’incontro più toccante, racconta Maddalena Brunetti. Maria Grazia ha 23 anni e vive a Escalaplano. Sono passati 11 anni da quando la loro storia (raccontata in questo libro) è diventata un simbolo, l’emblema di un fenomeno, quello delle malformazioni di molti bimbi di questo piccolo paese. “E che dire dei genitori dei militari morti che ogni 15 giorni si incontrano in piazza del Carmine a Cagliari per chiedere giustizia, come le mamme di Plaza de Mayo. Qui trovi il dolore di chi chiede giustizia, di chi combatte un isolamento sociale e di chi combatte per il diritto alla salute, conclude la Brunetti. Oggi dopo decenni di complicità, omissioni e silenzi, c’è chi contro le guerre simulate e gli abusi mascherati ha dichiarato una vera e quotidiana battaglia. “Quella per avere la verità sul proprio destino”, aggiunge Carlo Porcedda. “La domanda che ci facciamo è: le tragedie e i disastri di un luogo dove si esercitano e sperimentano gli eserciti di tutto il mondo devono rimanere problemi che riguardano solo i sindaci della zona o dovrebbero riguardare tutti gli italiani?”

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende