Home » Idee »Internazionali »Politiche »Recensioni » Randers: “Io, un fallito: il mondo è meno sostenibile oggi che nel 1972″:

Randers: “Io, un fallito: il mondo è meno sostenibile oggi che nel 1972″

Ho passato 40 anni della mia vita a studiare la sostenibilità: sono un fallito, perché oggi il mondo è meno sostenibile di quanto non lo fosse nel 1972”. Jorgen Randers inizia così la presentazione italiana del suo libro “2052 – Scenari globali per i prossimi quarant’anni”, pubblicato lo scorso anno e uscito ora in Italia da Edizioni Ambiente.

Nel 1972, per la prima volta, Randers – professore di Climate strategy alla BI, scuola norvegese di business – insieme ad altri tre colleghi disegnò, nel celebre studio The Limits to Growth (mal tradotto in italiano “I limiti dello sviluppo”) il futuro per i successivi 40 anni: “Abbiamo ipotizzato dodici scenari per il futuro, sei di questi erano  tristi e prevedevano che tutto sarebbe andato male, gli altri sei erano positivi. Tutto ciò, però, non è stato afferrato dalla maggior parte delle persone”.

Scenari poi approfonditi in “Oltre i limiti dello sviluppo” (1992) e “I nuovi limiti di sviluppo” (2004), con risultati che non lasciavano spazio all’ottimismo. Oggi, dopo appunto quattro decenni dal primo studio, le cose non vanno meglio. Anzi. Il messaggio che arriva da “ 2052” è chiaro: se l’umanità prosegue il suo percorso di consumo eccessivo delle risorse con una visione a breve termine, potrebbe non sopravvivere. Randers, avvalendosi di 30 studiosi internazionali, traccia un percorso dividendo il mondo in cinque regioni (Stati Uniti, Ocse – compresa UE, Canada, Giappone e altre potenze –  Cina, Brise– Brasile, India, Russia e Sud Africa – e il resto del mondo): “La popolazione mondiale raggiungerà il picco di oltre 8 miliardi di persone nel 2040, per poi scendere nel 2050. Il motivo? Il continuo calo del tasso di fertilità. Nel mondo povero si sceglierà di fare meno figli, ma anche negli altri Paesi le donne non avranno la possibilità di scegliere. Poi, il Pil globale crescerà più lentamente del previsto, a causa della crescita più lenta della produttività nelle economie mature. Il numero dei poveri nel 2052 potrebbe essere di 3 miliardi, l’economia crescerà ma l’impronta ecologica sarà molto meno importante di oggi”.

Il problema è che, prosegue Randers, i cambiamenti climatici saranno tali da farci utilizzare i capitali per gestire le emergenze: “Saremo obbligati a riparare i danni provocati, per esempio, da uragani: dovremo spostare intere frazioni dell’economia per sistemare queste cose”. L’origine di questa “vendetta della natura”, come la definisce lo stesso Randers, è da cercare nella concentrazione di CO2 nell’atmosfera che continuerà ad aumentare determinando un incremento di 2°C nel 2052 e di 2.8°C nel 2080, e che potrebbe innescare un cambiamento climatico auto-rinforzante.

La “responsabilità”di questi fenomeni è rintracciabile nel modello politico ed economico predominante focalizzato sul breve termine: “Abbiamo bisogno di un sistema di governo che abbia una visione più a lungo termine. E’ improbabile che i governi approvino leggi necessarie a costringere i mercati a destinare più fondi in soluzioni rispettose del clima. Perché se gli elettori scoprono che la bolletta è più costosa, non ti rieleggono. La gente non è disponibile a fare dei sacrifici oggi per avere un risultato domani”. A nulla è valsa l’esperienza: “Dopo l’uragano Katrina – aggiunge Randers – mi aspettavo che qualcosa cambiasse. Invece la mancanza di reazione negli Stati Uniti dopo quella tragedia mi ha fatto perdere ogni illusione”.

Anche dal punto di vista alimentare, le prospettive non sono buone: “Saremo in grado di produrre più cibo, ma ci sarà ancora la fame nel mondo perché i poveri non potranno permettersi di pagarlo, non ci sarà abbastanza denaro e questo farà proseguire le diseguaglianze sociali”.

Da qui, le tre grandi prospettive: “La popolazione del mondo e l’economia cresceranno più lentamente e questo porterà a un aumento di tensioni sociali e conflitti, i consumi stagneranno perché una quota maggiore di Pil dovrà essere ricollocata negli investimenti per risolvere i problemi causati dall’esaurimento delle risorse, dall’inquinamento e dai cambiamenti climatici. Terzo, il mondo scivolerà verso una condizione climatica difficile”.

Il tempo non gioca dalla parte dell’umanità. Perché, spiega Randers, “se 40 anni fa dicevo al mondo cosa avrebbe dovuto fare, oggi dico cosa farete”. Il libro contiene venti indicazioni personali su cosa fare per vivere meglio nel mondo futuro. “Dovremo ridurre il numero dei bambini, in particolare nel mondo ricco e non dico di smettere di fare figli: ho previsto che le donne nel mondo ricco faranno in questo modo, così come hanno già fatto centinaia di milioni di donne. Ridurre l’impronta ecologica, in particolari le emissioni di CO2: ogni anno emettiamo il doppio dei gas serra di quanto possa essere assorbito dalle foreste nel mondo e dagli oceani. Poi, costruire un sistema energetico a basso tenore di carbonio nei Paesi in via di sviluppo”.

I grandi summit internazionali non sono riusciti in questi anni a cambiare la rotta: “Avremmo potuto contrattare per avere una Banca Centrale sulle Emissioni di Co2, un organismo sovranazionale che decide: ma la democrazia non prenderà mai questa decisione. Il problema è l’umanità: siamo governati e siamo elettori a breve termine”.

Marta Rossi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende