Home » Recensioni » Rapporto Ecomafie 2011: più di 84 reati ambientali al giorno:

Rapporto Ecomafie 2011: più di 84 reati ambientali al giorno

giugno 7, 2011 Recensioni

«Come un virus, con diverse modalità di trasmissione e una micidiale capacità di contagio». Enrico Fontana, responsabile dell’Osservatorio Ambiente e Legalità di Legambiente, descrive così il fenomeno dell’Ecomafia, al centro dell’omonimo rapporto annuale 2011 (Edizioni Ambiente, 24 euro). 

«Un virus  – prosegue Fontana – che avvelena l’ambiente, inquina l’economia, mette in pericolo la salute delle persone; che ha un sistema genetico locale e una straordinaria capacità di connessione su scala globale». Il rapporto Ecomafia 2011 è dedicato quest’anno ad Angelo Vassallo, primo cittadino di Pollica innamorato dell’ambiente, ucciso dalla camorra il 5 settembre scorso, «sindaco della bella politica».

Secondo l’indagine di Legambiente, condotta in collaborazione con le forze dell’ordine, le Capitanerie di porto, l’ufficio Antifrode, l’Agenzia delle dogane, le polizie provinciali, l’istituto di ricerche Cresme e la Direzione investigativa antimafia, nel 2010 sono stati accertati 30.824 illeciti ambientali, con un incremento del 7,8% rispetto al 2009: più di 84 reati al giorno, 3,5 ogni ora. Una crescita che, spiega il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, significa due cose: «Innanzi tutto una maggiore attenzione da parte delle forze dell’ordine, accanto a un aumento dei crimini contro l’ambiente».

I reati relativi al ciclo illegale di rifiuti (dalle discariche ai traffici illeciti) e a quello del cemento (dalle cave all’abusivismo edilizio) rappresentano da soli il 41% sul totale, seguiti dai reati contro la fauna, (19%), dagli incendi dolosi (16%), da quelli nella filiera agroalimentare (15%), mentre tutti le altre tipologie di violazioni non superano complessivamente il 6% degli illeciti accertati.

I numeri sono da far venire i brividi. I rifiuti sequestrati solo in 12 delle 29 inchieste per traffico illecito messe a segno dalle forze dell’ordine nel 2010, sono 2 milioni di tonnellate. Una montagna enorme di immondizia e rifiuti tossici, che per essere trasportata avrebbe bisogno di 82.181 tir, che incolonnati fanno 1.117 chilometri, più o meno da Reggio Calabria a Milano. «Una strada impressionante eppure ancora sottostimata, perché i quantitativi sequestrati sono disponibili per meno della metà delle inchieste ma anche perché, com’è noto, viene normalmente individuata solo una parte delle merci trafficate illegalmente», fa notare l’associazione. Il 2010 è un anno da record per le inchieste sull’unico delitto ambientale, quello contro i professionisti del traffico illecito di veleni: sono state ben 29, con l’arresto di 61 persone e la denuncia di 597, e il coinvolgimento di 76 aziende. Reati a cui si aggiungono i circa 6.000 illeciti accertati relativi al ciclo dei rifiuti, più o meno un reato ogni 90 minuti. 

La classifica a livello nazionale è guidata da Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, ma cresce anche il numero di reati accertati nel Lazio e in Lombardia. E poi c’è la piaga del traffico internazionale dei rifiuti, che dall’Italia arrivano via mare in Cina, Corea del Sud, India, Malesia. L’Agenzia delle Dogane ha segnalato più di 100 casi e sequestrato nei porti italiani 11.400 tonnellate di rifiuti speciali e pericolosi, il 54% in più rispetto al 2009. 

Fanno tremare anche i dati del ciclo illegale del cemento: nel 2010, l’edilizia abusiva ha consumato suolo equivalente a 540 campi da calcio, con 26.500 nuovi immobili stimati. «Una vera e propria cittadina illegale, con 18.000 abitazioni costruite ex novo e la cementificazione di circa 540 ettari». Sono stati accertati 6.922 illeciti, con 9.290 persone denunciate, più di una ogni ora. La Calabria è la prima regione come numero d’infrazioni (945) seguita dalla Campania, dove si registra il maggior numero di persone denunciate (1.586) e dal Lazio.

Meno numerose, ma altrettanto degne di attenzione sono le frodi alimentari: il maggior numero di reati è stato riscontrato nel settore delle carni e allevamenti (1.244), della ristorazione (1.095) e dei prodotti alimentari vari. Sono stati 5.835 i reati commessi contro la fauna, quasi 16 al giorno, soprattutto nell’ambito dell’espansione globale dei mercati orientali, con un volume d’affari di specie animali e vegetali e di prodotti lavorati che supera ormai, a livello mondiale, i 100 miliardi di euro all’anno.

Il fenomeno dell’ecomafia, ha sottolineato Cogliati Dezza, «si propaga e si rafforza anche grazie al coinvolgimento dei cosiddetti colletti bianchi e alle infiltrazioni nell’imprenditoria legale». Una possibile soluzione? Maggiore attenzione da parte del governo e del Parlamento. «Per porre rimedio a questa situazione, avevamo atteso con ansia il decreto col quale il governo deve recepire la Direttiva Europea sulla tutela penale dell’ambiente, inserendo finalmente i delitti ambientali nel Codice Penale». Oggi, infatti, i reati contro l’ambiente sono tutte contravvenzioni, punibili cioè con pene pecuniarie che non fanno paura agli ecocriminali.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende