Home » Recensioni » Rapporto Ecomafie 2011: più di 84 reati ambientali al giorno:

Rapporto Ecomafie 2011: più di 84 reati ambientali al giorno

giugno 7, 2011 Recensioni

«Come un virus, con diverse modalità di trasmissione e una micidiale capacità di contagio». Enrico Fontana, responsabile dell’Osservatorio Ambiente e Legalità di Legambiente, descrive così il fenomeno dell’Ecomafia, al centro dell’omonimo rapporto annuale 2011 (Edizioni Ambiente, 24 euro). 

«Un virus  – prosegue Fontana – che avvelena l’ambiente, inquina l’economia, mette in pericolo la salute delle persone; che ha un sistema genetico locale e una straordinaria capacità di connessione su scala globale». Il rapporto Ecomafia 2011 è dedicato quest’anno ad Angelo Vassallo, primo cittadino di Pollica innamorato dell’ambiente, ucciso dalla camorra il 5 settembre scorso, «sindaco della bella politica».

Secondo l’indagine di Legambiente, condotta in collaborazione con le forze dell’ordine, le Capitanerie di porto, l’ufficio Antifrode, l’Agenzia delle dogane, le polizie provinciali, l’istituto di ricerche Cresme e la Direzione investigativa antimafia, nel 2010 sono stati accertati 30.824 illeciti ambientali, con un incremento del 7,8% rispetto al 2009: più di 84 reati al giorno, 3,5 ogni ora. Una crescita che, spiega il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, significa due cose: «Innanzi tutto una maggiore attenzione da parte delle forze dell’ordine, accanto a un aumento dei crimini contro l’ambiente».

I reati relativi al ciclo illegale di rifiuti (dalle discariche ai traffici illeciti) e a quello del cemento (dalle cave all’abusivismo edilizio) rappresentano da soli il 41% sul totale, seguiti dai reati contro la fauna, (19%), dagli incendi dolosi (16%), da quelli nella filiera agroalimentare (15%), mentre tutti le altre tipologie di violazioni non superano complessivamente il 6% degli illeciti accertati.

I numeri sono da far venire i brividi. I rifiuti sequestrati solo in 12 delle 29 inchieste per traffico illecito messe a segno dalle forze dell’ordine nel 2010, sono 2 milioni di tonnellate. Una montagna enorme di immondizia e rifiuti tossici, che per essere trasportata avrebbe bisogno di 82.181 tir, che incolonnati fanno 1.117 chilometri, più o meno da Reggio Calabria a Milano. «Una strada impressionante eppure ancora sottostimata, perché i quantitativi sequestrati sono disponibili per meno della metà delle inchieste ma anche perché, com’è noto, viene normalmente individuata solo una parte delle merci trafficate illegalmente», fa notare l’associazione. Il 2010 è un anno da record per le inchieste sull’unico delitto ambientale, quello contro i professionisti del traffico illecito di veleni: sono state ben 29, con l’arresto di 61 persone e la denuncia di 597, e il coinvolgimento di 76 aziende. Reati a cui si aggiungono i circa 6.000 illeciti accertati relativi al ciclo dei rifiuti, più o meno un reato ogni 90 minuti. 

La classifica a livello nazionale è guidata da Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, ma cresce anche il numero di reati accertati nel Lazio e in Lombardia. E poi c’è la piaga del traffico internazionale dei rifiuti, che dall’Italia arrivano via mare in Cina, Corea del Sud, India, Malesia. L’Agenzia delle Dogane ha segnalato più di 100 casi e sequestrato nei porti italiani 11.400 tonnellate di rifiuti speciali e pericolosi, il 54% in più rispetto al 2009. 

Fanno tremare anche i dati del ciclo illegale del cemento: nel 2010, l’edilizia abusiva ha consumato suolo equivalente a 540 campi da calcio, con 26.500 nuovi immobili stimati. «Una vera e propria cittadina illegale, con 18.000 abitazioni costruite ex novo e la cementificazione di circa 540 ettari». Sono stati accertati 6.922 illeciti, con 9.290 persone denunciate, più di una ogni ora. La Calabria è la prima regione come numero d’infrazioni (945) seguita dalla Campania, dove si registra il maggior numero di persone denunciate (1.586) e dal Lazio.

Meno numerose, ma altrettanto degne di attenzione sono le frodi alimentari: il maggior numero di reati è stato riscontrato nel settore delle carni e allevamenti (1.244), della ristorazione (1.095) e dei prodotti alimentari vari. Sono stati 5.835 i reati commessi contro la fauna, quasi 16 al giorno, soprattutto nell’ambito dell’espansione globale dei mercati orientali, con un volume d’affari di specie animali e vegetali e di prodotti lavorati che supera ormai, a livello mondiale, i 100 miliardi di euro all’anno.

Il fenomeno dell’ecomafia, ha sottolineato Cogliati Dezza, «si propaga e si rafforza anche grazie al coinvolgimento dei cosiddetti colletti bianchi e alle infiltrazioni nell’imprenditoria legale». Una possibile soluzione? Maggiore attenzione da parte del governo e del Parlamento. «Per porre rimedio a questa situazione, avevamo atteso con ansia il decreto col quale il governo deve recepire la Direttiva Europea sulla tutela penale dell’ambiente, inserendo finalmente i delitti ambientali nel Codice Penale». Oggi, infatti, i reati contro l’ambiente sono tutte contravvenzioni, punibili cioè con pene pecuniarie che non fanno paura agli ecocriminali.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende