Home » Recensioni » “Re della Terra selvaggia”: la natura offesa vista dagli occhi di una bambina:

“Re della Terra selvaggia”: la natura offesa vista dagli occhi di una bambina

febbraio 7, 2013 Recensioni

L’intero universo si regge sull’incastro perfetto di tutte le cose. Se un pezzo si rompe, anche il più piccolo, l’intero universo si rompe”. Queste sono le parole di Hushpuppy, una bambina di cinque anni che vive con il papà Wink in una comunità sul delta del Mississippi, in Louisiana. Il film Re della Terra selvaggia (Beasts of the Southern Wild) - in uscita oggi in Italia con la distribuzione di Satine Film – racconta la sua storia. Padre e figlia abitano nella comunità di Bathtub (“La Grande Vasca”), così soprannominata per le caratteristiche paludose del territorio. I due sono legati da un rapporto controverso, ma molto profondo. Grazie al padre, Hushpuppy impara come sopravvivere in un luogo così aspro e difficile. Ma le cose sono destinate a complicarsi. Il papà si ammala gravemente e parallelamente la natura circostante comincia a essere spaccata da improvvise calamità: la temperatura aumenta, i ghiacciai si sciolgono e arriva un esercito di creature preistoriche chiamate aurochs. Hushpappy sa che suo padre non avrà ancora molto tempo da vivere, così decide di partire alla ricerca della madre.

La pellicola è stata diretta da Benh Zeitlin, alla sua prima esperienza di lungometraggio, che  ha adattato la pièce Juicy and Delicious di Lucy Alibar, amica di vecchia data del regista. Presentata al Sundance Film Festival 2012, si è conquistata il premio della giuria e da quel momento non si è più fermata. A Cannes si è aggiudicata la Camera d’Or, il premio riservato alle opere prime, mentre proprio recentemente è stata nominata agli Oscar come miglior film, miglior regia, migliore sceneggiatura non originale e miglior attrice. Per questa nomination in particolare, il film detiene un altro primato perché la piccola interprete, Quvenzhané Wallis, è la più giovane attrice candidata nella storia degli Oscar. Ad aumentare l’interesse che ha suscitato questo film, anche la produzione completamente indipendente, realizzata con meno di due milioni di dollari, una cifra davvero ridotta per gli standard statunitensi.

I motivi di tanto successo risiedono in un mix di fattori che il regista, in un’intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano, sintetizza così: “È un film a cui hanno lavorato tutte persone che non avevano mai fatto un film prima d’ora, non segue proprio lo svolgimento normale cui siamo abituati, ma al tempo stesso è tratto da un’opera teatrale quindi ha dentro di sé tanti elementi che tutti conoscono e riconoscono, come i racconti popolari e le fiabe. Penso sia un ponte riuscito tra la semplicità dei film commerciali e le ambizioni artistiche di quelli di nicchia che alla fine somigliano più a E.T. che ai film di Cassavetes”. Persino il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, in un’intervista a People Magazine, ha dichiarato che durante la visione del film tutte le persone che erano con lui, adulti e bambini, sono stati catturati da una storia così eccezionale.

Dotato di una poetica non comune, Re della Terra selvaggia è riuscito a non cadere nei facili cliché dei film con bambini e animali protagonisti. Al contrario, il regista ha saputo raccontare attraverso gli occhi di Hushpuppy una realtà tutt’altro che rassicurante, la realtà di una terra selvaggia molto lontana dall’immagine degli Stati Uniti cui siamo abituati. Toccando una serie di temi che si intrecciano fra loro: la natura offesa che si difende, i bambini-adulti costretti a crescere troppo in fretta in ambienti difficili, le mille sfaccettature dei rapporti umani, la fantasia e la freschezza dell’infanzia, cui il regista consegna il nostro futuro con fiducia. Hushpuppy infatti affermerà: “Quando tutto è silenzio, vedo ciò che mi ha creato volare intorno in pezzettini invisibili e capisco che anche io sono un pezzettino di un grande, grandissimo universo”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Boston Consulting: le aziende con approcci sostenibili hanno margini migliori

dicembre 18, 2017

Boston Consulting: le aziende con approcci sostenibili hanno margini migliori

Le aziende che adottano approcci sostenibili hanno margini e valutazioni migliori. Questo è il dato principale emerso dall’analisi di The Boston Consulting Group “Total Societal Impact: A New Lens for Strategy”, condotta su 300 aziende dei settori Consumer Packaged Goods, Biofarmaceutica, Oil & Gas, Retail & Business Banking e Tecnologia. Per Total Societal Impact (TSI) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende