Home » Idee »Recensioni » Un nuovo Rinascimento è possibile. L’impresa secondo Morace e Lanzone:

Un nuovo Rinascimento è possibile. L’impresa secondo Morace e Lanzone

dicembre 20, 2010 Idee, Recensioni

La_nascita_di_Venere_previewFare impresa nel XXI secolo guardando al Rinascimento. In Italia si può e c’è chi lo sta facendo.Bruno Pampaloni ne ha parlato, per Greenews.info, con Francesco MoraceGiovanni Lanzone, che hanno raccolto dieci case histories d’eccezione.

Un progetto, dieci aziende e un libro per raccontare come fare impresa seguendo alcuni valori fondativi: la passione per il lavoroil rispetto per l’ambiente, l’armonia e il senso del bello, l’attenzione al territorio in cui si operaalla cultura del creare e del produrre in maniera sostenibile. Una visone d’insieme che guarda allo spirito del Rinascimento e mediante la quale l’imprenditore si pone al centro dei saperi diventando il capo di una vera bottega rinascimentale, formando e avvalendosi dei talenti più diversi per realizzare prodotti la cui importanza vada ben oltre la loro mera funzione d’uso.

In attesa di affinare nuovi strumenti concettuali utili a interpretare questo difficile momento storico gli antichi valori rinascimentali sembrano così in grado di fornire, alle aziende più innovative del nostro paese,“nuove indicazioni strategiche per la difesa e la diffusione del Made in Italy sui mercati globali ”.

Ne è convinto il sociologo Francesco Morace, responsabile, insieme al filosofo Giovanni Lanzone, di The Renaissance Link, un’associazione che accoglie professionisti o ricercatori di varie discipline uniti dalla stessa visione del mondo e del modo di fare impresa. Dalle loro ricerche è nato un libro (“Il talento dell’impresa. L’impronta rinascimentale in dieci aziende italiane”, fotografie di Martino Lombezzi, Nomos Edizioni): dieci imprese “che incarnano l’idea di italianità da cui è partito il nostro progetto” e dieci dialoghi con imprenditori “la cui passione per il fare è assai vicina allo spirito creativo tipico della cultura rinascimentale”. Bonotto, Coccinelle, Deborah Group, Fratelli Guzzini, Antonio Frattini, Shenker, Sinv, Veneta Cucine, WebScience e Yoox Group, per cominciare.

Ma il progetto è un osservatorio permanente sulle qualità produttive italiane e si pone, dunque, come aggregatore di molte altre aziende. “Ci rivolgeremo anche a realtà più grandi, ai campioni universalmente riconosciuti del Made in Italy. Punteremo poi su etno-territori come quelli del Sud Italia o sul settore agroalimentare” afferma Morace. Uno degli obiettivi dell’associazione è quello di dare voce a “tutti gli imprenditori che si riconoscano nel nostro manifesto.” Un decalogo per un’“alleanza tra progetto imprenditoriale, qualità territoriale e talento artistico”, che intende ridefinire l’“impresa come elemento strutturale per costruire un nuovo modello sociale, un territorio vivo, una visione politica.”

L’Italia ha uno straordinario patrimonio – artistico, culturale e ambientale - da difendere e “le nostre aziende potranno imporsi sui mercati globali soprattutto se sapranno valorizzarne e comprenderne le potenzialità di business”. Secondo Morace si tratta di una scelta decisiva, di un cambio di paradigmi poiché si tratta di ribaltare una concezione che vede nel legame con il territorio un semplice arroccamento, un atteggiamento difensivo da cui non vi è nulla da guadagnare. Non a caso la città diventa “laboratorio aperto d’incontri ed esperienze culturali, formative, interdisciplinari, in cui le imprese illuminate tornino a giocare un ruolo decisivo nell’organizzazione sociale e nell’espressione del talento.” Diventa quindi imprescindibile una convergenza fra le nuove frontiere del web e un capitalismo responsabile, incoraggiare modelli operativi basati sul “riconoscimento del valore più che sul profitto, sulla co-creazione più che sulla gerarchia, sulla sfida più che sulla stabilità.”.

Ecco allora casi come Deborah Group, “che da sempre privilegia la tollerabilità, la sicurezza, la qualità dei processi produttivi sulle promesse miracolistiche di sostanze invece nocive alla salute”. Nessuna concessione ad una “versione cosmetica” del greenwashing insomma. Cura per il corpo di “donne normali” (e non modelli stereotipati) e rispetto, vero, per l’ambiente.

Dalla cosmetica alla plastica. Come emerge dal lavoro di Morace e Lanzone – la “precisione scientifica per monitorare i processi produttivi, la necessità di riciclare o di riutilizzare i materiali plastici, il rispetto per l’ambiente” sono punti qualificanti anche in un caso come laFratelli Guzzini di Recanati, il paese di Leopardi, nelle Marche. Nella prospettiva dunque di un capitalismo responsabile nei confronti degli “altri mondi” e attento a valori di sostenibilità ambientale rientrano il Progetto Re-Nature, pensato per introdurre sul mercato alcuni prodotti realizzati con materiale acrilico di scarto, proveniente dagli sfridi di produzione, e l’alleanza con Eataly sul tema della gastronomia di eccellenza.

“E su tutte queste cose bisogna essere davvero credibili e rigorosi perché i successi del futuro si baseranno su informazioni ineccepibili” spiega Morace. Anche se esiste ancora molto marketing a buon mercato e tanta comunicazione fuorviante la via sembra segnata. “E’ solo una questione di tempo: chi non sarà in grado di adeguarsi verrà spazzato fuori dal mercato. D’altra parte un cambiamento simile è già avvenuto quando furono definiti gli standard dell’igiene. Fino ai primi del Novecento non ne esisteva alcuno. Poi, nel secondo dopoguerra, l’igiene è diventata una necessità e un obbligo per chi produce”. Perché è ormai evidente che la sostenibilità ambientale, la cura dei processi produttivi, la creatività e la passione per il fare sono valori che appartengono all’immaginario collettivo di milioni di persone in tutto il mondo e il cui rispetto è alla base di case histories di successo. “Il vero problema è capire quanto ci vorrà perché questa tendenza diventi una realtà matura e condivisa a livello mondiale. Può darsi che servano anni o magari ci si arrivi in pochissimo tempo. Ancora non siamo in grado di saperlo”.

Bruno Pampaloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende