Home » Recensioni » Un oceano d’aria:

Un oceano d’aria

novembre 24, 2009 Recensioni

Courtesy of Codice edizioniChi l’avrebbe mai detto. Anche l’aria ha una sua storia. E Gabrielle Walker, scrittrice e speaker radiofonica inglese, ne ha scritta una veramente appassionante.

Esperta di tematiche legate all’energia e all’ambiente, la Walker ha svolto una ricerca meticolosa sui personaggi della scienza (e non) che hanno contribuito a svelare tutto ciò che oggi sappiamo su questo straordinario elemento, grazie al quale è possibile la vita dell’umanità sulla Terra.

Come sia nata la volontà di dedicare un intero saggio all’aria, la scrittrice lo spiega nel prologo, ricordando l’episodio del 16 agosto 1960 a nord del New Mexico, quando alle sette del mattino Joe Kittinger si lanciò da un’altezza di 30.000 metri dotato solamente di una tuta da astronauta, di un paracadute e di una telecamera fissata al casco.

A una velocità superiore a quella del suono, questo coraggioso (e folle) capitano dell’aereonautica degli Stati Uniti attraversò i due strati più bassi dell’atmosfera che circonda il nostro pianeta (stratosfera e troposfera) in 4’ e 36’’,  restando indenne alle artiche temperature della soglia dello spazio, alle radiazioni dei raggi ultravioletti, alla schiacciante rarefazione dell’aria intorno a lui, in uno degli ambienti paradossalmente più ostili che un essere umano avesse mai affrontato: il cielo sopra di noi.

“Mentre guardavo la straordinaria impresa di Kittinger , mi ritrovai a fissare la sottile linea azzurra dell’atmosfera che si librava sull’orizzonte curvo della Terra. E dopo che Kittinger ebbe saltato lo vidi galleggiare su un mare di quello che, come disse in seguito, gli sembrava il nulla. Rimasi incantata dal paradosso dell’atmosfera. Come può qualcosa di tanto delicato essere anche così potente? Un’eroina misconosciuta piena di fragilità e di fuoco – cos’altro potrebbe desiderare uno scrittore? Così mi misi al lavoro. E più indagavo, più capivo che uno straordinario cast di personaggi aveva collaborato per mostrarci la potenza dell’aria”.

Da Galileo Galilei che ne calcolò il peso, passando attraverso a Lavoisier, Torricelli, Boyle, Blank, Priestley che ne scoprirono le molteplici proprietà, per arrivare a Cristoforo Colombo che sfruttò gli alisei e i venti occidentali per andare e tornare dalle Americhe fino a Wiley Post, pilota di aerei che scoprì le potenti “correnti a getto” (definite “l’ingrediente finale che consente la vita sulla Terra”), Un oceano d’aria (Codice edizioni, 2009, € 26,00) ci fornisce una carrellata sulle principali figure storiche che, per ricerca o per puro caso, hanno costellato la storia del “più grande dono che il nostro pianeta possieda”.

Affascinata dalla molteplicità dei ruoli che questa “sostanza miracolosa” riveste per noi terrestri, la Walker, con un linguaggio semplice e ricco di aneddoti, fornisce un quadro completo dei passaggi cruciali che hanno portato alla conoscenza dei “misteri dell’atmosfera” così come ci sono noti oggi.

“Appena 32 chilometri sopra il nostro capo c’è un ambiente terrificante e inospitale, che ci congelerebbe, ci arrostirebbe e ci farebbe bollire. Ma gli strati d’aria che circondano la Terra ci proteggono talmente bene che neppure ci accorgiamo del pericolo. Questo è il messaggio di Kittinger e di tutti quei pionieri che tentarono per primi di capire la nostra atmosfera: noi non solo viviamo nell’aria. Noi viviamo grazie all’aria”.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende