Home » Idee »Recensioni » Wikibook, tra “green production” e “green business”:

Wikibook, tra “green production” e “green business”

giugno 13, 2011 Idee, Recensioni

Un’opera collettiva, un “wiki-libro” in cui la sostenibilità diventa una narrazione a quarantasei voci: gli amministratori locali, imprenditori, cittadini, docenti universitari, ricercatori e operatori del settore presenti all’ultima edizione di Ecomondo, l’expo del riciclo tenutasi a Rimini lo scorso novembre.

Dai loro interventi, elencati a fine libro e siglati nel testo, la Regione Emilia-Romagna ha coniato il “Wikibook Green Economy”, un quaderno partecipato dall’accattivante fotografia e coerente nella veste grafica, rigorosamente in carta riciclata. Liberamente consultabile on-line il testo, secondo la prassi wiki, è aperto a commenti sul sito.

“La green economy per noi è la rivoluzione industriale del XXI secolo” spiega Gian Carlo Muzzarelli, Assessore Regionale alle Attività Produttive ed Economia Verde, snocciolando cifre che ben rendono le dimensioni di questo settore: circa 2 mila imprese, oltre duecentomila addetti e più di 61 miliardi di euro di fatturato.

Il Wikibook è un testo che cerca di declinare la green economy in un linguaggio chiaro e concretamente apprezzabile: “parole inglesi che (…) in italiano, anzi in emiliano-romagnolo, assumono un significato del tutto nuovo. Green economy nella nostra Regione si traduce in imprese, lavoro, ‘rivoluzione verde’ ” un treno in corsa che sta già cambiando il volto del territorio.

L’economia verde è rappresentata “come somma di due universi: quello della green production e quello del green business. Il primo comprende le imprese che producono in maniera ecocompatibile, attraverso una serie di strumenti quali certificazioni ambientali di processo e di prodotto, adozione di tecnologie per il risparmio delle risorse o per la riduzione degli impatti (…); imprese che, pur operando in settori non necessariamente green generano un beneficio ambientale diretto per il territorio che le accoglie”.

Al contrario si parla di “green business” rispetto a quelle imprese che “operano all’interno di mercati dichiaratamente ambientali, quali rifiuti, disinquinamento, ciclo idrico integrato, energia. Non è detto che tali imprese operino sempre riducendo il proprio impatto ambientale: sono green perché il loro mercato di riferimento lo è, non necessariamente perché lo sono loro stesse. L’intersezione tra questi due mondi – quello del green production e quello del green business – rappresenta l’eccellenza della Green Economy.

Dal testo emerge come questa accezione di green economy porti con sé un’ampia gamma di professionalità, con riscontri positivi sul versante occupazionale. Gli attuali green workers italiani sono stimati tra le 800.000 e le 950.000 unità, con punte nei settori della forestazione (410.000 occupati), del trasporto pubblico (116.000 lavoratori), dell’agricoltura biologica (più di 50.000 addetti), della chimica verde (16.000 occupati tra ricerca e produzione). Uno studio di Unioncamere e Fondazione Symbola ha rilevato inoltre che più del 40% delle professioni ricercate oggi devono avere competenze sull’ambiente, con un numero medio di nuovi occupati annui di duecentomila persone.

Tanti gli esempi, nel libro, di “collegamento tra green economy e responsabilità sociale d’impresa”. Tra i molti oggi disponibili sul mercato sono raccontati i casi di Popolini, la ditta asutriaca che produce pannolini lavabili, con punti vendita in tutta Europa e l’esperienza dell’Ecobottega di Noale (Venezia), con detersivi e pasta venduti alla spina, dove “risulta evidente un’interpretazione della green economy come processo sociale, basato sull’interazione virtuosa tra imprese che cercano motivi di vantaggio competitivo, consumatori consapevoli, istituzioni che regolano, sensibilizzano e forniscono gli strumenti di certificazione e garanzia”.

Tra i contributi esposti, l’idea che green economy sia dunque un’opportunità “diffusa” e non un’esclusiva delle imprese, come dimostra l’ipotesi, allo studio, di creare“banche del rifiuto”, gestite da cooperative sociali, ove il cittadino possa conferire – dietro pagamento – rifiuti ed imballaggi (i quali, determinano in media circa il 5% del prezzo del prodotto).

L’attuale crisi economica ha un ruolo fondamentale di rottura e di apertura di una fase di transizione. Quella che stiamo vivendo, infatti, non è una crisi di carattere congiunturale, ma una crisi sistemica con valore strutturale (TeA): la via per il superamento di questa fase transitoria e l’approdo al nuovo paradigma economico è una Green Economy relazionale, dove l’impresa adotta criteri etici e di responsabilità nell’approccio al contesto in cui opera, si confronta con un cittadino informato e coscienzioso nelle scelte, grazie anche ad un’amministrazione pubblica che non rinuncia ai propri compiti di educazione/sensibilizzazione e dà il buon esempio attraverso i propri profili di consumo”. È questo l’approccio definito di sustainable economy, per la sua valenza sociale, per il controllo della filiera e la costruzione di modelli locali di sviluppo.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende