Home » Rubriche »Very Important Planet » “I motori? Meglio alternativi”. Intervista a La Pina:

“I motori? Meglio alternativi”. Intervista a La Pina

novembre 4, 2011 Rubriche, Very Important Planet

I motori? Meglio alternativi”. Con la sua tradizionale schiettezza, che l’ha resa familiare a un pubblico di ascoltatori sempre più ampio, La Pina - nome d’arte di Orsola Branzi, dj e conduttrice di Pinocchio, il programma preserale di Radio DeeJay – spiega ai lettori di Greenews.info la sua ricetta per un mondo a minor impatto ambientale: “Soprattutto in questo momento storico – sostiene – c’è l’obbligo di favorire l’utilizzo delle energie alternative”.

La incontriamo a Milano, dove partecipa al primo appuntamento di “Donne & Motori”, la serie di aperitivi – tutta al femminile – organizzata da Goodyear per diffondere la cultura della sicurezza stradale, in particolare sul pneumatico, presso il pubblico in rosa.

D) La Pina, la sicurezza è fondamentale, ma sei anche a favore di una mobilità più sostenibile?

R) Sì, come sono favorevole a ogni iniziativa per l’ambiente. Anzi credo che proprio in questo periodo di crisi la sostenibilità possa rappresentare una chance per l’economia. Non è più possibile andare avanti come si è fatto finora, questo ormai tutti lo abbiamo capito, e il discorso vale anche per le energie. Bisogna puntare su quelle alternative. Ecco, io spero che questo momento, negativo per molti aspetti, possa però anche rappresentare l’occasione giusta per imparare qualcosa.

D) Il mondo dei motori cos’ha da dire a tuo parere su questo argomento?

R) Sicuramente molto, perchè oggi la gente non si aspetta soltanto prestazioni da un’automobile, ma è attenta a un discorso di valore. Per questo, le macchine realizzate secondo i criteri dell’ecosostenibilità e che sfruttano energie “verdi” sono sempre più apprezzate. Secondo me, questo è un concetto a cui le donne arrivano prima degli uomini, perché sono più sensibili anche alle tematiche ambientali.

D) Veniamo alla tua vita quotidiana: partecipi a numerose iniziative a favore dell’ambiente e dell’ecosostenibilità. Perché tanta attenzione?

R) Credo che ognuno di noi debba essere molto riconoscente al buon Dio, per quello che ha realizzato e ci ha donato. A noi è stato chiesto di mantenere l’ambiente così come lui ce lo ha consegnato, ma è sotto gli occhi di tutti che non ci siamo riusciti. Non abbiamo fatto un buon servizio. Per questo, prima di tutto ora è necessario capire tutte le azioni che, anche inconsapevolmente, compiamo contro la natura durante il nostro vivere quotidiano.

D) Spiegati meglio…

R) Secondo me, occorre porre attenzione non soltanto a quello che si compra, ma anche a quello che si scarta: penso ai detersivi, ai solventi… Si tratta di mettere in pratica piccoli gesti, molto semplici, ma che a lungo andare possono davvero fare la differenza. Anche l’alimentazione è importante…

D) In che senso?

R) Io, ad esempio, mangio molto riso, in pratica ne consumo tutti i giorni, perché mi piace, fa bene e posso prepararlo in mille modi, secondo tante ricette. Però mangio solo il riso integrale, che ha minor impatto ambientale, perché è più naturale e non subisce il procedimento della sbiancatura, cioè di raffinazione del chicco.

D) Attraverso i tuoi programmi, ribadisci spesso l’importanza dell’attenzione all’ambiente. Pensi che per un personaggio noto sia più semplice lanciare messaggi positivi?

R) Credo che se il personaggio in questione è credibile, e quindi ha un pubblico che non soltanto lo ascolta ma che lo apprezza anche, allora possa rappresentare davvero un punto di riferimento, ed è giusto che utilizzi la sua notorietà per condividere iniziative o messaggi positivi, a favore dell’ambiente e della società.

D) Sei una conduttrice radiofonica di successo. In che modo, secondo te, la radio può sostenere il concetto di sostenibilità ambientale?

R) Credo che la radio abbia già fatto molto in questa direzione. L’avvento di internet e dei cellulari, con la possibilità offerta di dialogare con il pubblico attraverso mail ed sms, è stata una rivoluzione, che ha fatto risparmiare risme di carta. Non sembra, ma a lungo andare si tratta di un risparmio veramente significativo. E poi, ovviamente, la radio può fare la sua parte continuando a trasmettere messaggi di responsabilità e sensibilizzazione nei confronti dell’ ambiente.

D) Tu continuerai a farlo?

R) Certamente! Nel mio futuro non vorrei fare nient’altro di quello che faccio adesso: è talmente bello che non sembra lavoro. Ci sono giorni (ride) in cui mi invidio da sola!

Agnese Pellegrini

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende