Home » Rubriche »Very Important Planet » “I motori? Meglio alternativi”. Intervista a La Pina:

“I motori? Meglio alternativi”. Intervista a La Pina

novembre 4, 2011 Rubriche, Very Important Planet

I motori? Meglio alternativi”. Con la sua tradizionale schiettezza, che l’ha resa familiare a un pubblico di ascoltatori sempre più ampio, La Pina - nome d’arte di Orsola Branzi, dj e conduttrice di Pinocchio, il programma preserale di Radio DeeJay – spiega ai lettori di Greenews.info la sua ricetta per un mondo a minor impatto ambientale: “Soprattutto in questo momento storico – sostiene – c’è l’obbligo di favorire l’utilizzo delle energie alternative”.

La incontriamo a Milano, dove partecipa al primo appuntamento di “Donne & Motori”, la serie di aperitivi – tutta al femminile – organizzata da Goodyear per diffondere la cultura della sicurezza stradale, in particolare sul pneumatico, presso il pubblico in rosa.

D) La Pina, la sicurezza è fondamentale, ma sei anche a favore di una mobilità più sostenibile?

R) Sì, come sono favorevole a ogni iniziativa per l’ambiente. Anzi credo che proprio in questo periodo di crisi la sostenibilità possa rappresentare una chance per l’economia. Non è più possibile andare avanti come si è fatto finora, questo ormai tutti lo abbiamo capito, e il discorso vale anche per le energie. Bisogna puntare su quelle alternative. Ecco, io spero che questo momento, negativo per molti aspetti, possa però anche rappresentare l’occasione giusta per imparare qualcosa.

D) Il mondo dei motori cos’ha da dire a tuo parere su questo argomento?

R) Sicuramente molto, perchè oggi la gente non si aspetta soltanto prestazioni da un’automobile, ma è attenta a un discorso di valore. Per questo, le macchine realizzate secondo i criteri dell’ecosostenibilità e che sfruttano energie “verdi” sono sempre più apprezzate. Secondo me, questo è un concetto a cui le donne arrivano prima degli uomini, perché sono più sensibili anche alle tematiche ambientali.

D) Veniamo alla tua vita quotidiana: partecipi a numerose iniziative a favore dell’ambiente e dell’ecosostenibilità. Perché tanta attenzione?

R) Credo che ognuno di noi debba essere molto riconoscente al buon Dio, per quello che ha realizzato e ci ha donato. A noi è stato chiesto di mantenere l’ambiente così come lui ce lo ha consegnato, ma è sotto gli occhi di tutti che non ci siamo riusciti. Non abbiamo fatto un buon servizio. Per questo, prima di tutto ora è necessario capire tutte le azioni che, anche inconsapevolmente, compiamo contro la natura durante il nostro vivere quotidiano.

D) Spiegati meglio…

R) Secondo me, occorre porre attenzione non soltanto a quello che si compra, ma anche a quello che si scarta: penso ai detersivi, ai solventi… Si tratta di mettere in pratica piccoli gesti, molto semplici, ma che a lungo andare possono davvero fare la differenza. Anche l’alimentazione è importante…

D) In che senso?

R) Io, ad esempio, mangio molto riso, in pratica ne consumo tutti i giorni, perché mi piace, fa bene e posso prepararlo in mille modi, secondo tante ricette. Però mangio solo il riso integrale, che ha minor impatto ambientale, perché è più naturale e non subisce il procedimento della sbiancatura, cioè di raffinazione del chicco.

D) Attraverso i tuoi programmi, ribadisci spesso l’importanza dell’attenzione all’ambiente. Pensi che per un personaggio noto sia più semplice lanciare messaggi positivi?

R) Credo che se il personaggio in questione è credibile, e quindi ha un pubblico che non soltanto lo ascolta ma che lo apprezza anche, allora possa rappresentare davvero un punto di riferimento, ed è giusto che utilizzi la sua notorietà per condividere iniziative o messaggi positivi, a favore dell’ambiente e della società.

D) Sei una conduttrice radiofonica di successo. In che modo, secondo te, la radio può sostenere il concetto di sostenibilità ambientale?

R) Credo che la radio abbia già fatto molto in questa direzione. L’avvento di internet e dei cellulari, con la possibilità offerta di dialogare con il pubblico attraverso mail ed sms, è stata una rivoluzione, che ha fatto risparmiare risme di carta. Non sembra, ma a lungo andare si tratta di un risparmio veramente significativo. E poi, ovviamente, la radio può fare la sua parte continuando a trasmettere messaggi di responsabilità e sensibilizzazione nei confronti dell’ ambiente.

D) Tu continuerai a farlo?

R) Certamente! Nel mio futuro non vorrei fare nient’altro di quello che faccio adesso: è talmente bello che non sembra lavoro. Ci sono giorni (ride) in cui mi invidio da sola!

Agnese Pellegrini

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende