Home » Rubriche »Very Important Planet » “I motori? Meglio alternativi”. Intervista a La Pina:

“I motori? Meglio alternativi”. Intervista a La Pina

novembre 4, 2011 Rubriche, Very Important Planet

I motori? Meglio alternativi”. Con la sua tradizionale schiettezza, che l’ha resa familiare a un pubblico di ascoltatori sempre più ampio, La Pina - nome d’arte di Orsola Branzi, dj e conduttrice di Pinocchio, il programma preserale di Radio DeeJay – spiega ai lettori di Greenews.info la sua ricetta per un mondo a minor impatto ambientale: “Soprattutto in questo momento storico – sostiene – c’è l’obbligo di favorire l’utilizzo delle energie alternative”.

La incontriamo a Milano, dove partecipa al primo appuntamento di “Donne & Motori”, la serie di aperitivi – tutta al femminile – organizzata da Goodyear per diffondere la cultura della sicurezza stradale, in particolare sul pneumatico, presso il pubblico in rosa.

D) La Pina, la sicurezza è fondamentale, ma sei anche a favore di una mobilità più sostenibile?

R) Sì, come sono favorevole a ogni iniziativa per l’ambiente. Anzi credo che proprio in questo periodo di crisi la sostenibilità possa rappresentare una chance per l’economia. Non è più possibile andare avanti come si è fatto finora, questo ormai tutti lo abbiamo capito, e il discorso vale anche per le energie. Bisogna puntare su quelle alternative. Ecco, io spero che questo momento, negativo per molti aspetti, possa però anche rappresentare l’occasione giusta per imparare qualcosa.

D) Il mondo dei motori cos’ha da dire a tuo parere su questo argomento?

R) Sicuramente molto, perchè oggi la gente non si aspetta soltanto prestazioni da un’automobile, ma è attenta a un discorso di valore. Per questo, le macchine realizzate secondo i criteri dell’ecosostenibilità e che sfruttano energie “verdi” sono sempre più apprezzate. Secondo me, questo è un concetto a cui le donne arrivano prima degli uomini, perché sono più sensibili anche alle tematiche ambientali.

D) Veniamo alla tua vita quotidiana: partecipi a numerose iniziative a favore dell’ambiente e dell’ecosostenibilità. Perché tanta attenzione?

R) Credo che ognuno di noi debba essere molto riconoscente al buon Dio, per quello che ha realizzato e ci ha donato. A noi è stato chiesto di mantenere l’ambiente così come lui ce lo ha consegnato, ma è sotto gli occhi di tutti che non ci siamo riusciti. Non abbiamo fatto un buon servizio. Per questo, prima di tutto ora è necessario capire tutte le azioni che, anche inconsapevolmente, compiamo contro la natura durante il nostro vivere quotidiano.

D) Spiegati meglio…

R) Secondo me, occorre porre attenzione non soltanto a quello che si compra, ma anche a quello che si scarta: penso ai detersivi, ai solventi… Si tratta di mettere in pratica piccoli gesti, molto semplici, ma che a lungo andare possono davvero fare la differenza. Anche l’alimentazione è importante…

D) In che senso?

R) Io, ad esempio, mangio molto riso, in pratica ne consumo tutti i giorni, perché mi piace, fa bene e posso prepararlo in mille modi, secondo tante ricette. Però mangio solo il riso integrale, che ha minor impatto ambientale, perché è più naturale e non subisce il procedimento della sbiancatura, cioè di raffinazione del chicco.

D) Attraverso i tuoi programmi, ribadisci spesso l’importanza dell’attenzione all’ambiente. Pensi che per un personaggio noto sia più semplice lanciare messaggi positivi?

R) Credo che se il personaggio in questione è credibile, e quindi ha un pubblico che non soltanto lo ascolta ma che lo apprezza anche, allora possa rappresentare davvero un punto di riferimento, ed è giusto che utilizzi la sua notorietà per condividere iniziative o messaggi positivi, a favore dell’ambiente e della società.

D) Sei una conduttrice radiofonica di successo. In che modo, secondo te, la radio può sostenere il concetto di sostenibilità ambientale?

R) Credo che la radio abbia già fatto molto in questa direzione. L’avvento di internet e dei cellulari, con la possibilità offerta di dialogare con il pubblico attraverso mail ed sms, è stata una rivoluzione, che ha fatto risparmiare risme di carta. Non sembra, ma a lungo andare si tratta di un risparmio veramente significativo. E poi, ovviamente, la radio può fare la sua parte continuando a trasmettere messaggi di responsabilità e sensibilizzazione nei confronti dell’ ambiente.

D) Tu continuerai a farlo?

R) Certamente! Nel mio futuro non vorrei fare nient’altro di quello che faccio adesso: è talmente bello che non sembra lavoro. Ci sono giorni (ride) in cui mi invidio da sola!

Agnese Pellegrini

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende