Home » Rubriche »Very Important Planet » “Territorio, paesaggio e agricoltura, la ripresa parte da qui”. Intervista mangereccia a David Riondino:

“Territorio, paesaggio e agricoltura, la ripresa parte da qui”. Intervista mangereccia a David Riondino

febbraio 22, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Tra crostini ai broccoli e focacce baresi, zucchine alla poverella e il biscotto cegliese, in mezzo al cookin’dj set di Daniele De Michele, alias Donpasta, il toscano David Riondino, cantautore e comico, ha presentato lo scorso weekend, in occasione della BIT (la Borsa Internazionale del Turismo 2013), la serata pugliese organizzata nella “Chinatown” di Milano, in via Sarpi. Dove, tra temi spiritosi come la “poesia della parmigiana” e “l’elogio della frittura”, si fa strada una nuova idea del territorio.

D) Riondino, qual è il suo rapporto con il cibo e con la terra?

R) La Puglia è un esempio di quella che è la mia idea di territorialità e di identità culturale. Ha saputo superare un’idea folkloristica del turismo, quella di una cartolina da presentare in giro per il mondo. E sta investendo sull’agroalimentare e sulla terra. Ecco, il cibo per me ha quasi un significato filosofico, se lo leghiamo alla convivialità. Mangiare insieme non significa solo assumere del cibo, ma condividere un momento, scambiarsi emozioni, chiacchierare piacevolmente. Il pranzo e la cena, quindi, sono importanti occasioni per socializzare, per conoscersi meglio, per creare un legame. In fondo da tavola ci si alza sempre arricchiti. Di un’esperienza, di uno scambio culturale ed emozionale. Il semplice abbinamento cibo – sostentamento ha ben presto lasciato spazio a nuovi valori e significati che rientrano nella sfera sociale dell’essere umano. L’aspetto della convivialità legato al pasto, infatti, è antico quanto l’uomo. Chi decide di dividere la stessa tavola e di mangiare assieme, vuole rendere gli altri commensali partecipi di nuove esperienze, vuole dividere con loro il piacere della tavola, rafforzare un legame sociale, condividere momenti da ricordare. Il secondo concetto riconducibile al cibo riguarda l’identità culturale. Le diverse culture gastronomiche, infatti, contribuiscono a definire e ad identificare l’identità di un popolo e, di conseguenza, il suo stile di vita. Un terzo aspetto collegato direttamente al cibo riguarda la salute. Oggi non è sempre facile degustare prodotti sani e genuini, le sofisticazioni alimentari ci fanno stare in ansia, ma comincia a farsi strada una sensibilità sempre maggiore nei confronti della qualità del cibo che consumiamo e dell’importanza di acquistare prodotti alimentari naturali e garantiti.

D) Ci sono, oltre la Puglia, altre regioni italiane che le danno le stesse suggestioni?

R) La Toscana. La mia terra ha da sempre puntato molto sulla valorizzazione del territorio e il conseguente rispetto per l’ambiente. Fra monti e boschi suggestivi e magie lontane, questa è una terra che ha mantenuto il buongusto, la bellezza dei suoi luoghi.

D) “La bellezza salverà il mondo”, declamava L’Idiota di Dostoevskij. Pensa che nel nostro Paese si sia un po’ persa a vantaggio delle brutture dell’urbanizzazione?

R) Me lo chiedo spesso perché mi pare sia tra le parole che la modernità ha più svuotato di senso. Soprattutto legata al paesaggio. La salvaguardia del paesaggio è benessere individuale e sociale, nel senso che la salvaguardia del paesaggio non ha come scopo solo quello di preservare un’area, ma di garantire la sopravvivenza di un bene essenziale per il vivere civile di tutta la collettività. Quindi l’integrità del paesaggio è un diritto di tutti e la sua conservazione una responsabilità per ciascun individuo.

D) La cura del territorio può essere anche una ricetta contro la crisi?

R) Certo più agricoltura, valorizzazione del territorio, sviluppo dell’economia sostenibile, crescita del paese: è una delle ricette possibili. I danni al territorio hanno determinato l’occupazione di nuovi insediamenti urbanistici. Si perdono ettari di superficie agricola a causa dell’abbandono dell’attività agricola, e si guadagna l’avanzare della rendita speculativa, che aggredisce il territorio non appena viene meno il presidio della presenza agricola. Ma puntare sullo sviluppo e il dinamismo dell’agricoltura vuole dire creare indotto e vitalità in alcune zone delle regioni italiane che stanno vivendo la crisi dell’industria.

D) Pensa che in questa campagna elettorale, ormai alla fine, il tema “ambiente” sia stato preso sufficientemente in considerazione all’interno dei programmi politici?

R) Assolutamente no. Questa è una campagna elettorale dove la crisi ha conquistato il monopolio. Tutto è legato alla sfera economica, senza pensare che l’ambiente può venire in aiuto contro la crisi. Si gioca tutto sulle tasse e i patrimoni. L’ambiente ha un ruolo “di contorno”, è emarginato dal vero dibattito politico, ma in questo Paese non è una novità, purtroppo.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende