Home » Rubriche »Very Important Planet » “Territorio, paesaggio e agricoltura, la ripresa parte da qui”. Intervista mangereccia a David Riondino:

“Territorio, paesaggio e agricoltura, la ripresa parte da qui”. Intervista mangereccia a David Riondino

febbraio 22, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Tra crostini ai broccoli e focacce baresi, zucchine alla poverella e il biscotto cegliese, in mezzo al cookin’dj set di Daniele De Michele, alias Donpasta, il toscano David Riondino, cantautore e comico, ha presentato lo scorso weekend, in occasione della BIT (la Borsa Internazionale del Turismo 2013), la serata pugliese organizzata nella “Chinatown” di Milano, in via Sarpi. Dove, tra temi spiritosi come la “poesia della parmigiana” e “l’elogio della frittura”, si fa strada una nuova idea del territorio.

D) Riondino, qual è il suo rapporto con il cibo e con la terra?

R) La Puglia è un esempio di quella che è la mia idea di territorialità e di identità culturale. Ha saputo superare un’idea folkloristica del turismo, quella di una cartolina da presentare in giro per il mondo. E sta investendo sull’agroalimentare e sulla terra. Ecco, il cibo per me ha quasi un significato filosofico, se lo leghiamo alla convivialità. Mangiare insieme non significa solo assumere del cibo, ma condividere un momento, scambiarsi emozioni, chiacchierare piacevolmente. Il pranzo e la cena, quindi, sono importanti occasioni per socializzare, per conoscersi meglio, per creare un legame. In fondo da tavola ci si alza sempre arricchiti. Di un’esperienza, di uno scambio culturale ed emozionale. Il semplice abbinamento cibo – sostentamento ha ben presto lasciato spazio a nuovi valori e significati che rientrano nella sfera sociale dell’essere umano. L’aspetto della convivialità legato al pasto, infatti, è antico quanto l’uomo. Chi decide di dividere la stessa tavola e di mangiare assieme, vuole rendere gli altri commensali partecipi di nuove esperienze, vuole dividere con loro il piacere della tavola, rafforzare un legame sociale, condividere momenti da ricordare. Il secondo concetto riconducibile al cibo riguarda l’identità culturale. Le diverse culture gastronomiche, infatti, contribuiscono a definire e ad identificare l’identità di un popolo e, di conseguenza, il suo stile di vita. Un terzo aspetto collegato direttamente al cibo riguarda la salute. Oggi non è sempre facile degustare prodotti sani e genuini, le sofisticazioni alimentari ci fanno stare in ansia, ma comincia a farsi strada una sensibilità sempre maggiore nei confronti della qualità del cibo che consumiamo e dell’importanza di acquistare prodotti alimentari naturali e garantiti.

D) Ci sono, oltre la Puglia, altre regioni italiane che le danno le stesse suggestioni?

R) La Toscana. La mia terra ha da sempre puntato molto sulla valorizzazione del territorio e il conseguente rispetto per l’ambiente. Fra monti e boschi suggestivi e magie lontane, questa è una terra che ha mantenuto il buongusto, la bellezza dei suoi luoghi.

D) “La bellezza salverà il mondo”, declamava L’Idiota di Dostoevskij. Pensa che nel nostro Paese si sia un po’ persa a vantaggio delle brutture dell’urbanizzazione?

R) Me lo chiedo spesso perché mi pare sia tra le parole che la modernità ha più svuotato di senso. Soprattutto legata al paesaggio. La salvaguardia del paesaggio è benessere individuale e sociale, nel senso che la salvaguardia del paesaggio non ha come scopo solo quello di preservare un’area, ma di garantire la sopravvivenza di un bene essenziale per il vivere civile di tutta la collettività. Quindi l’integrità del paesaggio è un diritto di tutti e la sua conservazione una responsabilità per ciascun individuo.

D) La cura del territorio può essere anche una ricetta contro la crisi?

R) Certo più agricoltura, valorizzazione del territorio, sviluppo dell’economia sostenibile, crescita del paese: è una delle ricette possibili. I danni al territorio hanno determinato l’occupazione di nuovi insediamenti urbanistici. Si perdono ettari di superficie agricola a causa dell’abbandono dell’attività agricola, e si guadagna l’avanzare della rendita speculativa, che aggredisce il territorio non appena viene meno il presidio della presenza agricola. Ma puntare sullo sviluppo e il dinamismo dell’agricoltura vuole dire creare indotto e vitalità in alcune zone delle regioni italiane che stanno vivendo la crisi dell’industria.

D) Pensa che in questa campagna elettorale, ormai alla fine, il tema “ambiente” sia stato preso sufficientemente in considerazione all’interno dei programmi politici?

R) Assolutamente no. Questa è una campagna elettorale dove la crisi ha conquistato il monopolio. Tutto è legato alla sfera economica, senza pensare che l’ambiente può venire in aiuto contro la crisi. Si gioca tutto sulle tasse e i patrimoni. L’ambiente ha un ruolo “di contorno”, è emarginato dal vero dibattito politico, ma in questo Paese non è una novità, purtroppo.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende