Home » Rubriche »Very Important Planet » “Vorrei la bacchetta magica”. Intervista a Cristiano Godano:

“Vorrei la bacchetta magica”. Intervista a Cristiano Godano

dicembre 17, 2010 Rubriche, Very Important Planet

marlene kuntz_cristiano godano

Melodici, ma inquieti. Chitarre graffianti e voce sofferta. Nel loro ultimo album, “Ricoveri virtuali e Sexy Solitudini”, Cristiano Godano e soci, i Marlene Kuntz, volano in Islanda, terra di vulcani altrettanto inquieti.

Insieme agli artisti milanesi Masbedo portano il loro rock intellettuale nelle pianure deserte e surreali del Nord del mondo. In una cornice naturale che fonde intimità ed estraniazione.

D) Perché avete sentito il bisogno dei cieli grigi e rarefatti dell’isola islandese per fare da sfondo alle canzoni del vostro ottavo disco?

R) I nostri registi, i Masbedo, conoscono bene quella terra. Raccontiamo il viaggio di un uomo in un mondo alieno, sospeso, popolato di diversità e inquietudine. La location dell’Islanda si accorda perfettamente con lo stato d’animo esistenziale che vogliamo comunicare nelle canzoni. Abbiamo lavorato in particolare comunione di intenti. Il paesaggio scelto è desolato, a bassa densità di popolazione, buono sfondo per la nostra musica.

D) I vostri dischi hanno una grande ispirazione spirituale. In che modo questa ricerca si lega con l’ambiente in cui vive l’uomo?

R) Nelle nostre canzoni non c’è molto paesaggio. Vorrei che ce ne fosse molto di più. Ho un’attitudine a testi più introspettivi, lirici e non narrativi. E’ difficile che osservi la natura e mi metta a raccontarla. Lascio poco spazio al mondo esterno, alle sue influenze. Il corredo scenografico fa solo da contesto ad un’intenzione poetica.

D) Lei però vive in una città fortemente a dimensione umana, Cuneo, immersa tra le montagne. Le manca la metropoli?

R) No. A Cuneo sto benissimo. Ci sono persone avvedute, che si confrontano continuamente con la natura e scambiano con lei, a tu per tu, valori spirituali. Dovrei farlo anch’io…

D) Cosa glielo impedisce?

R) L’indolenza, si può dire? Non trovo la spinta per organizzare giornate nei boschi che ho lì’ a due passi. Solo quando mi trascina qualche amico mi convinco. E poi, ovviamente, sono contento di esserci andato. Sono un gran camminatore in città. Non uso quasi mai l’auto, quando sono per Cuneo.

D) Tra mare e montagna, qual è il paesaggio che la mette più a suo agio?

R) Le rive di un lago, che sono un mix di acqua e montagna.

D) A parte le camminate, é uno sportivo?

R) Da giovane facevo karate, calcio e sci a livello quasi agonistico. In montagna, ricordo fuoripista nella neve anche piuttosto estremi. Non mi piace arrampicare, trovarmi nella situazione del vuoto. Non amo quel genere di adrenalina. Comunque l’attività sportiva più frenetica è quella che pratico sul palco. C’è un mio amico corridore che mi ha rivisto in concerto dopo molti anni e mi ha detto: “ogni sera è come se facessi una maratona da un’ora e mezza o due, non pensavo avessi tutta questa resistenza!”

D) Entriamo dentro le sue mura domestiche. E’ attento al risparmio dell’energia elettrica, dell’acqua, al riciclo dei rifiuti?

R) Sì. Anche se fatico a ricordarmi di chiudere l’acqua quando mi lavo i denti, credo fortemente che siano i piccoli gesti di ciascuno di noi ad avere ancora qualche potere per dare una svolta e preservare il pianeta. Lo leggevo anche in un articolo un po’ di tempo fa: conviene sperare nell’atteggiamento dei singoli, e lavorare perché cambi, se vogliamo salvare la Terra. Sperare nelle scelte dei governi e dei potenti è diventato ormai impossibile.

D) Perché nutre così tanta sfiducia per tutte le politiche ambientali decise “dall’alto”?

R) I vertici della politica hanno le mani legate. Ci sono troppe lobby impalpabili, che sono fatte di equilibri tra economia, finanza e industrie, che impediscono, ad esempio, a Obama di fare una politica ambientale reale.

D) Se fosse uno di loro, un politico o un ministro, cosa farebbe?

R) Lo ripeto, stiamo parlando di magie, visto che non è in loro potere fare molto. Vorrei avere la bacchetta magica e cambiare la testa della gente. Tocca a noi dare il buon esempio. Ad esempio, smettendo di comprare un sacco di cose che alimentano soltanto una produzione industriale inutile.

D) E’ un sostenitore della “decrescita”?

R) Questo no. Vaglielo a dire all’operaio che perde il lavoro perché chiudi le fabbriche, che smetti di produrre perché il ritmo consumistico è diventato insostenibile…

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende