Home » Rubriche »Very Important Planet » “Vorrei la bacchetta magica”. Intervista a Cristiano Godano:

“Vorrei la bacchetta magica”. Intervista a Cristiano Godano

dicembre 17, 2010 Rubriche, Very Important Planet

marlene kuntz_cristiano godano

Melodici, ma inquieti. Chitarre graffianti e voce sofferta. Nel loro ultimo album, “Ricoveri virtuali e Sexy Solitudini”, Cristiano Godano e soci, i Marlene Kuntz, volano in Islanda, terra di vulcani altrettanto inquieti.

Insieme agli artisti milanesi Masbedo portano il loro rock intellettuale nelle pianure deserte e surreali del Nord del mondo. In una cornice naturale che fonde intimità ed estraniazione.

D) Perché avete sentito il bisogno dei cieli grigi e rarefatti dell’isola islandese per fare da sfondo alle canzoni del vostro ottavo disco?

R) I nostri registi, i Masbedo, conoscono bene quella terra. Raccontiamo il viaggio di un uomo in un mondo alieno, sospeso, popolato di diversità e inquietudine. La location dell’Islanda si accorda perfettamente con lo stato d’animo esistenziale che vogliamo comunicare nelle canzoni. Abbiamo lavorato in particolare comunione di intenti. Il paesaggio scelto è desolato, a bassa densità di popolazione, buono sfondo per la nostra musica.

D) I vostri dischi hanno una grande ispirazione spirituale. In che modo questa ricerca si lega con l’ambiente in cui vive l’uomo?

R) Nelle nostre canzoni non c’è molto paesaggio. Vorrei che ce ne fosse molto di più. Ho un’attitudine a testi più introspettivi, lirici e non narrativi. E’ difficile che osservi la natura e mi metta a raccontarla. Lascio poco spazio al mondo esterno, alle sue influenze. Il corredo scenografico fa solo da contesto ad un’intenzione poetica.

D) Lei però vive in una città fortemente a dimensione umana, Cuneo, immersa tra le montagne. Le manca la metropoli?

R) No. A Cuneo sto benissimo. Ci sono persone avvedute, che si confrontano continuamente con la natura e scambiano con lei, a tu per tu, valori spirituali. Dovrei farlo anch’io…

D) Cosa glielo impedisce?

R) L’indolenza, si può dire? Non trovo la spinta per organizzare giornate nei boschi che ho lì’ a due passi. Solo quando mi trascina qualche amico mi convinco. E poi, ovviamente, sono contento di esserci andato. Sono un gran camminatore in città. Non uso quasi mai l’auto, quando sono per Cuneo.

D) Tra mare e montagna, qual è il paesaggio che la mette più a suo agio?

R) Le rive di un lago, che sono un mix di acqua e montagna.

D) A parte le camminate, é uno sportivo?

R) Da giovane facevo karate, calcio e sci a livello quasi agonistico. In montagna, ricordo fuoripista nella neve anche piuttosto estremi. Non mi piace arrampicare, trovarmi nella situazione del vuoto. Non amo quel genere di adrenalina. Comunque l’attività sportiva più frenetica è quella che pratico sul palco. C’è un mio amico corridore che mi ha rivisto in concerto dopo molti anni e mi ha detto: “ogni sera è come se facessi una maratona da un’ora e mezza o due, non pensavo avessi tutta questa resistenza!”

D) Entriamo dentro le sue mura domestiche. E’ attento al risparmio dell’energia elettrica, dell’acqua, al riciclo dei rifiuti?

R) Sì. Anche se fatico a ricordarmi di chiudere l’acqua quando mi lavo i denti, credo fortemente che siano i piccoli gesti di ciascuno di noi ad avere ancora qualche potere per dare una svolta e preservare il pianeta. Lo leggevo anche in un articolo un po’ di tempo fa: conviene sperare nell’atteggiamento dei singoli, e lavorare perché cambi, se vogliamo salvare la Terra. Sperare nelle scelte dei governi e dei potenti è diventato ormai impossibile.

D) Perché nutre così tanta sfiducia per tutte le politiche ambientali decise “dall’alto”?

R) I vertici della politica hanno le mani legate. Ci sono troppe lobby impalpabili, che sono fatte di equilibri tra economia, finanza e industrie, che impediscono, ad esempio, a Obama di fare una politica ambientale reale.

D) Se fosse uno di loro, un politico o un ministro, cosa farebbe?

R) Lo ripeto, stiamo parlando di magie, visto che non è in loro potere fare molto. Vorrei avere la bacchetta magica e cambiare la testa della gente. Tocca a noi dare il buon esempio. Ad esempio, smettendo di comprare un sacco di cose che alimentano soltanto una produzione industriale inutile.

D) E’ un sostenitore della “decrescita”?

R) Questo no. Vaglielo a dire all’operaio che perde il lavoro perché chiudi le fabbriche, che smetti di produrre perché il ritmo consumistico è diventato insostenibile…

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende