Home » Rubriche »Very Important Planet » Roversi: “Vorrei un Ministero che unisse agricoltura e beni culturali”:

Roversi: “Vorrei un Ministero che unisse agricoltura e beni culturali”

dicembre 24, 2010 Rubriche, Very Important Planet

roversiNome in codice: Vpc. Velista per caso. Segni particolari: non sa stare senza la sua Syusy. Musa, compagna, avventuriera dei sette mari. La metà esatta del suo mondo. E lui, Patrizio Roversi, con lei, Syusy Blady, il mondo l’ha girato praticamente tutto. Vulcanico e dissacrante. A ficcare il naso nei più sperduti e incontaminati paradisi del globo terrestre.

D) Siete diventati famosi grazie ai vostri grandi viaggi. Avete addirittura inventato un genere televisivo: il reportage dei turisti surreali e un po’ sprovveduti, che se la cavano in qualunque situazione. Nato come un piacere, il vostro lavoro quasi non sembra una professione. Non è così?

R) Abbiamo iniziato esattamente con questo spirito, dicendo “se ce la facciamo noi, possono farcela tutte le persone normaloidi”. Compreso il giro del mondo in barca a vela, la nostra sfida iniziata a fine 2001, quando siamo salpati da Marina di Ravenna a Natale. Ci abbiamo messo 3 anni. A maggio del 2004 eravamo di ritorno.

D) Con che mezzo avete navigato?

R) Era una barca di 22 metri in acciaio, comprata come un rudere arrugginito e fatta rimettere a posto dal famoso progettista Sciomachen, bolognese. Attrezzati ed equipaggiati per bene, siamo partiti all’avventura.

D) La vostra vita, scandita dai viaggi, ultimamente è più all’estero che in Italia. Ma quali sono i paesaggi nostrani che sanno tener testa a quelli mozzafiato che avete fotografato in giro per il mondo?

R) Il nostro paese ne ha 3000 di scorci che tolgono il fiato. Abbiamo anche provato a proporre alle tv reportage dall’Italia, ma ci hanno detto che un viaggio per lo Stivale “non tira”, che è meglio andare in posti lontanissimi. Nonostante tutto però, in questi ultimi due anni, io e Syusy abbiamo scorrazzato su e giù per l’Italia con il format di Slow Tour, cioè percorsi turistici alternativi alle più comuni autostrade turistiche. Noi italiani non vogliamo capire che, se l’agricoltura è in crisi, il turismo è l’unica nostra risorsa produttiva.

D) Come potremmo valorizzarlo secondo lei?

R) Salvaguardando il paesaggio e fornendo sempre migliori servizi. Perché l’agricoltura non è più solo mercato dei prodotti della terra, è tutto questo: riscoperta della natura, agriturismo, filiera della produzione e commercio, alternativa per il tempo libero. Così noi, che amiamo il nostro paese, andiamo in giro per la Sicilia, la Campania, la Sardegna, l’Emilia e il Friuli, alla scoperta di paesaggi meravigliosi.

D) Ne ha in mente qualcuno in particolare?

R) Sì, ma non è solo naturale. In Italia il paesaggio ha sempre una forte componente di intervento dell’uomo. Lo sviluppo è arrivato ovunque. Vent’anni fa, con Syusy, eravamo in giro in moto (e specifico, una Guzzi Astore del ’49, proprio quella che fa bum, bum, bum, quel rumore tipico) per le regioni del Sud. In tutta la vacanza non siamo mai riusciti a trovare una spiaggia incontaminata in cui piantare la nostra tenda, da buoni fricchettoni. C’era sempre una casa, un rudere bianco in cemento con gli spuntoni sul tetto, preludio a una nuova costruzione, che rovinava la visuale. Ora, capita l’antifona, siamo diventati meno esigenti. Ad esempio io mi commuovo per il Po, quando gli passo accanto lo saluto sempre.

D) Vorrebbe discenderlo dalla sorgente alla foce?

R) Sì, in canoa. Ma anche in bicicletta. La Pianura Padana è praticamente una pista ciclabile unica.

D) Se fosse un politico, quali misure adotterebbe per migliorare la qualità del nostro ambiente?

R) Chiederei al Presidente del Consiglio di darmi il Ministero dell’Ambiente, ma anche del Turismo, dell’Agricoltura e della Cultura.

D) Avrebbe moltissimo da lavorare, non crede?

R) Sì, e vorrei fare un sacco di cose. L’agricoltura, come ho detto prima, non ce la fa più a sussistere alle stesse regole di prima. Quindi si salva se c’è la cura dell’ambiente. Cosa che richiede risorse per favorire il turismo, che va a braccetto con la tutela del patrimonio culturale. Poi però non sarebbe finita: vorrei anche il Ministero della Pubblica Istruzione. Nella situazione in cui siamo finiti, i problemi si possono risolvere solo nella relazione.

D) I governi dovrebbero creare dei mega-ministeri, secondo lei?

R) Sì, ma sa cosa le dico? Che poi non mi basterebbe ancora. Per realizzare questo programma dovrei diventare Presidente del Consiglio. Reintegrerei la naia obbligatoria, per introdurre di nuovo il servizio civile per tutti: uomini, donne, portatori di handicap e normodotati. In questo modo si avrebbe più senso dello Stato.

D) Pensa che i gesti di ciascuno siano utili, anche in piccolo, per salvare l’ambiente dall’inquinamento?

R) Sono più simboli che altro. Nostra figlia Zoe è disciplinata: non spreca acqua, spegne la luce. Avrebbe da insegnarci, lei che vive per conto suo in una parte della casa e ha 16 anni. Syusy, ad esempio, è più ligia di me. Io sono laico e miscredente. Mi dico: che senso ha chiudere l’acqua quando mi faccio la barba o mi lavo i denti se il 75% delle risorse idriche le spreca l’agricoltura, il 25% l’industria e molti acquedotti sono rotti o danneggiati? Anche sulla privatizzazione dell’acqua non so ancora come la penso. Dobbiamo smetterla di vivere per slogan e renderci conto che ci sono questioni, come quelle ambientali, che sono di una complessità che va ben oltre la superficie spesso ideologica. E che meritano tutti gli approfondimenti del caso. Su certi argomenti è bene non prendere posizione prima di essersi rotti la testa, e se possiamo dirlo anche un po’ le palle, ma avendo chiarito fino in fondo le proprie idee.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende