Home » Rubriche »Very Important Planet » Roversi: “Vorrei un Ministero che unisse agricoltura e beni culturali”:

Roversi: “Vorrei un Ministero che unisse agricoltura e beni culturali”

dicembre 24, 2010 Rubriche, Very Important Planet

roversiNome in codice: Vpc. Velista per caso. Segni particolari: non sa stare senza la sua Syusy. Musa, compagna, avventuriera dei sette mari. La metà esatta del suo mondo. E lui, Patrizio Roversi, con lei, Syusy Blady, il mondo l’ha girato praticamente tutto. Vulcanico e dissacrante. A ficcare il naso nei più sperduti e incontaminati paradisi del globo terrestre.

D) Siete diventati famosi grazie ai vostri grandi viaggi. Avete addirittura inventato un genere televisivo: il reportage dei turisti surreali e un po’ sprovveduti, che se la cavano in qualunque situazione. Nato come un piacere, il vostro lavoro quasi non sembra una professione. Non è così?

R) Abbiamo iniziato esattamente con questo spirito, dicendo “se ce la facciamo noi, possono farcela tutte le persone normaloidi”. Compreso il giro del mondo in barca a vela, la nostra sfida iniziata a fine 2001, quando siamo salpati da Marina di Ravenna a Natale. Ci abbiamo messo 3 anni. A maggio del 2004 eravamo di ritorno.

D) Con che mezzo avete navigato?

R) Era una barca di 22 metri in acciaio, comprata come un rudere arrugginito e fatta rimettere a posto dal famoso progettista Sciomachen, bolognese. Attrezzati ed equipaggiati per bene, siamo partiti all’avventura.

D) La vostra vita, scandita dai viaggi, ultimamente è più all’estero che in Italia. Ma quali sono i paesaggi nostrani che sanno tener testa a quelli mozzafiato che avete fotografato in giro per il mondo?

R) Il nostro paese ne ha 3000 di scorci che tolgono il fiato. Abbiamo anche provato a proporre alle tv reportage dall’Italia, ma ci hanno detto che un viaggio per lo Stivale “non tira”, che è meglio andare in posti lontanissimi. Nonostante tutto però, in questi ultimi due anni, io e Syusy abbiamo scorrazzato su e giù per l’Italia con il format di Slow Tour, cioè percorsi turistici alternativi alle più comuni autostrade turistiche. Noi italiani non vogliamo capire che, se l’agricoltura è in crisi, il turismo è l’unica nostra risorsa produttiva.

D) Come potremmo valorizzarlo secondo lei?

R) Salvaguardando il paesaggio e fornendo sempre migliori servizi. Perché l’agricoltura non è più solo mercato dei prodotti della terra, è tutto questo: riscoperta della natura, agriturismo, filiera della produzione e commercio, alternativa per il tempo libero. Così noi, che amiamo il nostro paese, andiamo in giro per la Sicilia, la Campania, la Sardegna, l’Emilia e il Friuli, alla scoperta di paesaggi meravigliosi.

D) Ne ha in mente qualcuno in particolare?

R) Sì, ma non è solo naturale. In Italia il paesaggio ha sempre una forte componente di intervento dell’uomo. Lo sviluppo è arrivato ovunque. Vent’anni fa, con Syusy, eravamo in giro in moto (e specifico, una Guzzi Astore del ’49, proprio quella che fa bum, bum, bum, quel rumore tipico) per le regioni del Sud. In tutta la vacanza non siamo mai riusciti a trovare una spiaggia incontaminata in cui piantare la nostra tenda, da buoni fricchettoni. C’era sempre una casa, un rudere bianco in cemento con gli spuntoni sul tetto, preludio a una nuova costruzione, che rovinava la visuale. Ora, capita l’antifona, siamo diventati meno esigenti. Ad esempio io mi commuovo per il Po, quando gli passo accanto lo saluto sempre.

D) Vorrebbe discenderlo dalla sorgente alla foce?

R) Sì, in canoa. Ma anche in bicicletta. La Pianura Padana è praticamente una pista ciclabile unica.

D) Se fosse un politico, quali misure adotterebbe per migliorare la qualità del nostro ambiente?

R) Chiederei al Presidente del Consiglio di darmi il Ministero dell’Ambiente, ma anche del Turismo, dell’Agricoltura e della Cultura.

D) Avrebbe moltissimo da lavorare, non crede?

R) Sì, e vorrei fare un sacco di cose. L’agricoltura, come ho detto prima, non ce la fa più a sussistere alle stesse regole di prima. Quindi si salva se c’è la cura dell’ambiente. Cosa che richiede risorse per favorire il turismo, che va a braccetto con la tutela del patrimonio culturale. Poi però non sarebbe finita: vorrei anche il Ministero della Pubblica Istruzione. Nella situazione in cui siamo finiti, i problemi si possono risolvere solo nella relazione.

D) I governi dovrebbero creare dei mega-ministeri, secondo lei?

R) Sì, ma sa cosa le dico? Che poi non mi basterebbe ancora. Per realizzare questo programma dovrei diventare Presidente del Consiglio. Reintegrerei la naia obbligatoria, per introdurre di nuovo il servizio civile per tutti: uomini, donne, portatori di handicap e normodotati. In questo modo si avrebbe più senso dello Stato.

D) Pensa che i gesti di ciascuno siano utili, anche in piccolo, per salvare l’ambiente dall’inquinamento?

R) Sono più simboli che altro. Nostra figlia Zoe è disciplinata: non spreca acqua, spegne la luce. Avrebbe da insegnarci, lei che vive per conto suo in una parte della casa e ha 16 anni. Syusy, ad esempio, è più ligia di me. Io sono laico e miscredente. Mi dico: che senso ha chiudere l’acqua quando mi faccio la barba o mi lavo i denti se il 75% delle risorse idriche le spreca l’agricoltura, il 25% l’industria e molti acquedotti sono rotti o danneggiati? Anche sulla privatizzazione dell’acqua non so ancora come la penso. Dobbiamo smetterla di vivere per slogan e renderci conto che ci sono questioni, come quelle ambientali, che sono di una complessità che va ben oltre la superficie spesso ideologica. E che meritano tutti gli approfondimenti del caso. Su certi argomenti è bene non prendere posizione prima di essersi rotti la testa, e se possiamo dirlo anche un po’ le palle, ma avendo chiarito fino in fondo le proprie idee.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende