Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » 2° C di innovazioni radicali. Per vincere la sfida del clima e trasformare l’economia:

2° C di innovazioni radicali. Per vincere la sfida del clima e trasformare l’economia

maggio 12, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

L’incremento delle temperature da non superare per evitare catastrofici impatti climatici, 2 °C, sarà uno dei più importanti stimoli e condizionamenti dello sviluppo dell’umanità dei prossimi decenni. Spalancherà opportunità e definirà vincoli destinati a modificare profondamente i principali comparti della nostra economia. 2° C”, di Gianni Silvestrini, analizza alcuni dei cambiamenti e delle risposte tecnologiche sostenibili che già sconvolgono interi settori produttivi. Il saggio intercetta i segnali che emergono nei più diversi contesti: dall’irresistibile avanzata del solare alle bio-raffinerie del futuro; dalla realizzazione di edifici a energia quasi zero all’esplosione di nuove forme di mobilità sostenibile. Per “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del saggio edito da Edizioni Ambiente.

Produzione e consumi dell’energia stanno cambiando rapidamente. Ma il loro destino è ineluttabilmente vincolato alle risposte ai cambiamenti climatici.

La domanda di petrolio è rallentata e l’estrazione convenzionale di greggio è ormai stazionaria da una decina di anni. La sorpresa dello shale oil statunitense ha però modificato il mercato, inducendo una reazione da parte dell’Arabia Saudita che ha avviato una forte riduzione dei prezzi iniziata nella seconda parte del 2014 e che potrebbe continuare per qualche anno.

Sul fronte del metano le disponibilità sono maggiori. E poi c’è la novità dello shale gas.

Il futuro del carbone, infine,  sarà vincolato dall’introduzione di normative ambientali e climatiche sempre più severe. Per questo motivo e per la concorrenza di gas e rinnovabili è possibile che il suo utilizzo nel corso del prossimo decennio cominci a diminuire a livello globale.

La situazione dei combustibili fossili sul lato dell’offerta è, dunque, abbastanza disomogenea, con problemi di fondo mascherati dall’euforia delle produzioni non convenzionali (shale oil e gas).  Ma con un’unica certezza: il loro futuro è strategicamente minacciato dal riscaldamento del pianeta. Il raggiungimento di un accordo mondiale sul taglio delle emissioni climalteranti comporterà infatti un crollo del valore di larga parte delle riserve fossili, di proprietà di multinazionali e di aziende di stato.

La vera sorpresa in campo energetico viene dalle rinnovabili. I continui miglioramenti dei rendimenti e le sorprendenti riduzioni dei prezzi fanno ormai ritenere altamente probabile una loro egemonia sullo scenario mondiale nel lungo periodo. Il nucleare, al contrario, presenta costi crescenti e il suo ruolo, al di là delle scelte dei singoli paesi, è destinato a rimanere marginale sulla scena mondiale.

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati dall’irruzione di nuove tecnologie e dalla pervasività della rivoluzione digitale, un abbinamento in grado di incidere profondamente sull’economia, sul lavoro e sull’ambiente.

Parliamo in alcuni casi di soluzioni “distruttive” di assetti preesistenti, ma spesso ad alta valenza ecologica per la loro capacità di ridurre l’uso di risorse. La loro diffusione sul mercato sta già evidenziandone l’effetto destrutturante e lascia intuire al contempo affascinanti evoluzioni. Nei prossimi dieci-vent’anni, la loro diffusione contribuirà a contrastare efficacemente le emergenze ambientali.

Una rapida evoluzione è già in atto del fotovoltaico, dei led, del car sharing. Nel medio periodo, i sistemi di accumulo contribuiranno a destrutturare il mondo dell’energia e a rivoluzionare quello dei trasporti. Soluzioni flessibili come i veicoli senza guidatore eroderanno il mercato dell’auto. L’industria delle costruzioni dovrà confrontarsi con la realizzazione di edifici a bassissimo consumo e con la riqualificazione energetica radicale del patrimonio esistente. Infine, tecnologie digitali, come la stampa 3D, rivoluzioneranno il concetto stesso di manifattura tradizionale.

E’ la “distruzione creativa” teorizzata da Joseph Schumpeter, che negli anni Quaranta ha recuperato il concetto dal pensiero marxista per adattarlo alle drastiche trasformazioni indotte da alcune innovazioni “forti”.  Il filosofo austro-americano, pessimista sulla sostenibilità di questo processo, riteneva che esso avrebbe alla lunga minato la base stessa del capitalismo. In realtà, proprio il contenuto fortemente innovativo di tecnologie e soluzioni potrà consentire di affrontare le criticità dei prossimi decenni. Non solo, ma lascia immaginare possibili evoluzioni del modello di sviluppo, più compatibili con l’ambiente e svincolate dalla necessità ossessiva della crescita quantitativa.

Si è detto che le strategie di contrasto ai cambiamenti climatici sono all’origine di molte delle trasformazioni in atto. Questo è vero in particolare per l’Europa che ha giocato un ruolo decisivo nell’adozione del Protocollo di Kyoto, e poi con gli obiettivi al 2020 e 2030.

La necessità di garantire la copertura del 20% dei consumi energetici finali con le fonti rinnovabili alla fine di questo decennio, ha innescato innovazioni tecnologiche con ricadute differenziate in tutto il mondo. Nel 2020 almeno un kWh su tre in Europa sarà generato dalle fonti rinnovabili e a metà secolo, in alcuni paesi, il 100% dell’elettricità sarà verde.

Anche gli altri due comparti di cui si è parlato, quello dell’auto e quello dell’edilizia, sono stati influenzati dalla sfida del clima.

Per facilitare il  raggiungimento degli obiettivi europei del 2020 sono stati fissati limiti stringenti per i veicoli. Da qui la spinta all’efficienza e all’introduzione di una quota crescente di auto elettriche e ibride. Dunque, anche per il settore dell’auto, il clima stimolerà innovazioni destinate ad incidere sul mercato mondiale dei trasporti. E questo sia perché in Europa sono presenti case automobilistiche asiatiche e statunitensi costrette ad adeguarsi ai limiti sui consumi, sia perché le decisioni europee influenzano le scelte normative di altri paesi.

E anche nel mondo dell’edilizia è l’emergenza climatica ad avere indicato obiettivi ambiziosi per ottenere drastiche riduzioni dei consumi energetici. Questo implicherà la ricerca di nuove soluzioni tecnologiche e agirà come tonificante per un settore oggi in profonda crisi.

In sostanza, l’attuale fase vede due potenti spinte contrapposte. La prima è determinata dall’ingresso di centinaia di milioni di nuovi consumatori e dalla crescente difficoltà di accesso alle risorse naturali. La seconda forza riguarda incisive innovazioni in grado di diffondersi in maniera esponenziale erodendo mercati convenzionali, creando nuove opportunità e riducendo l’uso di energia e materie prime.

Uno degli aspetti più dirompenti di questi nuovi approcci consiste nella rapidità e nella radicalità delle trasformazioni indotte. Sarà possibile moltiplicare per  cinque, dieci volte la produttività nell’uso delle risorse e si materializzeranno soluzioni che si ritenevano impossibili fino a poco tempo fa.

Gianni Silvestrini*

*Ha lavorato presso il CNR e il Politecnico Milano, dove è responsabile del Master Ridef. È stato direttore generale del Ministero dell’Ambiente. Ha fondato Exalto, una società impegnata nella transizione energetica. È direttore scientifico del Kyoto Club e della rivista QualEnergia. Presiede il Green Building Council Italia e il coordinamento FREE. Ha abbinato le attività di ricerca, insegnamento, impresa e impegno associativo, cercando sempre di individuare le novità in grado di accelerare la trasformazione ambientale del paese. All’inizio dello scorso decennio, ha lanciato dal Ministero dell’Ambiente il programma “10.000 tetti solari” e il servizio di car sharing ICS, anticipando la diffusione di tecnologie e soluzioni che hanno poi avuto uno straordinario successo.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende