Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » 200 anni di bicicletta: Bosch ripercorre la storia delle due ruote, dalla “running machine” di Drais alla e-bike:

200 anni di bicicletta: Bosch ripercorre la storia delle due ruote, dalla “running machine” di Drais alla e-bike

febbraio 7, 2017 Racconti d'Ambiente, Rubriche

A Mannheim, Germania, il 12 giugno 1817, Karl Drais salì per la prima volta su quella che lui chiamava “running machine” e proprio la sua invenzione ha rappresentato la base per lo sviluppo di quello che diventerà il mezzo di trasporto con maggior successo al mondo. Il 2017 segna il 200° anniversario dell’invenzione della bicicletta, che non è solo tecnologia, ma anche cultura, tradizione e storia, un legame tra passato e futuro. Costantemente reinventata, la bicicletta ha raggiunto le diverse tappe della sua evoluzione: l’elettrificazione, l’automazione, il networking. Oggi l’eBike è il veicolo a trazione elettrica più apprezzato a livello internazionale e un apripista nell’ambito della mobilità del futuro. In qualità di leader del mercato nel segmento premium per i sistemi di propulsione, Bosch eBike Systems ha voluto ripercorrere questa storia e le evoluzioni future in un breve racconto.

Rappresentando un miliardo di veicoli sulle strade del mondo, le biciclette sono il mezzo di trasporto più popolare e diffuso. Per fare un confronto: il numero totale di auto private in tutto il pianeta è attualmente stimato all’incirca in 500 milioni. Nella sola Germania, “il paese delle auto”, le automobili sono stimate in 45 milioni, un numero ben distante dagli 81 milioni di biciclette – di cui circa 3 milioni motorizzate.

La bicicletta rivelò fin dalla sua nascita una serie di vantaggi rispetto agli altri mezzi di trasporto. Entro la fine del 19esimo secolo, le biciclette potevano essere utilizzate per coprire considerevoli distanze, rapidamente e con poca difficoltà. Da tenere in considerazione anche il vantaggio economico: in Inghilterra, ad esempio, acquistare e mantenere un cavallo costava all’incirca £ 1.900, mentre la spesa per spostarsi su due ruote era di approssimativamente £ 20.

“Muoversi è una necessità dell’uomo e la bicicletta ha democratizzato la mobilità, facendo perdere così a nobiltà e borghesia il loro privilegio – spiega Claus Fleischer, responsabile di Bosch eBike Systems – il risultato fu la disponibilità del suo utilizzo per il consumo di massa”.

Allo stesso tempo, la bicicletta fu un precursore dell’automobile. Gli sviluppi innovativi, come i cuscinetti a sfera, le ruote a raggi e gli pneumatici hanno fatto parte dello sviluppo della bicicletta – e hanno reso necessario l’uso di componenti leggeri. “Molti dei componenti installati nelle auto sono state originariamente progettati per la bicicletta – aggiunge Fleischer – L’automobile nella sua forma attuale sarebbe quasi inconcepibile senza l’invenzione della bici e, anche se considerati due mezzi opposti, appartengono alla stessa famiglia“.

Anche il visionario Robert Bosch fu consapevole dei vantaggi della due ruote. Dal 1890 in poi, il fondatore della società faceva visita ai suoi clienti a Stoccarda su una moderna “safety bicycle, un mezzo di trasporto poco conosciuto in Germania. La moda in Europa continentale a quel tempo era rivolta al biciclo – con la sua enorme ruota anteriore e la posteriore molto più piccola per agire come stabilizzatore. Robert Bosch optò invece per una tecnologia considerata sia di tendenza sia potenziabile nel futuro. Nel 1923 l’azienda Bosch introdusse una luce dinamo per biciclette, costituita da una dinamo e un proiettore: da allora al 1960 ne vennero prodotte oltre 20 milioni.

Nel 2009 la bicicletta era ancora saldamente al centro della ricerca del Gruppo Bosch – questa volta in forma elettrificata. Nel 2012, tre anni dopo la sua fondazione, Bosch eBike Systems si afferma come leader del mercato europeo per i sistemi eBike all’interno del segmento premium. Nel giro di pochi anni l’azienda, insieme ai suoi partner e clienti, è riuscita a sviluppare la bici elettrica più celere ed efficiente nell’attuale traffico urbano.

Al momento ci sono oltre tre milioni di pedelec sulle strade della Germania e già alla fine del 19esimo secolo, il motore elettrico ha offerto una promettente soluzione al traffico. L’elettricità ha rappresentato la base per una mobilità pulita e moderna. Nel 1895 molti inventori si dedicarono ai brevetti per le prime biciclette con motore elettrico, ma erano troppo in anticipo sui tempi. Ci furono due fattori che ne impedirono il rapido sviluppo: il notevole peso dei mezzi ad azionamento elettrico e la mancanza di una gamma di batterie. Il problema del peso è stato risolto nel 1991 con l’invenzione della batteria agli ioni di litio. Da allora, le capacità sono aumentate progressivamente e oggi  un’eBike può percorrere oltre 100 chilometri con una singola carica. Le batterie divennero più reperibili grazie alla produzione di massa dei laptop - e dopo questo nulla poté impedire il successo dell’eBike. I pedelec hanno oggi trovato il loro posizionamento nella società, diventando un tratto caratteristico della vita urbana e una pietra miliare nel percorso verso la mobilità del futuro.

Ufficio stampa Bosch eBike Systems

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende