Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » A casa di Bernard, estroso tedesco nelle grotte siciliane:

A casa di Bernard, estroso tedesco nelle grotte siciliane

aprile 25, 2013 Impressioni di viaggio, Rubriche

Per la rubrica Impressioni di viaggio, pubblichiamo il terzo intervento del nostro contributor Francesco Tognola, 26 anni, partito a inizio aprile da San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani, per un giro d’Italia decisamente inconsueto. Dopo aver vissuto a Milano e aver fatto lavori diversi – dal liutaio all’assistente in un centro di immersioni – pochi mesi fa Francesco è tornato in Sicilia per realizzare il suo sogno: un viaggio lungo la penisola a piedi, in parapendio o facendo l’autostop. Greenews.info racconterà, ogni settimana, le sue avventure.

Scordia (ai piedi della valle dell’Etna), 23 aprile

Il viaggio non fa mai doni gratuiti. Neanche il tempo di accorgerti del legame che hai appena creato con la terra, l’aria e la gente che vivi, che già vieni strappato via da qui e così il tuo pensiero ritorna in quell’unica direzione: proteso verso la strada aperta davanti a te. E questo ti succede dieci e venti volte, e continua a succedere. In ogni sguardo riconosci una partenza vicina, e lo sai, e ormai suona come una canzone interrotta.

Ma andiamo al viaggio: qualche giorno fa decido di andare nel ragusano e contatto tramite Couch Surfing un tale, tedesco di origine, che ospita viaggiatori. Lui arriva con una Diana rossa e bianca, si presenta e salgo sulla sua automobile. Andiamo verso casa, e la prima cosa che mi dice è di essere conosciuto in paese in due modi: “il tedesco che vive nelle grotte” e “quello con la Diana”. Arriviamo “a casa” e ci attendono 5 cagnolini, tra cui uno a cui mi affeziono subito, con gli occhi di colori diversi. Mi racconta che venticinque anni prima lui e sua moglie dovevano fare un viaggio nel nord dell’Italia, ma poi lei cambiò idea e decise di voler conoscere la Sicilia. La moglie però dopo averla visitata ritorna alla sua terra, lui no, perché si innamora talmente tanto di questa terra meravigliosa che decide di viverci. Si insedia nelle cave, dove ci sono le grotte. Col passare degli anni si inventa e crea un sistema idraulico, prende delle stufe, utilizza dei pannelli solari in 12 volt, da cui trae tutta l’energia che gli serve, toglie il motorino di un frigorifero da campeggio e costruisce una struttura di polistirolo, isolante riciclato, realizza l’impianto elettrico, e un bagno biologico con un bidone di plastica. A questo punto gli chiedo ogni quanto lo svuota, e lui mi risponde: “Ogni 15 anni”! Usa un sistema di filtri fatti con canne di bamboo e dentro al cesso c’è lo schema disegnato col funzionamento, tutto è fatto con materiale recuperato o regalato qua e là.

E’ ora di fare un giro della casa tra le stanze. Sono grotte, interamente arredate. Sulla porta principale una scritta “Casa di Bernard”, dove oltre a vivere tiene le batterie quando l’energia prodotta supera quella consumata. La cucina è all’aperto, gli chiedo se non ha freddo e mi ricorda che lui è tedesco e il clima siciliano lo grazia e che lui ama l’isola anche per questo. Da quando si è trasferito qui ha viaggiato molto. Gli chiedo dove vorrebbe andare e lui risponde che da qualche tempo uno dei suoi cani si è ammalato e non può lasciarlo solo, allora in questo momento permette al mondo di passare da casa sua, che è un po’ come viaggiare lo stesso. Ma mi confida che ha ancora un sogno da volere realizzare: girare l’Italia in Diana, un giorno!

Mentre il pane fatto in casa lievita noi usciamo con Cat Stevens che suona nello stereo della macchina. Mi porta in giro e mi fa vedere le sue sculture in paese, poi ci dirigiamo verso la punta estrema sud della Sicilia, Portopalo di Capo Passero, dove ammiriamo un bellissimo mare calmo. Qui la terra si assottiglia fino a scomparire sotto al mare, e riemergerà solamente molti chilometri a sud, ma allora sarà altro, sarà già Africa. Tornati a casa mi mostra la sua coltura di piante di bamboo, di oltre dieci tipi differenti, e la sua coltivazione di té. Prendiamo cinque rametti di peppermint freschi e ci facciamo un infuso: conoscevo solamente la varietà essiccata, ma farlo con le foglioline appena raccolte, giuro, è un’altra cosa!

Che uomo incredibile Bernard, simbolo di libertà, creatività, fantasia artistica, genialità, semplicità. Simbolo di tutte quelle scelte che non tutti e non sempre siamo pronti a fare, ma che molti di noi custodiscono nel profondo, che vorrebbero compiere ma che si perdono tra quel mare che sta sempre in mezzo “tra il dire e il fare”…e così non scelgono mai veramente.

A questo punto del mio viaggio mi viene in mente una frase : “E’ incredibile non avere limiti, scadenze, orari, imposizioni, potere scegliere, decidere…E’ incredibile rimanere TU da solo, con un unico compagno di viaggio: il ritmo cardiaco che con un battito continuo attende che arrivi un nuovo domani, una nuova storia da vivere, da raccontare“. Ora è il tempo di aspettare…e così aspetto che monti il vento da ovest.

Francesco Tognola

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende