Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » A casa di Bernard, estroso tedesco nelle grotte siciliane:

A casa di Bernard, estroso tedesco nelle grotte siciliane

aprile 25, 2013 Impressioni di viaggio, Rubriche

Per la rubrica Impressioni di viaggio, pubblichiamo il terzo intervento del nostro contributor Francesco Tognola, 26 anni, partito a inizio aprile da San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani, per un giro d’Italia decisamente inconsueto. Dopo aver vissuto a Milano e aver fatto lavori diversi – dal liutaio all’assistente in un centro di immersioni – pochi mesi fa Francesco è tornato in Sicilia per realizzare il suo sogno: un viaggio lungo la penisola a piedi, in parapendio o facendo l’autostop. Greenews.info racconterà, ogni settimana, le sue avventure.

Scordia (ai piedi della valle dell’Etna), 23 aprile

Il viaggio non fa mai doni gratuiti. Neanche il tempo di accorgerti del legame che hai appena creato con la terra, l’aria e la gente che vivi, che già vieni strappato via da qui e così il tuo pensiero ritorna in quell’unica direzione: proteso verso la strada aperta davanti a te. E questo ti succede dieci e venti volte, e continua a succedere. In ogni sguardo riconosci una partenza vicina, e lo sai, e ormai suona come una canzone interrotta.

Ma andiamo al viaggio: qualche giorno fa decido di andare nel ragusano e contatto tramite Couch Surfing un tale, tedesco di origine, che ospita viaggiatori. Lui arriva con una Diana rossa e bianca, si presenta e salgo sulla sua automobile. Andiamo verso casa, e la prima cosa che mi dice è di essere conosciuto in paese in due modi: “il tedesco che vive nelle grotte” e “quello con la Diana”. Arriviamo “a casa” e ci attendono 5 cagnolini, tra cui uno a cui mi affeziono subito, con gli occhi di colori diversi. Mi racconta che venticinque anni prima lui e sua moglie dovevano fare un viaggio nel nord dell’Italia, ma poi lei cambiò idea e decise di voler conoscere la Sicilia. La moglie però dopo averla visitata ritorna alla sua terra, lui no, perché si innamora talmente tanto di questa terra meravigliosa che decide di viverci. Si insedia nelle cave, dove ci sono le grotte. Col passare degli anni si inventa e crea un sistema idraulico, prende delle stufe, utilizza dei pannelli solari in 12 volt, da cui trae tutta l’energia che gli serve, toglie il motorino di un frigorifero da campeggio e costruisce una struttura di polistirolo, isolante riciclato, realizza l’impianto elettrico, e un bagno biologico con un bidone di plastica. A questo punto gli chiedo ogni quanto lo svuota, e lui mi risponde: “Ogni 15 anni”! Usa un sistema di filtri fatti con canne di bamboo e dentro al cesso c’è lo schema disegnato col funzionamento, tutto è fatto con materiale recuperato o regalato qua e là.

E’ ora di fare un giro della casa tra le stanze. Sono grotte, interamente arredate. Sulla porta principale una scritta “Casa di Bernard”, dove oltre a vivere tiene le batterie quando l’energia prodotta supera quella consumata. La cucina è all’aperto, gli chiedo se non ha freddo e mi ricorda che lui è tedesco e il clima siciliano lo grazia e che lui ama l’isola anche per questo. Da quando si è trasferito qui ha viaggiato molto. Gli chiedo dove vorrebbe andare e lui risponde che da qualche tempo uno dei suoi cani si è ammalato e non può lasciarlo solo, allora in questo momento permette al mondo di passare da casa sua, che è un po’ come viaggiare lo stesso. Ma mi confida che ha ancora un sogno da volere realizzare: girare l’Italia in Diana, un giorno!

Mentre il pane fatto in casa lievita noi usciamo con Cat Stevens che suona nello stereo della macchina. Mi porta in giro e mi fa vedere le sue sculture in paese, poi ci dirigiamo verso la punta estrema sud della Sicilia, Portopalo di Capo Passero, dove ammiriamo un bellissimo mare calmo. Qui la terra si assottiglia fino a scomparire sotto al mare, e riemergerà solamente molti chilometri a sud, ma allora sarà altro, sarà già Africa. Tornati a casa mi mostra la sua coltura di piante di bamboo, di oltre dieci tipi differenti, e la sua coltivazione di té. Prendiamo cinque rametti di peppermint freschi e ci facciamo un infuso: conoscevo solamente la varietà essiccata, ma farlo con le foglioline appena raccolte, giuro, è un’altra cosa!

Che uomo incredibile Bernard, simbolo di libertà, creatività, fantasia artistica, genialità, semplicità. Simbolo di tutte quelle scelte che non tutti e non sempre siamo pronti a fare, ma che molti di noi custodiscono nel profondo, che vorrebbero compiere ma che si perdono tra quel mare che sta sempre in mezzo “tra il dire e il fare”…e così non scelgono mai veramente.

A questo punto del mio viaggio mi viene in mente una frase : “E’ incredibile non avere limiti, scadenze, orari, imposizioni, potere scegliere, decidere…E’ incredibile rimanere TU da solo, con un unico compagno di viaggio: il ritmo cardiaco che con un battito continuo attende che arrivi un nuovo domani, una nuova storia da vivere, da raccontare“. Ora è il tempo di aspettare…e così aspetto che monti il vento da ovest.

Francesco Tognola

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende