Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » A casa di Bernard, estroso tedesco nelle grotte siciliane:

A casa di Bernard, estroso tedesco nelle grotte siciliane

aprile 25, 2013 Impressioni di viaggio, Rubriche

Per la rubrica Impressioni di viaggio, pubblichiamo il terzo intervento del nostro contributor Francesco Tognola, 26 anni, partito a inizio aprile da San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani, per un giro d’Italia decisamente inconsueto. Dopo aver vissuto a Milano e aver fatto lavori diversi – dal liutaio all’assistente in un centro di immersioni – pochi mesi fa Francesco è tornato in Sicilia per realizzare il suo sogno: un viaggio lungo la penisola a piedi, in parapendio o facendo l’autostop. Greenews.info racconterà, ogni settimana, le sue avventure.

Scordia (ai piedi della valle dell’Etna), 23 aprile

Il viaggio non fa mai doni gratuiti. Neanche il tempo di accorgerti del legame che hai appena creato con la terra, l’aria e la gente che vivi, che già vieni strappato via da qui e così il tuo pensiero ritorna in quell’unica direzione: proteso verso la strada aperta davanti a te. E questo ti succede dieci e venti volte, e continua a succedere. In ogni sguardo riconosci una partenza vicina, e lo sai, e ormai suona come una canzone interrotta.

Ma andiamo al viaggio: qualche giorno fa decido di andare nel ragusano e contatto tramite Couch Surfing un tale, tedesco di origine, che ospita viaggiatori. Lui arriva con una Diana rossa e bianca, si presenta e salgo sulla sua automobile. Andiamo verso casa, e la prima cosa che mi dice è di essere conosciuto in paese in due modi: “il tedesco che vive nelle grotte” e “quello con la Diana”. Arriviamo “a casa” e ci attendono 5 cagnolini, tra cui uno a cui mi affeziono subito, con gli occhi di colori diversi. Mi racconta che venticinque anni prima lui e sua moglie dovevano fare un viaggio nel nord dell’Italia, ma poi lei cambiò idea e decise di voler conoscere la Sicilia. La moglie però dopo averla visitata ritorna alla sua terra, lui no, perché si innamora talmente tanto di questa terra meravigliosa che decide di viverci. Si insedia nelle cave, dove ci sono le grotte. Col passare degli anni si inventa e crea un sistema idraulico, prende delle stufe, utilizza dei pannelli solari in 12 volt, da cui trae tutta l’energia che gli serve, toglie il motorino di un frigorifero da campeggio e costruisce una struttura di polistirolo, isolante riciclato, realizza l’impianto elettrico, e un bagno biologico con un bidone di plastica. A questo punto gli chiedo ogni quanto lo svuota, e lui mi risponde: “Ogni 15 anni”! Usa un sistema di filtri fatti con canne di bamboo e dentro al cesso c’è lo schema disegnato col funzionamento, tutto è fatto con materiale recuperato o regalato qua e là.

E’ ora di fare un giro della casa tra le stanze. Sono grotte, interamente arredate. Sulla porta principale una scritta “Casa di Bernard”, dove oltre a vivere tiene le batterie quando l’energia prodotta supera quella consumata. La cucina è all’aperto, gli chiedo se non ha freddo e mi ricorda che lui è tedesco e il clima siciliano lo grazia e che lui ama l’isola anche per questo. Da quando si è trasferito qui ha viaggiato molto. Gli chiedo dove vorrebbe andare e lui risponde che da qualche tempo uno dei suoi cani si è ammalato e non può lasciarlo solo, allora in questo momento permette al mondo di passare da casa sua, che è un po’ come viaggiare lo stesso. Ma mi confida che ha ancora un sogno da volere realizzare: girare l’Italia in Diana, un giorno!

Mentre il pane fatto in casa lievita noi usciamo con Cat Stevens che suona nello stereo della macchina. Mi porta in giro e mi fa vedere le sue sculture in paese, poi ci dirigiamo verso la punta estrema sud della Sicilia, Portopalo di Capo Passero, dove ammiriamo un bellissimo mare calmo. Qui la terra si assottiglia fino a scomparire sotto al mare, e riemergerà solamente molti chilometri a sud, ma allora sarà altro, sarà già Africa. Tornati a casa mi mostra la sua coltura di piante di bamboo, di oltre dieci tipi differenti, e la sua coltivazione di té. Prendiamo cinque rametti di peppermint freschi e ci facciamo un infuso: conoscevo solamente la varietà essiccata, ma farlo con le foglioline appena raccolte, giuro, è un’altra cosa!

Che uomo incredibile Bernard, simbolo di libertà, creatività, fantasia artistica, genialità, semplicità. Simbolo di tutte quelle scelte che non tutti e non sempre siamo pronti a fare, ma che molti di noi custodiscono nel profondo, che vorrebbero compiere ma che si perdono tra quel mare che sta sempre in mezzo “tra il dire e il fare”…e così non scelgono mai veramente.

A questo punto del mio viaggio mi viene in mente una frase : “E’ incredibile non avere limiti, scadenze, orari, imposizioni, potere scegliere, decidere…E’ incredibile rimanere TU da solo, con un unico compagno di viaggio: il ritmo cardiaco che con un battito continuo attende che arrivi un nuovo domani, una nuova storia da vivere, da raccontare“. Ora è il tempo di aspettare…e così aspetto che monti il vento da ovest.

Francesco Tognola

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende