Home » Bollettino Europa »Rubriche » A Durban previste prove di forza per il clima tra Ue, Cina e Usa:

A Durban previste prove di forza per il clima tra Ue, Cina e Usa

novembre 7, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Dopo Copenhagen e Cancun tra poco sarà la volta di Durban. Nella città sudafricana dal 28 novembre al 9 dicembre verrà ospitata la 17esima COP – Conferenza delle Nazioni Unite sui Cmbiamenti Climatici. Dopo i risultati negativi dei precedenti appuntamenti la diplomazia internazionale del clima si troverà di fronte a un momento cruciale, stretta tra un pianeta sempre più sofferente, le istanze delle economie emergenti e l’eredità del Protocollo di Kyoto.

A Durban dovrà essere definito come proseguire l’impegno planetario per il clima dal 2013. L‘Ue deve dunque mostrare la sua leadership e dare pieno sostegno alla prosecuzione del Protocollo di Kyoto oltre il 2012. E’ questo l’appello lanciato dagli eurodeputati, in una risoluzione votata in Commissione Ambiente a larga maggioranza (53 voti a favore, 4 contrari e 3 astensioni). Il testo, che passerà al vaglio della plenaria dell’Assemblea di Strasburgo a metà novembre, rilancia per l’UE, un possibile taglio delle emissioni di CO2 superiore al 20% entro il 2020. La risoluzione afferma che l’Ue deve dare un sostegno “pubblico e inequivocabile” sul cosiddetto Kyoto 2, un nuovo accordo vincolante internazionale per i paesi industrializzati, per evitare un gap con quello attuale. I parlamentari europei chiedono inoltre all’Ue di aiutare a trovare un accordo sul Fondo a sostegno dei paesi in via di sviluppo, che dovrebbe raggiungere quota 100 miliardi di dollari l’anno entro il 2020.

Il contributo degli Stati dell’Unione dovrebbe arrivare a 30 miliardi di euro, mantenendo, allo stesso tempo, i finanziamenti per altre politiche interne sul clima. Ma diversi paesi stanno ancora polemizzando sul potere che dovrà avere un Fondo delle Nazioni Unite: da alcuni Stati “ricchi” arriva la proposta secondo cui il settore privato dovrebbe essere la principale fonte finanziaria per il clima. Poi c’è anche lo scenario prospettato dagli Usa. Negli Stati Uniti, nonostante l’attenzione di Obama, vi è un’opposizione bipartisan ad assumere impegni onerosi in mancanza di riduzioni vincolanti per la Cina. E la Cina si prospetta già come una delle protagoniste. Dal 2006 la Repubblica popolare cinese è in testa alla classifica dei paesi per ammontare di emissioni di gas climalteranti, anche se le emissioni pro capite cinesi sono ancora un quarto di quelle statunitensi. Allo stesso tempo, al vertice di Copenhagen la Cina si è impegnata a ridurre le emissioni di gas serra per unità di pil del 40-45% entro il 2020 rispetto al 2005 (il pil cinese è cresciuto del 10,4% nel 2010).

La posizione della Cina, che come abbiamo scritto in precedenza, cerca di aggiudicarsi un ruolo guida tra i Paesi in via di sviluppo, potrebbe creare non pochi problemi al raggiungimento di un accordo finale. Xie Zhenhua, vice direttore della Commissione Statale Sviluppo e Riforme, ha invitato tutte le economie emergenti a presentare piani e azioni volti a tagliare le emissioni di anidride carbonica e spezzare, così, lo stallo in cui vertono i negoziati delle Nazioni Unite. Stando a quanto riporta il Guardian, per Xie Zhenhua il cosiddetto “Kyoto 2” rappresenterebbe una grande opportunità, grazie alla partecipazioni dei Paesi in via di sviluppo. Ma diverse nazioni, inclusi Stati Uniti e Giappone, hanno già rigettato l’ipotesi del “Kyoto 2” poichè non richiederebbe impegni vincolanti alle economie emergenti.

Intanto, alcuni dei più piccoli Paesi emergenti stanno protestando contro quella che giudicano essere “un’intransigenza” da parte di alcune grandi economie: Giappone e Russia, infatti, hanno entrambe scoraggiato la speranza di raggiungere un accordo climatico globale nei prossimi cinque anniRumors dannosi in un momento critico per il pianeta. Secondo un rapporto del Dipartimento dell’Energia Statunitense, nel 2010, la produzione di questo gas serra è infatti aumentata del 6%, arrivando ad un livello mai raggiunto prima. Il rapporto del Carbon Dioxide Information Analysis Center (Cdiac) ha stimato per il 2010 l’emissione di più di 33,5 miliardi di tonnellate di CO2, con un aumento del 5,9% rispetto al 2009 e del 4,5% rispetto al record del 2008. Le colpe principali dell’aumento sono di Usa e Cina, che da soli coprono metà della CO2 aggiuntiva emessa, mentre dal punto di vista delle fonti di energia è il carbone ad aver dato il maggior contributo, con una crescita delle emissioni dell’8%. Il livello complessivo raggiunto lo scorso anno, sottolineano gli esperti, è più alto di quello usato dall’Ipcc per descrivere lo scenario peggiore dal punto di vista dei cambiamenti climatici.

Redazione Greenews.info

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende