Home » Bollettino Europa »Rubriche » A guida italiana il progetto EWIT per gestire i rifiuti tecnologici in Africa:

A guida italiana il progetto EWIT per gestire i rifiuti tecnologici in Africa

marzo 23, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

È targata Italia la guida del progetto EWIT, e-waste implementation toolkit, un partenariato UE-Africa sulla gestione dei rifiuti Raee derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Nello specifico, a fare da capofila in questa iniziativa sarà ReMedia, il Consorzio Nazionale per la gestione eco-sostenibile di tutti gli scarti tecnologici.  Oltre ai Raee, anche Pile e Accumulatori e Impianti Fotovoltaici a fine vita.

Detti anche e-waste, o WEEE, derivante dall’inglese Waste of electric and electronic equipment, contengono materiali tossici come piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente che ne rendono necessario un corretto smaltimento. Una sfida non da poco se si pensa che computer, telefonini e altre apparecchiature elettroniche di largo consumo potrebbero più che raddoppiare nei prossimi quindici anni. Se la produzione e vendita di questi prodotti nel mondo proseguisse ai ritmi attuali, infatti, si passerebbe dalle 6 milioni di tonnellate censite nel 2010 a 15 milioni nel 2025. Buona parte della spazzatura elettronica finisce inopportunamente per essere incenerita, abbandonata o seppellita nelle discariche rappresentando un rischio di inquinamento ambientale. Prioritario è quindi trovare modi per implementare riciclaggio e riutilizzo. Un obiettivo reso, tuttavia, ancor più difficile dal problema dell’esportazione illegale di questa categoria di rifiuti nei Paesi in via di sviluppo. Spesso accompagnato dal traffico illecito di materie prime contenute nei componenti elettronici.

Sul piano normativo, nel 2012 l’UE ha approvato un pacchetto di norme che rafforza obblighi e obiettivi della direttiva WEEE per aumentare i tassi di riciclaggio e riuso.

È tuttavia chiaro che il tema non interessa solo il Vecchio Continente. E non solo per l’arrivo di questi scarti su altri continenti, ma anche perché alcune aree del pianeta stanno sperimentando cambiamenti negli stili di vita e di consumo delle popolazione, con un incremento dell’uso e quindi dello scarto di tecnologia. In Africa, per esempio, secondo le previsioni, entro il 2020 la quantità di rifiuti tecnologici generati raggiungerà 4 milioni di tonnellate all’anno, contro i 2 milioni di tonnellate attuali (2kg/abitante). Di queste, solo 200mila vengono gestite correttamente da un punto di vista ambientale, della salute e del recupero delle materie prime. Inoltre, sul fronte dell’export illegale, secondo recenti studi il 3-5% dei rifiuti tecnologici generati nel continente europeo viene esportato illegalmente in quello africano. Si tratta di 300.000 tonnellate che, se ricondotte all’interno di un sistema di gestione sostenibile sia dal punto di vista ambientale sia sociale, potrebbero generare almeno 1.500 nuove opportunità lavorative.

Del valore di oltre 1,6 milioni di Euro, stanziati nell’ambito del programma di finanziamenti Horizon 2020, il progetto EWIT ha, alla luce di quanto appena descritto, come fine quello di migliorare il trattamento corretto di questi rifiuti almeno del 30%, e di contrastarne l’esportazione illegale, riconvertendo i flussi provenienti dall’Europa in business legali. Attraverso il sostegno delle realtà locali africane sia nello sviluppo di sistemi di gestione dei rifiuti elettronici sia nel definire obiettivi a medio termine legati all’incremento delle opportunità di riciclo e capaci di portare anche benefici economici.

Considerando, infatti, il ritmo di crescita dell’e-waste nel continente africano, l’obiettivo del progetto consentirebbe, in prospettiva, di portare la quantità di rifiuti tecnologici da avviare a un corretto riciclo a un milione di tonnellate, con un potenziale di guadagno di almeno 300 milioni di Euro. Per fare un esempio concreto, la disponibilità di oltre 30.000 tonnellate di Raee all’anno può portare a un recupero di 25.000 tonnellate di materie prime da reinserire nel ciclo produttivo.

Quello realizzato da EWIT è , nella pratica, l’incontro tra diverse realtà urbane. Firenze, Anversa, Oporto e Vienna sono le città  europee che porteranno la propria esperienza nella gestione dei rifiuti tecnologici nelle aree metropolitane africane di Choma (Zambia), Abidjan (Costa d’Avorio), Johannesburg (Sud Africa) e Kisii (Kenya). Tuttavia, il progetto coinvolge 24 partner internazionali, appartenenti al mondo della ricerca accademica, delle istituzioni locali e dell’industria e si concluderà a fine gennaio 2017.

L’implementazione comprende diverse fasi, che vanno dalla mappatura dei dati a disposizione e della capacità delle aree africane coinvolte nella gestione dei rifiuti tecnologici, alla raccolta e analisi dei casi di eccellenza, di processi e strumenti in grado di generare valore, fino alla realizzazione del portale informativo a guida e supporto dell’implementazione di un sistema efficace e sostenibile di riciclo. Che dovrebbe raccogliere e dare la possibilità di condividere le best practice per sviluppare sistemi efficaci di gestione e di valorizzazione dei Raee nelle arre africane. Il portale è poi destinato ad evolversi e arricchirsi di contenuti anche dopo la fine del progetto.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende