Home » Bollettino Europa »Rubriche » A guida italiana il progetto EWIT per gestire i rifiuti tecnologici in Africa:

A guida italiana il progetto EWIT per gestire i rifiuti tecnologici in Africa

marzo 23, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

È targata Italia la guida del progetto EWIT, e-waste implementation toolkit, un partenariato UE-Africa sulla gestione dei rifiuti Raee derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Nello specifico, a fare da capofila in questa iniziativa sarà ReMedia, il Consorzio Nazionale per la gestione eco-sostenibile di tutti gli scarti tecnologici.  Oltre ai Raee, anche Pile e Accumulatori e Impianti Fotovoltaici a fine vita.

Detti anche e-waste, o WEEE, derivante dall’inglese Waste of electric and electronic equipment, contengono materiali tossici come piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente che ne rendono necessario un corretto smaltimento. Una sfida non da poco se si pensa che computer, telefonini e altre apparecchiature elettroniche di largo consumo potrebbero più che raddoppiare nei prossimi quindici anni. Se la produzione e vendita di questi prodotti nel mondo proseguisse ai ritmi attuali, infatti, si passerebbe dalle 6 milioni di tonnellate censite nel 2010 a 15 milioni nel 2025. Buona parte della spazzatura elettronica finisce inopportunamente per essere incenerita, abbandonata o seppellita nelle discariche rappresentando un rischio di inquinamento ambientale. Prioritario è quindi trovare modi per implementare riciclaggio e riutilizzo. Un obiettivo reso, tuttavia, ancor più difficile dal problema dell’esportazione illegale di questa categoria di rifiuti nei Paesi in via di sviluppo. Spesso accompagnato dal traffico illecito di materie prime contenute nei componenti elettronici.

Sul piano normativo, nel 2012 l’UE ha approvato un pacchetto di norme che rafforza obblighi e obiettivi della direttiva WEEE per aumentare i tassi di riciclaggio e riuso.

È tuttavia chiaro che il tema non interessa solo il Vecchio Continente. E non solo per l’arrivo di questi scarti su altri continenti, ma anche perché alcune aree del pianeta stanno sperimentando cambiamenti negli stili di vita e di consumo delle popolazione, con un incremento dell’uso e quindi dello scarto di tecnologia. In Africa, per esempio, secondo le previsioni, entro il 2020 la quantità di rifiuti tecnologici generati raggiungerà 4 milioni di tonnellate all’anno, contro i 2 milioni di tonnellate attuali (2kg/abitante). Di queste, solo 200mila vengono gestite correttamente da un punto di vista ambientale, della salute e del recupero delle materie prime. Inoltre, sul fronte dell’export illegale, secondo recenti studi il 3-5% dei rifiuti tecnologici generati nel continente europeo viene esportato illegalmente in quello africano. Si tratta di 300.000 tonnellate che, se ricondotte all’interno di un sistema di gestione sostenibile sia dal punto di vista ambientale sia sociale, potrebbero generare almeno 1.500 nuove opportunità lavorative.

Del valore di oltre 1,6 milioni di Euro, stanziati nell’ambito del programma di finanziamenti Horizon 2020, il progetto EWIT ha, alla luce di quanto appena descritto, come fine quello di migliorare il trattamento corretto di questi rifiuti almeno del 30%, e di contrastarne l’esportazione illegale, riconvertendo i flussi provenienti dall’Europa in business legali. Attraverso il sostegno delle realtà locali africane sia nello sviluppo di sistemi di gestione dei rifiuti elettronici sia nel definire obiettivi a medio termine legati all’incremento delle opportunità di riciclo e capaci di portare anche benefici economici.

Considerando, infatti, il ritmo di crescita dell’e-waste nel continente africano, l’obiettivo del progetto consentirebbe, in prospettiva, di portare la quantità di rifiuti tecnologici da avviare a un corretto riciclo a un milione di tonnellate, con un potenziale di guadagno di almeno 300 milioni di Euro. Per fare un esempio concreto, la disponibilità di oltre 30.000 tonnellate di Raee all’anno può portare a un recupero di 25.000 tonnellate di materie prime da reinserire nel ciclo produttivo.

Quello realizzato da EWIT è , nella pratica, l’incontro tra diverse realtà urbane. Firenze, Anversa, Oporto e Vienna sono le città  europee che porteranno la propria esperienza nella gestione dei rifiuti tecnologici nelle aree metropolitane africane di Choma (Zambia), Abidjan (Costa d’Avorio), Johannesburg (Sud Africa) e Kisii (Kenya). Tuttavia, il progetto coinvolge 24 partner internazionali, appartenenti al mondo della ricerca accademica, delle istituzioni locali e dell’industria e si concluderà a fine gennaio 2017.

L’implementazione comprende diverse fasi, che vanno dalla mappatura dei dati a disposizione e della capacità delle aree africane coinvolte nella gestione dei rifiuti tecnologici, alla raccolta e analisi dei casi di eccellenza, di processi e strumenti in grado di generare valore, fino alla realizzazione del portale informativo a guida e supporto dell’implementazione di un sistema efficace e sostenibile di riciclo. Che dovrebbe raccogliere e dare la possibilità di condividere le best practice per sviluppare sistemi efficaci di gestione e di valorizzazione dei Raee nelle arre africane. Il portale è poi destinato ad evolversi e arricchirsi di contenuti anche dopo la fine del progetto.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende