Home » Campioni d'Italia »Rubriche » A pane (carasau) e canapa. L’innovazione alimentare della cooperativa sarda Hemp Factory:

A pane (carasau) e canapa. L’innovazione alimentare della cooperativa sarda Hemp Factory

luglio 20, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Pane Carasau al gusto di canapa? Si proprio quel pane  con un passato che si perde nella notte dei tempi, quello tondo e biscottato immancabile nella dieta dei pastori barbaricini perché si conserva per mesi e quindi ideale per chi vive per lungo tempo lontano da casa, viene rivisitato. Senza un sussulto dei gelosi custodi del passato. “È stata una piacevole sorpresa anche per i clienti più legati alla tradizione” spiegano i ragazzi della cooperativa sarda Hemp Factory, che in nome del benessere innestano  la canapa in una  storia alimentare millenaria.

“Puntiamo su prodotti sani e quindi  oltre la farina di semi di canapa utilizziamo grani molto antichi, come la varietà Senatore Cappelli, e maciniamo, possibilmente a pietra, in un mulino del 1900” spiega Solidea Atzori, che con Patrizia DesogusRoberto Piseddu nel 2014 ha fondato la cooperativa, ma “le prime sperimentazioni sul campo risalgono al 2011″. Passo dopo passo sono arrivati alla produzione di  numerosi prodotti “oltre sul Pane Carasau utilizziamo la canapa  anche per le Pardulas, un dolce tipico sardo, e nella pasta, come per esempio i ravioli. All’inizio è stato difficile, poi siamo riusciti a far vincere la diffidenza dei clienti quando abbiamo spiegato le molteplici proprietà della canapaun prodotto sano perché non si usano i pesticidi e ricco di omega 3 e omega 6“.

La cooperativa ha attivato un indotto economico che coinvolge agricoltori di tutta l’isola “dal sud al nord, dal Campidano (la pianura vicino a Cagliari, NdR) a Sassari e Olbia. Siamo orgogliosi di queste relazioni con i contadini e sta crescendo la rete di distribuzione, ora abbiamo dato il via alla commercializzazione a Milano. Stiamo iniziando ad avere piacevoli sensazioni” spiega Solidea. Si sta consolidando una vera e propria filiera: a Cagliari i semi di canapa Hemp Factory vengono usati in modo creativo nella originale bottega/gastronomia Semino: “Ci chiamiamo così perché usiamo i semi per tutti i nostri piatti, tantissimi con la canapa. La usiamo nelle insalate, nelle polpette vegane, nella pasta, in crosta con il tonno” spiega Giovanna Ghiani, che con la socia Rita Oldani e lo chef Aldo gestisce l’impresa. E la figura di Giovanna è tutta da conoscere “ho fatto per 14 anni la farmacista, poi mi sono laureata in Scienze dell’Alimentazione, ho preso un dottorato e ora insegno Fisiologia e Scienza dell’Alimentazione all’Università di Cagliari”. Una nutrizionista,  ma che è possibile conoscere tra i tavoli del Semino dove  risponde ad ogni dubbio sulla dieta degli avventori che gustano i piatti sotto delle piante di basilico. Una storia particolare di una Sardegna sempre più verde canapa, ma che non dimentica i saperi agroalimentari tradizionali.

L’antropologa del cibo Alessandra Guigoni che collabora con i produttori di Hemp Factory parla di “Una interessante retroinnovazione perché la coltivazione della canapa sativa in Sardegna era estesa e trovava numerosi impieghi sino alla prima metà del Novecento. Oggi è stata riscoperta per usi alimentari e le sue proprietà la rendono un prodotto molto appetibile sul mercato . È un vegetale che si può coltivare molto bene in biologico e con poca acqua e ciò la rende anche sostenibile. I prodotti tradizionali come Pardulas e Carasau arricchiti di farina di canapa risultano una bella novità per i consumatori”.

Nell’isola la canapa sta trovando terreno fertile, come ci spiega Enrico Siddi, ideatore di Hemp Factory e Presidente AssoCanapa Sardegna, che sprizza ottimismo: “ci sono finanziatori interessati ad investire e si pensa alla creazione di due impianti di lavorazione in Sardegna. Le prospettive sono buone. Come associazione siamo nati nel 2014 e sono operativi dei gruppi di lavoro – spiega Siddi – I progetti attualmente in corso prevedono tutte le applicazioni possibili, da quelle tecnologiche a quelle salutistiche, dalla produzione della carta alle bioplastiche e l’impiego di materiali destinati alla bioedilizia“. In una terra con tanta fame di lavoro, la canapa fa sbocciare professionalità e buste paga.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende