Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » A piedi per Milano, la città dell’Expo:

A piedi per Milano, la città dell’Expo

gennaio 14, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Proseguono le “Divagazioni cantautoriali di mobilità elementare” di Orlando Manfredi, in arte Duemanosinistra, alla ricerca della densità di significato – umano e ambientale – delle città e dei luoghi che ci circondano, indagati rigorosamente a piedi, con zaino e chitarra.  Non poteva mancare Milano, la capitale della moda.

“Il mio nome è Bond. James Bond”. L’unico posto in Italia dove una frase così la prendono bene si trova a Milano. E’ l’Admiral Hotel, sede del primo museo dedicato al popolare agente segreto con licenza di uccidere. Negli anni in cui tutte le grandi strutture della zona Fiera chiudevano baracca e burattini per il decentramento della Fiera Campionaria, lo strano hotel di via Domodossola si reinventava all’insegna di un trasformismo alla 007, prendendo in parola il suggerimento di Bond secondo il quale “si vive solo due volte: una per te e una per i tuoi sogni”. Sogni che son strategie di sopravvivenza in tempi di Crisi.

Perfettamente calato nella parte, mi sento l’agente segreto che indaga a piedi la Milano in trasformazione, la Milano della mobilità (quella che vanta un efficiente servizio di bike sharing con più di 170 stazioni attive), quella dello sviluppo sostenibile (che ha visto nascere più di dieci anni fa, da un’azienda di agricoltura biodinamica, il Gruppo Lifegate, modello di impresa che oggi è un network di comunicazione people planet profit). La Milano smart e quella baùscia.

Per cominciare il passeggiatore sabaudo vive sottopelle lo “smarrimento urbanistico”  di chi è abituato alla pianta romana perfetta, tutta ascisse e ordinate, tutta quadrettoni – a prova di scemo, insomma. Milano ricorda più una spirale concentrica.

La zona del vecchio polo fieristico è di nuovo al centro di enormi trasformazioni: c’è l’Expo, gente! Ciò che un tempo raccoglieva tutte le idee e le visioni della vecchia Europa sotto il nome di Esposizione Universale è ora un evento internazionale incentrato su un tema collettivo. Parole-chiave di ExpoMilano2015 saranno “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, con particolare riferimento a cibo e alimentazione, rimasti, a dire il vero, l’ultimo specchietto per le allodole in grado di suscitare  ancora l’ammirazione del Mondo per l’Italia. Quel che è certo è che questa Expo2015 sarà una vetrina delle pratiche e delle tradizioni alimentari internazionali, delle colture e delle filiere produttive, così come dei progetti di cooperazione per garantire il diritto al cibo e alla salute.

I lavori previsti per accogliere il Sito Expo stanno impiantando una nuova città nella città. Non mancherà un Parco della Biodiversità, un grande giardino di circa 14.000 mq, collocato nell’area nord-orientale del Sito Espositivo, che fornirà un campione della varietà della vita in ambito floristico.

Tra Corso Sempione e i viali che circoscrivono la vecchia zona Fiera, cantieri a perdita d’occhio. Contro un’aria tagliente cammino sulle banchine provvisorie dei lavori di viale Duilio. L’area è stata ribattezzata CityLife, e si prepara ad essere la più grande zona pedonale di Milano, in parte sotterranea, in parte a cielo aperto. Oltre a questa, si snoda in superficie la nuova pista ciclabile che collega il monte Stella al centro della città. Il tutto a inquadrare 168.000 mq di Parco Pubblico CityLife (il terzo parco pubblico del centro di Milano dopo il Parco Sempione e i Giardini Pubblici), con 1.500 nuovi alberi selezionati per garantire continuità con le specie già presenti e biodiversità.

Arrivati a Piazzale Lotto, ci si sbilancia decisamente verso San Siro: il classico posto di cui senti sempre parlare per le zuffe calcistiche di Milan e Inter ma che poi non vedi mai. In fondo al piazzale ci si trova al Lido di Milano! Oltre l’ingresso monumentale austero in stile fascista, si apre un’area verde attrezzata al cui interno vi sono piscine, parchi avventura, e lidoteche, tutto a mappatura free wi-fi. Il Lido contiene la più grande giocoteca di Milano immersa nel verde. Dunque la Milano da bere si dimostra anche, a sorpresa, a misura di bambino.

A lato di via Caprilli si smatassa l’area di San Siro. Lungo il muro di cinta del complesso dell’Ippodromo una serie interminabile di murales accompagna i passi del visitatore. Vengono realizzati ogni anno in occasione della Notte Bianca di San Siro. Dal lato opposto, la pista ciclabile che arriva fino al Meazza e oltre. La bellissima struttura liberty dell’Ippodromo apre al cortile che come un forziere custodisce un piccolo percorso botanico, al cui interno spicca un cedro monumentale dell’Himalaya. Al centro del cortile si erge il Cavallo di Leonardo, maestosa scultura bronzea che si estende per 8 metri d’altezza.
Il progetto risale davvero a Leonardo Da Vinci, che intese realizzare la più grande statua equestre del mondo su commissione di Ludovico il Moro, senza riuscire a portarla a compimento. Più di quattro secoli dopo, nel 1977 Frederik Meijer, il proprietario di una catena di supermercati del Michigan, decise di finanziare l’opera (l’anima nobile del commercio?), a condizione che venisse fuso abbastanza bronzo per ricavare due statue equestri: una per Milano, un per se’! E infatti l’una è stata installata nel 1999 come pezzo forte della collezione privata dei Meijer Gardens. L’altra è arrivata in dono al più anonimo Ippodromo di Milano.

San Siro, appoggiata al verde dei viali residenziali, si rivela attraverso scorci prospettici mozzafiato, volumetrie create dai pieni e dai vuoti che incidono lo spazio. Potente anche la visione dello Stadio Meazza. Al suo interno c’è un Museo dello Stadio di San Siro. Pare che  facciano anche fare il giro del campo ai visitatori. Ecco, ora vorrei essere con qualche amico con cui faccio lo stupido, faccio il tifoso anche se non lo sono, per fare il giro del campo insieme…

Così l’agente segreto con licenza di camminare ritorna sui suoi passi, a sera ormai fatta. Nella piazza Buonarroti, si staglia la statua di Giuseppe Verdi. Di fronte al monumento c’è la Casa di Riposo per Musicisti intitolata al maestro. Nel cortile del palazzo ottocentesco si trova anche la cripta in cui sono contenute le spoglie del compositore. Esco dalla cripta dopo una breve visita e girovago nella mia solita mise zaino e mini-chitarra. Passando davanti alla portineria del palazzo mi sento chiamare: “violinista! Violinista! Il concerto è al primo piano!”. “Non devo suonare e poi è una chitarra, non un violino”, rispondo. La signora Ludovica mi fa pensare a una frau Blucher in salsa meneghina. Risoluta, sintetica e senza fronzoli: “Vuole anche lei entrare nella casa di riposo?”, insinua. “Le sembra che io abbia l’età per entrare in una casa di riposo?”. “Mai dire mai”. “Ma cos’è una citazione? Anche lei è impallinata con 007?”. “Prego?”. “Niente, come non detto”.“E comunque la Casa da qualche anno è aperta anche ai giovani musicisti, lo sa?”. “Buono a sapersi”, concludo.“Bene, la saluto. Ha omaggiato il maestro?”.“Sì, ho omaggiato il maestro”.

Orlando Manfredi

Playlist:
Luciano Bianciardi, La vita agra, 1962, Rizzoli
Luca Solina, Milano, 2013, Ideario Edizioni
Enzo Jannacci, Ci vuole orecchio, 1980, Ricordi
Roberto Vecchioni, Luci a San Siro,1971
Virginiana Miller, Malvivente, videoclip di Simone Manetti, 2003
Afterhours, I milanesi ammazzano il sabato, 2008, Universal

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende