Home » Rubriche »Very Important Planet » “Per fare una tv intelligente servono teste intelligenti”. Intervista a Alessandro Cecchi Paone:

“Per fare una tv intelligente servono teste intelligenti”. Intervista a Alessandro Cecchi Paone

luglio 29, 2011 Rubriche, Very Important Planet

L’ultimo suo lavoro è una riflessione sul tema della pace. Un pacifismo scientifico, si potrebbe chiamare. Proprio perché, secondo Alessandro Cecchi Paone, che ha firmato il libro “Scienza e pace” con Umberto Veronesi, con la logica si può dimostrare di poter portare soluzioni a situazioni di conflitto e comprovare non solo la nobiltà, ma anche la piena convenienza economica del pacifismo. E come ama ricordare, pace e ambiente vanno di pari passo. Il giornalista e conduttore tv è stato antesignano di tanti programmi dedicati alla natura e Consigliere nazionale Wwf e del Fondo mondiale per la natura. Suo il libro pubblicato nel 2008 “Pianeta serra: la verità sul clima che cambia” e la trasmissione, su Radio Kiss Kiss, Klima News. Ma attenzione, non parlategli di nucleare…

D) La sua posizione a favore del nucleare ha destato un certo scalpore tra i suoi fans, ce la può spiegare meglio?

R) Ci hanno raccontato un sacco di balle, ci hanno fatto votare sull’onda dell’emotività su un tema fondamentale per il futuro del nostro Paese. Per non parlare della questione energetica: siamo troppo dipendenti dall’estero, e il nucleare potrebbe essere un’alternativa pulita, economica e sicura. In sintesi forse il nucleare non è l’unica soluzione, ma senza nucleare non c’è soluzione. Dalle centrali nucleari non esce neanche una radiazione e chi afferma il contrario sostiene invenzioni.

D) Immagino sia consapevole della responsabilità che si assume con queste dichiarazioni… Lei fu uno dei primi a parlare di ambiente in tv…

R) Iniziai nel 1977, feci un programma in collaborazione con il Wwf, fu uno dei primi spazi dedicati alla divulgazione ambientale. Aveva una grande ambizione e cioè intervenire sull’educazione, sulla consapevolezza delle giovani leve, gli adulti del futuro.

D) Poi cosa è successo?

R) Che queste ambizioni la televisione le ha perse per strada. Troppo schiava del consenso e del denaro. Ed è accaduto che ad un certo punto i palinsesti si sono svuotati di questi contenuti, hanno virato sempre più sull’intrattenimento piuttosto che sull’informazione. Ormai è da troppo tempo, nonostante sia più attuale che mai, che non si parla più di ambiente in tv. Ovunque, ma in tv no.

D) E di chi è la colpa?

R) Mah, credo sia una colpa generalizzata in troppi settori della vita pubblica. La colpa è forse della non preparazione della classe dirigente italiana. Così per fare una televisione intelligente servono teste intelligenti. Invece ci troviamo davanti a dei capi totalmente ignari di certe tematiche. Pensano ancora che la questione ambientale sia un capriccio e non una necessità produttiva.

D) Come spiegherebbe a un bimbo il rispetto per la natura?

R) Come l’hanno spiegato a me: comportati come se fossi a casa tua, in ogni luogo mostra uguale rispetto, cura, attenzione. Come se ogni angolo di mondo ti appartenesse. La terra è di tutti e non credo esista qualcuno sul pianeta a cui piace vivere male e non in salute.

D) Le è capitato, nei sui numerosi viaggi, di ritornare in un luogo e ritrovarlo totalmente cambiato?

R) Mi capita di continuo, in Italia e all’estero, ma non credo sia un fatto del tutto negativo. Bisogna vedere come avviene il cambiamento. Anzi spesso si modificano in positivo. Comunque oggi c’è più rispetto per i luoghi, c’è una consapevolezza più diffusa rispetto agli anni del boom economico. Il progresso deve andare avanti, il punto è che il progresso deve essere sostenibile, bisogna riconvertirlo in sostenibilità.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende