Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Aboca: ritorno al futuro delle piante medicinali:

Aboca: ritorno al futuro delle piante medicinali

luglio 10, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

“Per chi come noi lavora con la natura, la sostenibilità non è una scelta, ma si identifica con l’identità, l’approccio stesso dell’azienda alle attività quotidiane”. Massimo Mercati è il direttore generale di Aboca, la principale azienda italiana di prodotti a base di piante medicinali. Il padre Valentino l’ha fondata nel 1978, come scelta di vita prima ancora che di lavoro: dopo aver acquistato una fattoria nell’aretino, la passione per l’agricoltura biologica e la medicina naturale hanno preso il sopravvento e si è consolidata l’idea che un nuovo rapporto tra uomo e natura potesse passare anche attraverso la cura della salute. Su quelle basi è nata un’impresa che oggi è presente in 15 Paesi, con 550 dipendenti e 80 milioni di euro di fatturato.

A partire dalle coltivazioni con metodo biologico. “Aboca è prima di tutto un’azienda agraria, con un filiera integrata che va dalla produzione delle materie prime alla commercializzazione dei prodotti finiti, per i quali usa solo materie prime naturali, senza nessun solvente o additivo chimico. In quest’ottica, diventa essenziale tutelare l’approvvigionamento, che ha rappresentato fin dall’inizio una delle sfide principali”. Da qui la scelta di escludere fin dall’inizio tutti i prodotti chimici di sintesi.

Alla fine degli anni Settanta, trovare materie prime di qualità e prive di residui di pesticidi e fertilizzanti non era sempre facile. E non lo è neanche oggi se si parla di piante esotiche che non crescono nel nostro clima. Oggi Aboca ha 1.000 ettari di terreni coltivati direttamente tra San Sepolcro e Rimini, la Val di Chiana e la Val Tiberina, dove vengono prodotte tutte le piante autoctone. “Altre, come il ginseng o il ginkgo, siamo costretti a comprarle. In questi casi, più della certificazione biologica, che può rivelarsi inattendibile, facciamo veri e propri accordi di filiera che disciplinino in modo preciso le modalità di coltivazione”, continua Mercati. Per questo, non tutti i prodotti Aboca vengono definiti biologici: “Dove per alcune piante non c’è certificazione, ma un accordo di filiera, preferiamo non spingerci a dichiarare biologico il prodotto”. Al metodo bio si uniscono interventi per la ridurre l’uso di acqua in agricoltura e l’utilizzo di energia fotovoltaica, grazie a un impianto da 1 MW installato sui tetti dello stabilimento.

Vero asse portante di Aboca è la ricerca, che si coniuga  con il recupero di saperi tradizionali. “Le piante sono alla base di millenni di storia della medicina. Sono state abbandonate da 200 anni in favore delle molecole di sintesi, brevettabili, economiche e più facilmente gestibili rispetto alla complessità della natura”. A Sansepolcro si propongono di andare nel senso opposto, cercando, al contrario, di esplorare questa ricchezza delle piante, anche attraverso collaborazioni con numerose università italiane e straniere: “In questi giorni parte un progetto di ricerca di cinque anni con l’Università di Cambridge per lo studio delle piante e l’individuazione di nuovi principi attivi, anche attraverso l’inserimento di un nostro ricercatore presso il dipartimento di Bioinformatica”, aggiunge Mercati. Oggi nel settore R&D, su cui l’azienda investe ogni anno dal 5% al 7% del fatturato, lavorano 30 persone.

In molti casi, il punto di partenza per le sperimentazioni, condotte anche con l’aiuto delle più moderne tecnologie informatiche, arriva dallo studio degli utilizzi tradizionali delle erbe medicinali. Nel 2002, nel paese in provincia di Arezzo, è stato inaugurato il museo aziendale su piante e salute, che raccoglie oggetti e libri dell’antica tradizione erboristica: il cuore è proprio la cosiddetta Biblioteca Antiqua, una raccolta di oltre 1.000 volumi sull’utilizzo nella storia delle piante medicinali. Proprio dallo studio di queste pagine sono venuti gli spunti per prodotti innovativi, come nel caso di MeliLax, i microclismi a base di miele contro la stitichezza che sostituiscono i più tradizionali di glicerina. “Grazie alla ricerca storica Aboca ha potuto riscoprire i numerosi vantaggi per la salute dell’uomo che possono derivare dall’impiego del miele: per le popolazioni del Mediterraneo antico il miele costituiva la “fondamentale sostanza medicamentosa””, spiega l’azienda, che si sta anche concentrando sui prodotti che rallentano l’assorbimento dei carboidrati per contrastare il sovrappeso.

Dopo cinque anni di crisi, Aboca continua a crescere anche in paesi come la Grecia, “segno che i consumi non sempre diminuiscono, ma diventano più selettivi. In questo senso, la crisi rappresenta una grande opportunità per chi come noi non punta sulla produzione di massa”, commenta Mercati. Per incontrare il maggior interesse dei consumatori verso il benessere naturale e un nuovo equilibrio con l’ambiente, Aboca sta organizzando anche una serie di iniziative culturali e di sensibilizzazione e formazione. Tra queste c’è il progetto, realizzato in collaborazione con ISDE, l’Associazione dei Medici per l’Ambiente, del “Questionario di educazione alla salute in relazione all’ambiente”, per far conoscere i rischi ambientali e fornire consigli. E al rapporto con il mondo vegetale è dedicata anche la rassegna di eventi letterari, artistici e musicali “A seminar la buona pianta“, che dal 5 al 10 agosto farà tappa in Trentino con passeggiate alla ricerca di erbe medicinali, corsi di fitoterapia e serate con volti noti, da Serena Dandini a Stefano Benni.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende