Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Aboca: ritorno al futuro delle piante medicinali:

Aboca: ritorno al futuro delle piante medicinali

luglio 10, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

“Per chi come noi lavora con la natura, la sostenibilità non è una scelta, ma si identifica con l’identità, l’approccio stesso dell’azienda alle attività quotidiane”. Massimo Mercati è il direttore generale di Aboca, la principale azienda italiana di prodotti a base di piante medicinali. Il padre Valentino l’ha fondata nel 1978, come scelta di vita prima ancora che di lavoro: dopo aver acquistato una fattoria nell’aretino, la passione per l’agricoltura biologica e la medicina naturale hanno preso il sopravvento e si è consolidata l’idea che un nuovo rapporto tra uomo e natura potesse passare anche attraverso la cura della salute. Su quelle basi è nata un’impresa che oggi è presente in 15 Paesi, con 550 dipendenti e 80 milioni di euro di fatturato.

A partire dalle coltivazioni con metodo biologico. “Aboca è prima di tutto un’azienda agraria, con un filiera integrata che va dalla produzione delle materie prime alla commercializzazione dei prodotti finiti, per i quali usa solo materie prime naturali, senza nessun solvente o additivo chimico. In quest’ottica, diventa essenziale tutelare l’approvvigionamento, che ha rappresentato fin dall’inizio una delle sfide principali”. Da qui la scelta di escludere fin dall’inizio tutti i prodotti chimici di sintesi.

Alla fine degli anni Settanta, trovare materie prime di qualità e prive di residui di pesticidi e fertilizzanti non era sempre facile. E non lo è neanche oggi se si parla di piante esotiche che non crescono nel nostro clima. Oggi Aboca ha 1.000 ettari di terreni coltivati direttamente tra San Sepolcro e Rimini, la Val di Chiana e la Val Tiberina, dove vengono prodotte tutte le piante autoctone. “Altre, come il ginseng o il ginkgo, siamo costretti a comprarle. In questi casi, più della certificazione biologica, che può rivelarsi inattendibile, facciamo veri e propri accordi di filiera che disciplinino in modo preciso le modalità di coltivazione”, continua Mercati. Per questo, non tutti i prodotti Aboca vengono definiti biologici: “Dove per alcune piante non c’è certificazione, ma un accordo di filiera, preferiamo non spingerci a dichiarare biologico il prodotto”. Al metodo bio si uniscono interventi per la ridurre l’uso di acqua in agricoltura e l’utilizzo di energia fotovoltaica, grazie a un impianto da 1 MW installato sui tetti dello stabilimento.

Vero asse portante di Aboca è la ricerca, che si coniuga  con il recupero di saperi tradizionali. “Le piante sono alla base di millenni di storia della medicina. Sono state abbandonate da 200 anni in favore delle molecole di sintesi, brevettabili, economiche e più facilmente gestibili rispetto alla complessità della natura”. A Sansepolcro si propongono di andare nel senso opposto, cercando, al contrario, di esplorare questa ricchezza delle piante, anche attraverso collaborazioni con numerose università italiane e straniere: “In questi giorni parte un progetto di ricerca di cinque anni con l’Università di Cambridge per lo studio delle piante e l’individuazione di nuovi principi attivi, anche attraverso l’inserimento di un nostro ricercatore presso il dipartimento di Bioinformatica”, aggiunge Mercati. Oggi nel settore R&D, su cui l’azienda investe ogni anno dal 5% al 7% del fatturato, lavorano 30 persone.

In molti casi, il punto di partenza per le sperimentazioni, condotte anche con l’aiuto delle più moderne tecnologie informatiche, arriva dallo studio degli utilizzi tradizionali delle erbe medicinali. Nel 2002, nel paese in provincia di Arezzo, è stato inaugurato il museo aziendale su piante e salute, che raccoglie oggetti e libri dell’antica tradizione erboristica: il cuore è proprio la cosiddetta Biblioteca Antiqua, una raccolta di oltre 1.000 volumi sull’utilizzo nella storia delle piante medicinali. Proprio dallo studio di queste pagine sono venuti gli spunti per prodotti innovativi, come nel caso di MeliLax, i microclismi a base di miele contro la stitichezza che sostituiscono i più tradizionali di glicerina. “Grazie alla ricerca storica Aboca ha potuto riscoprire i numerosi vantaggi per la salute dell’uomo che possono derivare dall’impiego del miele: per le popolazioni del Mediterraneo antico il miele costituiva la “fondamentale sostanza medicamentosa””, spiega l’azienda, che si sta anche concentrando sui prodotti che rallentano l’assorbimento dei carboidrati per contrastare il sovrappeso.

Dopo cinque anni di crisi, Aboca continua a crescere anche in paesi come la Grecia, “segno che i consumi non sempre diminuiscono, ma diventano più selettivi. In questo senso, la crisi rappresenta una grande opportunità per chi come noi non punta sulla produzione di massa”, commenta Mercati. Per incontrare il maggior interesse dei consumatori verso il benessere naturale e un nuovo equilibrio con l’ambiente, Aboca sta organizzando anche una serie di iniziative culturali e di sensibilizzazione e formazione. Tra queste c’è il progetto, realizzato in collaborazione con ISDE, l’Associazione dei Medici per l’Ambiente, del “Questionario di educazione alla salute in relazione all’ambiente”, per far conoscere i rischi ambientali e fornire consigli. E al rapporto con il mondo vegetale è dedicata anche la rassegna di eventi letterari, artistici e musicali “A seminar la buona pianta“, che dal 5 al 10 agosto farà tappa in Trentino con passeggiate alla ricerca di erbe medicinali, corsi di fitoterapia e serate con volti noti, da Serena Dandini a Stefano Benni.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende