Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Aboca: ritorno al futuro delle piante medicinali:

Aboca: ritorno al futuro delle piante medicinali

luglio 10, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

“Per chi come noi lavora con la natura, la sostenibilità non è una scelta, ma si identifica con l’identità, l’approccio stesso dell’azienda alle attività quotidiane”. Massimo Mercati è il direttore generale di Aboca, la principale azienda italiana di prodotti a base di piante medicinali. Il padre Valentino l’ha fondata nel 1978, come scelta di vita prima ancora che di lavoro: dopo aver acquistato una fattoria nell’aretino, la passione per l’agricoltura biologica e la medicina naturale hanno preso il sopravvento e si è consolidata l’idea che un nuovo rapporto tra uomo e natura potesse passare anche attraverso la cura della salute. Su quelle basi è nata un’impresa che oggi è presente in 15 Paesi, con 550 dipendenti e 80 milioni di euro di fatturato.

A partire dalle coltivazioni con metodo biologico. “Aboca è prima di tutto un’azienda agraria, con un filiera integrata che va dalla produzione delle materie prime alla commercializzazione dei prodotti finiti, per i quali usa solo materie prime naturali, senza nessun solvente o additivo chimico. In quest’ottica, diventa essenziale tutelare l’approvvigionamento, che ha rappresentato fin dall’inizio una delle sfide principali”. Da qui la scelta di escludere fin dall’inizio tutti i prodotti chimici di sintesi.

Alla fine degli anni Settanta, trovare materie prime di qualità e prive di residui di pesticidi e fertilizzanti non era sempre facile. E non lo è neanche oggi se si parla di piante esotiche che non crescono nel nostro clima. Oggi Aboca ha 1.000 ettari di terreni coltivati direttamente tra San Sepolcro e Rimini, la Val di Chiana e la Val Tiberina, dove vengono prodotte tutte le piante autoctone. “Altre, come il ginseng o il ginkgo, siamo costretti a comprarle. In questi casi, più della certificazione biologica, che può rivelarsi inattendibile, facciamo veri e propri accordi di filiera che disciplinino in modo preciso le modalità di coltivazione”, continua Mercati. Per questo, non tutti i prodotti Aboca vengono definiti biologici: “Dove per alcune piante non c’è certificazione, ma un accordo di filiera, preferiamo non spingerci a dichiarare biologico il prodotto”. Al metodo bio si uniscono interventi per la ridurre l’uso di acqua in agricoltura e l’utilizzo di energia fotovoltaica, grazie a un impianto da 1 MW installato sui tetti dello stabilimento.

Vero asse portante di Aboca è la ricerca, che si coniuga  con il recupero di saperi tradizionali. “Le piante sono alla base di millenni di storia della medicina. Sono state abbandonate da 200 anni in favore delle molecole di sintesi, brevettabili, economiche e più facilmente gestibili rispetto alla complessità della natura”. A Sansepolcro si propongono di andare nel senso opposto, cercando, al contrario, di esplorare questa ricchezza delle piante, anche attraverso collaborazioni con numerose università italiane e straniere: “In questi giorni parte un progetto di ricerca di cinque anni con l’Università di Cambridge per lo studio delle piante e l’individuazione di nuovi principi attivi, anche attraverso l’inserimento di un nostro ricercatore presso il dipartimento di Bioinformatica”, aggiunge Mercati. Oggi nel settore R&D, su cui l’azienda investe ogni anno dal 5% al 7% del fatturato, lavorano 30 persone.

In molti casi, il punto di partenza per le sperimentazioni, condotte anche con l’aiuto delle più moderne tecnologie informatiche, arriva dallo studio degli utilizzi tradizionali delle erbe medicinali. Nel 2002, nel paese in provincia di Arezzo, è stato inaugurato il museo aziendale su piante e salute, che raccoglie oggetti e libri dell’antica tradizione erboristica: il cuore è proprio la cosiddetta Biblioteca Antiqua, una raccolta di oltre 1.000 volumi sull’utilizzo nella storia delle piante medicinali. Proprio dallo studio di queste pagine sono venuti gli spunti per prodotti innovativi, come nel caso di MeliLax, i microclismi a base di miele contro la stitichezza che sostituiscono i più tradizionali di glicerina. “Grazie alla ricerca storica Aboca ha potuto riscoprire i numerosi vantaggi per la salute dell’uomo che possono derivare dall’impiego del miele: per le popolazioni del Mediterraneo antico il miele costituiva la “fondamentale sostanza medicamentosa””, spiega l’azienda, che si sta anche concentrando sui prodotti che rallentano l’assorbimento dei carboidrati per contrastare il sovrappeso.

Dopo cinque anni di crisi, Aboca continua a crescere anche in paesi come la Grecia, “segno che i consumi non sempre diminuiscono, ma diventano più selettivi. In questo senso, la crisi rappresenta una grande opportunità per chi come noi non punta sulla produzione di massa”, commenta Mercati. Per incontrare il maggior interesse dei consumatori verso il benessere naturale e un nuovo equilibrio con l’ambiente, Aboca sta organizzando anche una serie di iniziative culturali e di sensibilizzazione e formazione. Tra queste c’è il progetto, realizzato in collaborazione con ISDE, l’Associazione dei Medici per l’Ambiente, del “Questionario di educazione alla salute in relazione all’ambiente”, per far conoscere i rischi ambientali e fornire consigli. E al rapporto con il mondo vegetale è dedicata anche la rassegna di eventi letterari, artistici e musicali “A seminar la buona pianta“, che dal 5 al 10 agosto farà tappa in Trentino con passeggiate alla ricerca di erbe medicinali, corsi di fitoterapia e serate con volti noti, da Serena Dandini a Stefano Benni.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende