Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Aboca: ritorno al futuro delle piante medicinali:

Aboca: ritorno al futuro delle piante medicinali

luglio 10, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

“Per chi come noi lavora con la natura, la sostenibilità non è una scelta, ma si identifica con l’identità, l’approccio stesso dell’azienda alle attività quotidiane”. Massimo Mercati è il direttore generale di Aboca, la principale azienda italiana di prodotti a base di piante medicinali. Il padre Valentino l’ha fondata nel 1978, come scelta di vita prima ancora che di lavoro: dopo aver acquistato una fattoria nell’aretino, la passione per l’agricoltura biologica e la medicina naturale hanno preso il sopravvento e si è consolidata l’idea che un nuovo rapporto tra uomo e natura potesse passare anche attraverso la cura della salute. Su quelle basi è nata un’impresa che oggi è presente in 15 Paesi, con 550 dipendenti e 80 milioni di euro di fatturato.

A partire dalle coltivazioni con metodo biologico. “Aboca è prima di tutto un’azienda agraria, con un filiera integrata che va dalla produzione delle materie prime alla commercializzazione dei prodotti finiti, per i quali usa solo materie prime naturali, senza nessun solvente o additivo chimico. In quest’ottica, diventa essenziale tutelare l’approvvigionamento, che ha rappresentato fin dall’inizio una delle sfide principali”. Da qui la scelta di escludere fin dall’inizio tutti i prodotti chimici di sintesi.

Alla fine degli anni Settanta, trovare materie prime di qualità e prive di residui di pesticidi e fertilizzanti non era sempre facile. E non lo è neanche oggi se si parla di piante esotiche che non crescono nel nostro clima. Oggi Aboca ha 1.000 ettari di terreni coltivati direttamente tra San Sepolcro e Rimini, la Val di Chiana e la Val Tiberina, dove vengono prodotte tutte le piante autoctone. “Altre, come il ginseng o il ginkgo, siamo costretti a comprarle. In questi casi, più della certificazione biologica, che può rivelarsi inattendibile, facciamo veri e propri accordi di filiera che disciplinino in modo preciso le modalità di coltivazione”, continua Mercati. Per questo, non tutti i prodotti Aboca vengono definiti biologici: “Dove per alcune piante non c’è certificazione, ma un accordo di filiera, preferiamo non spingerci a dichiarare biologico il prodotto”. Al metodo bio si uniscono interventi per la ridurre l’uso di acqua in agricoltura e l’utilizzo di energia fotovoltaica, grazie a un impianto da 1 MW installato sui tetti dello stabilimento.

Vero asse portante di Aboca è la ricerca, che si coniuga  con il recupero di saperi tradizionali. “Le piante sono alla base di millenni di storia della medicina. Sono state abbandonate da 200 anni in favore delle molecole di sintesi, brevettabili, economiche e più facilmente gestibili rispetto alla complessità della natura”. A Sansepolcro si propongono di andare nel senso opposto, cercando, al contrario, di esplorare questa ricchezza delle piante, anche attraverso collaborazioni con numerose università italiane e straniere: “In questi giorni parte un progetto di ricerca di cinque anni con l’Università di Cambridge per lo studio delle piante e l’individuazione di nuovi principi attivi, anche attraverso l’inserimento di un nostro ricercatore presso il dipartimento di Bioinformatica”, aggiunge Mercati. Oggi nel settore R&D, su cui l’azienda investe ogni anno dal 5% al 7% del fatturato, lavorano 30 persone.

In molti casi, il punto di partenza per le sperimentazioni, condotte anche con l’aiuto delle più moderne tecnologie informatiche, arriva dallo studio degli utilizzi tradizionali delle erbe medicinali. Nel 2002, nel paese in provincia di Arezzo, è stato inaugurato il museo aziendale su piante e salute, che raccoglie oggetti e libri dell’antica tradizione erboristica: il cuore è proprio la cosiddetta Biblioteca Antiqua, una raccolta di oltre 1.000 volumi sull’utilizzo nella storia delle piante medicinali. Proprio dallo studio di queste pagine sono venuti gli spunti per prodotti innovativi, come nel caso di MeliLax, i microclismi a base di miele contro la stitichezza che sostituiscono i più tradizionali di glicerina. “Grazie alla ricerca storica Aboca ha potuto riscoprire i numerosi vantaggi per la salute dell’uomo che possono derivare dall’impiego del miele: per le popolazioni del Mediterraneo antico il miele costituiva la “fondamentale sostanza medicamentosa””, spiega l’azienda, che si sta anche concentrando sui prodotti che rallentano l’assorbimento dei carboidrati per contrastare il sovrappeso.

Dopo cinque anni di crisi, Aboca continua a crescere anche in paesi come la Grecia, “segno che i consumi non sempre diminuiscono, ma diventano più selettivi. In questo senso, la crisi rappresenta una grande opportunità per chi come noi non punta sulla produzione di massa”, commenta Mercati. Per incontrare il maggior interesse dei consumatori verso il benessere naturale e un nuovo equilibrio con l’ambiente, Aboca sta organizzando anche una serie di iniziative culturali e di sensibilizzazione e formazione. Tra queste c’è il progetto, realizzato in collaborazione con ISDE, l’Associazione dei Medici per l’Ambiente, del “Questionario di educazione alla salute in relazione all’ambiente”, per far conoscere i rischi ambientali e fornire consigli. E al rapporto con il mondo vegetale è dedicata anche la rassegna di eventi letterari, artistici e musicali “A seminar la buona pianta“, che dal 5 al 10 agosto farà tappa in Trentino con passeggiate alla ricerca di erbe medicinali, corsi di fitoterapia e serate con volti noti, da Serena Dandini a Stefano Benni.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende