Home » Rubriche »Very Important Planet » Aborro gli estremismi. Intervista a Giampiero Mughini:

Aborro gli estremismi. Intervista a Giampiero Mughini

maggio 27, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Graffiante come un giaguaro, in tutto ciò che dice. Dal calcio alla politica, dalla letteratura all’arte, Giampiero Mughini sa sempre come distinguersi. Ironico e coraggioso, il celebre juventino doc (uno dei più polemici e talvolta scomodi della tv), dopo l’esperienza da giornalista, oggi fa il mestiere dell’opinionista. E anche parlando di ambiente e sostenibilità non trattiene le sue più temerarie posizioni.

D) Mughini, fanatico o indifferente verso i problemi dell’ambiente?

R) Non sono un fanatico di nessuna cosa al mondo, perché nel fanatismo c’è mancanza di misura e questo non è buono. Sono certamente attento alle questioni ambientali, ma lo faccio sgravandomi in partenza da una responsabilità: non so guidare. Ragione per cui direi che sono uno dei più ecologici cittadini d’Europa. Inquino minimamente.

D) Quindi, come si sposta?

R) Prendo l’autobus. Ma non per amore del prossimo, o per ridurre l’impatto ambientale. Proprio perché non ho mai preso la patente.

D) Se l’avesse, che auto sceglierebbe? Suv o utilitaria? Non ci nasconda un certo amore per le cose eccentriche ed esclusive…

R) Non so, ma mi preoccuperei moltissimo del tasso d’inquinamento determinato dalla mia auto. D’altronde, però, chi pensa che la Terra in cui abitano 6 miliardi e 300 milioni di esseri umani sia preservata allo stesso modo in cui lo era con 300 mila persone, è un folle. La gente si deve riscaldare, deve poter usare la macchina come vuole. La civiltà comporta un equilibrio tra vari fattori e valori. La somma non può essere zero.

D) Lei vive a Roma. Le è mai capitato di lamentarsi dell’inquinamento?

R) La Capitale è casa mia. Ci mancherebbe se mi metto a criticarla. Il mio appartamento è nel quartiere di Monteverde, che come dice la parola è pieno di parchi. Non dico di essere un privilegiato, ma qualcosa del genere. Chi ha la sfortuna di vivere in via Padova a Milano ha ragioni d’invidiarmi.

D) E sulla pulizia, niente da dire?

R) Non parliamone proprio. La cosiddetta “gente”, gli italiani medi sono delle bestie. Io aprirei Guantanamo, per mandarci quegli esseri che nella mia città  gettano a terra pezzi di qualunque cosa, dai panini scaraventati con tanto di plastica al suolo ai mozziconi di sigarette. Ripeto, aprirei Guantanamo.

D) Non le sembra di esagerare?

R) No, sono realista. La pulizia di Roma non dipende da un cattivo destino o dalla mancanza di cestini e bidoni. Prima non me ne accorgevo. Ora che ho comprato un cane, una setterina inglese (si chiama BB, come Brigitte Bardot) la porto a passeggio e mi capita di osservare cosa c’è sui marciapiedi. O meglio, cosa non c’è. Facciamo un esempio…dicevo che mi muovo in pullman? Bene. Per me è ovvio, una volta sceso dall’autobus con il ticket in mano, arrotolarlo e buttarlo nell’immondizia. E invece la gente cosa fa? Lo getta a terra. Perché? Non mi so dare una risposta. C’è un cestino ogni 15 metri! Si tratta di urbanità!

D) Ha mai pensato di diventare vegetariano?

R) No. Perché penso che tutti questi movimenti, tanto di moda, da francescani scalzi siano delle cialtronate. Forme di esasperazione che mi fanno ridere. Inoltre, penso che se domani mattina decidessi di diventarlo, non cambierebbe nulla nella sorte delle bestie ipoteticamente non maciullate con la mia alimentazione. E poi, me lo lasci dire: non è che gli esseri umani possano alloggiare gli animali gratis. Le distese d’erba non sono infinite.

D) Critico anche nei confronti dei nuovi movimenti mondiali che invitano alla sostenibilità e al risparmio, riconvertendo le energie dal petrolio alle fonti “verdi”?

R) La vita “green” è un equilibrio, un compromesso. Non si può essere solo “green”. C’è una parola che mi piace molto pronunciare: inciucio. Bisogna inciuciare gli interessi dell’industria con ogni altra volontà contraria. E’ del tutto evidente che si debba risparmiare nei costi e nelle risorse. Ma chi glielo va a spiegare ai dipendenti di un’azienda costretta a chiudere o a lasciare lavoratori in cassa integrazione, perché obbligata a riconvertirsi, che lo stanno facendo a fin di bene, anche se sulla loro pelle? Questo è il vero dilemma di una democrazia occidentale. Equilibrio misura, passettini. Il paradiso non è di questa terra.

D) L’inquinamento crescente si deve fronteggiare, in qualche modo…

R) Non è da sottovalutare. Ma è molto complicato decidere come ridurlo. Certo, rispetto all’Iran, in Italia si vive meglio. Rispetto all’Europa, si vive meglio in Olanda, dove c’è un’invasione di biciclette.

D) Il paradiso terrestre non esiste, dice lei. Ma se ci fosse, che caratteristiche dovrebbe avere?

R) Vorrei essere un residente di una grande città europea, piena di librerie, cinema, gallerie d’arte e parchi per andare a far passeggiare la mia cagnetta. Fortuna che nel mio quartiere queste componenti, anche se in piccolo, ci sono tutte.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende