Home » Rubriche »Very Important Planet » Aborro gli estremismi. Intervista a Giampiero Mughini:

Aborro gli estremismi. Intervista a Giampiero Mughini

maggio 27, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Graffiante come un giaguaro, in tutto ciò che dice. Dal calcio alla politica, dalla letteratura all’arte, Giampiero Mughini sa sempre come distinguersi. Ironico e coraggioso, il celebre juventino doc (uno dei più polemici e talvolta scomodi della tv), dopo l’esperienza da giornalista, oggi fa il mestiere dell’opinionista. E anche parlando di ambiente e sostenibilità non trattiene le sue più temerarie posizioni.

D) Mughini, fanatico o indifferente verso i problemi dell’ambiente?

R) Non sono un fanatico di nessuna cosa al mondo, perché nel fanatismo c’è mancanza di misura e questo non è buono. Sono certamente attento alle questioni ambientali, ma lo faccio sgravandomi in partenza da una responsabilità: non so guidare. Ragione per cui direi che sono uno dei più ecologici cittadini d’Europa. Inquino minimamente.

D) Quindi, come si sposta?

R) Prendo l’autobus. Ma non per amore del prossimo, o per ridurre l’impatto ambientale. Proprio perché non ho mai preso la patente.

D) Se l’avesse, che auto sceglierebbe? Suv o utilitaria? Non ci nasconda un certo amore per le cose eccentriche ed esclusive…

R) Non so, ma mi preoccuperei moltissimo del tasso d’inquinamento determinato dalla mia auto. D’altronde, però, chi pensa che la Terra in cui abitano 6 miliardi e 300 milioni di esseri umani sia preservata allo stesso modo in cui lo era con 300 mila persone, è un folle. La gente si deve riscaldare, deve poter usare la macchina come vuole. La civiltà comporta un equilibrio tra vari fattori e valori. La somma non può essere zero.

D) Lei vive a Roma. Le è mai capitato di lamentarsi dell’inquinamento?

R) La Capitale è casa mia. Ci mancherebbe se mi metto a criticarla. Il mio appartamento è nel quartiere di Monteverde, che come dice la parola è pieno di parchi. Non dico di essere un privilegiato, ma qualcosa del genere. Chi ha la sfortuna di vivere in via Padova a Milano ha ragioni d’invidiarmi.

D) E sulla pulizia, niente da dire?

R) Non parliamone proprio. La cosiddetta “gente”, gli italiani medi sono delle bestie. Io aprirei Guantanamo, per mandarci quegli esseri che nella mia città  gettano a terra pezzi di qualunque cosa, dai panini scaraventati con tanto di plastica al suolo ai mozziconi di sigarette. Ripeto, aprirei Guantanamo.

D) Non le sembra di esagerare?

R) No, sono realista. La pulizia di Roma non dipende da un cattivo destino o dalla mancanza di cestini e bidoni. Prima non me ne accorgevo. Ora che ho comprato un cane, una setterina inglese (si chiama BB, come Brigitte Bardot) la porto a passeggio e mi capita di osservare cosa c’è sui marciapiedi. O meglio, cosa non c’è. Facciamo un esempio…dicevo che mi muovo in pullman? Bene. Per me è ovvio, una volta sceso dall’autobus con il ticket in mano, arrotolarlo e buttarlo nell’immondizia. E invece la gente cosa fa? Lo getta a terra. Perché? Non mi so dare una risposta. C’è un cestino ogni 15 metri! Si tratta di urbanità!

D) Ha mai pensato di diventare vegetariano?

R) No. Perché penso che tutti questi movimenti, tanto di moda, da francescani scalzi siano delle cialtronate. Forme di esasperazione che mi fanno ridere. Inoltre, penso che se domani mattina decidessi di diventarlo, non cambierebbe nulla nella sorte delle bestie ipoteticamente non maciullate con la mia alimentazione. E poi, me lo lasci dire: non è che gli esseri umani possano alloggiare gli animali gratis. Le distese d’erba non sono infinite.

D) Critico anche nei confronti dei nuovi movimenti mondiali che invitano alla sostenibilità e al risparmio, riconvertendo le energie dal petrolio alle fonti “verdi”?

R) La vita “green” è un equilibrio, un compromesso. Non si può essere solo “green”. C’è una parola che mi piace molto pronunciare: inciucio. Bisogna inciuciare gli interessi dell’industria con ogni altra volontà contraria. E’ del tutto evidente che si debba risparmiare nei costi e nelle risorse. Ma chi glielo va a spiegare ai dipendenti di un’azienda costretta a chiudere o a lasciare lavoratori in cassa integrazione, perché obbligata a riconvertirsi, che lo stanno facendo a fin di bene, anche se sulla loro pelle? Questo è il vero dilemma di una democrazia occidentale. Equilibrio misura, passettini. Il paradiso non è di questa terra.

D) L’inquinamento crescente si deve fronteggiare, in qualche modo…

R) Non è da sottovalutare. Ma è molto complicato decidere come ridurlo. Certo, rispetto all’Iran, in Italia si vive meglio. Rispetto all’Europa, si vive meglio in Olanda, dove c’è un’invasione di biciclette.

D) Il paradiso terrestre non esiste, dice lei. Ma se ci fosse, che caratteristiche dovrebbe avere?

R) Vorrei essere un residente di una grande città europea, piena di librerie, cinema, gallerie d’arte e parchi per andare a far passeggiare la mia cagnetta. Fortuna che nel mio quartiere queste componenti, anche se in piccolo, ci sono tutte.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende