Home » Rubriche »Very Important Planet » Aborro gli estremismi. Intervista a Giampiero Mughini:

Aborro gli estremismi. Intervista a Giampiero Mughini

maggio 27, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Graffiante come un giaguaro, in tutto ciò che dice. Dal calcio alla politica, dalla letteratura all’arte, Giampiero Mughini sa sempre come distinguersi. Ironico e coraggioso, il celebre juventino doc (uno dei più polemici e talvolta scomodi della tv), dopo l’esperienza da giornalista, oggi fa il mestiere dell’opinionista. E anche parlando di ambiente e sostenibilità non trattiene le sue più temerarie posizioni.

D) Mughini, fanatico o indifferente verso i problemi dell’ambiente?

R) Non sono un fanatico di nessuna cosa al mondo, perché nel fanatismo c’è mancanza di misura e questo non è buono. Sono certamente attento alle questioni ambientali, ma lo faccio sgravandomi in partenza da una responsabilità: non so guidare. Ragione per cui direi che sono uno dei più ecologici cittadini d’Europa. Inquino minimamente.

D) Quindi, come si sposta?

R) Prendo l’autobus. Ma non per amore del prossimo, o per ridurre l’impatto ambientale. Proprio perché non ho mai preso la patente.

D) Se l’avesse, che auto sceglierebbe? Suv o utilitaria? Non ci nasconda un certo amore per le cose eccentriche ed esclusive…

R) Non so, ma mi preoccuperei moltissimo del tasso d’inquinamento determinato dalla mia auto. D’altronde, però, chi pensa che la Terra in cui abitano 6 miliardi e 300 milioni di esseri umani sia preservata allo stesso modo in cui lo era con 300 mila persone, è un folle. La gente si deve riscaldare, deve poter usare la macchina come vuole. La civiltà comporta un equilibrio tra vari fattori e valori. La somma non può essere zero.

D) Lei vive a Roma. Le è mai capitato di lamentarsi dell’inquinamento?

R) La Capitale è casa mia. Ci mancherebbe se mi metto a criticarla. Il mio appartamento è nel quartiere di Monteverde, che come dice la parola è pieno di parchi. Non dico di essere un privilegiato, ma qualcosa del genere. Chi ha la sfortuna di vivere in via Padova a Milano ha ragioni d’invidiarmi.

D) E sulla pulizia, niente da dire?

R) Non parliamone proprio. La cosiddetta “gente”, gli italiani medi sono delle bestie. Io aprirei Guantanamo, per mandarci quegli esseri che nella mia città  gettano a terra pezzi di qualunque cosa, dai panini scaraventati con tanto di plastica al suolo ai mozziconi di sigarette. Ripeto, aprirei Guantanamo.

D) Non le sembra di esagerare?

R) No, sono realista. La pulizia di Roma non dipende da un cattivo destino o dalla mancanza di cestini e bidoni. Prima non me ne accorgevo. Ora che ho comprato un cane, una setterina inglese (si chiama BB, come Brigitte Bardot) la porto a passeggio e mi capita di osservare cosa c’è sui marciapiedi. O meglio, cosa non c’è. Facciamo un esempio…dicevo che mi muovo in pullman? Bene. Per me è ovvio, una volta sceso dall’autobus con il ticket in mano, arrotolarlo e buttarlo nell’immondizia. E invece la gente cosa fa? Lo getta a terra. Perché? Non mi so dare una risposta. C’è un cestino ogni 15 metri! Si tratta di urbanità!

D) Ha mai pensato di diventare vegetariano?

R) No. Perché penso che tutti questi movimenti, tanto di moda, da francescani scalzi siano delle cialtronate. Forme di esasperazione che mi fanno ridere. Inoltre, penso che se domani mattina decidessi di diventarlo, non cambierebbe nulla nella sorte delle bestie ipoteticamente non maciullate con la mia alimentazione. E poi, me lo lasci dire: non è che gli esseri umani possano alloggiare gli animali gratis. Le distese d’erba non sono infinite.

D) Critico anche nei confronti dei nuovi movimenti mondiali che invitano alla sostenibilità e al risparmio, riconvertendo le energie dal petrolio alle fonti “verdi”?

R) La vita “green” è un equilibrio, un compromesso. Non si può essere solo “green”. C’è una parola che mi piace molto pronunciare: inciucio. Bisogna inciuciare gli interessi dell’industria con ogni altra volontà contraria. E’ del tutto evidente che si debba risparmiare nei costi e nelle risorse. Ma chi glielo va a spiegare ai dipendenti di un’azienda costretta a chiudere o a lasciare lavoratori in cassa integrazione, perché obbligata a riconvertirsi, che lo stanno facendo a fin di bene, anche se sulla loro pelle? Questo è il vero dilemma di una democrazia occidentale. Equilibrio misura, passettini. Il paradiso non è di questa terra.

D) L’inquinamento crescente si deve fronteggiare, in qualche modo…

R) Non è da sottovalutare. Ma è molto complicato decidere come ridurlo. Certo, rispetto all’Iran, in Italia si vive meglio. Rispetto all’Europa, si vive meglio in Olanda, dove c’è un’invasione di biciclette.

D) Il paradiso terrestre non esiste, dice lei. Ma se ci fosse, che caratteristiche dovrebbe avere?

R) Vorrei essere un residente di una grande città europea, piena di librerie, cinema, gallerie d’arte e parchi per andare a far passeggiare la mia cagnetta. Fortuna che nel mio quartiere queste componenti, anche se in piccolo, ci sono tutte.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende