Home » Bollettino Europa »Rubriche » Accordo di Parigi: UE ratifica. Ma cosa succede se un Parlamento nazionale non firma?:

Accordo di Parigi: UE ratifica. Ma cosa succede se un Parlamento nazionale non firma?

ottobre 10, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Dopo Cina e Stati Uniti anche l’Unione Europea ha ratificato l’accordo sul clima raggiunto alla COP21 di Parigi, con l’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2 gradi centrigradi rispetto ai livelli pre-industriali.

Fautrice dell’accordo sin dai primi incontri preparatori, l’UE era rimasta indietro. Il ritardo era stato richiamato dalla Commissione Ambiente del Parlamento Europeo che, con una maggioranza schiacciante (47 voti a favore e un solo contrario), aveva votato una relazione invitando il Consiglio ad adottare tutte le misure necessarie per mettere a punto la posizione di ratifica dell’Accordo, insieme con i processi di ratifica nazionali nei singoli Stati Membri.

Dopo il via libera ottenuto dai Ministri dell’Ambiente dei 28 paesi membri UE, anche l’Europarlamento, riunito in sessione plenaria a Strasburgo il 4 ottobre, è quindi giunto (un po’all’ultimo minuto) all’attesa autorizzazione della ratifica. Mentre l’esecutivo comunitario ha già presentato la sua proposta legislativa per un impegno UE a ridurre le emissioni nell’Unione di almeno il 40% entro il 2030.

Ma è qui che scatta il cortocircuito. L’ambiente in generale (e quindi anche la politica climatica) è una competenza condivisa tra l’Unione Europea e gli Stati Membri. Secondo quanto scritto nei trattati, quindi, a differenza delle aree di competenza esclusiva (le azioni legate al commercio e al mercato unico), in questo caso per far valere le regole non basta l’ok comune delle istituzioni Europee, serve anche il passaggio autorizzativo nei singoli parlamenti nazionali. In sintesi, non si tratta cioè di materie in cui l’UE possa imporre direttamente ai Paesi obblighi e oneri.

A lungo si è discusso circa le modalità di ratifica da parte dell’UE. Non era chiaro, infatti, se si sarebbero dovute attendere le ratifiche nazionali da parte di tutti gli Stati Membri prima di depositare lo strumento di ratifica comunitario. L’UE, in sede negoziale, agisce infatti come un unico blocco ed è considerata come “un solo Paese”. Da un punto di vista prettamente tecnico, infatti, pare che non fosse necessaria una preventiva approvazione da parte dei 28 affinché l’UE potesse ratificare. Per altro, anche ragioni di opportunità politica hanno suggerito come strategia migliore quella di deliberare una ratifica dell’UE prima ancora che tutti i singoli Stati Membri ultimassero, a livello nazionale, le proprie procedure di ratifica, per mandare un chiaro segnale di supporto al trattato.

Però, cosa succederebbe adesso se un’assemblea nazionale rifiutasse di ratificare l’accordo? “Non mi aspetto che succeda, ma se dovesse accadere sapremo farvi fronte”, ha liquidato brevemente il Commissario al clima Miguel Cañete. Nei fatti, si aprirebbe uno scenario piuttosto inedito ma del tutto possibile. Si prenda, per esempio, il caso della Polonia (la più avversa all’accordo, insieme all’Italia!). La repubblica dell’est Europa ricava il 90% della sua energia elettrica dal carbone e considera gli accordi di Parigi come una minaccia al proprio sviluppo economico…

Allo stato attuale le ratifiche comunitarie sono solo 7: Slovacchia, Francia, Ungheria, Germania, Malta, Austria e Portogallo che portano a 74 i Paesi che hanno ratificato l’Accordo di Parigi. Ben oltre i 55 necessari, per un totale di emissioni del 58,82%, oltre il 55% richiesto affinché il trattato entri ufficialmente in vigore. A conti fatti, a meno di un anno dalla COP21 il trattato diventa dunque già operativo. Ma la tortuosa procedura giuridica di approvazione si riflette anche nel conteggio delle emissioni. Nel contatore delle emissioni per l’entrata in vigore dell’accordo, infatti, sono state considerate solo le emissioni dei 7 e non quelle dell’intera Unione. La soglia è stata quindi ugualmente superata grazie alla concomitante ratifica da parte del Canada.

Alla prossima conferenza sul clima prevista in Marocco, a Marrakech, dal 7 al 18 novembre, potranno però partecipare solo i Paesi che concluderanno il percorso approvativo in tempo utile. Chi rischia di stare a guardare, come mero “osservatore”, è quindi l’Italia, nonostante le pressioni esercitate sul Governo, nelle ultime settimane, da numerose associazioni ambientaliste e la petizione pro-firma lanciata dall’ex Ministro Alfonso Pecoraro Scanio su Change.orgIl Disegno di legge di ratifica, tardivamente approvato dal Consiglio dei Ministri del 4 ottobre, non ha, infatti, ancora iniziato l’iter alle Camere. Il WWF si appella ai Presidenti delle due Camere, Pietro Grasso e Laura Boldrini, perché il provvedimento abbia una corsia davvero veloce, consentendo all’Italia di sedere a pieno titolo alla riunione delle parti contraenti dell’accordo in cui si decidono le questioni inerenti la procedura e l’attuazione del trattato.

Secondo alcuni osservatori questi ritardi non sarebbero casuali, ma rifletterebbero la posizione ambigua assunta dall’Italia durante le negoziazioni. L’Italia, infatti, non si è mai schierata in maniera palesemente contraria, ma ha cercato, in più occasioni, di ritardare la ratifica per ottenere target nazionali blandi in cambio del proprio sì. Altri sottolineano, al contrario, che non è possibile ignorare il fatto che le proposte della Commissione Europea per la suddivisione, tra gli Stati Membri, dell’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra al 2030 (“Effort Sharing Regulation” e “LULUCF Regulation”), sembrino effettivamente penalizzare l’Italia. Secondo l’attuale proposta, per esempio, l’Italia risulterebbe l’unico Paese con PIL al di sotto della media UE ad avere assegnato un target superiore della media UE, pur avendo già raggiunto l’obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2020 a differenza di altri Paesi, come la Germania, che, sebbene ancora lontani dal raggiungimento dei loro obiettivi di riduzione, sono avvantaggiati dalla proposta della Commissione. Polemiche che riportano, ancora una volta, ad una “piccola” dimensione, priva di lungimiranza e di reale convinzione politica nel cambiare modello di sviluppo.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende