Home » Bollettino Europa »Rubriche » Accordo di Parigi: una firma che fa fine e non impegna:

Accordo di Parigi: una firma che fa fine e non impegna

aprile 25, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Il mese scorso si è registrato il marzo più caldo che mai, dopo 11 mesi consecutivi di temperature record. Una delle peggiori siccità ha colpito l’Africa orientale e meridionale, il 93% della Grande Barriera Corallina è stato colpito dallo sbiancamento dei coralli e la calotta glaciale della Groenlandia sta affrontando una stagione anticipata di fusione dei ghiacci, con temperature record che hanno sfiorato i 20°C sopra la media.

Sono solo alcuni dei più recenti effetti del cambiamento climatico e si tratta del triste panorama contemporaneo in cui si è appena tenuta presso la sede delle Nazioni Unite di New York – in occasione della Giornata della Terra 2016 – la cerimonia della firma dell’accordo di Parigi, che ruota intorno all’impegno collettivo di mantenere il riscaldamento globale a 1,5°C rispetto all’era pre-industriale.

Definito a dicembre, prima di entrare in vigore servono le ratifiche dei differenti Paesi. Per la prima volta nella storia dell’ONU oltre 175 Stati firmano un accordo internazionale il primo giorno in cui viene aperto alla firma. Gli Alti rappresentanti dei Governi, inoltre, hanno parlato con spirito positivo sottolineando l’impegno ad agire rapidamente per rendere l’Accordo di Parigi una realtà, e affermando che la volontà politica non è mai stata così forte come ora.

Sembrerebbe una partenza promettente. Ma se, al di là delle dichiarazioni in pompa magna, due sono i dettagli da sottolineare. Il Primo, di questi Paesi firmatari solo 15 – per lo più gli stati insulari maggiormente minacciati dall’innalzamento del livello degli oceani – hanno già ratificato il trattato. La maggior parte degli Stati ha, infatti, bisogno di portare il documento firmato a casa e mettere in atto le procedure di ratifica, che nella maggior parte dei casi richiedono una preliminare discussione parlamentare. Inoltre, gli impegni a livello nazionale presentati da gran parte dei Paesi partecipanti alla COP 21, sono insufficienti a raggiungere i target dell’accordo.

Il secondo riguarda l’Unione Europea. Se stringiamo lo zoom sul Vecchio Continente il discorso diventa ben più complicato e fosco. Lontano da essere una vero leader e una efficace trascinatrice, l’UE è impantanata nella ‘distribuzione’ dei target nazionali di riduzione della CO2. Di solito apripista, l’Europa è oggi bloccata in attesa del pacchetto legislativo per il 2030 lanciato prima dell’estate.

Il piano di Bruxelles è quello di presentare insieme sia la proposta di ratifica dell’accordo di Parigi sia gli obiettivi nazionali al 2030 di riduzione di CO2 per i settori non coperti dal mercato europeo delle emissioni (ETS), come agricoltura, trasporti e edilizia. Tuttavia, persino il non brillante Commissario al Clima Miguel Arias Canete è consapevole che il processo per assicurarsi il sostegno di 28 Governi diversi e 29 Parlamenti, inclusa l’Eurocamera, “prenderà del tempo”, ha detto alla cerimonia di New York.

Anche dentro i palazzi UE la voce non è unanime. “Dopo Parigi tutto il mondo si sta muovendo tranne l’UE”, spiega Bas Eickhout, vicepresidente del gruppo dei Verdi all’Europarlamento. Usa e Cina hanno già annunciato di voler ratificare l’accordo quest’anno, probabilmente intorno a settembre, in concomitanza con l’Assemblea Generale dell’Onu. “Questi due Paesi insieme contano circa il 40% delle emissioni, che con l’India diventano il 45%” afferma Eickhout, secondo cui “se si dovesse aggiungere anche il Giappone, dietro pressione degli Usa, l’entrata in vigore nel 2016 o 2017 diventa probabile, senza l’UE“. Siccome per entrare in vigore, l’intesa salva-clima ha bisogno della ratifica di 55 Paesi che coprano almeno il 55% delle emissioni globali, uno scenario verosimile è che questo possa avvenire senza il blocco dei 28 Paesi. Che, oltre a perdere credibilità come leader, potrebbe rimanere tagliato fuori dalle prime decisioni chiave su regole e procedure. Di tutt’altro avviso, invece, Giovanni La Via, Presidente della commissione Ambiente dell’Europarlamento. “Siamo 28 Paesi, è normale che il processo di ratifica sia più complesso e questa non è una gara, quello che conta è l’obiettivo, che si consegue insieme”, ha affermato.

Da notare, inoltre, che la battaglia a livello diplomatico non si è esaurita con Parigi. Perché dall’accordo è rimasta fuori la riduzione delle emissioni nei settori dei trasporti aerei e marittimi. Un dibattito che deve essere assolutamente affrontato a livello mondiale ma ostacolato dall’Organizzazione Internazionale Marittima e da quella dell’Aviazione Civile (Imo e Icao), ancora lontane dal varare una misura globale taglia-CO2. Ma anche su questo fronte pare che l’UE non stia al passo. Sempre secondo Eickhout l’Europa è concentrata su altri dossier, e non sta facendo grandi pressioni.

In questo contesto di paralisi l’Italia potrebbe giocare un ruolo importante in seno al G7, di cui ha la presidenza l’anno prossimo. Ma il disinteresse del presidente del consiglio per i temi ambientali è emerso con tutta evidenza in occasione del referendum sulle trivelle.

L’Accordo di Parigi resterà ora aperto per raccogliere altre firme per un anno, fino al 21 aprile 2017. Ma il presidente francese Hollande, come Paese ospite della COP21, ha detto chiaramente che si deve puntare all’entrata in vigore entro la fine dell’anno. I negoziatori sulla Convenzione ONU sul Clima, intanto, si incontreranno il mese prossimo a Bonn, in Germania, per iniziare a porre le basi per rendere operativo l’accordo.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende