Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Acqua e alghe per biocarburanti e cosmetici dai fanghi di scarico. I brevetti del biologo Maurizio Giannotti:

Acqua e alghe per biocarburanti e cosmetici dai fanghi di scarico. I brevetti del biologo Maurizio Giannotti

luglio 26, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

“Dai diamanti non nasce niente… dal letame nascono i fior”. Parafrasando il mitico Fabrizio De Andrè, potremmo dire che dagli scarichi fognari si può ottenere acqua buona e micro alghe. Buone per estrarre olio vegetale che può sostituire l’olio di palma nei biocarburanti, preservando così lo sfruttamento del suolo, ma offrendo anche vitamine, proteine, carboidrati utilizzati nella cosmetica o per la produzione di bioplastiche.

Non è fantascienza, è l’ultimo brevetto di Maurizio Giannotti, biologo di Viterbo, classe 1955, laureato a Pisa, che da quasi 40 anni pensa e realizza sistemi di fitodepurazione. L’ultimo nato, nel 2015,  prende il nome di Maugian Algae Biofuel System, in sigla MABS ovvero una biotecnologia che trasforma il processo di depurazione in un sistema di produzione di biocombustibili. In altri termini con l’ impianto MABSsperimentato presso  l’Università di Viterbosecondo Giannotti  si innescano contemporaneamentela fase di depurazione e quella di produzione di alghe ottenendo cosi due prodotti primari in uscita: acqua depurata idonea alla water reclamation (la bonifica dell’acqua, NdR) ed alghe da cui estrarre lipidi, proteine ed altro utilizzati per la sintesi dei biocarburanti o altri prodotti commerciali“. Per essere  più chiari: le alghe si cibano del liquame permettendo così la depurazione e la produzione di beni.

Altro ottimo esempio di economia circolare con benefici ecologici e, secondo il biologo, anche economici: “con il mio sistema precipitano i costi di manutenzione. Penso ad esempio a un depuratore che serve un paese di 5.000 abitanti, dove si  riescono a produrre 100 tonnellate annue di olio, che valgono circa 80/90.000 euro!“. Un modo dunque per ridurre l’impatto ambientale, aumentare la disponibilità di risorsa idrica e creare ricchezza dai liquami. Ma anche, indirettamente, per risparmiare suolo agricolo, quello che sarebbe altrimenti sacrificato – in qualche parte del mondo (spesso in Africa) – alla coltivazione di materie prime per la produzione di biocarburanti.

Giannotti, con la sua azienda Maugian, propone il suo sistema prevalentemente ai Comuni, ma può essere applicato anche alle aziende zootecniche come spiega: “Si adatta, per esempio, ad un allevamento di 1.000 maiali che corrispondono a 5.000 abitanti o 500 mucche”. Una nuova frontiera della depurazione di cui si sono occupati, con il biologo di Viterbo, anche  due studenti che hanno dedicato la propria tesi di laurea al sistema MABS.

Anche Giannotti, del resto, iniziò l’avventura imprenditoriale a partire, “nel lontano 1980, da una delle prime tesi dedicate alla fitodepurazione, più nello specifico sui macro invertebrati negli impianti di depurazione e acque reflue a fanghi attivi“. Terminati gli studi, apre un laboratorio di analisi delle acque. Nel 1988 poi un grande passo avanti: “vengo coinvolto in un progetto per realizzare un impianto di fitodepurazione a Montalto di Castro. E da questa esperienza nasce il primo brevetto: il SIF ovvero il sistema integrato di fitodepurazione. Grazie a quell’esperienza sono nati un centinaio di impianti in Italia e nel resto del mondo”.

Giusto per rimanere sulla tragica attualità della carenza di acqua, basti pensare a progetti come quello realizzato “nel 1986 nel Parco Regionale del Fiume Sile, in provincia di Treviso, dove si è sviluppato un progetto per 18 impianti su 18 differenti comuni, con l’obiettivo di tutelare il corso d’acqua come risorsa idro potabile”. Negli anni successivi Giannotti è stato poi chiamato dal Comune di Arcugnano, in provincia di Vicenza, per utilizzare il SIF per il progetto Eco Fimon – dal nome del lago della zona – e il trattamento con depurazione in 5 paesi intorno al lago. “In quel caso – ci racconta il biologo – per ripristinare le condizioni ottimali e ridurre l’eutrofia nel bacino naturale”. Seguono ancora molti altri interventi, come a Modena, dove si è realizzato un depuratore che produce acqua utilizzata per l’irrigazione delle aree verdi“.

All’attività in Italia Giannotti ha associato, negli anni, quella di consulente per la FAO – dal 1988 fino al 2013 – per cui ha seguito numerosi progetti, come in Messico, dove ha realizzato un sistema per la depurazione dei liquami di una porciliaia con il recupero delle acque, che vengono riutilizzate nello stesso allevamento“. Quando si dice che del maiale non si butta via niente...

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende