Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Active, la ceramica che mangia smog e batteri:

Active, la ceramica che mangia smog e batteri

febbraio 8, 2012 Campioni d'Italia, Rubriche

Una ceramica che mangia-smog e batteri. Detta così, sembra fantascienza, ma in realtà questo materiale esiste e risponde a un nome preciso: Active Clean Air & Antibacterial Ceramic. A svilupparlo è stato Graniti Fiandre, un gruppo che ha appena compiuto 50 anni ed è leader nella produzione di lastre di ceramica per pavimentazioni e rivestimenti. Mettendo a punto un processo produttivo unico, basato sulle potenzialità del biossido di titanio (TiO2), una sostanza chimica che si presenta sotto forma di polvere biancastra, non tossica, già usata come pigmento nelle vernici e come opacizzante nella carta e nelle fibre tessili. «Il biossido di titanio è un fotocatalizzatore che, in presenza della luce e dell’umidità dell’aria è in grado di velocizzare e potenziare la degradazione delle sostanze inquinanti presenti nell’aria», spiega Graziano Verdi, presidente e ad di Graniti Fiandre.

Ma vediamo meglio come viene prodotta e come funziona questa ceramica molto particolare. «Il biossido di titanio viene fissato sulle lastre ad alta temperatura. In questo modo, si lega intimamente con la ceramica. E’ estremamente resistente al calpestio e agli agenti atmosferici, e garantisce una efficacia fotocatalitica duratura nel tempo». La fotocatalisi è appunto la reazione, simile alla fotosintesi, che si attiva alla presenza di aria e luce naturale o artificiale. Si innesca un processo di ossidazione che porta alla decomposizione delle sostanze organiche ed inorganiche inquinanti a contatto con le superfici fotocatalitiche. «La presenza di sostanze inquinanti nell’aria viene ridotta fino al 70%. Le polveri sottili (PM10), gli ossidi di azoto (NOx) e i composti organici volatili (VOC), insieme a numerose altre sostanze pericolose per la nostra salute, vengono decomposti e trasformati in nitrati, solfati, carbonati, innocui per l’uomo e l’ambiente».

La fotocatalisi svolge anche un’azione antibatterica, danneggiando le pareti cellulari e provocando quindi la morte di batteri anche molto pericolosi per la salute umana, come l’Escherichia coli, lo Staphylococcus aureus e il Klebsiella pneumoniae, responsabili di intossicazioni alimentari, infezioni e polmonite.  Anche lo sporco, compresa la nicotina, viene in parte degradato e reso più facile da rimuovere grazie al sottilissimo strato di umidità che si forma sulle lastre e gli impedisce di attaccarsi alla superficie. Discorso simile per gli odori (batteri, residui di cibo o di cottura, fumo di sigaretta): trattandosi di molecole organiche ossidabili attraverso l’azione della fotocatalisi, vengono decomposti in sostanze non più percettibili dal nostro olfatto. Il procedimento produttivo, spiega Verdi, «può essere applicato a tutti i nostri materiali, per rivestimenti e pavimentazioni sia interni che esterni».

Una serie di test del Dipartimento di Chimica e Fisica dell’università di Milano ha messo nero su bianco le potenzialità di Active, calcolando che una superficie di 100 metri quadrati di piastrelle White Ground Active degradano in sei ore  una quantità di NOx pari al lavoro giornaliero di circa 30 alberi. Anche i processi di produzione sono sicuri e non rilasciano sostanze tossiche: «Per escludere qualunque rischio per l’uomo e l’ambiente durante la produzione, l’applicazione e l’utilizzo, abbiamo deciso di usare il biossido di titanio sotto forma di particelle micrometriche e non nanometriche, di mille volte più grandi, e dunque meno sottoposte, per esempio, a essere inalate dai lavoratori durante la posa delle lastre».

La linea è stata accolta molto bene e sono già diversi gli edifici, alcuni ancora in fase di progettazione, dove si utilizzano ceramiche Active. «Tra quelli già realizzati all’estero, ci sono un ospedale negli Emirati Arabi e un centro benessere in Austria. In Italia le lastre Active sono state utilizzate per il Mirafiori Village di Torino e la Scuola per l’Infanzia di Bazzano, in provincia de L’Aquila, realizzata con il sostegno di Fiat».

Il gruppo Graniti Fiandre ha aderito al Green Building Council italiano e più di 200 prodotti dei diversi cataloghi sono già certificati LEED per il loro alto contenuto (circa il 40%) di risorse riciclate. Che nelle lastre della linea Serie100 arrivano a percentuali tra il 50% e il 100%. E per far sì che le buone pratiche siano sempre più diffuse anche nell’edilizia, sono stati anche indetti, per il secondo anno consecutivo, due concorsi, Active Architecture e Active Design, con «l’intento – spiegano – di proporre progetti innovativi che valorizzino al contempo i materiali eco-sostenibili proposti dalle aziende e una nuova idea di progettare ecologico».

Veronica Ulivieri

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende