Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Active, la ceramica che mangia smog e batteri:

Active, la ceramica che mangia smog e batteri

febbraio 8, 2012 Campioni d'Italia, Rubriche

Una ceramica che mangia-smog e batteri. Detta così, sembra fantascienza, ma in realtà questo materiale esiste e risponde a un nome preciso: Active Clean Air & Antibacterial Ceramic. A svilupparlo è stato Graniti Fiandre, un gruppo che ha appena compiuto 50 anni ed è leader nella produzione di lastre di ceramica per pavimentazioni e rivestimenti. Mettendo a punto un processo produttivo unico, basato sulle potenzialità del biossido di titanio (TiO2), una sostanza chimica che si presenta sotto forma di polvere biancastra, non tossica, già usata come pigmento nelle vernici e come opacizzante nella carta e nelle fibre tessili. «Il biossido di titanio è un fotocatalizzatore che, in presenza della luce e dell’umidità dell’aria è in grado di velocizzare e potenziare la degradazione delle sostanze inquinanti presenti nell’aria», spiega Graziano Verdi, presidente e ad di Graniti Fiandre.

Ma vediamo meglio come viene prodotta e come funziona questa ceramica molto particolare. «Il biossido di titanio viene fissato sulle lastre ad alta temperatura. In questo modo, si lega intimamente con la ceramica. E’ estremamente resistente al calpestio e agli agenti atmosferici, e garantisce una efficacia fotocatalitica duratura nel tempo». La fotocatalisi è appunto la reazione, simile alla fotosintesi, che si attiva alla presenza di aria e luce naturale o artificiale. Si innesca un processo di ossidazione che porta alla decomposizione delle sostanze organiche ed inorganiche inquinanti a contatto con le superfici fotocatalitiche. «La presenza di sostanze inquinanti nell’aria viene ridotta fino al 70%. Le polveri sottili (PM10), gli ossidi di azoto (NOx) e i composti organici volatili (VOC), insieme a numerose altre sostanze pericolose per la nostra salute, vengono decomposti e trasformati in nitrati, solfati, carbonati, innocui per l’uomo e l’ambiente».

La fotocatalisi svolge anche un’azione antibatterica, danneggiando le pareti cellulari e provocando quindi la morte di batteri anche molto pericolosi per la salute umana, come l’Escherichia coli, lo Staphylococcus aureus e il Klebsiella pneumoniae, responsabili di intossicazioni alimentari, infezioni e polmonite.  Anche lo sporco, compresa la nicotina, viene in parte degradato e reso più facile da rimuovere grazie al sottilissimo strato di umidità che si forma sulle lastre e gli impedisce di attaccarsi alla superficie. Discorso simile per gli odori (batteri, residui di cibo o di cottura, fumo di sigaretta): trattandosi di molecole organiche ossidabili attraverso l’azione della fotocatalisi, vengono decomposti in sostanze non più percettibili dal nostro olfatto. Il procedimento produttivo, spiega Verdi, «può essere applicato a tutti i nostri materiali, per rivestimenti e pavimentazioni sia interni che esterni».

Una serie di test del Dipartimento di Chimica e Fisica dell’università di Milano ha messo nero su bianco le potenzialità di Active, calcolando che una superficie di 100 metri quadrati di piastrelle White Ground Active degradano in sei ore  una quantità di NOx pari al lavoro giornaliero di circa 30 alberi. Anche i processi di produzione sono sicuri e non rilasciano sostanze tossiche: «Per escludere qualunque rischio per l’uomo e l’ambiente durante la produzione, l’applicazione e l’utilizzo, abbiamo deciso di usare il biossido di titanio sotto forma di particelle micrometriche e non nanometriche, di mille volte più grandi, e dunque meno sottoposte, per esempio, a essere inalate dai lavoratori durante la posa delle lastre».

La linea è stata accolta molto bene e sono già diversi gli edifici, alcuni ancora in fase di progettazione, dove si utilizzano ceramiche Active. «Tra quelli già realizzati all’estero, ci sono un ospedale negli Emirati Arabi e un centro benessere in Austria. In Italia le lastre Active sono state utilizzate per il Mirafiori Village di Torino e la Scuola per l’Infanzia di Bazzano, in provincia de L’Aquila, realizzata con il sostegno di Fiat».

Il gruppo Graniti Fiandre ha aderito al Green Building Council italiano e più di 200 prodotti dei diversi cataloghi sono già certificati LEED per il loro alto contenuto (circa il 40%) di risorse riciclate. Che nelle lastre della linea Serie100 arrivano a percentuali tra il 50% e il 100%. E per far sì che le buone pratiche siano sempre più diffuse anche nell’edilizia, sono stati anche indetti, per il secondo anno consecutivo, due concorsi, Active Architecture e Active Design, con «l’intento – spiegano – di proporre progetti innovativi che valorizzino al contempo i materiali eco-sostenibili proposti dalle aziende e una nuova idea di progettare ecologico».

Veronica Ulivieri

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende