Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Active, la ceramica che mangia smog e batteri:

Active, la ceramica che mangia smog e batteri

febbraio 8, 2012 Campioni d'Italia, Rubriche

Una ceramica che mangia-smog e batteri. Detta così, sembra fantascienza, ma in realtà questo materiale esiste e risponde a un nome preciso: Active Clean Air & Antibacterial Ceramic. A svilupparlo è stato Graniti Fiandre, un gruppo che ha appena compiuto 50 anni ed è leader nella produzione di lastre di ceramica per pavimentazioni e rivestimenti. Mettendo a punto un processo produttivo unico, basato sulle potenzialità del biossido di titanio (TiO2), una sostanza chimica che si presenta sotto forma di polvere biancastra, non tossica, già usata come pigmento nelle vernici e come opacizzante nella carta e nelle fibre tessili. «Il biossido di titanio è un fotocatalizzatore che, in presenza della luce e dell’umidità dell’aria è in grado di velocizzare e potenziare la degradazione delle sostanze inquinanti presenti nell’aria», spiega Graziano Verdi, presidente e ad di Graniti Fiandre.

Ma vediamo meglio come viene prodotta e come funziona questa ceramica molto particolare. «Il biossido di titanio viene fissato sulle lastre ad alta temperatura. In questo modo, si lega intimamente con la ceramica. E’ estremamente resistente al calpestio e agli agenti atmosferici, e garantisce una efficacia fotocatalitica duratura nel tempo». La fotocatalisi è appunto la reazione, simile alla fotosintesi, che si attiva alla presenza di aria e luce naturale o artificiale. Si innesca un processo di ossidazione che porta alla decomposizione delle sostanze organiche ed inorganiche inquinanti a contatto con le superfici fotocatalitiche. «La presenza di sostanze inquinanti nell’aria viene ridotta fino al 70%. Le polveri sottili (PM10), gli ossidi di azoto (NOx) e i composti organici volatili (VOC), insieme a numerose altre sostanze pericolose per la nostra salute, vengono decomposti e trasformati in nitrati, solfati, carbonati, innocui per l’uomo e l’ambiente».

La fotocatalisi svolge anche un’azione antibatterica, danneggiando le pareti cellulari e provocando quindi la morte di batteri anche molto pericolosi per la salute umana, come l’Escherichia coli, lo Staphylococcus aureus e il Klebsiella pneumoniae, responsabili di intossicazioni alimentari, infezioni e polmonite.  Anche lo sporco, compresa la nicotina, viene in parte degradato e reso più facile da rimuovere grazie al sottilissimo strato di umidità che si forma sulle lastre e gli impedisce di attaccarsi alla superficie. Discorso simile per gli odori (batteri, residui di cibo o di cottura, fumo di sigaretta): trattandosi di molecole organiche ossidabili attraverso l’azione della fotocatalisi, vengono decomposti in sostanze non più percettibili dal nostro olfatto. Il procedimento produttivo, spiega Verdi, «può essere applicato a tutti i nostri materiali, per rivestimenti e pavimentazioni sia interni che esterni».

Una serie di test del Dipartimento di Chimica e Fisica dell’università di Milano ha messo nero su bianco le potenzialità di Active, calcolando che una superficie di 100 metri quadrati di piastrelle White Ground Active degradano in sei ore  una quantità di NOx pari al lavoro giornaliero di circa 30 alberi. Anche i processi di produzione sono sicuri e non rilasciano sostanze tossiche: «Per escludere qualunque rischio per l’uomo e l’ambiente durante la produzione, l’applicazione e l’utilizzo, abbiamo deciso di usare il biossido di titanio sotto forma di particelle micrometriche e non nanometriche, di mille volte più grandi, e dunque meno sottoposte, per esempio, a essere inalate dai lavoratori durante la posa delle lastre».

La linea è stata accolta molto bene e sono già diversi gli edifici, alcuni ancora in fase di progettazione, dove si utilizzano ceramiche Active. «Tra quelli già realizzati all’estero, ci sono un ospedale negli Emirati Arabi e un centro benessere in Austria. In Italia le lastre Active sono state utilizzate per il Mirafiori Village di Torino e la Scuola per l’Infanzia di Bazzano, in provincia de L’Aquila, realizzata con il sostegno di Fiat».

Il gruppo Graniti Fiandre ha aderito al Green Building Council italiano e più di 200 prodotti dei diversi cataloghi sono già certificati LEED per il loro alto contenuto (circa il 40%) di risorse riciclate. Che nelle lastre della linea Serie100 arrivano a percentuali tra il 50% e il 100%. E per far sì che le buone pratiche siano sempre più diffuse anche nell’edilizia, sono stati anche indetti, per il secondo anno consecutivo, due concorsi, Active Architecture e Active Design, con «l’intento – spiegano – di proporre progetti innovativi che valorizzino al contempo i materiali eco-sostenibili proposti dalle aziende e una nuova idea di progettare ecologico».

Veronica Ulivieri

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende