Home » Bollettino Europa »Rubriche » Adattamento ai cambiamenti climatici. Le nuove mappe dell’Agenzia Europea dell’Ambiente:

Adattamento ai cambiamenti climatici. Le nuove mappe dell’Agenzia Europea dell’Ambiente

giugno 22, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

L’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) ha appena pubblicato sul portale Climate-ADAPT una serie di mappe interattive, che illustrano varie minacce climatiche che le città europee devono affrontare, così come la loro capacità di rispondervi.

I cambiamenti climatici, come noto, stanno avendo un forte impatto sul continente europeo. Tuttavia, gli effetti variano secondo la zona che si prende in esame. Inoltre, più di tre quarti dei cittadini UE vive in città. I residenti, le autorità cittadine, quelle nazionali e le istituzioni europee hanno dunque bisogno di quante più informazioni possibili.

Le carte sono raggruppate intorno a quattro minacce climatiche: ondate di calore, siccità e scarsità d’acqua, inondazioni e incendi forestali, e la capacità delle città di farvi fronte. Allo stesso tempo, mostrano come diversi fattori – per esempio la quantità di aree urbane verdi, le risorse finanziarie, le caratteristiche demografiche – interagiscano e determinino la maggiore o minore vulnerabilità di un’area urbana.

Facciamo un esempio. La ‘mappa termica’ mostra l’effetto delle ondate di calore. Le città dell’Europa settentrionale e occidentale possono aspettarsi più giorni di elevate temperature in futuro. Una specifica analisi regionale dedicata alle città della zona Randstad (Amsterdam, Rotterdam e L’Aia), nei Paesi Bassi, indica che anche in città che attualmente stanno vivendo pochissime notti calde, questo fenomeno potrà essere avvertito più di un mese all’anno.

Le aree urbane verdi possono naturalmente contribuire a ‘raffreddare’ le città. In aggiunta alla loro superficie c’è da considerare la loro distribuzione nel tessuto cittadino e la presenza o meno di un entroterra verde. Ad esempio, Badajoz in Spagna e Sassari in Italia hanno una quota relativamente elevata di aree urbane verdi, raggruppate però solo in alcuni punti della città. Ma le due città beneficiano anche di un entroterra verde. Al contrario, Porto in Portogallo ha una bassa quota di aree urbane verdi, ma equamente distribuite in tutta la città, il che consente un più facile accesso e utilizzo da parte dei cittadini.

Anche la demografia può influenzare la vulnerabilità delle città agli impatti climatici. In generale, gli anziani sono più sensibili ai rischi per la salute derivanti da ondate di calore. Ad esempio, le città del nord Italia hanno quote di anziani superiori alla media del Paese, il che suggerisce che le alte temperature potrebbero richiedere un’attenzione specifica.

Lo scenario può essere, inoltre, completato con dati locali più dettagliati. La sezione “Esplorare ulteriormente” guida gli utenti alla creazione di mappe web personalizzate grazie all’aggiunta di informazioni supplementari. La sezione contiene anche link ad altre fonti e strumenti, tra cui alcuni recenti strumenti sviluppati dal JRC Institute for Environment and Sustainability che offrono la possibilità di visualizzare il quadro del passato e le proiezioni future inerenti ad ulteriori variabili climatiche come temperatura, precipitazioni e la radiazione solare.

Le mappe rappresentano, inoltre, uno strumento indispensabile nel quadro della Strategia Europea di Adattamento ai Cambiamenti Climatici lanciata dalla Commissione Europea nel 2013. Un quadro normativo che mira a rendere l’Unione Europea sempre più pronta ad affrontare gli impatti del climate change. La strategia si basa su tre principali obiettivi. Il primo, incoraggiare e supportare l’azione da parte degli Stati Membri. Il secondo, promuovere l’adattamento nei settori particolarmente vulnerabili, facendo sì che l’Europa possa contare su infrastrutture più resilienti e promuovendo l’uso delle assicurazioni per la tutela contro le catastrofi. Il terzo, assicurare processi decisionali informati, colmando le lacune nelle conoscenze in fatto di adattamento e dando maggiore impulso alla piattaforma europea sull’adattamento ai cambiamenti climatici Climate-ADAPT.

Nel 2017, la Commissione renderà conto al Parlamento Europeo e al Consiglio Europeo dello stato di implementazione della strategia e proporrà, se necessaria, una revisione.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende