Home » Bollettino Europa »Rubriche » Adattamento ai cambiamenti climatici. Le nuove mappe dell’Agenzia Europea dell’Ambiente:

Adattamento ai cambiamenti climatici. Le nuove mappe dell’Agenzia Europea dell’Ambiente

giugno 22, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

L’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) ha appena pubblicato sul portale Climate-ADAPT una serie di mappe interattive, che illustrano varie minacce climatiche che le città europee devono affrontare, così come la loro capacità di rispondervi.

I cambiamenti climatici, come noto, stanno avendo un forte impatto sul continente europeo. Tuttavia, gli effetti variano secondo la zona che si prende in esame. Inoltre, più di tre quarti dei cittadini UE vive in città. I residenti, le autorità cittadine, quelle nazionali e le istituzioni europee hanno dunque bisogno di quante più informazioni possibili.

Le carte sono raggruppate intorno a quattro minacce climatiche: ondate di calore, siccità e scarsità d’acqua, inondazioni e incendi forestali, e la capacità delle città di farvi fronte. Allo stesso tempo, mostrano come diversi fattori – per esempio la quantità di aree urbane verdi, le risorse finanziarie, le caratteristiche demografiche – interagiscano e determinino la maggiore o minore vulnerabilità di un’area urbana.

Facciamo un esempio. La ‘mappa termica’ mostra l’effetto delle ondate di calore. Le città dell’Europa settentrionale e occidentale possono aspettarsi più giorni di elevate temperature in futuro. Una specifica analisi regionale dedicata alle città della zona Randstad (Amsterdam, Rotterdam e L’Aia), nei Paesi Bassi, indica che anche in città che attualmente stanno vivendo pochissime notti calde, questo fenomeno potrà essere avvertito più di un mese all’anno.

Le aree urbane verdi possono naturalmente contribuire a ‘raffreddare’ le città. In aggiunta alla loro superficie c’è da considerare la loro distribuzione nel tessuto cittadino e la presenza o meno di un entroterra verde. Ad esempio, Badajoz in Spagna e Sassari in Italia hanno una quota relativamente elevata di aree urbane verdi, raggruppate però solo in alcuni punti della città. Ma le due città beneficiano anche di un entroterra verde. Al contrario, Porto in Portogallo ha una bassa quota di aree urbane verdi, ma equamente distribuite in tutta la città, il che consente un più facile accesso e utilizzo da parte dei cittadini.

Anche la demografia può influenzare la vulnerabilità delle città agli impatti climatici. In generale, gli anziani sono più sensibili ai rischi per la salute derivanti da ondate di calore. Ad esempio, le città del nord Italia hanno quote di anziani superiori alla media del Paese, il che suggerisce che le alte temperature potrebbero richiedere un’attenzione specifica.

Lo scenario può essere, inoltre, completato con dati locali più dettagliati. La sezione “Esplorare ulteriormente” guida gli utenti alla creazione di mappe web personalizzate grazie all’aggiunta di informazioni supplementari. La sezione contiene anche link ad altre fonti e strumenti, tra cui alcuni recenti strumenti sviluppati dal JRC Institute for Environment and Sustainability che offrono la possibilità di visualizzare il quadro del passato e le proiezioni future inerenti ad ulteriori variabili climatiche come temperatura, precipitazioni e la radiazione solare.

Le mappe rappresentano, inoltre, uno strumento indispensabile nel quadro della Strategia Europea di Adattamento ai Cambiamenti Climatici lanciata dalla Commissione Europea nel 2013. Un quadro normativo che mira a rendere l’Unione Europea sempre più pronta ad affrontare gli impatti del climate change. La strategia si basa su tre principali obiettivi. Il primo, incoraggiare e supportare l’azione da parte degli Stati Membri. Il secondo, promuovere l’adattamento nei settori particolarmente vulnerabili, facendo sì che l’Europa possa contare su infrastrutture più resilienti e promuovendo l’uso delle assicurazioni per la tutela contro le catastrofi. Il terzo, assicurare processi decisionali informati, colmando le lacune nelle conoscenze in fatto di adattamento e dando maggiore impulso alla piattaforma europea sull’adattamento ai cambiamenti climatici Climate-ADAPT.

Nel 2017, la Commissione renderà conto al Parlamento Europeo e al Consiglio Europeo dello stato di implementazione della strategia e proporrà, se necessaria, una revisione.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende