Home » Rubriche »Very Important Planet » Adua Villa: la sommelier “pop” innamorata della terra:

Adua Villa: la sommelier “pop” innamorata della terra

Vino rosso tacco 12 (Cairo Editore) è stato definito il primo romanzo “enologico” italiano. L’autrice è Adua Villa, sommelier Master Class, enogastronoma e docente AIS, insignita del titolo di Ambasciatrice del Vino Abruzzese. Adua è stata sommelier de La prova del Cuoco e di Casa Alice su Sky, ha firmato rubriche a Uno Mattina Estate e Tg5 Gusto. Ha scritto su vanityfair.it e leifoodie.it e per anni è stata la voce femminile di Decanter su Radio 2. Prima del libro per Cairo Editore ha scritto Una sommelier per amica, edito da Sonzogno. Nel suo nuovo romanzo, Adua immerge il lettore in un’esperienza che coinvolge tutti e cinque i sensi: un divertente viaggio al femminile nelle emozioni profonde legate a quelle bottiglie cui l’autrice non potrebbe mai rinunciare. Ma cosa pensa della sostenibilità ambientale di questo importante settore produttivo? Reduci dal Vinitaly 2014 di Verona – dove trionfa il vino “convenzionale” e i biologici e biodinamici sono ghettizzati in uno spazio ancora troppo piccolo – noi di Greenews.info non condividiamo il suo ottimismo nei confronti del mondo del vino, ancora troppo sofisticato e inquinante. Ma ecco il suo pensiero…

D) Adua, com’è nata l’idea del libro “Vino rosso tacco 12″?

R) L’idea è nata dalle mie passioni per il vino, per la moda e per il racconto semplice e diretto, tramite un linguaggio “pop”, del mondo delle sensazioni. Questo romanzo, che si pone come ironico e divertente, è anche legato a un concorso fotografico che durerà 6 mesi sostenuto dal più grosso gruppo di instagramers d’Italia, Instagramersitalia appunto, che permette di raccontare il territorio e i suoi vini tramite l’hastag #vinopop.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente e quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo?

R) Beh, intanto sono diventata sommelier perché amo la terra, amo i suoi frutti e amo prodotti come il vino che, al di là delle sue qualità, ha una simbologia unica. Le azioni che compio quotidianamente per l’ambiente sono quelle, che ormai facciamo tutti, legate alla raccolta differenziata. Inoltre sono diventata molto più attenta ad acquistare prodotti con packaging biodegradabili o che evitino di essere un inno allo spreco.

D) Il vino è considerato come “un prodotto della terra”, artigianale e naturale, anche se le sofisticazioni in cantina non mancano di certo, purtroppo: quanto di questa visione è realistica e quanto marketing?

R) Il vino è un prodotto che nasce dalla trasformazione di un frutto della terra, questo è quello che dobbiamo trasmettere e quello che è veramente…

D) I cambiamenti climatici stanno influenzando le nuove produzioni enologiche?

R) Assolutamente sì: il riscaldamento globale, le stagioni sempre più corte e meno segnate stanno facendo sì che le zone di produzione del vino stiamo cambiando, così come erano diverse migliaia di anni fa. Evoluzione terrestre…

D) Che tipo di impatto ha la produzione del vino sull’ambiente?

R) L’impatto è fra i più positivi. Se pensiamo alla visione dei vigneti sui terreni ci rendiamo conto di quanto contribuiscano alla formazione del paesaggio, quel paesaggio che da sempre valorizza i territori.

D) Qual è la nuova frontiera nella produzione del vino nel rispetto dell’ambiente?

R) Sicuramente si comincia a salvaguardarne alcuni aspetti. Ad esempio il sughero, che è un prodotto naturale ma molto delicato e di non facilissima reperibilità. Oggi esistono delle alternative, dallo stelvin o tappo vite, ai tappi di vetro o in silicone. Non possono essere usati per tutti i vini, ma per la maggior parte sono adatti.

D) Cosa pensi del vino biodinamico e biologico?

R) Sono metodi o filosofie che hanno aspetti simili fra loro. La biodinamica è molto legata a una vera e propria filosofia, tiene conto ad esempio di aspetti come le fasi lunari. Il biologico è ancora tanto contestato perché c’è chi dice che è difficile riconoscere quello “vero”…

D) Quanto sono diffuse le produzioni biologiche e biodinamiche in Italia?

R) L’Italia sta aumentando le produzioni di entrambe. In particolare, il consumo di vino biologico nel nostro Paese è di circa il 3%, ma è portata ad aumentare visto anche il nuovo disciplinare entrato in vigore nel 2012.

D) Ci puoi spiegare quali sono i punti importanti?

R) L’8 marzo 2012 è stato approvato il regolamento UE che disciplina la produzione del vino biologico, pertanto dal primo agosto 2012 i viticoltori possono usare la dicitura “vino biologico” e apporre il logo europeo in etichetta; viene così finalmente regolamentato l’intero processo produttivo per ottenere il vino biologico. Questo regolamento va a colmare un vuoto legislativo stabilendo le pratiche enologiche ammesse, identificando l’uso di prodotti e sostanze autorizzate e chiarendo che il vino biologico si fa solo con uve biologiche.

D) Secondo te, in Italia, il rapporto con il terroir, i vitigni autoctoni e tutto quello che è espressione del territorio è sufficientemente valorizzato?

R) In Italia tendiamo a interessarci poco delle unicità che ci appartengono. Siamo talmente abituati ad averle che le diamo per scontate, invece dovremmo conoscerle di più per scegliere meglio i vini e rispettare il nostro Paese, che è unico.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende