Home » Rubriche »Very Important Planet » Adua Villa: la sommelier “pop” innamorata della terra:

Adua Villa: la sommelier “pop” innamorata della terra

Vino rosso tacco 12 (Cairo Editore) è stato definito il primo romanzo “enologico” italiano. L’autrice è Adua Villa, sommelier Master Class, enogastronoma e docente AIS, insignita del titolo di Ambasciatrice del Vino Abruzzese. Adua è stata sommelier de La prova del Cuoco e di Casa Alice su Sky, ha firmato rubriche a Uno Mattina Estate e Tg5 Gusto. Ha scritto su vanityfair.it e leifoodie.it e per anni è stata la voce femminile di Decanter su Radio 2. Prima del libro per Cairo Editore ha scritto Una sommelier per amica, edito da Sonzogno. Nel suo nuovo romanzo, Adua immerge il lettore in un’esperienza che coinvolge tutti e cinque i sensi: un divertente viaggio al femminile nelle emozioni profonde legate a quelle bottiglie cui l’autrice non potrebbe mai rinunciare. Ma cosa pensa della sostenibilità ambientale di questo importante settore produttivo? Reduci dal Vinitaly 2014 di Verona – dove trionfa il vino “convenzionale” e i biologici e biodinamici sono ghettizzati in uno spazio ancora troppo piccolo – noi di Greenews.info non condividiamo il suo ottimismo nei confronti del mondo del vino, ancora troppo sofisticato e inquinante. Ma ecco il suo pensiero…

D) Adua, com’è nata l’idea del libro “Vino rosso tacco 12″?

R) L’idea è nata dalle mie passioni per il vino, per la moda e per il racconto semplice e diretto, tramite un linguaggio “pop”, del mondo delle sensazioni. Questo romanzo, che si pone come ironico e divertente, è anche legato a un concorso fotografico che durerà 6 mesi sostenuto dal più grosso gruppo di instagramers d’Italia, Instagramersitalia appunto, che permette di raccontare il territorio e i suoi vini tramite l’hastag #vinopop.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente e quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo?

R) Beh, intanto sono diventata sommelier perché amo la terra, amo i suoi frutti e amo prodotti come il vino che, al di là delle sue qualità, ha una simbologia unica. Le azioni che compio quotidianamente per l’ambiente sono quelle, che ormai facciamo tutti, legate alla raccolta differenziata. Inoltre sono diventata molto più attenta ad acquistare prodotti con packaging biodegradabili o che evitino di essere un inno allo spreco.

D) Il vino è considerato come “un prodotto della terra”, artigianale e naturale, anche se le sofisticazioni in cantina non mancano di certo, purtroppo: quanto di questa visione è realistica e quanto marketing?

R) Il vino è un prodotto che nasce dalla trasformazione di un frutto della terra, questo è quello che dobbiamo trasmettere e quello che è veramente…

D) I cambiamenti climatici stanno influenzando le nuove produzioni enologiche?

R) Assolutamente sì: il riscaldamento globale, le stagioni sempre più corte e meno segnate stanno facendo sì che le zone di produzione del vino stiamo cambiando, così come erano diverse migliaia di anni fa. Evoluzione terrestre…

D) Che tipo di impatto ha la produzione del vino sull’ambiente?

R) L’impatto è fra i più positivi. Se pensiamo alla visione dei vigneti sui terreni ci rendiamo conto di quanto contribuiscano alla formazione del paesaggio, quel paesaggio che da sempre valorizza i territori.

D) Qual è la nuova frontiera nella produzione del vino nel rispetto dell’ambiente?

R) Sicuramente si comincia a salvaguardarne alcuni aspetti. Ad esempio il sughero, che è un prodotto naturale ma molto delicato e di non facilissima reperibilità. Oggi esistono delle alternative, dallo stelvin o tappo vite, ai tappi di vetro o in silicone. Non possono essere usati per tutti i vini, ma per la maggior parte sono adatti.

D) Cosa pensi del vino biodinamico e biologico?

R) Sono metodi o filosofie che hanno aspetti simili fra loro. La biodinamica è molto legata a una vera e propria filosofia, tiene conto ad esempio di aspetti come le fasi lunari. Il biologico è ancora tanto contestato perché c’è chi dice che è difficile riconoscere quello “vero”…

D) Quanto sono diffuse le produzioni biologiche e biodinamiche in Italia?

R) L’Italia sta aumentando le produzioni di entrambe. In particolare, il consumo di vino biologico nel nostro Paese è di circa il 3%, ma è portata ad aumentare visto anche il nuovo disciplinare entrato in vigore nel 2012.

D) Ci puoi spiegare quali sono i punti importanti?

R) L’8 marzo 2012 è stato approvato il regolamento UE che disciplina la produzione del vino biologico, pertanto dal primo agosto 2012 i viticoltori possono usare la dicitura “vino biologico” e apporre il logo europeo in etichetta; viene così finalmente regolamentato l’intero processo produttivo per ottenere il vino biologico. Questo regolamento va a colmare un vuoto legislativo stabilendo le pratiche enologiche ammesse, identificando l’uso di prodotti e sostanze autorizzate e chiarendo che il vino biologico si fa solo con uve biologiche.

D) Secondo te, in Italia, il rapporto con il terroir, i vitigni autoctoni e tutto quello che è espressione del territorio è sufficientemente valorizzato?

R) In Italia tendiamo a interessarci poco delle unicità che ci appartengono. Siamo talmente abituati ad averle che le diamo per scontate, invece dovremmo conoscerle di più per scegliere meglio i vini e rispettare il nostro Paese, che è unico.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende