Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Agribike Cascina Don Guanella: agricoltura sociale e cicloturismo per restituire la speranza:

Agribike Cascina Don Guanella: agricoltura sociale e cicloturismo per restituire la speranza

maggio 18, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Agricoltura (sociale) e turismo (sostenibile) per dare una chance a ragazzi e ragazze alla disperata ricerca di una opportunità. I responsabili della comunità educativa Casa Don Guanella di Lecco hanno costituito, nel 2014, una cooperativa per gestire l’Agribike Cascina Don Guanella, a Valmadrera, in provincia di Lecco – evoluzione contemporanea e adeguata alle esigenze del territorio di un istituto nato nel lontano 1933.

Uno sviluppo, ci spiega Bruno Corti, responsabile del progetto, che parte con “l’acquisizione di un fondo agricolo composto da una cascina da 800 metri quadri – da ristrutturare – e cinque ettari di terreno che destiniamo alla coltivazione dell’uva, dell’ulivo, degli ortaggi. Si è costruita una grande stalla per l’ allevamento di bestiame e ora si vuole puntare alla costruzione di laboratori per la lavorazione di formaggio, carne, miele, conserve, marmellate ed il vino nella vecchia cantina della cascina”. Quest’ultimo già prodotto ed apprezzato, anche da altri “Campioni d’Italia”, come Francesco Moser, gradito ospite della Cascina a marzo dello scorso anno.

L’obiettivo finale è la realizzazione di” un agriturismo come luogo di formazione e inserimento educativo“. Per i ragazzi ospitati nella comunità significa  imparare a lavorare la terra, trasformare i prodotti, accogliere i clienti. Soprattutto quelli che viaggiano su due ruote,una forma di turismo di livello internazionale che si sta sviluppando nell’area di Bellagio, dove anche altre strutture la stanno promuovendo”, prosegue Corti. “Siamo in contatto con il Como Lago Bike per dare vita all’Agribike in Cascina”. Idea originale e ad alto contenuto ambientale che si presta alla valorizzazione di un territorio dove, da alcuni anni, sbocciano iniziative come il Festival BikeUp, di cui l’Agribike Don Guanella è partner.

La storia della Cascina è strettamente legata alla comunità locale e ha radici profonde che risalgono agli anni trenta del secolo scorso, quando l’istituto Don Guanella opera come orfanotrofio, per poi trasformarsi, alla fine degli anni novanta, in comunità educativa che accoglie ragazzi con forti problemi familiari e sociali. “Oggi ospitiamo minori stranieri non accompagnati, seguiamo progetti di adolescenti messi duramente a prova dalla vita, poi ci sono ragazzi con disturbi gravi del comportamento allontanati dalle famiglie”, racconta Bruno. “Sono tutte persone che hanno bisogno di una nuova chance, perché non hanno potuto seguire i normali percorsi di formazione ed istruzione”.

L’agricoltura e la cura dell’ambiente sono diventati il faro di questi percorsi di acquisizione di competenze e di potenziamento dell’ identità sociale: “puntiamo sul recupero dei mestieri tradizionali che possono garantire una professione da spendere nel mondo del lavoro”. Si tratta dell’agricoltura sociale, che tanti progetti ha fatto nascere e realizzare in tutta Italia riuscendo a fare sistema tra azione sociale, economica ed ecologica anche con il recupero di terreni ed aziende abbandonate.

La sfida imprenditoriale (oltre che sociale) non è facile e nel caso della Cascina si è potuti partire grazie al buon cuore degli abitanti di Lecco e dintorni che hanno fatto “colletta” o fundraising per far partire il progetto Agribike. La raccolta fondi continua grazie al lavoro della Fondazione della Provincia di Lecco, che in questi anni ha raccolto oltre 500mila euro – per la gran parte già erogati – che hanno permesso di iniziare l’attività agricola. Tra le tante soddisfazioni, “la cooperativa ha permesso di assumere 6 persone e soprattutto i ragazzi sono contenti di lavorare la terra e fortemente motivati perché così apprendono un lavoro e conquistano uno spazio sociale importante. Ci apriremo alla comunità locale sempre di più organizzando feste e momenti di incontro“. Un ritorno alla terra che si traduce quindi in inclusione sociale – destinata ad aumentare quando decollerà l’Agribike e i ragazzi  sperimenteranno  non solo il lavoro di accoglienza, ma anche quello di guide e accompagnatori lungo il territorio. Una storia bella e istruttiva di come quell’ecologia integrale, teorizzata da Papa Francesco nell’enciclica Laudato Sì , possa concretamente aiutare le persone più fragili e svantaggiate a ricostruirsi una vita.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende