Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Agribike Cascina Don Guanella: agricoltura sociale e cicloturismo per restituire la speranza:

Agribike Cascina Don Guanella: agricoltura sociale e cicloturismo per restituire la speranza

maggio 18, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Agricoltura (sociale) e turismo (sostenibile) per dare una chance a ragazzi e ragazze alla disperata ricerca di una opportunità. I responsabili della comunità educativa Casa Don Guanella di Lecco hanno costituito, nel 2014, una cooperativa per gestire l’Agribike Cascina Don Guanella, a Valmadrera, in provincia di Lecco – evoluzione contemporanea e adeguata alle esigenze del territorio di un istituto nato nel lontano 1933.

Uno sviluppo, ci spiega Bruno Corti, responsabile del progetto, che parte con “l’acquisizione di un fondo agricolo composto da una cascina da 800 metri quadri – da ristrutturare – e cinque ettari di terreno che destiniamo alla coltivazione dell’uva, dell’ulivo, degli ortaggi. Si è costruita una grande stalla per l’ allevamento di bestiame e ora si vuole puntare alla costruzione di laboratori per la lavorazione di formaggio, carne, miele, conserve, marmellate ed il vino nella vecchia cantina della cascina”. Quest’ultimo già prodotto ed apprezzato, anche da altri “Campioni d’Italia”, come Francesco Moser, gradito ospite della Cascina a marzo dello scorso anno.

L’obiettivo finale è la realizzazione di” un agriturismo come luogo di formazione e inserimento educativo“. Per i ragazzi ospitati nella comunità significa  imparare a lavorare la terra, trasformare i prodotti, accogliere i clienti. Soprattutto quelli che viaggiano su due ruote,una forma di turismo di livello internazionale che si sta sviluppando nell’area di Bellagio, dove anche altre strutture la stanno promuovendo”, prosegue Corti. “Siamo in contatto con il Como Lago Bike per dare vita all’Agribike in Cascina”. Idea originale e ad alto contenuto ambientale che si presta alla valorizzazione di un territorio dove, da alcuni anni, sbocciano iniziative come il Festival BikeUp, di cui l’Agribike Don Guanella è partner.

La storia della Cascina è strettamente legata alla comunità locale e ha radici profonde che risalgono agli anni trenta del secolo scorso, quando l’istituto Don Guanella opera come orfanotrofio, per poi trasformarsi, alla fine degli anni novanta, in comunità educativa che accoglie ragazzi con forti problemi familiari e sociali. “Oggi ospitiamo minori stranieri non accompagnati, seguiamo progetti di adolescenti messi duramente a prova dalla vita, poi ci sono ragazzi con disturbi gravi del comportamento allontanati dalle famiglie”, racconta Bruno. “Sono tutte persone che hanno bisogno di una nuova chance, perché non hanno potuto seguire i normali percorsi di formazione ed istruzione”.

L’agricoltura e la cura dell’ambiente sono diventati il faro di questi percorsi di acquisizione di competenze e di potenziamento dell’ identità sociale: “puntiamo sul recupero dei mestieri tradizionali che possono garantire una professione da spendere nel mondo del lavoro”. Si tratta dell’agricoltura sociale, che tanti progetti ha fatto nascere e realizzare in tutta Italia riuscendo a fare sistema tra azione sociale, economica ed ecologica anche con il recupero di terreni ed aziende abbandonate.

La sfida imprenditoriale (oltre che sociale) non è facile e nel caso della Cascina si è potuti partire grazie al buon cuore degli abitanti di Lecco e dintorni che hanno fatto “colletta” o fundraising per far partire il progetto Agribike. La raccolta fondi continua grazie al lavoro della Fondazione della Provincia di Lecco, che in questi anni ha raccolto oltre 500mila euro – per la gran parte già erogati – che hanno permesso di iniziare l’attività agricola. Tra le tante soddisfazioni, “la cooperativa ha permesso di assumere 6 persone e soprattutto i ragazzi sono contenti di lavorare la terra e fortemente motivati perché così apprendono un lavoro e conquistano uno spazio sociale importante. Ci apriremo alla comunità locale sempre di più organizzando feste e momenti di incontro“. Un ritorno alla terra che si traduce quindi in inclusione sociale – destinata ad aumentare quando decollerà l’Agribike e i ragazzi  sperimenteranno  non solo il lavoro di accoglienza, ma anche quello di guide e accompagnatori lungo il territorio. Una storia bella e istruttiva di come quell’ecologia integrale, teorizzata da Papa Francesco nell’enciclica Laudato Sì , possa concretamente aiutare le persone più fragili e svantaggiate a ricostruirsi una vita.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende