Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Agribike Cascina Don Guanella: agricoltura sociale e cicloturismo per restituire la speranza:

Agribike Cascina Don Guanella: agricoltura sociale e cicloturismo per restituire la speranza

maggio 18, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Agricoltura (sociale) e turismo (sostenibile) per dare una chance a ragazzi e ragazze alla disperata ricerca di una opportunità. I responsabili della comunità educativa Casa Don Guanella di Lecco hanno costituito, nel 2014, una cooperativa per gestire l’Agribike Cascina Don Guanella, a Valmadrera, in provincia di Lecco – evoluzione contemporanea e adeguata alle esigenze del territorio di un istituto nato nel lontano 1933.

Uno sviluppo, ci spiega Bruno Corti, responsabile del progetto, che parte con “l’acquisizione di un fondo agricolo composto da una cascina da 800 metri quadri – da ristrutturare – e cinque ettari di terreno che destiniamo alla coltivazione dell’uva, dell’ulivo, degli ortaggi. Si è costruita una grande stalla per l’ allevamento di bestiame e ora si vuole puntare alla costruzione di laboratori per la lavorazione di formaggio, carne, miele, conserve, marmellate ed il vino nella vecchia cantina della cascina”. Quest’ultimo già prodotto ed apprezzato, anche da altri “Campioni d’Italia”, come Francesco Moser, gradito ospite della Cascina a marzo dello scorso anno.

L’obiettivo finale è la realizzazione di” un agriturismo come luogo di formazione e inserimento educativo“. Per i ragazzi ospitati nella comunità significa  imparare a lavorare la terra, trasformare i prodotti, accogliere i clienti. Soprattutto quelli che viaggiano su due ruote,una forma di turismo di livello internazionale che si sta sviluppando nell’area di Bellagio, dove anche altre strutture la stanno promuovendo”, prosegue Corti. “Siamo in contatto con il Como Lago Bike per dare vita all’Agribike in Cascina”. Idea originale e ad alto contenuto ambientale che si presta alla valorizzazione di un territorio dove, da alcuni anni, sbocciano iniziative come il Festival BikeUp, di cui l’Agribike Don Guanella è partner.

La storia della Cascina è strettamente legata alla comunità locale e ha radici profonde che risalgono agli anni trenta del secolo scorso, quando l’istituto Don Guanella opera come orfanotrofio, per poi trasformarsi, alla fine degli anni novanta, in comunità educativa che accoglie ragazzi con forti problemi familiari e sociali. “Oggi ospitiamo minori stranieri non accompagnati, seguiamo progetti di adolescenti messi duramente a prova dalla vita, poi ci sono ragazzi con disturbi gravi del comportamento allontanati dalle famiglie”, racconta Bruno. “Sono tutte persone che hanno bisogno di una nuova chance, perché non hanno potuto seguire i normali percorsi di formazione ed istruzione”.

L’agricoltura e la cura dell’ambiente sono diventati il faro di questi percorsi di acquisizione di competenze e di potenziamento dell’ identità sociale: “puntiamo sul recupero dei mestieri tradizionali che possono garantire una professione da spendere nel mondo del lavoro”. Si tratta dell’agricoltura sociale, che tanti progetti ha fatto nascere e realizzare in tutta Italia riuscendo a fare sistema tra azione sociale, economica ed ecologica anche con il recupero di terreni ed aziende abbandonate.

La sfida imprenditoriale (oltre che sociale) non è facile e nel caso della Cascina si è potuti partire grazie al buon cuore degli abitanti di Lecco e dintorni che hanno fatto “colletta” o fundraising per far partire il progetto Agribike. La raccolta fondi continua grazie al lavoro della Fondazione della Provincia di Lecco, che in questi anni ha raccolto oltre 500mila euro – per la gran parte già erogati – che hanno permesso di iniziare l’attività agricola. Tra le tante soddisfazioni, “la cooperativa ha permesso di assumere 6 persone e soprattutto i ragazzi sono contenti di lavorare la terra e fortemente motivati perché così apprendono un lavoro e conquistano uno spazio sociale importante. Ci apriremo alla comunità locale sempre di più organizzando feste e momenti di incontro“. Un ritorno alla terra che si traduce quindi in inclusione sociale – destinata ad aumentare quando decollerà l’Agribike e i ragazzi  sperimenteranno  non solo il lavoro di accoglienza, ma anche quello di guide e accompagnatori lungo il territorio. Una storia bella e istruttiva di come quell’ecologia integrale, teorizzata da Papa Francesco nell’enciclica Laudato Sì , possa concretamente aiutare le persone più fragili e svantaggiate a ricostruirsi una vita.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende