Home » Bollettino Europa »Rubriche » Agricoltura familiare: alimento dell’umanità:

Agricoltura familiare: alimento dell’umanità

dicembre 9, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Una settimana dopo il lancio ufficiale dell’Anno Internazionale dedicato alle aziende agricole a conduzione familiare, che le Nazioni Unite celebreranno nel 2014, l’Unione Europea dedica una conferenza a quelle che sono considerate una fonte preziosa di prodotti di qualità e di conservazione del patrimonio naturale ma che sempre più rischia di scomparire.

Nel mondo, oltre l’80% di tutte le aziende agricole è di questo tipo: l’elemento centrale è la famiglia, una dimensione sia economica sia sociale. 500 milioni di realtà fra loro estremamente variegate. Da chi produce solo per la propria sussistenza, a chi è pienamente orientato al mercato, mettendo in campo meccanismi intensivi basati su moderne tecnologie. Questo tipo di aziende, dunque, contribuiscono in modo significativo alla sicurezza alimentare sia attraverso l’autoconsumo, ma anche grazie alla produzione di tipo commerciale.

È necessario, quindi sfruttare questo incredibile potenziale trovando i modi migliori per rendere le aziende agricole a conduzione familiare dinamiche ed efficienti, non solo nella produzione, ma anche nella loro organizzazione. Solo in questo modo si potrà raggiungere l’Obiettivo di Sviluppo del Millennio dedicato alla lotta contro la carestia in alcune aree del mondo.

Tuttavia, il contributo dell’agricoltura familiare per il benessere dell’umanità va ben oltre la sicurezza alimentare. Contribuisce all’uso sostenibile e alla gestione equa delle risorse naturali e della biodiversità. Fornisce, inoltre, beni e servizi (ecosistemici) pubblici che riguardano l’ambiente ed il paesaggio, garantendo lo sfruttamento di queste risorse a misura d’uomo, in maniera armoniosa e a basso impatto ambientale. Si tratta di un elemento essenziale del tessuto sociale che, nel corso della storia ha salvaguardato le ricche tradizioni, le identità locali ed il patrimonio culturale.

In un periodo di crisi economica, poi, questo modello ha una grande capacità di adattamento, resistenza e recupero della produzione perché è basato sui valori della solidarietà e sulla continuità a lungo termine. Indirettamente, quindi si può dire che l’agricoltura familiare svolga un ruolo di stabilità politica nella maggioranza dei Paesi di Asia, Africa ed America Latina.

Per quanto riguarda l’Europa, dove oltre il 77 % del territorio è classificato come rurale, ci sono 12 milioni di aziende agricole 172 milioni di ettari di terreni agricoli, 25 milioni di persone coinvolte. Sul Vecchio Continente c’è una grande varietà sia in termini di dimensioni sia nell’organizzazione di queste aziende agricole. Grandi e piccole, in montagna o su isole del Mediterraneo, addirittura fino al Circolo Polare Artico e nelle zone più difficili o meno accessibili. In Europa orientale, la fattoria di famiglia si sta lentamente riprendendo dopo anni di collettivizzazione forzata. Di qualunque forma sia non c’è comunque dubbio che l’agricoltura familiare rappresenti la pietra angolare dell’agricoltura europea. È l’archetipo dal quale tutti gli altri modelli si sono evoluti nel corso del tempo.

Una realtà vibrante che fa della sicurezza alimentare, della gestione sostenibile delle risorse naturali e dello sviluppo equilibrato dei territori tre obiettivi chiave in linea con la nuova Politica Agricola Comune appena approvata. Un braccio di ferro di cui abbiamo già ampiamente parlato, che nella sua ultima versione si propone di andare verso un’agricoltura più competitiva, tenendo conto della diversità in termini di dimensioni, produzione ed esigenze di gestione delle diverse realtà locali sparse su tutto il territorio UE.

Tale agricoltura deve quindi svolgere molteplici funzioni: rispondere alle preoccupazioni dei cittadini sul cibo (disponibilità, prezzo, varietà, qualità e sicurezza), salvaguardare l’ambiente e le comunità rurali e consentire un buon sostentamento agli agricoltori.

Per tutte queste ragioni, la nuova PAC garantisce, in primo luogo, un nuovo sistema di pagamenti diretti più mirati a favore dei lavoratori, dei settori e delle Regioni che hanno esigenze specifiche. È fortemente orientata verso l’agricoltura sostenibile - il 30% del budget è, infatti, legato alle azioni volte a preservare l’ambiente e la biodiversità – e prevede misure di sostegno ai giovani, un aspetto importante per affrontare la sfida del rinnovamento delle aziende familiari spesso tramandate da una generazione all’altra.

Il risultato dell’incontro di Bruxelles contribuirà alla Conferenza Regionale Europea della FAO che si terrà ad aprile 2014 a Bucarest.

Beatrice Cedi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende