Home » Campioni d'Italia »Rubriche » AIAB compie 25 anni: un compleanno senza una strategia nazionale:

AIAB compie 25 anni: un compleanno senza una strategia nazionale

agosto 28, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Il 2013 è un anno particolare per il biologico: dal mese di settembre Aiab organizzerà una serie di eventi per celebrare due decenni e mezzo di impegno sul fronte di un’agricoltura più pulita, in coincidenza con l’apertura del SANA, il Salone Internazionale del Biologico e del Naturale di Bologna, che pure festeggia l’edizione numero 25 quest’anno.

Una storia, quella dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica, iniziata ancora prima dalla sua costituzione formale, nel 1988. Le radici risalgono agli inizi degli anni Ottanta, quando le aggregazioni regionali che promuovevano l’agricoltura biologica danno vita alla commissione “Che Cos’è Biologico?” con lo scopo di discutere gli aspetti tecnici del metodo biologico e arrivare alle prime norme unitarie che poi sarebbero diventate parte del regolamento europeo. “All’inizio i produttori bio erano poche centinaia, ma i tempi per costituire l’associazione erano maturi. In quegli anni in tutta Europa, dove nel periodo precedente aveva prevalso la chimica, si è osservato un fenomeno comune: diversi agricoltori importanti hanno iniziato a convertirsi al biologico”, racconta l’attuale presidente di Aiab Alessandro Triantafyllidis.

I regolamenti europei, alla cui stesura ha partecipato indirettamente anche l’associazione, attraverso Ifoam (la Fondazione Internazionale per l’Agricoltura Biologica), sono arrivati nel 1991, mettendo l’acceleratore alla diffusione dell’organico: “Fino al 2000-2002 si è avuta una crescita esponenziale del numero di operatori, che negli ultimi dieci anni continuano ad aumentare, ma in modo più lento e strutturato”. E oggi, nonostante la crisi, tutti i dati sul biologico Made in Italy portano il segno più, a dimostrazione che in molti casi le famiglie non rinunciano ad alimenti più sani: “Gli operatori biologici certificati in Italia sono 49.709. Rispetto al 2011, sono aumentati del 3%, accanto ad una crescita di oltre il 6% della superficie agricola e dell’8% dei consumi”.

Ma se i numeri sono molto positivi, nel settore non mancano criticità, a partire dalla “mancanza di una strategia e di una politica nazionale”. Da qui, secondo il presidente di Aiab deriva una “crescita a macchia di leopardo, dovuta al fatto che i finanziamenti europei in Italia passano attraverso le amministrazioni regionali. Con una strategia opposta la Spagna è riuscita a superare il nostro paese per ettari coltivati a biologico”. Non potenziando l’offerta interna di prodotti, inoltre, “la domanda viene soddisfatta da importazioni di prodotti extra UE, che ancora oggi sono scarsamente controllati. Da questa situazione hanno origine le truffe di cui abbiamo sentito parlare negli ultimi mesi”. E pensare che una strategia nazionale farebbe bene anche all’economia: “Funzionerebbe da motore di sviluppo per filiere locali e consentirebbe la sopravvivenza dell’agricoltura anche nei territori marginali. In Liguria per esempio, un’intera valle, la Val di Vara, è stata salvata dallo spopolamento grazie all’agricoltura biologica”.

Se nei primi anni l’associazione si è concentrata sulla definizione delle norme di produzione, organizzando anche un sistema di controllo e certificazione rimasto attivo fino al 2000, con il nuovo millennio ha sempre più assunto la veste di organizzazione di promozione sociale, culturale e politica. Le sue campagne degli ultimi anni si sono focalizzate sullo sviluppo di un nuovo modello agricolo, promuovendo le mense bio, i gruppi d’acquisto, i gruppi d’offerta dei produttori, i mercati, le fiere, le biofattorie didattiche, le aziende aperte, l’agricoltura sociale, i biodistretti, i marchi come il GaranziaAIAB.

Molte battaglie continuano, a partire da quella per un’applicazione nazionale della PAC che sia vicina il più possibile ai criteri di sostenibilità, “anche se siamo molto delusi dall’accordo raggiunto in Europa”. C’è poi la sfida degli Ogm, che tornano ciclicamente a far parlare di sé: “Il nostro Paese non fa l’unica cosa che dovrebbe fare e che chiediamo da sempre: varare la clausola di salvaguardia vietando le coltivazioni biotech sul suolo nazionale. Invece ci si continua a nascondere dietro decreti che vengono poi sconfessati a livello europeo, perché non hanno alcun fondamento”.

Ma anche sul fronte dei consumatori c’è ancora da fare: “Vorremmo contribuire a cambiare le loro abitudini, far capire alle persone che nel fare la spesa è necessario porre attenzione anche alla qualità dei cibi e dei territori, che devono ritornare a essere coltivati e a nutrire le persone”. E se il fatto che sempre più spesso sugli scaffali di supermercati e ipermercati si trovino prodotti biologici per Triantafyllidis è positivo, è necessario rendere più “umano” il modello della grande distribuzione: “Sarebbe importante dare visibilità al produttore, mentre il modo di presentare i prodotti nella GDO lo rende completamente anonimo. Una cosa illogica per il biologico, che invece punta sempre più sulla tracciabilità”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende