Home » Campioni d'Italia »Rubriche » AIAB compie 25 anni: un compleanno senza una strategia nazionale:

AIAB compie 25 anni: un compleanno senza una strategia nazionale

agosto 28, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Il 2013 è un anno particolare per il biologico: dal mese di settembre Aiab organizzerà una serie di eventi per celebrare due decenni e mezzo di impegno sul fronte di un’agricoltura più pulita, in coincidenza con l’apertura del SANA, il Salone Internazionale del Biologico e del Naturale di Bologna, che pure festeggia l’edizione numero 25 quest’anno.

Una storia, quella dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica, iniziata ancora prima dalla sua costituzione formale, nel 1988. Le radici risalgono agli inizi degli anni Ottanta, quando le aggregazioni regionali che promuovevano l’agricoltura biologica danno vita alla commissione “Che Cos’è Biologico?” con lo scopo di discutere gli aspetti tecnici del metodo biologico e arrivare alle prime norme unitarie che poi sarebbero diventate parte del regolamento europeo. “All’inizio i produttori bio erano poche centinaia, ma i tempi per costituire l’associazione erano maturi. In quegli anni in tutta Europa, dove nel periodo precedente aveva prevalso la chimica, si è osservato un fenomeno comune: diversi agricoltori importanti hanno iniziato a convertirsi al biologico”, racconta l’attuale presidente di Aiab Alessandro Triantafyllidis.

I regolamenti europei, alla cui stesura ha partecipato indirettamente anche l’associazione, attraverso Ifoam (la Fondazione Internazionale per l’Agricoltura Biologica), sono arrivati nel 1991, mettendo l’acceleratore alla diffusione dell’organico: “Fino al 2000-2002 si è avuta una crescita esponenziale del numero di operatori, che negli ultimi dieci anni continuano ad aumentare, ma in modo più lento e strutturato”. E oggi, nonostante la crisi, tutti i dati sul biologico Made in Italy portano il segno più, a dimostrazione che in molti casi le famiglie non rinunciano ad alimenti più sani: “Gli operatori biologici certificati in Italia sono 49.709. Rispetto al 2011, sono aumentati del 3%, accanto ad una crescita di oltre il 6% della superficie agricola e dell’8% dei consumi”.

Ma se i numeri sono molto positivi, nel settore non mancano criticità, a partire dalla “mancanza di una strategia e di una politica nazionale”. Da qui, secondo il presidente di Aiab deriva una “crescita a macchia di leopardo, dovuta al fatto che i finanziamenti europei in Italia passano attraverso le amministrazioni regionali. Con una strategia opposta la Spagna è riuscita a superare il nostro paese per ettari coltivati a biologico”. Non potenziando l’offerta interna di prodotti, inoltre, “la domanda viene soddisfatta da importazioni di prodotti extra UE, che ancora oggi sono scarsamente controllati. Da questa situazione hanno origine le truffe di cui abbiamo sentito parlare negli ultimi mesi”. E pensare che una strategia nazionale farebbe bene anche all’economia: “Funzionerebbe da motore di sviluppo per filiere locali e consentirebbe la sopravvivenza dell’agricoltura anche nei territori marginali. In Liguria per esempio, un’intera valle, la Val di Vara, è stata salvata dallo spopolamento grazie all’agricoltura biologica”.

Se nei primi anni l’associazione si è concentrata sulla definizione delle norme di produzione, organizzando anche un sistema di controllo e certificazione rimasto attivo fino al 2000, con il nuovo millennio ha sempre più assunto la veste di organizzazione di promozione sociale, culturale e politica. Le sue campagne degli ultimi anni si sono focalizzate sullo sviluppo di un nuovo modello agricolo, promuovendo le mense bio, i gruppi d’acquisto, i gruppi d’offerta dei produttori, i mercati, le fiere, le biofattorie didattiche, le aziende aperte, l’agricoltura sociale, i biodistretti, i marchi come il GaranziaAIAB.

Molte battaglie continuano, a partire da quella per un’applicazione nazionale della PAC che sia vicina il più possibile ai criteri di sostenibilità, “anche se siamo molto delusi dall’accordo raggiunto in Europa”. C’è poi la sfida degli Ogm, che tornano ciclicamente a far parlare di sé: “Il nostro Paese non fa l’unica cosa che dovrebbe fare e che chiediamo da sempre: varare la clausola di salvaguardia vietando le coltivazioni biotech sul suolo nazionale. Invece ci si continua a nascondere dietro decreti che vengono poi sconfessati a livello europeo, perché non hanno alcun fondamento”.

Ma anche sul fronte dei consumatori c’è ancora da fare: “Vorremmo contribuire a cambiare le loro abitudini, far capire alle persone che nel fare la spesa è necessario porre attenzione anche alla qualità dei cibi e dei territori, che devono ritornare a essere coltivati e a nutrire le persone”. E se il fatto che sempre più spesso sugli scaffali di supermercati e ipermercati si trovino prodotti biologici per Triantafyllidis è positivo, è necessario rendere più “umano” il modello della grande distribuzione: “Sarebbe importante dare visibilità al produttore, mentre il modo di presentare i prodotti nella GDO lo rende completamente anonimo. Una cosa illogica per il biologico, che invece punta sempre più sulla tracciabilità”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende