Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Aiat, ingegneri al servizio dell’ambiente:

Aiat, ingegneri al servizio dell’ambiente

novembre 9, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Sono gli ingegneri che si occupano di bonifiche, impatto delle infrastrutture sull’ambiente, pianificazione del territorio. In due parole, ingegneri ambientali. Questa figura in Italia esiste da oltre dieci anni, ma fatica ancora ad affermarsi e si vede spesso sorpassare da ingegneri edili o chimici. Profili professionali però molto diversi, perché privi di competenze specifiche in campo ambientale. In prima linea nell’opera di valorizzazione di questi esperti del paesaggio (ma chiamarli così forse è riduttivo) c’è l’Aiat, l’Associazione degli ingegneri ambientali, nata a sostegno della categoria ma oggi attiva anche con progetti di formazione e divulgazione. «L’associazione – spiega il presidente Emanuele Regalini – è stata fondata nel 1999 da un gruppo di laureati del Politecnico di Milano, con l’idea di far conoscere ad aziende ed enti pubblici la nostra figura professionale, fino ad allora poco nota sul mercato del lavoro. Pian piano ha esteso le sue attività e si è diffusa in tutta Italia».

All’origine della scarsa conoscenza del profilo dell’ingegnere ambientale, spiega Regalini, c’è «un problema comunicativo. Le università non hanno accompagnato l’istituzione del corso di laurea con un’attività divulgativa. Criticità che all’estero non ci sono, visto che queste figure funzionano da tempo». Oggi le cose sono un po’ migliorate: «Per fortuna ci sono aziende che ormai assumono solo ingegneri ambientali» e con lo sviluppo della green economy «è aumentata la domanda di profili di questo tipo: basti pensare che nel 2010 abbiamo diffuso tramite la mailing list per i nostri associati 430 offerte di lavoro, di cui il 40% all’estero. Non male per la situazione economica in cui ci troviamo». Rimangono però alcuni nodi critici, a partire dalla scarsa gratificazione economica. «Si fa un gran parlare di green jobs, ma quello che effettivamente succede è che gli ingegneri ambientali hanno un trattamento non proprio allettante in termini di posizioni salariali e livello di qualifica». Spesso, si vedono passare avanti figure con meno competenze. «In Italia la possibilità di fare carriera viene riservata ad altre figure, mentre i nostri colleghi che sono andati all’estero hanno avuto incarichi di responsabilità. E poi, nell’ambito della green economy, purtroppo non ci viene riconosciuta con uno stipendio adeguato la visione più ampia a livello ambientale», sottolinea Regalini.

La strada da fare per una completa affermazione di questi nuovi profili è ancora lunga, e tra le criticità ci sono anche le differenze tra Nord e Sud Italia. «In generale, al Nord c’è più consapevolezza, mentre al Sud si sono verificati alcuni casi eclatanti di concorsi presso enti pubblici in cui venivano ignorati gli ingegneri ambientali. Nell’ultimo caso che si è verificato sono stati ammessi con riserva e uno di loro ha vinto, ma alla fine non è stato assunto». Paradossi nel panorama di un’Italia che tanto bisogno avrebbe, per la tutela del suo paesaggio, di queste competenze. Lo si vede anche dagli ultimi avvenimenti: i fiumi di fango in Liguria, la terra che frana, che crolla, che cede sotto i piedi: «L’ingegnere ambientale non guarda solo l’opera in sé, ma valuta come questa si inserisce nel territorio. Fino ad adesso si sono usati spesso progetti fotocopia: ma se un progetto ha funzionato una volta, non è detto che valga per sempre».

Oltre alla newsletter e ai corsi di formazione per gli associati, Aiat collabora anche con le aziende e organizza iniziative destinate a cittadini e enti pubblici. «Le imprese ci chiamano per formare il personale o per organizzare insieme a loro eventi e convegni che approfondiscano determinate tematiche ambientali». Forte anche l’impegno in progetti per l’educazione ambientale e lo sviluppo sostenibile. L’ultimo è “GRU - Una Politica Integrata per la Gestione e la Riduzione dei Rifiuti in Ambito Universitario“, che prevede una serie di iniziative (tra cui, per esempio, l’erogazione di prodotti alla spina) con l’obiettivo di ridurre i rifiuti e promuovere la raccolta differenziata  e il riciclo nelle università. L’iniziativa partirà probabilmente nel 2012 e coinvolgerà inizialmente l’ateneo di Napoli Federico II, quello di Catania, e il Politecnico di Milano, ma «potrà essere estesa in futuro ad altre università». Dal 2004 al 2006 l’Aiat si è invece impegnata nel progetto “Piccoli risparmiatori di…energia!”, per il risparmio energetico negli edifici scolastici. Il progetto, finanziato dalla fondazione Cariplo, ha coinvolto 12 istituti scolastici delle provincie di Milano e Lodi. «Gli interventi riguardarono solo l’educazione dei bambini, ma già modificando i comportamenti abbiamo ottenuto dei risparmi energetici». A volte, per i cambiamenti, basta un occhio esperto e poco di più.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende