Home » Bollettino Europa »Rubriche » Al Parlamento Europeo salta l’accordo sul futuro del nucleare:

Al Parlamento Europeo salta l’accordo sul futuro del nucleare

aprile 11, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Nessuna exit strategy a medio e lungo termine e nessuna moratoria sull’attivazione di nuovi reattori, almeno fino a che non saranno completati gli “stress test” che entro l’anno si faranno su tutte le 148 centrali atomiche del vecchio continente. Per un gioco di veti incrociati al Parlamento europeo è saltato l’accordo sul futuro del nucleare

Gli Eurodeputati hanno litigato nella votazione più importante della settimana scorsa e alla fine non è stato approvato niente. Tutto rimarrà sulla carta. La moratoria (tutti erano d’accordo tranne che sulla durata della stessa) chiedeva “che l’Unione europea debba riconsiderare il proprio approccio alla sicurezza nucleare, tenendo presente che l’energia nucleare continuerà a far parte del mix energetico di diversi Stati membri per molti anni a venire”. Inoltre si chiedeva che gli stress test fossero “obbligatori e basati su criteri comuni e trasparenti”.

Nulla di fatto, la risoluzione nel suo insieme ha ricevuto 300 voti contro, 264 a favore e 61 astenuti. Ben 56 deputati Popolari hanno deciso di non appoggiare la risoluzione, nonostante le indicazioni del capogruppo Joseph Daul. In Italia hanno votato a favore i deputati del Pdl e contro quelli del Pd secondo i quali “non si può parlare di nucleare senza parlare di strategie di dismissione e di investimenti sulle energie rinnovabili”. Di una lista di criteri redatti dalla Commissione, che saranno inviati al Parlamento e resi pubblici per fine maggio, aveva parlato il Commissario per l’energia Günther Oettinger.

L’Ue però non è competente per la politica energetica: “I test saranno decisi e effettuati dai singoli Stati”, ha precisato infatti il Commissario. Secondo quanto denunciato dal portavoce dei Verdi sui temi del nucleare, il lussemburghese Claude Turmes, a far saltare l’accordo è stata la raccomandazione di voto data dalla liberaldemocratica svedese Lena Ek, relatrice per l’Alde. “Ha detto ai suoi di votare contro – ha spiegato Turmes – perché il suo partito in Svezia sostiene un governo che ha deciso di riaprire al nucleare, contro le decisioni di chiusura delle centrali che erano state prese dai governi di centrosinistra”.

Il dibattito si è già aperto in un clima di protesta, con sit-in anti-nucleare e poster pro-rinnovabili agitati da diversi deputati. Le critiche sono giunte soprattutto dai gruppi dei Verdi e dei Socialisti europei; in particolare i verdi tedeschi hanno giudicato ”troppo poco incisivi” i test e hanno sottolineato come questi debbano essere affidati a team di ”esperti internazionali” e non alle autorità nazionali. La proposta prevedeva inoltre di imporre l’obbligo di spegnimento immediato e decommissioning per le centrali che non dovessero superare i test. Ma per il momento nulla cambia rispetto allo status quo.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende