Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Al presidio no Muos di Niscemi nella teepee indiana:

Al presidio no Muos di Niscemi nella teepee indiana

Per la rubrica Impressioni di viaggio, pubblichiamo il quarto intervento del nostro contributor Francesco Tognola, 26 anni, partito a inizio aprile da San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani, per un giro d’Italia decisamente inconsueto. Dopo aver vissuto a Milano e aver fatto lavori diversi – dal liutaio all’assistente in un centro di immersioni – pochi mesi fa Francesco è tornato in Sicilia per realizzare il suo sogno: un viaggio lungo la penisola a piedi, in parapendio o facendo l’autostop. Greenews.info racconterà, ogni settimana, le sue avventure.

In questo viaggio ho deciso di non pianificare le tappe o le date, rimanendo fedele a una linea ipotetica e grossolana che da sud tira verso nord, ma come è già successo, tornare indietro o deviare in zone non calcolate non significa retrocedere o perdere tempo, ma arricchire una linea che si inerpica tra le stradine dell’entroterra siciliano.

E’ proprio così che finisco al presidio del comitato No Muos di Niscemi. Mentre punto a nord per fare la strada che taglia la piana di Catania, chiedo informazioni a un signore, che mi disegna la strada sulla carta. Non mi sembra che abbia capito che sono a piedi. Ma mi lascio comunque guidare dalle sue indicazioni: le macchine faranno questa strada e un passaggio lo trovo, penso. E infatti una macchina si ferma, nemmeno chiamandola: scendono Seba e Fouzi, che mi salutano subito con un abbraccio. Scopro che vanno verso Catania, e decido d’istinto che questo incontro non è un semplice passaggio in autostop. Mi invitano a casa loro e io vado.

La meta di Seba è Niscemi, dove la Marina Militare statuinitense sta costruendo Il Mobile User Objective System (MUOS), un sistema di comunicazione militare ad altissima frequenza (da 300 MHz a 3 GHz),  che servirà per operazioni di guerra. Nonostante la regione Sicilia abbia bloccato i lavori a causa dell’impatto ambientale, gli operai continuano ad affluire assieme ai militari e alle attrezzature nella base, ed è per questo che la mattina i ragazzi del presidio si organizzano per creare un “blocco umano” nell’unica strada che porta ai cancelli della base. La tensione cresce, i corpi iniziano ad ammassarsi stretti, qualcuno suggerisce, “ragazzi bevete un po’ d’acqua che serve a calmarsi e respirate”. Una prima macchina della polizia passa a contare i manifestanti per chiedere i rinforzi alle camionette. Dall’auto scende il commissario, vestito elegante con occhiali alla moda: con voce incerta e tremante si avvicina al groviglio umano, dicendo ai manifestanti che se non si spostano, andranno incontro a identificazione e saranno colpevoli di ostacolamento. Ma nessuno risponde, qualcuno comincia a stringere più forte. Arrivano i poliziotti: ce ne sono alcuni veramente arrabbiati, non si sa con chi, e per che cosa, che ci mettono una forza disumana per spostare i corpi, ma il groviglio è ben studiato e regge, mentre qualche altro ci mette meno forza e più calma..saranno forse Niscemesi?

La polizia impiega un quarto d’ora per liberare la strada. Stringe le persone in un angolo e lascia passare i camion che trasportano i militari e gli operai che continuano a costruire il Muos. La giustizia ha trionfato: i macchinari di guerra possono continuare ad essere costruiti, e le gli abitanti di Niscemi radiografati! In sordina filmo tutto con la mia microcamerina sportiva e quando spengo le immagini mi avvicino per chiedere ad un poliziotto da dove viene. Lui mi risponde Niscemi, e nei suo occhi si capisce benissimo che è consapevole di quello che ha appena fatto. Gli chiedo se da cittadino avrebbe partecipato al blocco e mi risponde di sì, ma che il suo lavoro gli impone di eseguire degli ordini particolari e che purtroppo non ci può fare niente. Una voce da lontano urla che non è vero che non si può fare niente, basta volerlo, e tutto si spegne fino a che uno storico pacifista non sale su un albero per suonare il flauto, e dopo i ripetuti inviti a scendere lui urla: “Una rivoluzione dove non c’è spazio per salire sugli alberi non è la mia rivoluzione”.

E così ci spostiamo di nuovo al presidio, un piccolo pezzo di terreno messo a disposizione dagli abitanti, dove un piatto caldo e un posto dove dormire vengono offerti a tutte le persone che vogliono dare il proprio contributo. Da lontano la prima cosa che salta all’occhio è l’enorme teepee indiana, emblema della battaglia agli yankee. Nella tenda dormo per due sere assieme ai miei nuovi amici. I ragazzi sono fantastici, tutti hanno negli occhi da guerrieri la speranza della vittoria, sicuri della propria battaglia. In un manifesto sul muro la scritta: “Se un  uomo non e’ disposto a correre dei rischi per le sue idee o non vale niente lui o non valgono niente le proprie idee”. Nel cuore di Max la certezza che “senza paura si può morire una sola volta”.

Nel frattempo il mio viaggio continua, con la certezza di ritornare a Niscemi prima o poi, per aiutare queste persone coraggiose. Quindi si ritorna su strade incerte, aspettando di lasciarsi trasportare di nuovo dal vento, aspettando il miracolo, e il miracolo effettivamente arriva. La strada è quella sbagliata, le indicazioni non dicono niente, fermerò questo ciclista per chiedere informazioni. Il ciclista mi riconosce, si presenta: “Ma tu sei Francesco di @ItaliaROAD?! Sono Elia, seguo la tua pagina, vieni a casa mia che domani si va a volare!”.

Francesco Tognola

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende