Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Al romitorio di Lauriano come un eremita, “uomo-albero” fuso con la natura:

Al romitorio di Lauriano come un eremita, “uomo-albero” fuso con la natura

marzo 18, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Li vedo, tutti gli eremiti del mondo, che tornano qui.  E intanto canticchio Nature Boy tra me e me. Una vecchia bellissima canzone, scritta da Eden Abhez: uno che davvero  provò a vivere allo “stato di natura”. Per un certo periodo degli anni Sessanta visse come eremita, sotto la lettera L della scritta “Hollywood”, sulla collina di Los Angeles, incarnando la sintesi perfetta tra asceta e sballone.

Senza andare tanto lontano, se volete fare gli “eremiti per un giorno”, potete cimentarvi nell’emozionante ascesa al Romitorio di Lauriano (TO), nascosto come un gioiello da conservare tra le colline del Po e quelle del Monferrato, a un tiro di schioppo da Chivasso.

Probabilmente, durante la vostra oretta di camminata non incontrerete anima viva.

Lauriano lo trovi di passaggio, per caso, sulla provinciale da Torino in direzione Casale, o camminando lungo la destra orografica del fiume, attraverso il Parco Fluviale del Po. Tutt’intorno, un patrimonio naturalistico straordinario, non ancora abbastanza fiero di sè, tra Riserve Naturali (Confluenza del Po e della Dora Baltea), Siti di Interesse Comunitario (il Bosc Grand), colline e – lontano lontano - l’arco delle Alpi, bene in evidenza nelle belle giornate. Eppure Lauriano sembra recluso in un’area di metamorfosi tra Canavese e Monferrato, dove per un attimo non è rintracciabile più alcun genius loci: terra di nessuno – e dove poteva trovarsi un romitorio?

L’eremita non è solo una figura del nostro immaginario, una ricerca individuale per chi la intraprende. La sua figura proviene da una Tradizione, risalente al Medioevo e oltre. Letteralmente il romìto – da cui “eremita” – era l’Uomo Albero, l’espressione, cioè, di un antico culto arboreo.  Così chiamato per via del corpo generalmente ricoperto di edera, si accompagnava con un bastone al quale legava un ramo di pungitopo e di ginestra, e viveva in romitaggio: senza una fissa dimora, diviso tra la “fusione panica” con la dea Terra e l’elemosina, che ricambiava con la sapienza e le spezie della Natura (sembra che questo tipo di tradizione abbia origine in una zona della Basilicata, a Satriano di Lucania).

Il cartello segnavia recita “Lauriano: paese fiorito”. In effetti la zona precollinare vanta una certa fioritura di Tulypa silvestris, volgarmente detto tulipano selvatico. Dalla provinciale, presa la deviazione per Lauriano, si oltrepassa, ancora al di qua dal paese, la cappelletta votiva della Madonna della Neve. Anche lei, come tutte le gemme di zona, sembra volere nascondere il suo candore alla vista del mondo.

In paese (quattro case davvero) passo davanti all’improbabile bar On the Road – nessuna traccia di hipsters o “vagabondi del Dharma”. Sotto il pergolato, anziani contemplativi scrutano l’orizzonte, immobili. Chiedo indicazioni per il romitorio. “Dopo la curva trova il cartello e in cima al bricco – il bric - c’è pure una bella chiesetta”. Da sotto, dal borgo o dalle strade limitrofe, è impossibile vedere il romitorio, così protetto dalla cima irsuta della collina. Anche questa è una caratteristica che sembra voluta da una geografia sacra, nel rispetto della vocazione e della storia del luogo. Io, col mio zaino armato di chitarra, potrei essere quello che rovina tutto!

Il sentiero che si arrampica sul poggio è una vena di radici e fango, segnato di tanto in tanto dai pneumatici del trattore, piuttosto che che dai piedi dell’uomo o dalle zampe delle bestie. A mezzo poggio, si allarga una zona di bosco ceduo o di taglio: ecco il perché dei segni del trattore. La pendenza, la luce crepuscolare e le spoglie degli alberi rendono apocalittico il colpo d’occhio. Mi spingo sempre più in alto con il crescere della pendenza. Per lunghi tratti di sentiero cammino sotto piccole volte di arbusti, in una specie di galleria del Green.

Poco prima di trovare la cima, costeggio un muretto di mattoni, completamente immerso nella boscaglia. Che sia questo il romitorio? Un muretto sbrecciato? No, è quel che resta di un antico torrione medioevale, un ricetto per lo stivaggio di alimenti e la protezione dei raccolti. Infine, al sommo della collina, tra il controluce degli alberi, spicca il romitorio, come un’installazione austera dello spirito, con il suo piccolo abside del XII Secolo, in perfetto stile romanico. Aggiro il tempietto e mi ritrovo davanti alla bella facciata, inondata di luce al tramonto.

Il romitorio è chiuso, senza eremiti da ospitare. Su un’iscrizione trovo l’informazione che cercavo: “questi locali ospitarono eremiti tra il XVII e il XIX secolo”. Rimarrò ancora un po’ qui, fino al calare della luce. Non sarò solo. Avrò dalla mia parte uomini-albero, a tenermi compagnia.

Orlando Manfredi

Playlist:
- Alberi, un film di Michelangelo Frammartino, 2013
- Henry David Thoreau, Walden. Vita nel bosco, Feltrinelli
- Into the Wild, Colonna Sonora Originale,  2007, J.Records
- Eden Ahbez, Eden’s Island, 1960 Del-fi/ 2004 Collector’s Choice

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende