Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Alberto Magnetti e le ottime ragioni dell’omeopatia:

Alberto Magnetti e le ottime ragioni dell’omeopatia

febbraio 7, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Più di un italiano su cinque, 13 milioni in totale (erano 6 milioni nel 2000), secondo i dati Eurispes si cura con i medicinali non convenzionali. Sul gradino più alto del podio svetta l’omeopatia con ben il 76% di preferenze di questa “comunità” che, come confermano i numeri, non è una setta esoterica di invasati. Anzi, c’è un gran pezzo d’Italia che si affida consapevolmente all’omeopatia. Ramo della medicina con oltre due secoli di storia alle spalle che, nonostante periodi di messa in ombra, ha ripreso sicurezza, autorevolezza e ricevuto riconoscimenti scientifici e istituzionali importanti: “Io sono integrato, insegno Omeopatia all’Università da 15 anni e faccio parte di una commissione istituita dalla Regione Piemonte sulla medicina non convenzionale. L’omeopatia, ricordiamolo, è atto medico, solo i medici la possono utilizzare”. A parlare è il dottor Alberto Magnetti, una vita professionale dedicata all’omeopatia: nel 1984 socio fondatore e presidente dell’Associazione Piemontese Medici Omeopatici (A.P.M.O.), poi socio fondatore della Federazione Italiana Associazioni e Medici Omeopatici (F.I.A.M.O.) e ancora, negli anni ’90, presidente della Società Italiana di Omeopatia di Torino e, dal 2005 al 2014 del risorto Istituto Omiopatico Italiano 1883, fondato alla fine del XIX secolo da un gruppo di medici omeopatici italiani intenzionati a diffondere questa pratica nella penisola.

Magnetti ama la storia della medicina e ripercorre con noi quella dell’omeopatia, molto diffusa da inizio ’800 negli U.S.A. ma poi rimasta in ombra per tanto tempo nello scenario internazionale: “E’ stata codificata nel lontano 1795 e ha tagliato importanti traguardi nella lotta all’epidemia di colera. Risultati eclatanti: con la medicina convenzionale morivano il 60% dei malati mentre con l’omeopatia le percentuali scendevano sotto il 10%. Si aprirono così molti ospedali, per esempio quello di Londra dove si cura ancora oggi la casa reale”.

Poi qualcosa cambia la storia. “Quando si scoprirono i batteri s’impose il meccanismo di interpretazione lineare: individuo il batterio e lo uccido. Gli antibiotici conquistarono la testa dei medici e l’omeopatia fu messa in secondo piano”. L’ apice è stato raggiunto  dagli anni ’40 ai ’60 del Novecento, con la sempre maggiore industrializzazione della medicina. “Trionfò la filosofia del basta una pastiglia per risolvere tutto, solo a fine anni 60 si risvegliò  l’interesse. Oggi in Europa la stima della popolazione omeopatica è di 125 milioni di persone, nel mondo siamo a 600 milioni. A Torino c’era il primo Ospedale Omeopatico Italiano, rimasto aperto da fine Ottocento fino al 1985!”.

I numeri attuali confermano l’attenzione ed il seguito, ma Magnetti porta anche altri numeri, di tipo economico, che spiegano le reazioni rabbiose contro l’omeopatia: “Nonostante le fake news sui fatturati calanti dell’omeopatia, una società di marketing USA – la Transparency Market Research – stima un aumento del 44% nel mondo in 10 anni: ha preventivato il passaggio da 386 milioni a 17 miliardi nel 2024. Sono dati che preoccupano i marchi tradizionali“. Ovvero Big Pharma trema. E reagisce.

Nei media l’omeopatia salta dunque in prima pagina solo quando si verificano delle disgrazie e i titoli sono molto forti e negativi. Quando il bambino in cura presso un medico omeopata morì per l’otite la notizia ebbe un’eco molto forte nei telegiornali. Fenomeno che non accade quasi mai per i decessi causati dalla medicina tradizionale. Un’asimmetria che Magnetti denuncia: “Basta che ci sia di mezzo un farmaco omeopatico e i titoli in prima pagina arrivano facilmente. In realtà non c’entra nulla l’omeopatia, ma la malpractice (l’errore medico, NdR). In altri termini è il medico che sbaglia, è sua la responsabilità. Quando un chirurgo palermitano ha tranciato un’arteria ad un bambino non c’è stato tanto clamore, non si è messa in discussione la chirurgia!“. Due pesi e due misure.

Magnetti ammette anche che l’omeopatia “non sempre funziona”, ma esattamente così come la medicina tradizionale. “L’aspirina – ricorda – va bene nel 50% dei casi, quando non funziona il medico deve trovare una soluzione alternativa. A livello internazionale  sono stati diffusi spesso degli studi, poi smascherati, come quello di Shang del 2005 pubblicato da Lancet. Un lavoro scientifico di basso livello, con errori di tipo statistico che ebbe una forte risonanza sulle maggiori testate mondiali per l’ editoriale ‘La fine dell’omeopatia, diffuso ai mass media. Titoli veramente esagerati”. Eppure l’omeopatia “non ha conseguenze negative come i farmaci tradizionali: ci sono più morti causati dagli ansiolitici che vittime da incidenti stradali!”.

Magnetti, durante la nostra intervista, si sofferma anche sui rapporti con le altre cure “allopatiche”, sia naturali che convenzionali, per spiegare le differenze. “Il fitoterapico – ci spiega – ha una buona azione, ma è sempre la chiave con la quale apro l’auto, mentre con il telecomando, ovvero l’omeopatia, mando un messaggio e interagisco. L’omeopatia utilizza energia, informazioni e non distrugge nessuno. Usa ‘la password’ giusta. La vera personalizzazione della cura. In omeopatia 10 persone ricevono 10 trattamenti diversi perché il medico tiene conto del quadro generale del paziente“. Insomma l’analisi è olistica, guarda all’ambiente in cui vive la persona, alle sue differenti relazioni. E la relazione con i vaccini? “L’omeopatia è contemporanea alla scoperta dei vaccini che mimano la sua realtà,  anche se il loro uso è più grossolano si somigliano ed hanno un meccanismo d’azione simile. Mai screditati i vaccini nel mondo omeopatico. Detto questo non possiamo negare l’evidenza, cioè gli effetti collaterali...”.

Un tema caldo, di cui si parlerà anche al prossimo congresso nazionale della FIAMO che, ci ricorda il dottore, si terrà in Piemonte dal 16 al 18 marzo prossimi, e in occasione della Giornata Mondiale dell’Omeopatia – il 10 aprile (data di nascita del fondatore tedesco Samuel Hahnemann) – dove Magnetti sarà di nuovo in prima fila a difendere le ragioni di questa pratica medica “non convenzionale”, tanto efficace quanto criticata.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende