Home » Rubriche »Very Important Planet » Alessandra Sensini: “in sintonia con la natura per vincere in gara”:

Alessandra Sensini: “in sintonia con la natura per vincere in gara”

Medaglia d’oro alle Olimpiadi di Sydney, con decine di altri successi olimpici, mondiali ed europei, alle spalle Alessandra Sensini è uno dei volti noti e motivo di orgoglio del windsurf italiano. Oggi Direttore Tecnico del settore giovanile della FIV e componente della giunta nazionale del CONI,  Alessandra si occupa di formare le nuove leve della squadra nazionale giovanile.

D) Alessandra, lei ha dedicato molti anni della sua vita al windsurf: cosa le ha insegnato?

R) Mi ha insegnato moltissimo: è stata la mia vita, 20 anni in cui sono cresciuta e maturata, mi ha insegnato a stare al mondo ed è la mia passione.

D) Pensa che lo sport aiuti a sviluppare il rispetto per l’ambiente e una coscienza ambientale?

R) Assolutamente sì. So per esperienza personale che insegna a instaurare un rapporto di rispetto reciproco, oltre all’attenzione per il senso civico e per le regole. Vivere a contatto con il mare mi ha dato energia e regalato voglia di vivere.

D) Quali sono le brutture ambientali che le è capitato di incontrare nei suoi viaggi?

R) Ovviamente la mia esperienza è legata direttamente al mare e a luoghi dove purtroppo non vigono controlli rigidi sullo smaltimento dei rifiuti. Sono stata in posti come i Caraibi, dove l’acqua è trasparente, ma persino lì, se si nuota con la maschera e si osserva il fondale, si scopre tanta immondizia depositata sul fondo. In Italia ci sono zone molto trafficate per motivi commerciali, altre più stagnanti oppure zone più aperte. Il Mediterraneo è un mare chiuso che va sicuramente salvaguardato. Bisogna cercare di avere regole e normative puntuali che proteggano l’ambiente, da abbinare all’azione del singolo, che nel suo piccolo può fare tantissimo.

D) Praticare windsurf dipende molto dalle condizioni ambientali…

R) Quando sei in regata devi arrivare a capire velocemente le condizioni del mare, come soffia il vento, qual è la conformazione della costa. Sono tutti elementi che servono per trovare il tuo ritmo, per scegliere come vestirsi per affrontare al meglio la gara in base alla temperatura dell’acqua e dell’aria.

D) Qual è il suo rapporto con il mare e con la natura in generale?

R) Ormai abito a Roma da un paio di anni, per questo mi piace molto uscire appena posso, ritrovare il contatto con la natura. Se non riesco ad andare in acqua, vado in montagna o in mountain bike: la natura mi piace, mi rilassa e mi ricarica.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compie per rispettare l’ambiente?

R) Sono spesso in viaggio, ma cerco di fare sempre attenzione alla raccolta differenziata e agli sprechi, doso molto i consumi di acqua ed energia, che sono poi le piccole cose che aiutano a ridurre il nostro impatto.

D) Che tipo di coscienza ambientale ha riscontrato fra i windsurfer italiani? E quelli stranieri?

R) C’è molto rispetto per l’ambiente in questo sport. Per esempio, quando sono stata l’ultima volta a Maui ci siamo incontrati tutti alla spiaggia, siamo entrati in acqua con le maschere e abbiamo raccolto le attrezzature che ci capitava di rompere e che poi rimangono sul fondo. È successo anche a Banzai, uno spot da surf da onda vicino Roma: un’associazione di surfisti si è ritrovata per pulire la spiaggia dai rifiuti abbandonati.

D) Ci può raccontare un episodio di gara in cui ricorda in particolar modo la comunione con il mare e la natura?

R) Tutte le volte che in gara vai bene è perché sei riuscita a instaurare una buona sintonia con l’ambiente e con il tuo movimento, quindi mi è capitato spesso. Ma è capitato anche di non sentire l’ambiente intorno, non è stato bello in quelle occasioni!

D) Fra mare e vento, cosa sceglie?

R) Scelgo il mare, perché è il primo amore, poi c’è stato il vento.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende