Home » Rubriche »Very Important Planet » Alessandro Fabian: il triatleta che sa mettersi in modalità “risparmio energetico”:

Alessandro Fabian: il triatleta che sa mettersi in modalità “risparmio energetico”

novembre 27, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Classe 1988, Alessandro Fabian ha fiato per nuotare, correre e andare in bici. È entrato stabilmente nell’èlite del triathlon internazionale quando nel 2012 ha raggiunto il 12° posto nel rank mondiale. A Londra si è guadagnato un decimo posto che lo ha ripagato dei sacrifici fatti, ma soprattutto lo ha proiettato direttamente verso l’Olimpiade 2016 di Rio de Janeiro. Di recente, ha chiuso la stagione agonistica 2015 con i campionati italiani di triathlon.

D) Alessandro, che bilancio fai dei Campionati appena conclusi?

R) Bilancio positivo, qualche nota stonata di inizio stagione, ma essendo “un diesel” riesco ad esprimermi nel tempo… Quest’anno, soprattutto, è stata una maturazione mentale più che fisica. Molto spesso le difficoltà fisiche ci mettono alla prova e noi abbiamo la possibilità di crescere grazie a queste occasioni.

D) Come ti stai preparando per le Olimpiadi del 2016? Quale sarà il tuo obiettivo?

R) Preparerò Rio con la passione e la voglia di superare i miei limiti giorno per giorno. Principalmente la mia preparazione si dividerà tra alcuni collegiali con la nazionale e Marostica, quartier generale dove lavoro a stretto contatto con il mio staff. E riguardo l’obiettivo, state a guardare e godetevi lo spettacolo!

D) Come hai scoperto la tua passione per tutte queste discipline?

R) È stata una coincidenza di situazioni. Mi sono avvicinato al triathlon a 17 anni perché nel nuoto non avevo più stimoli e il mio allenatore, che faceva parte anche di una squadra di triathlon, mi chiese se avevo voglia di cimentarmi in questa nuova avventura. Da li è iniziato il mio cammino che mi ha fatto scoprire il bello del mio sport, delle tre discipline, e soprattutto l’ambiente che lo circonda. Il triathlon è l’unione di tre gesti basilari semplici e soprattutto presenti fin da quando siamo piccoli nella vita di tutti noi.

D) Nuoti, corri, vai in bici: una persona come te deve per forza amare la natura, o no?

R) Ma certo, infatti per me rappresenta anche un aspetto spirituale. Io sono cresciuto, grazie ai miei genitori, in un luogo dove ho potuto stare a stretto contatto con l’ambiente naturale. Negli anni, specialmente da quando ho intrapreso la mia carriera da triatleta, mi sono avvicinato ancor di più al concetto di natura. Tanto che ora credo fortemente che noi, umani, siamo un piccolissimo granellino di sabbia in un oceano immenso che rappresenta madre natura. Inconsapevolmente interagiamo con lei e in qualche maniera la modifichiamo di giorno in giorno, nel bene e nel male.

D) Quali sono i gesti quotidiani che compi per rispettare l’ambiente?

R) Una cosa che non sopporto è pensare di gettare i rifiuti al di fuori degli appositi spazi, infatti è una cosa a cui sto attentissimo. Un’altra cosa, a cui tengo molto, sono gli sprechi in genere.  Mi capita spesso di ironizzare sulla pulizia del mio piatto, è come se non fosse mai stato utilizzato!

D) Quale delle tre discipline ti fa sentire più in comunione con l’ambiente?

R) Tutte e tre le discipline mi permettono di entrare in contatto con la natura. La cosa che sottolineo è il fatto che si ha un contatto diverso con ognuna e il bello è la diversità con cui posso viverlo, dal mare nel nuoto, alle montagne nella bici, ai boschi nella corsa.

D) Quali sono i luoghi dei tuoi allenamenti?

R) Pratico soprattutto all’aria aperta. L’unico neo è il nuoto, che durante l’inverno per le temperature rigide è difficile praticare in acque libere. Ma mi ritengo super fortunato di poter interagire quotidianamente con la natura, perché mi dona grande energia!

D) Trovi che lo sport porti ad amare la natura circostante come naturale conseguenza?

R) Purtroppo non credo in questo automatismo, perché in questo caso entra in gioco la sensibilità di una persona e non sempre è così scontata. Penso che fare sport all’aria aperta, vicino all’ambiente, possa aiutare le persone ad aprire gli occhi. Ora come ora, aggiungo, che abbiamo sempre più bisogno di avvicinarci alla natura perché, dopo moltissimi anni di “libertà”, ormai comincia a sentirne le conseguenze dandoci ogni tanto, e molto più spesso, dei segnali sempre più forti.

D) Qual è secondo te l’emergenza ambientale più preoccupante?

R) Secondo me è il riscaldamento globale, che da qualche anno comincia a darci dei segnali sempre più evidenti e, se non cominciamo a muoverci seriamente, arrecherà danni irreparabili. Anche il resto, comunque, non è da sottovalutare, come il rinnovo delle risorse ambientali che in questo momento rincorriamo sempre più.

D) In un’intervista, fra le tue caratteristiche, ti definisci anche “lento”: ci sembra un po’ una contraddizione, vista la tua scelta sportiva, o no?

R) Gli atleti sono una categoria molto “particolare”, noi diamo il massimo quando si parla di prestazione ma poi il resto del tempo siamo sempre in modalità “risparmio energetico”, ditemi voi, questo non aiuta a rispettare l’ambiente?

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende