Home » Rubriche »Very Important Planet » Alessandro Fabian: il triatleta che sa mettersi in modalità “risparmio energetico”:

Alessandro Fabian: il triatleta che sa mettersi in modalità “risparmio energetico”

novembre 27, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Classe 1988, Alessandro Fabian ha fiato per nuotare, correre e andare in bici. È entrato stabilmente nell’èlite del triathlon internazionale quando nel 2012 ha raggiunto il 12° posto nel rank mondiale. A Londra si è guadagnato un decimo posto che lo ha ripagato dei sacrifici fatti, ma soprattutto lo ha proiettato direttamente verso l’Olimpiade 2016 di Rio de Janeiro. Di recente, ha chiuso la stagione agonistica 2015 con i campionati italiani di triathlon.

D) Alessandro, che bilancio fai dei Campionati appena conclusi?

R) Bilancio positivo, qualche nota stonata di inizio stagione, ma essendo “un diesel” riesco ad esprimermi nel tempo… Quest’anno, soprattutto, è stata una maturazione mentale più che fisica. Molto spesso le difficoltà fisiche ci mettono alla prova e noi abbiamo la possibilità di crescere grazie a queste occasioni.

D) Come ti stai preparando per le Olimpiadi del 2016? Quale sarà il tuo obiettivo?

R) Preparerò Rio con la passione e la voglia di superare i miei limiti giorno per giorno. Principalmente la mia preparazione si dividerà tra alcuni collegiali con la nazionale e Marostica, quartier generale dove lavoro a stretto contatto con il mio staff. E riguardo l’obiettivo, state a guardare e godetevi lo spettacolo!

D) Come hai scoperto la tua passione per tutte queste discipline?

R) È stata una coincidenza di situazioni. Mi sono avvicinato al triathlon a 17 anni perché nel nuoto non avevo più stimoli e il mio allenatore, che faceva parte anche di una squadra di triathlon, mi chiese se avevo voglia di cimentarmi in questa nuova avventura. Da li è iniziato il mio cammino che mi ha fatto scoprire il bello del mio sport, delle tre discipline, e soprattutto l’ambiente che lo circonda. Il triathlon è l’unione di tre gesti basilari semplici e soprattutto presenti fin da quando siamo piccoli nella vita di tutti noi.

D) Nuoti, corri, vai in bici: una persona come te deve per forza amare la natura, o no?

R) Ma certo, infatti per me rappresenta anche un aspetto spirituale. Io sono cresciuto, grazie ai miei genitori, in un luogo dove ho potuto stare a stretto contatto con l’ambiente naturale. Negli anni, specialmente da quando ho intrapreso la mia carriera da triatleta, mi sono avvicinato ancor di più al concetto di natura. Tanto che ora credo fortemente che noi, umani, siamo un piccolissimo granellino di sabbia in un oceano immenso che rappresenta madre natura. Inconsapevolmente interagiamo con lei e in qualche maniera la modifichiamo di giorno in giorno, nel bene e nel male.

D) Quali sono i gesti quotidiani che compi per rispettare l’ambiente?

R) Una cosa che non sopporto è pensare di gettare i rifiuti al di fuori degli appositi spazi, infatti è una cosa a cui sto attentissimo. Un’altra cosa, a cui tengo molto, sono gli sprechi in genere.  Mi capita spesso di ironizzare sulla pulizia del mio piatto, è come se non fosse mai stato utilizzato!

D) Quale delle tre discipline ti fa sentire più in comunione con l’ambiente?

R) Tutte e tre le discipline mi permettono di entrare in contatto con la natura. La cosa che sottolineo è il fatto che si ha un contatto diverso con ognuna e il bello è la diversità con cui posso viverlo, dal mare nel nuoto, alle montagne nella bici, ai boschi nella corsa.

D) Quali sono i luoghi dei tuoi allenamenti?

R) Pratico soprattutto all’aria aperta. L’unico neo è il nuoto, che durante l’inverno per le temperature rigide è difficile praticare in acque libere. Ma mi ritengo super fortunato di poter interagire quotidianamente con la natura, perché mi dona grande energia!

D) Trovi che lo sport porti ad amare la natura circostante come naturale conseguenza?

R) Purtroppo non credo in questo automatismo, perché in questo caso entra in gioco la sensibilità di una persona e non sempre è così scontata. Penso che fare sport all’aria aperta, vicino all’ambiente, possa aiutare le persone ad aprire gli occhi. Ora come ora, aggiungo, che abbiamo sempre più bisogno di avvicinarci alla natura perché, dopo moltissimi anni di “libertà”, ormai comincia a sentirne le conseguenze dandoci ogni tanto, e molto più spesso, dei segnali sempre più forti.

D) Qual è secondo te l’emergenza ambientale più preoccupante?

R) Secondo me è il riscaldamento globale, che da qualche anno comincia a darci dei segnali sempre più evidenti e, se non cominciamo a muoverci seriamente, arrecherà danni irreparabili. Anche il resto, comunque, non è da sottovalutare, come il rinnovo delle risorse ambientali che in questo momento rincorriamo sempre più.

D) In un’intervista, fra le tue caratteristiche, ti definisci anche “lento”: ci sembra un po’ una contraddizione, vista la tua scelta sportiva, o no?

R) Gli atleti sono una categoria molto “particolare”, noi diamo il massimo quando si parla di prestazione ma poi il resto del tempo siamo sempre in modalità “risparmio energetico”, ditemi voi, questo non aiuta a rispettare l’ambiente?

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende