Home » Rubriche »Very Important Planet » Alessandro Perissinotto: “La chiave del successo è la comodità”:

Alessandro Perissinotto: “La chiave del successo è la comodità”

Il suo ultimo libro, ”Le colpe dei padri“, si è classificato secondo al Premio Strega 2013. Docente universitario, autore di numerosi polizieschi e saggi, Alessandro Perissinotto ha partecipato recentemente allo spettacolo Torino in tram e in bicicletta organizzato da Assemblea Teatro, accompagnando gli spettatori attraverso un viaggio che, dal tranvai di Edmondo De Amicis al tram popolare di Erri De Luca, scende in bicicletta in un percorso dentro la memoria della Torino operaia.

D) Perissinotto, perché la scelta dei mezzi pubblici come veicolo per questa avventura?

R) Lo spettacolo è incentrato sulla città, la scelta di attraversarla con i mezzi pubblici è legata al desiderio di lentezza, alla tranquillità necessaria per fermarsi a osservare luoghi particolari. La bici era il mezzo della Torino operaia e siccome il pezzo che ho scritto per questo spettacolo è una visita alla memoria di quella Torino, la bicicletta mi è sembrata il mezzo migliore.

D) Nei suoi lavori spesso torna il rapporto con la memoria e con il territorio: cosa significano per lei?

R) Qualsiasi ispirazione per me nasce da una profonda osservazione di ciò che mi circonda, ciò che  chiamo spazio umano e che si lega in particolare ai luoghi che amo, quindi spesso nei miei lavori torna la montagna, il mio ambiente di nascita. Vivo la montagna come escursionista, un tempo sono stato anche alpinista, mi piace lo sci di fondo, la mia crescita è legata alla vita di paese, ai pascoli e ai raccolti.

D) Qual è il suo approccio all’ambiente?

R) È un legame attento, l’ambiente ci interpella tutti nel quotidiano, dalla raccolta differenziata ai consumi energetici. Qualsiasi mia azione rivolge una naturale attenzione all’ambiente, per me è uno stile di vita.

D) Che mezzi di trasporto usa solitamente?

R) Fra casa mia e il luogo di lavoro ci sono 350 metri di dislivello che in andata sono percorsi in discesa, ma al ritorno sono in salita e non mi sento di usare la bicicletta. Quindi preferisco la moto oppure l’auto fino alla base della collina e poi il bikesharing, un’iniziativa che a Torino è ben organizzata e ha avuto un buon successo.

D) Si parla molto del cicloturismo come di un fenomeno emergente: lei cosa ne pensa?

R) Ho fatto il mio primo viaggio in bici nel 1983-84 nei castelli della Loira. Ho fatto più volte le vacanze in bici, l’ultima tre anni fa nel circuito del Luberon, in Provenza, che segnalo perché si snoda su 350 km abbastanza movimentati ma molto piacevoli perché quasi tutti su itinerari ciclabili o su strade dove raramente passano auto. Anche l’Italia ha dei grandi circuiti cicloturisti, non dobbiamo cercare solo all’estero ciò che abbiamo anche nel nostro paese. C’è però da dire che, rispetto all’estero, in Italia il turismo low budget viene un po’ dimenticato dagli operatori turistici, per esempio diventa difficile trovare hotel che abbiano agevolazioni per i cicloturisti, cosa che in Francia o in Germania avviene normalmente.

D) L’uso dei mezzi pubblici può migliorare o educare il rapporto che le persone hanno con l’ambiente?

R) Sicuramente aiuta a formare una diversa consapevolezza, che deve però passare attraverso un punto importante, la comodità. Mi spiego: nella mia città le persone usano il bikesharing perché è comodo, solo a posteriori c’è anche una presa di coscienza del rispetto per l’ambiente, che non si traduce solo nella riduzione dell’inquinamento, ma anche in un uso più consapevole delle risorse. Se uso la bici mezzora al giorno non ho bisogno di possederla, posso condividerla. Ragionamento valido anche per l’automobile. Si arriva così alla comprensione che certi oggetti possono essere usati in condivisione e non in gelosa proprietà. Dobbiamo pertanto arrivare a rendere l’uso dei mezzi pubblici più comodo. In quelle città dove c’è una rete metropolitana efficiente lo è già. Ma è necessario eliminare la dimensione punitiva che è ancora legata al rispetto ambientale. Prendiamo ad esempio i cassonetti della raccolta differenziata: quello per il vetro richiede l’inserimento delle bottiglie una alla volta, quello per la carta ti chiede di infilarla in una fessura piuttosto stretta. Se si studiassero soluzioni più immediate le persone sarebbero anche più invogliate all’uso regolare.

D) Ha già scritto libri a tematica ambientale?

R) Ne ho scritto uno in cui il movente dell’omicidio era l’occultamento di rifiuti tossici, mentre il mio prossimo libro parlerà del boom industriale della Cina, analizzandone luci e ombre attraverso la storia di un ingegnere italiano che si trasferisce in Cina per seguire lo sviluppo del suo prodotto. Dopo un iniziale entusiasmo, presto si accorgerà che le ombre del sistema produttivo cinese prevalgono.

D) Cosa ne pensa del genere eco-thriller?

R) È una forma di educazione ambientale di una certa efficacia. Il crimine ambientale è uno dei più diffusi, pertanto è inevitabile che entri anche nella narrativa. Non ci rendiamo conto di quanto sia diffuso e di quanto sia nascosto. L’indicatore più profondo del cambiamento di mentalità in corso è il fatto che in un eco-thriller si riconosca l’ambiente come vittima. Solitamente nel genere poliziesco solo il crimine grave può essere considerato motore narrativo. Quando si parla di crimine ambientale facciamo un salto culturale importante perché riconosciamo nell’ambiente un soggetto che può soffrire, che può ricevere torti e quindi essere vittima.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende