Home » Rubriche »Very Important Planet » Alessandro Perissinotto: “La chiave del successo è la comodità”:

Alessandro Perissinotto: “La chiave del successo è la comodità”

Il suo ultimo libro, ”Le colpe dei padri“, si è classificato secondo al Premio Strega 2013. Docente universitario, autore di numerosi polizieschi e saggi, Alessandro Perissinotto ha partecipato recentemente allo spettacolo Torino in tram e in bicicletta organizzato da Assemblea Teatro, accompagnando gli spettatori attraverso un viaggio che, dal tranvai di Edmondo De Amicis al tram popolare di Erri De Luca, scende in bicicletta in un percorso dentro la memoria della Torino operaia.

D) Perissinotto, perché la scelta dei mezzi pubblici come veicolo per questa avventura?

R) Lo spettacolo è incentrato sulla città, la scelta di attraversarla con i mezzi pubblici è legata al desiderio di lentezza, alla tranquillità necessaria per fermarsi a osservare luoghi particolari. La bici era il mezzo della Torino operaia e siccome il pezzo che ho scritto per questo spettacolo è una visita alla memoria di quella Torino, la bicicletta mi è sembrata il mezzo migliore.

D) Nei suoi lavori spesso torna il rapporto con la memoria e con il territorio: cosa significano per lei?

R) Qualsiasi ispirazione per me nasce da una profonda osservazione di ciò che mi circonda, ciò che  chiamo spazio umano e che si lega in particolare ai luoghi che amo, quindi spesso nei miei lavori torna la montagna, il mio ambiente di nascita. Vivo la montagna come escursionista, un tempo sono stato anche alpinista, mi piace lo sci di fondo, la mia crescita è legata alla vita di paese, ai pascoli e ai raccolti.

D) Qual è il suo approccio all’ambiente?

R) È un legame attento, l’ambiente ci interpella tutti nel quotidiano, dalla raccolta differenziata ai consumi energetici. Qualsiasi mia azione rivolge una naturale attenzione all’ambiente, per me è uno stile di vita.

D) Che mezzi di trasporto usa solitamente?

R) Fra casa mia e il luogo di lavoro ci sono 350 metri di dislivello che in andata sono percorsi in discesa, ma al ritorno sono in salita e non mi sento di usare la bicicletta. Quindi preferisco la moto oppure l’auto fino alla base della collina e poi il bikesharing, un’iniziativa che a Torino è ben organizzata e ha avuto un buon successo.

D) Si parla molto del cicloturismo come di un fenomeno emergente: lei cosa ne pensa?

R) Ho fatto il mio primo viaggio in bici nel 1983-84 nei castelli della Loira. Ho fatto più volte le vacanze in bici, l’ultima tre anni fa nel circuito del Luberon, in Provenza, che segnalo perché si snoda su 350 km abbastanza movimentati ma molto piacevoli perché quasi tutti su itinerari ciclabili o su strade dove raramente passano auto. Anche l’Italia ha dei grandi circuiti cicloturisti, non dobbiamo cercare solo all’estero ciò che abbiamo anche nel nostro paese. C’è però da dire che, rispetto all’estero, in Italia il turismo low budget viene un po’ dimenticato dagli operatori turistici, per esempio diventa difficile trovare hotel che abbiano agevolazioni per i cicloturisti, cosa che in Francia o in Germania avviene normalmente.

D) L’uso dei mezzi pubblici può migliorare o educare il rapporto che le persone hanno con l’ambiente?

R) Sicuramente aiuta a formare una diversa consapevolezza, che deve però passare attraverso un punto importante, la comodità. Mi spiego: nella mia città le persone usano il bikesharing perché è comodo, solo a posteriori c’è anche una presa di coscienza del rispetto per l’ambiente, che non si traduce solo nella riduzione dell’inquinamento, ma anche in un uso più consapevole delle risorse. Se uso la bici mezzora al giorno non ho bisogno di possederla, posso condividerla. Ragionamento valido anche per l’automobile. Si arriva così alla comprensione che certi oggetti possono essere usati in condivisione e non in gelosa proprietà. Dobbiamo pertanto arrivare a rendere l’uso dei mezzi pubblici più comodo. In quelle città dove c’è una rete metropolitana efficiente lo è già. Ma è necessario eliminare la dimensione punitiva che è ancora legata al rispetto ambientale. Prendiamo ad esempio i cassonetti della raccolta differenziata: quello per il vetro richiede l’inserimento delle bottiglie una alla volta, quello per la carta ti chiede di infilarla in una fessura piuttosto stretta. Se si studiassero soluzioni più immediate le persone sarebbero anche più invogliate all’uso regolare.

D) Ha già scritto libri a tematica ambientale?

R) Ne ho scritto uno in cui il movente dell’omicidio era l’occultamento di rifiuti tossici, mentre il mio prossimo libro parlerà del boom industriale della Cina, analizzandone luci e ombre attraverso la storia di un ingegnere italiano che si trasferisce in Cina per seguire lo sviluppo del suo prodotto. Dopo un iniziale entusiasmo, presto si accorgerà che le ombre del sistema produttivo cinese prevalgono.

D) Cosa ne pensa del genere eco-thriller?

R) È una forma di educazione ambientale di una certa efficacia. Il crimine ambientale è uno dei più diffusi, pertanto è inevitabile che entri anche nella narrativa. Non ci rendiamo conto di quanto sia diffuso e di quanto sia nascosto. L’indicatore più profondo del cambiamento di mentalità in corso è il fatto che in un eco-thriller si riconosca l’ambiente come vittima. Solitamente nel genere poliziesco solo il crimine grave può essere considerato motore narrativo. Quando si parla di crimine ambientale facciamo un salto culturale importante perché riconosciamo nell’ambiente un soggetto che può soffrire, che può ricevere torti e quindi essere vittima.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende