Home » Rubriche »Very Important Planet » Alice Ronchi, l’arte tra rettangoli arati e paesaggio artificiale:

Alice Ronchi, l’arte tra rettangoli arati e paesaggio artificiale

febbraio 20, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Divisa fra Milano e Amsterdam, Alice Ronchi è una giovane artista italiana emergente. Nata nel 1989 a Ponte dell’Olio e cresciuta in Brianza, Alice ha tenuto la sua prima personale presso la galleria di Francesca Minini, intitolata Colazione sull’erba, in cui ha raccontato la sua visione di paesaggio e territorio. Per tutto febbraio The Blank Bergamo Contemporary Art la segnala come artista del mese. A Greenews.info Alice spiega cosa ha voluto comunicare con la sua mostra e qual è il suo rapporto con l’ambiente.

D) Alice, spiegaci meglio cosa hai voluto esprimere nella tua mostra…

R) Un insieme. Questo era il mio obbiettivo: non creare una sequenza di lavori, bensì lavorare su un concetto di insieme progettando in principio le relazioni che lo avrebbero generato. La mostra aveva l’obiettivo di essere ciò che le singole parti, ciascun lavoro autonomo, non sarebbe mai potuta essere: un luogo. Così la mostra non è la somma delle parti, ma qualcos’altro generato dal dialogo tra di esse…

D) Da cosa nasce il tuo interesse per il paesaggio?

R) Dalla mia infanzia. Sono cresciuta nella provincia di Milano, non immersa nel verde ma con del verde attorno, per lo più sottoforma di rettangoli arati. Nipote di contadini, ho frequentato la natura come un parco giochi per tutta la vita e una volta a Milano ho continuato a farlo, con le strade, le piazze, le costruzioni. Continuavo a ritrovare la natura nascosta nelle cose artificiali e, sebbene con il mio lavoro non abbia mai voluto rappresentarla, mi sono ritrovata a raccontarla. Suppongo che ognuno di noi racconti ciò che conosce meglio.

D) Se dovessi darne una definizione come lo descriveresti?

R) Come un sistema di relazioni che si rivela agli occhi dello spettatore, in sintesi lo definirei complesso e generoso.

D) Cosa provi per la natura e l’ambiente?

R) Complicità e rispetto.

D) Fra gli elementi naturali, quale senti il più affine a te?

R) Riferendomi ai 4 elementi, l’aria, perché in essa le relazioni si propagano.

D) Quale pensi sia il rapporto fra arte, natura e ambiente?

R) Penso esistano tanti diversi rapporti con la natura e l’ambiente quanti gli artisti che interagiscono con essi. Il rapporto con l’ambiente, inteso come spazio che ci definisce, lo chiamerei biunivoco, in quanto ogni individuo è in grado di influenzarlo anche in maniera diretta. In questi termini ogni tanto visualizzo le persone come suoi coinquilini, come se ci fosse un accordo, una complicità nella quale le leggi di causa ed effetto sono in vigore.

D) Quali sono i materiali che trovi più espressivi?

R) Tutti quelli colorati.

D) Hai realizzato delle opere site specific inserite nel paesaggio naturale?

R) In passato ho realizzato un playground in foam per animali che è stato temporaneamente collocato in un ampio terreno e rimosso perché il mio lavoro era di natura fotografica. Attualmente invece sto disegnando degli interventi pensati per stare: la collocazione sarà un giardino.

D) Quanto è importante l’ambiente nella tua vita quotidiana, quali sono i gesti quotidiani che compi per rispettarlo?

R) Vado a fargli visita, tutti i giorni. Questa è la mia forma di rispetto, l’attenzione e la gratitudine.

D) Pensi che un artista, in quanto personaggio pubblico, abbia il dovere di aiutare a costruire una coscienza ambientale?

R) Credo fortemente che un artista in quanto tale abbia una grande responsabilità ed è importante che ne sia consapevole. Tuttavia non gli attribuirei il ‘dovere’ di aiutare a costruire una coscienza ambientale, bensì il dovere, come ogni altro essere umano, di fare del proprio meglio, di dare il proprio contributo, qualsiasi cosa quel contributo rappresenti, niente di più e niente di meno.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende