Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Alla scoperta di Angelo D’Arrigo, che riportò in libertà le gru siberiane:

Alla scoperta di Angelo D’Arrigo, che riportò in libertà le gru siberiane

Per la rubrica Impressioni di viaggio, pubblichiamo il quinto intervento del nostro contributor Francesco Tognola, 26 anni, partito a inizio aprile da San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani, per un giro d’Italia decisamente inconsueto. Dopo aver vissuto a Milano e aver fatto lavori diversi – dal liutaio all’assistente in un centro di immersioni – pochi mesi fa Francesco è tornato in Sicilia per realizzare il suo sogno: un viaggio lungo la penisola a piedi, in parapendio o facendo l’autostop. Greenews.info racconterà, ogni settimana, le sue avventure.

Una sottile barba e capelli al vento. Becco e lunghe penne affilate come coltelli. Questa è la prima immagine che vedo di un uomo che ho voglia di scoprire, un uomo che ha dedicato la sua vita al volo. E’ Angelo D’Arrigo, ma prima di arrivarci voglio raccontarvi cosa mi ha portato a lui.
Arrivo alle pendici dell’Etna nell’aria di maggio, accompagnato da Elia, una di quelle persone chela vita ti pianta davanti mentre cammini in una strada incerta, dubbiosa e friabile, uno di quegli incontri che in qualche modo devono succedere, e che non te li scordi mai. Perché l’amicizia è un regalo e non è una cosa ovvia. Sono venuto ad incontrare Marco, pilota e istruttore della Scuola EtnaFly, che recentemente ha effettuato più di 130 km in un solo volo col parapendio, e se si vuole imparare qualcosa, dico io, meglio impararlo dai migliori.

Lui comprende al volo il mio spirito. Nonostante sia già pronto a montare la tenda, mi offre un letto in una delle stanze del suo “Casale del Simeto” dove rimango per giorni: sento il bisogno, in questo momento del mio viaggio, di sentirmi un po’ “a casa”. Già, proprio come succede nel volo libero, per fare distanza, bisogna prima risalire la corrente, e per farlo bisogna girare sempre nello stesso punto, caricarsi di energia, pronti a mettersi a favore di vento.

Così abbiamo modo e tempo di parlare molto: lui mi prende sotto la sua ala e accompagnati dalla musica in macchina non perdiamo un minuto per andare a volare. Io ne approfitto per imparare sempre più cose, tra cui manovre che non conosco ma, ancora più importante, che poi è anche il suo fiore all’occhiello, la meteorologia. Mi spiega che la Sicilia, essendo un’ isola, è soggetta a scontri continui e improvvisi tra i venti e le brezze, che originano correnti ascensionali sfruttabili per il volo di distanza. Ed è proprio attraverso una di queste “correnti speciali” che riesce a realizzare quello che nessun altro era riuscito a fare prima.

Gli chiedo come ha iniziato a volare, e lui mi spiega che questa grande passione è nata dalla conoscenza con Angelo D’Arrigo, che oltre ad essere stato un eccellente pilota, ricercatore e scienziato del volo, era anche un uomo estremamente carismatico e, come tutti coloro che amano e credono in ciò che fanno, capace di trasmettere la passione per questa disciplina…la sua disciplina: volare!

La cosa che lo spinge a provare a volare, oltre ad un istinto covato da sempre, è la grande ammirazione che ha per D’Arrigo, che negli anni in cui Marco impara, sigla molti record. Nel 2001 sorvola il Sahara e il Mar Mediterraneo seguendo la rotta dei falchi migratori. Nel 2002 compie la traversata in deltaplano sulla Siberia. Il progetto, in collaborazione con il Russian Research Institute for Nature and Protection di Mosca, vede d’Arrigo guidare per 5.300 km uno stormo di gru siberiane, specie in via d’estinzione, nate in cattività, reintroducendole così nel loro habitat naturale. Record di altitudine in deltaplano argentina 7.400 metri. Dopo aver sorvolato l’ Everest alla quota di 9.000 metri dal livello del mare nel 2006, Angelo si spinge ancora oltre, nell’avventura di allevare due cuccioli di condor chiamati Inca e Maya, dopo aver sentito parlare di avvistamenti di queste creature a quote superiori ai 10.000 metri.
La sua passione per la ricerca lo spinge nello studio delle “penne remiganti”, sette nei condor, che lo porteranno a modificare alcuni deltaplani, per migliorarne l’efficienza. Anche l’allenamento continua sull’Etna, dove ricerca le condizioni che troverà sulle Ande. Ma il progetto s’interrompe con l’improvvisa scomparsa, avvenuta in un incidente aereo in cui era passeggero.

Il sogno di Angelo, non si infrange. Non può, perché sarebbe davvero triste… e così la moglie Laura, il figlio Gabriele e l’amico di sempre Massimo, affrontando grandi difficoltà, lo portano a termine e liberano i condor nei cieli Argentini. La scia lasciata da Angelo si fa sentire in tutta la Sicilia, nei monti Iblei, ad Agrigento, e finalmente a Letojanni, dove ho modo di parlare coi piloti del posto:  qui D’Arrigo aveva base di volo.

Si perché quello che Angelo ha lasciato è stato da subito raccolto con grande cura dalla moglie e da Massimo che, affiancandosi a Gabriele e Marco, portano avanti la scuola. La struttura da anni aiuta gli allievi a spiccare il primo volo, e con dedizione e passione li segue fino alla maturazione.
Un clima caloroso mi impedisce di andare prima del tempo per continuare il mio viaggio, mi fermerò qui ancora qualche giorno, prima di ripartire, perché è come dice Massimo: “I volatori nel loro viaggio, può capitare che si fermino in un posto un po’ più a lungo, fino a che non sentiranno il momento buono per ripartire”…e io sento che qui ora devo restare, ancora, un po’, forse sino ad oggi, a domani, a sabato o chissà…E allora non mi metto troppo comodo perché oggi si va a volare, ad imparare qualcosa di nuovo e a godere dello spettacolo. La sfida più grande non è la vittoria su qualcuno, ma il pareggio con la natura.

Francesco Tognola

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende