Home » Bollettino Europa »Rubriche » Allarme spreco alimentare. La Commissione UE lancia una consultazione:

Allarme spreco alimentare. La Commissione UE lancia una consultazione

luglio 22, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

In Europa 89 milioni di tonnellate di cibo finiscono, ogni anno, tra i rifiuti. Lo spreco di cibo crescerà del 40% entro il 2020. La Fao stima che, a livello mondiale, la cifra salga a 1,3 miliardi. Nell’Unione Europea, il 42% del totale degli sprechi (76 kg pro capite per anno) si materializza all’interno delle mura domestiche (il 25% della spesa alimentare in peso) e almeno il 60% potrebbe essere evitato.

Dati impressionanti che hanno allarmato la Commissione Europea. L’Esecutivo di Bruxelles ha quindi deciso di muoversi su due fronti. Da un lato apre una consultazione pubblica, mentre dall’altro promette interventi normativi. “Un fatto moralmente ed economicamente inaccettabile, e anche più inquietante se si considera l’impatto che tale produzione ha sull’ambiente, in termini ad esempio di emissioni di gas serra, sfruttamento delle risorse, e utilizzo di prodotti chimici come diserbanti e pesticidi” ha commentato il Commissario all’Ambiente UE Janez Potocnik, in occasione della presentazione della consultazione sul cibo. Che apre con l’obiettivo di individuare azioni per ridurne lo spreco e rendere il sistema più efficiente. Cittadini, aziende, organizzazioni non governative e autorità pubbliche potranno esprimere la propria opinione fino al 1° ottobre prossimo. Bruxelles raccoglierà, in questo modo, idee su azioni immediate da mettere in campo per ridurre lo spreco di cibo e più in generale su come assicurare che il nostro sistema stia usando le risorse in modo efficiente.

Anche alla luce dell’obiettivo della Risoluzione adottata lo scorso anno dal Parlamento Europeo, che persegue il dimezzamento degli sprechi alimentari entro il 2025, i risultati della consultazione costituiranno la base per una Comunicazione ufficiale sul cibo sostenibile, che l’Esecutivo di Bruxelles intende redigere nei prossimi mesi. Il Commissario all’Agricoltura Dacian Ciolos ha, infatti, dichiarato che, entro la fine dell’anno, presenterà un testo sull’alimentazione sostenibile nel quale l’asse portante sarà rappresentato dalla lotta contro gli sprechi. La dettagliata analisi della situazione servirà poi per avanzare raccomandazioni per ridurre le perdite di cibo, ed elaborare piani per una futura collaborazione con le più importanti organizzazioni internazionali. L’UE sta inoltre valutando di fare del 2014 l’anno europeo dedicato a questo drammatico fenomeno.

Ma, in attesa delle valutazioni della Commissione, già si possono individuare alcuni interventi fondamentali per arginare il problema: in primo luogo, poiché i cibi sono sprecati lungo tutta la catena – produttori, trasformatori, distributori, ristoratori e consumatori – la strategia dovrebbe essere coordinata. Dovrebbe, cioè, combinare misure a livello europeo e nazionale per migliorare l’efficienza, comparto per comparto, dell’approvvigionamento alimentare. Per evitare situazioni, poi, in cui i rivenditori buttino via cibo troppo vicino alla data di scadenza, aumentando potenzialmente lo spreco, dovrebbe essere introdotta, sull’esempio svizzero, l’etichettatura con doppia scadenza, per indicare fino a quando il cibo può essere venduto (data di scadenza commerciale) e fino a quando può essere consumato (data di scadenza per il consumo). Per consentire ai consumatori di acquistare solo la quantità di cui hanno bisogno, inoltre, gli imballaggi per alimenti dovrebbero, inoltre, essere offerti in confezioni di varie misure e progettate per la migliore conservazione. Infine, i cibi vicino alle date di scadenza e i prodotti alimentari danneggiati dovrebbero essere venduti a prezzi scontati, per renderli più accessibili alle persone bisognose. A questo proposito, le norme sugli appalti pubblici per la ristorazione, dovrebbero essere modificate per assicurare che, gli appalti siano aggiudicati alle società di catering che utilizzano prodotti locali, ridistribuiscono ai bisognosi, o alle banche alimentari, derrate ancora commestibili.

La sfida include anche la disponibilità di cibo. In futuro, infatti, l’aumento della domanda supererà l’offerta. Non ci si può, quindi, più permettere di sprecare cibo perfettamente commestibile. È una questione etica, ma anche economica e sociale, con grandi implicazioni per l’ambiente. Tanto che, anche i lavori dell’ultimo Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura sono stati animati da questo tema. Sia l’Italia che l’Ungheria hanno chiesto di rafforzare la lotta contro gli sprechi alimentari. In particolare, il rappresentante italiano ha ricordato che proprio il tema degli sprechi nel mondo sarà al centro dell’Expo 2015 di Milano.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende