Home » Bollettino Europa »Rubriche » Allarme spreco alimentare. La Commissione UE lancia una consultazione:

Allarme spreco alimentare. La Commissione UE lancia una consultazione

luglio 22, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

In Europa 89 milioni di tonnellate di cibo finiscono, ogni anno, tra i rifiuti. Lo spreco di cibo crescerà del 40% entro il 2020. La Fao stima che, a livello mondiale, la cifra salga a 1,3 miliardi. Nell’Unione Europea, il 42% del totale degli sprechi (76 kg pro capite per anno) si materializza all’interno delle mura domestiche (il 25% della spesa alimentare in peso) e almeno il 60% potrebbe essere evitato.

Dati impressionanti che hanno allarmato la Commissione Europea. L’Esecutivo di Bruxelles ha quindi deciso di muoversi su due fronti. Da un lato apre una consultazione pubblica, mentre dall’altro promette interventi normativi. “Un fatto moralmente ed economicamente inaccettabile, e anche più inquietante se si considera l’impatto che tale produzione ha sull’ambiente, in termini ad esempio di emissioni di gas serra, sfruttamento delle risorse, e utilizzo di prodotti chimici come diserbanti e pesticidi” ha commentato il Commissario all’Ambiente UE Janez Potocnik, in occasione della presentazione della consultazione sul cibo. Che apre con l’obiettivo di individuare azioni per ridurne lo spreco e rendere il sistema più efficiente. Cittadini, aziende, organizzazioni non governative e autorità pubbliche potranno esprimere la propria opinione fino al 1° ottobre prossimo. Bruxelles raccoglierà, in questo modo, idee su azioni immediate da mettere in campo per ridurre lo spreco di cibo e più in generale su come assicurare che il nostro sistema stia usando le risorse in modo efficiente.

Anche alla luce dell’obiettivo della Risoluzione adottata lo scorso anno dal Parlamento Europeo, che persegue il dimezzamento degli sprechi alimentari entro il 2025, i risultati della consultazione costituiranno la base per una Comunicazione ufficiale sul cibo sostenibile, che l’Esecutivo di Bruxelles intende redigere nei prossimi mesi. Il Commissario all’Agricoltura Dacian Ciolos ha, infatti, dichiarato che, entro la fine dell’anno, presenterà un testo sull’alimentazione sostenibile nel quale l’asse portante sarà rappresentato dalla lotta contro gli sprechi. La dettagliata analisi della situazione servirà poi per avanzare raccomandazioni per ridurre le perdite di cibo, ed elaborare piani per una futura collaborazione con le più importanti organizzazioni internazionali. L’UE sta inoltre valutando di fare del 2014 l’anno europeo dedicato a questo drammatico fenomeno.

Ma, in attesa delle valutazioni della Commissione, già si possono individuare alcuni interventi fondamentali per arginare il problema: in primo luogo, poiché i cibi sono sprecati lungo tutta la catena – produttori, trasformatori, distributori, ristoratori e consumatori – la strategia dovrebbe essere coordinata. Dovrebbe, cioè, combinare misure a livello europeo e nazionale per migliorare l’efficienza, comparto per comparto, dell’approvvigionamento alimentare. Per evitare situazioni, poi, in cui i rivenditori buttino via cibo troppo vicino alla data di scadenza, aumentando potenzialmente lo spreco, dovrebbe essere introdotta, sull’esempio svizzero, l’etichettatura con doppia scadenza, per indicare fino a quando il cibo può essere venduto (data di scadenza commerciale) e fino a quando può essere consumato (data di scadenza per il consumo). Per consentire ai consumatori di acquistare solo la quantità di cui hanno bisogno, inoltre, gli imballaggi per alimenti dovrebbero, inoltre, essere offerti in confezioni di varie misure e progettate per la migliore conservazione. Infine, i cibi vicino alle date di scadenza e i prodotti alimentari danneggiati dovrebbero essere venduti a prezzi scontati, per renderli più accessibili alle persone bisognose. A questo proposito, le norme sugli appalti pubblici per la ristorazione, dovrebbero essere modificate per assicurare che, gli appalti siano aggiudicati alle società di catering che utilizzano prodotti locali, ridistribuiscono ai bisognosi, o alle banche alimentari, derrate ancora commestibili.

La sfida include anche la disponibilità di cibo. In futuro, infatti, l’aumento della domanda supererà l’offerta. Non ci si può, quindi, più permettere di sprecare cibo perfettamente commestibile. È una questione etica, ma anche economica e sociale, con grandi implicazioni per l’ambiente. Tanto che, anche i lavori dell’ultimo Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura sono stati animati da questo tema. Sia l’Italia che l’Ungheria hanno chiesto di rafforzare la lotta contro gli sprechi alimentari. In particolare, il rappresentante italiano ha ricordato che proprio il tema degli sprechi nel mondo sarà al centro dell’Expo 2015 di Milano.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende