Home » Bollettino Europa »Rubriche » Allarme spreco alimentare. La Commissione UE lancia una consultazione:

Allarme spreco alimentare. La Commissione UE lancia una consultazione

luglio 22, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

In Europa 89 milioni di tonnellate di cibo finiscono, ogni anno, tra i rifiuti. Lo spreco di cibo crescerà del 40% entro il 2020. La Fao stima che, a livello mondiale, la cifra salga a 1,3 miliardi. Nell’Unione Europea, il 42% del totale degli sprechi (76 kg pro capite per anno) si materializza all’interno delle mura domestiche (il 25% della spesa alimentare in peso) e almeno il 60% potrebbe essere evitato.

Dati impressionanti che hanno allarmato la Commissione Europea. L’Esecutivo di Bruxelles ha quindi deciso di muoversi su due fronti. Da un lato apre una consultazione pubblica, mentre dall’altro promette interventi normativi. “Un fatto moralmente ed economicamente inaccettabile, e anche più inquietante se si considera l’impatto che tale produzione ha sull’ambiente, in termini ad esempio di emissioni di gas serra, sfruttamento delle risorse, e utilizzo di prodotti chimici come diserbanti e pesticidi” ha commentato il Commissario all’Ambiente UE Janez Potocnik, in occasione della presentazione della consultazione sul cibo. Che apre con l’obiettivo di individuare azioni per ridurne lo spreco e rendere il sistema più efficiente. Cittadini, aziende, organizzazioni non governative e autorità pubbliche potranno esprimere la propria opinione fino al 1° ottobre prossimo. Bruxelles raccoglierà, in questo modo, idee su azioni immediate da mettere in campo per ridurre lo spreco di cibo e più in generale su come assicurare che il nostro sistema stia usando le risorse in modo efficiente.

Anche alla luce dell’obiettivo della Risoluzione adottata lo scorso anno dal Parlamento Europeo, che persegue il dimezzamento degli sprechi alimentari entro il 2025, i risultati della consultazione costituiranno la base per una Comunicazione ufficiale sul cibo sostenibile, che l’Esecutivo di Bruxelles intende redigere nei prossimi mesi. Il Commissario all’Agricoltura Dacian Ciolos ha, infatti, dichiarato che, entro la fine dell’anno, presenterà un testo sull’alimentazione sostenibile nel quale l’asse portante sarà rappresentato dalla lotta contro gli sprechi. La dettagliata analisi della situazione servirà poi per avanzare raccomandazioni per ridurre le perdite di cibo, ed elaborare piani per una futura collaborazione con le più importanti organizzazioni internazionali. L’UE sta inoltre valutando di fare del 2014 l’anno europeo dedicato a questo drammatico fenomeno.

Ma, in attesa delle valutazioni della Commissione, già si possono individuare alcuni interventi fondamentali per arginare il problema: in primo luogo, poiché i cibi sono sprecati lungo tutta la catena – produttori, trasformatori, distributori, ristoratori e consumatori – la strategia dovrebbe essere coordinata. Dovrebbe, cioè, combinare misure a livello europeo e nazionale per migliorare l’efficienza, comparto per comparto, dell’approvvigionamento alimentare. Per evitare situazioni, poi, in cui i rivenditori buttino via cibo troppo vicino alla data di scadenza, aumentando potenzialmente lo spreco, dovrebbe essere introdotta, sull’esempio svizzero, l’etichettatura con doppia scadenza, per indicare fino a quando il cibo può essere venduto (data di scadenza commerciale) e fino a quando può essere consumato (data di scadenza per il consumo). Per consentire ai consumatori di acquistare solo la quantità di cui hanno bisogno, inoltre, gli imballaggi per alimenti dovrebbero, inoltre, essere offerti in confezioni di varie misure e progettate per la migliore conservazione. Infine, i cibi vicino alle date di scadenza e i prodotti alimentari danneggiati dovrebbero essere venduti a prezzi scontati, per renderli più accessibili alle persone bisognose. A questo proposito, le norme sugli appalti pubblici per la ristorazione, dovrebbero essere modificate per assicurare che, gli appalti siano aggiudicati alle società di catering che utilizzano prodotti locali, ridistribuiscono ai bisognosi, o alle banche alimentari, derrate ancora commestibili.

La sfida include anche la disponibilità di cibo. In futuro, infatti, l’aumento della domanda supererà l’offerta. Non ci si può, quindi, più permettere di sprecare cibo perfettamente commestibile. È una questione etica, ma anche economica e sociale, con grandi implicazioni per l’ambiente. Tanto che, anche i lavori dell’ultimo Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura sono stati animati da questo tema. Sia l’Italia che l’Ungheria hanno chiesto di rafforzare la lotta contro gli sprechi alimentari. In particolare, il rappresentante italiano ha ricordato che proprio il tema degli sprechi nel mondo sarà al centro dell’Expo 2015 di Milano.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende