Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Alto Adige, viaggio nella “green region” d’Italia:

Alto Adige, viaggio nella “green region” d’Italia

settembre 25, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Qui lavorano da sempre aziende come Loacker, che produce vini biologici e biodinamici esportati in tutto il mondo, o Ladurner, gruppo che opera nei settori delle rinnovabili e dell’efficienza energetica, o ancora Rubner Haus, all’avanguardia nella progettazione e realizzazione di case di legno a basso impatto ambientale. Qui sono nate e hanno trovato il terreno giusto imprese come Blink-IT, specializzata nell’ottimizzazione e miglioramento dei prodotti per impianti fotovoltaici e pannelli solari, o GECOsistema, società di ingegneria per l’ambiente e il territorio con competenze particolari nel settore dell’ingneria idraulica e delle fonti rinnovabili. L’Alto Adige è impegnato da tempo per diventare la “Green region d’Italia”. Un’area “verde” dal punto di vista dell’integrità e della buona conservazione dell’ambiente naturale, che punta, al tempo stesso, a un”alta densità di aziende della green economy, sia “autoctone”, che arrivate qui da altre regioni o Paesi meno lungimiranti. E proprio il lavoro per attrarre – e non fa scappare – queste imprese, è uno degli elementi più interessanti della strategia green region altoatesina.

A questo scopo, nel 2009 è stata costituita BLS (Business Location Sudtirol), l’agenzia della Provincia Autonoma che dà assistenza alle società interessate all’insediamento o all’ampliamento delle proprie attività in Alto Adige, ma anche alle case di produzione che realizzano film sul territorio. “BLS accompagna imprenditori e investitori, nella fase di ingresso nel mercato, ponendosi come intermediario veloce ed efficace tra imprese, uffici dell’amministrazione e istituzioni”, spiega il direttore Ulrich Stofner. L’agenzia “crea relazioni con le aziende già esistenti e promuove il contatto con il business internazionale, sfruttando la geografia della provincia come ponte naturale e porta di accesso tra Italia, Germania, Austria, Svizzera”.

Oggi le aziende green in Alto Adige sono oltre 500 (erano 110 nel 1990) e contano quasi 4.000 addetti. “Un settore giovane e in forte crescita: un terzo delle ditte è nato negli ultimi 5 anni, mentre la metà delle imprese non ha più di 10 anni”, ci tiene a sottolineare il direttore di BLS. Tante lavorano nel settore dell’efficienza energetica, occupandosi di isolamenti, serramenti, pompe di calore e caldaie di nuova generazione. La provincia è prima in Italia per la qualità ambientale dei prodotti: nell’area si contano infatti 113 licenze Ecolabel, e 43 organizzazioni certificate Emas.

Ma cosa trovano le imprese in Alto Adige che non è presente in altre zone del nostro Paese? “Dare avvio ad una propria azienda qua è più facile che altrove poiché gli incentivi economici sono ottimi, la pressione fiscale è più bassa che nelle altre regioni d’Italia – basti pensare al recente azzeramento dell’IRAP per le giovani aziende nei primi cinque anni di vita –, la Ricerca e Sviluppo gode di propri fondi molto importanti”, continua Stofner. La Provincia ha previsto diverse misure di sostegno, che vanno dall’erogazione di contributi a sportello per la realizzazione di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale a bandi per la realizzazione di progetti innovativi ai quali partecipino reti di imprese o imprese in collaborazione con un organismo di ricerca. Recentemente sono stati attivati anche specifici fondi per la capitalizzazione di nuove imprese come start-up e spin-off. Nel 2012 sono stati erogati complessivamente 21 milioni di euro. Aiuti ai quali si aggiunge il fatto che “l’Alto Adige si propone nel suo complesso come un habitat ideale per l’impresa: ovvero un ecosistema in cui convivono e interagiscono fra loro aziende, centri di ricerca, servizi e istituzioni pubbliche. Con efficienza tedesca e creatività italiana”.

Un ecosistema, quello di cui parla il direttore di BLS, ad alto contenuto di sostenibilità: nella provincia di Bolzano sono insediati, tra gli altri, il TIS Innovation Park , che favorisce l’avvio e il radicamento di know-how innovativo, EURAC, la prestigiosa Accademia Europea di Bolzano, l’Istituto per Innovazioni Tecnologiche IIT, impegnato nello sviluppo delle tecnologie ambientali, il laboratorio Eco Research, specializzato nello studio dei micro-inquinanti inorganici e organici, il Centro per la sperimentazione agraria e forestale di Laimburg, la Libera Università di Bolzano. A cui si aggiungono alcune fiere specializzate, tra cui la triade più nota è Klimahouse, Klimaenergy e Klimamobility.

Accanto a questa green economy molto tecnologica, ne convive poi un’altra legata all’agricoltura e al turismo sostenibile. Nella provincia ci sono circa 800 aziende agricole biologiche e più di 1.700 alpeggi, dove si pratica un allevamento sostenibile del bestiame; 13.000 chilometri di sentieri e 600 chilometri di piste ciclabili di fondovalle. A completare il quadro, i grandi investimenti nelle energie rinnovabili e nell’efficienza energetica: il 56% del fabbisogno energetico è oggi soddisfatto da fonti rinnovabili, con l’obiettivo di arrivare al 98% entro il 2050; e qui è nata CasaClima, l’agenzia che dal 2005 certifica gli edifici a basso consumo di energia, seguendo standard obbligatori per le nuove costruzioni.

Se i punti critici rimangono – a Bolzano, per esempio, è in costruzione un nuovo inceneritore, e nelle valli dolomitiche non si ferma il consumo di suolo – a chiudere il quadro c’è l’inestimabile patrimonio ambientale, che garantisce servizi ecosistemici essenziali. Il territorio provinciale è ricoperto per il 42% da boschi (ci sono 1.000 alberi per abitante) e conta otto parchi naturali. Difficile competere.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende