Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Alto Adige, viaggio nella “green region” d’Italia:

Alto Adige, viaggio nella “green region” d’Italia

settembre 25, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Qui lavorano da sempre aziende come Loacker, che produce vini biologici e biodinamici esportati in tutto il mondo, o Ladurner, gruppo che opera nei settori delle rinnovabili e dell’efficienza energetica, o ancora Rubner Haus, all’avanguardia nella progettazione e realizzazione di case di legno a basso impatto ambientale. Qui sono nate e hanno trovato il terreno giusto imprese come Blink-IT, specializzata nell’ottimizzazione e miglioramento dei prodotti per impianti fotovoltaici e pannelli solari, o GECOsistema, società di ingegneria per l’ambiente e il territorio con competenze particolari nel settore dell’ingneria idraulica e delle fonti rinnovabili. L’Alto Adige è impegnato da tempo per diventare la “Green region d’Italia”. Un’area “verde” dal punto di vista dell’integrità e della buona conservazione dell’ambiente naturale, che punta, al tempo stesso, a un”alta densità di aziende della green economy, sia “autoctone”, che arrivate qui da altre regioni o Paesi meno lungimiranti. E proprio il lavoro per attrarre – e non fa scappare – queste imprese, è uno degli elementi più interessanti della strategia green region altoatesina.

A questo scopo, nel 2009 è stata costituita BLS (Business Location Sudtirol), l’agenzia della Provincia Autonoma che dà assistenza alle società interessate all’insediamento o all’ampliamento delle proprie attività in Alto Adige, ma anche alle case di produzione che realizzano film sul territorio. “BLS accompagna imprenditori e investitori, nella fase di ingresso nel mercato, ponendosi come intermediario veloce ed efficace tra imprese, uffici dell’amministrazione e istituzioni”, spiega il direttore Ulrich Stofner. L’agenzia “crea relazioni con le aziende già esistenti e promuove il contatto con il business internazionale, sfruttando la geografia della provincia come ponte naturale e porta di accesso tra Italia, Germania, Austria, Svizzera”.

Oggi le aziende green in Alto Adige sono oltre 500 (erano 110 nel 1990) e contano quasi 4.000 addetti. “Un settore giovane e in forte crescita: un terzo delle ditte è nato negli ultimi 5 anni, mentre la metà delle imprese non ha più di 10 anni”, ci tiene a sottolineare il direttore di BLS. Tante lavorano nel settore dell’efficienza energetica, occupandosi di isolamenti, serramenti, pompe di calore e caldaie di nuova generazione. La provincia è prima in Italia per la qualità ambientale dei prodotti: nell’area si contano infatti 113 licenze Ecolabel, e 43 organizzazioni certificate Emas.

Ma cosa trovano le imprese in Alto Adige che non è presente in altre zone del nostro Paese? “Dare avvio ad una propria azienda qua è più facile che altrove poiché gli incentivi economici sono ottimi, la pressione fiscale è più bassa che nelle altre regioni d’Italia – basti pensare al recente azzeramento dell’IRAP per le giovani aziende nei primi cinque anni di vita –, la Ricerca e Sviluppo gode di propri fondi molto importanti”, continua Stofner. La Provincia ha previsto diverse misure di sostegno, che vanno dall’erogazione di contributi a sportello per la realizzazione di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale a bandi per la realizzazione di progetti innovativi ai quali partecipino reti di imprese o imprese in collaborazione con un organismo di ricerca. Recentemente sono stati attivati anche specifici fondi per la capitalizzazione di nuove imprese come start-up e spin-off. Nel 2012 sono stati erogati complessivamente 21 milioni di euro. Aiuti ai quali si aggiunge il fatto che “l’Alto Adige si propone nel suo complesso come un habitat ideale per l’impresa: ovvero un ecosistema in cui convivono e interagiscono fra loro aziende, centri di ricerca, servizi e istituzioni pubbliche. Con efficienza tedesca e creatività italiana”.

Un ecosistema, quello di cui parla il direttore di BLS, ad alto contenuto di sostenibilità: nella provincia di Bolzano sono insediati, tra gli altri, il TIS Innovation Park , che favorisce l’avvio e il radicamento di know-how innovativo, EURAC, la prestigiosa Accademia Europea di Bolzano, l’Istituto per Innovazioni Tecnologiche IIT, impegnato nello sviluppo delle tecnologie ambientali, il laboratorio Eco Research, specializzato nello studio dei micro-inquinanti inorganici e organici, il Centro per la sperimentazione agraria e forestale di Laimburg, la Libera Università di Bolzano. A cui si aggiungono alcune fiere specializzate, tra cui la triade più nota è Klimahouse, Klimaenergy e Klimamobility.

Accanto a questa green economy molto tecnologica, ne convive poi un’altra legata all’agricoltura e al turismo sostenibile. Nella provincia ci sono circa 800 aziende agricole biologiche e più di 1.700 alpeggi, dove si pratica un allevamento sostenibile del bestiame; 13.000 chilometri di sentieri e 600 chilometri di piste ciclabili di fondovalle. A completare il quadro, i grandi investimenti nelle energie rinnovabili e nell’efficienza energetica: il 56% del fabbisogno energetico è oggi soddisfatto da fonti rinnovabili, con l’obiettivo di arrivare al 98% entro il 2050; e qui è nata CasaClima, l’agenzia che dal 2005 certifica gli edifici a basso consumo di energia, seguendo standard obbligatori per le nuove costruzioni.

Se i punti critici rimangono – a Bolzano, per esempio, è in costruzione un nuovo inceneritore, e nelle valli dolomitiche non si ferma il consumo di suolo – a chiudere il quadro c’è l’inestimabile patrimonio ambientale, che garantisce servizi ecosistemici essenziali. Il territorio provinciale è ricoperto per il 42% da boschi (ci sono 1.000 alberi per abitante) e conta otto parchi naturali. Difficile competere.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende