Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Altromercato: 25 anni di sostenibilità integrata, tra ambiente, sociale ed economia:

Altromercato: 25 anni di sostenibilità integrata, tra ambiente, sociale ed economia

novembre 20, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Esiste dagli anni Ottanta, ma proprio nel bel mezzo della crisi, quando molti ne temevano forse il declino, l’equo e solidale sta rivelando le sue potenzialità. Secondo la prima edizione dell’Osservatorio Altromercato del Vivere Responsabile, presentato in questi giorni a Milano in occasione dei 25 anni di attività del consorzio, il 60% dei cittadini è disponibile a cambiare il proprio stile di vita adottando comportamenti socialmente responsabili: “Il 27% della popolazione, e la percentuale è in crescita, è orientata a comprare prodotti che abbiano valori di responsabilità, e un altro 25%, se stimolato, è pronto a far propria questa sensibilità”, spiega il direttore generale di Altromercato Paolo Palomba, che forse non si aspettava dati così positivi.

Sì, è vero, il consorzio è la principale organizzazione italiana di commercio equo e solidale, è attivo dal 1988 e oggi conta 300 botteghe nel nostro Paese – oltre a distribuire i propri prodotti anche nei supermercati – e un fatturato all’ingrosso pari a oltre 50 milioni di euro, ma il fatto che 9 italiani su 10 sappiano della sua esistenza e ne riconoscano missione e valori è un risultato che fa ben sperare per il futuro.

La sua storia corre di pari passo con una certa presa di coscienza da parte dei consumatori, quell’idea che la sovranità popolare non si esprime solo nella cabina elettorale, ma anche, e sempre più spesso, con il carrello: “La sostenibilità sociale, ambientale ed economica per noi rientrano in un unico modello integrato. Tra i nostri consumatori, quelli più attenti all’impatto ambientale dei prodotti sono anche i più disponibili ad integrare gli altri due aspetti”, racconta Palomba. E anche il consorzio, pur partendo dalle regole internazionali che prevedono di “pagare in anticipo almeno il 50% di una fornitura, pagare un premium price rispetto ai mercati internazionali in modo da riconoscere l’impegno dei produttori, mantenere una relazione continuativa”, pone grande attenzione alla dimensione ambientale.

Oggi, su 4.500 prodotti alimentari commercializzati, oltre la metà è certificata biologica, ma pesa addirittura per il 60% sul totale degli acquisti. Il biologico, spiega Palomba, “è un modo per salvaguardare la terra e la sua fertilità, e allo stesso tempo uno strumento per valorizzare maggiormente i prodotti. In Paraguay, per esempio, lavoriamo con 1.500 coltivatori di canna da zucchero. Li stiamo incentivando a passare al biologico: tra poco aprirà uno zuccherificio che li abbiamo aiutati a realizzare, con una linea per lo zucchero di canna bio. E pochi sanno che il nostro è il caffè biologico più venduto in Italia”. L’approccio, in tutti i casi, è “trade, not aid”: aiutare i produttori a commercializzare i prodotti, ma non dare sussidi, e in quest’ottica il biologico può aiutare ad avere un maggiore sbocco sul mercato e una remunerazione più alta.

Da alcuni anni Altromercato pone particolare attenzione anche agli imballaggi: “Siamo stati i primi nel nostro Paese a lanciare i pacchetti di caffè senza alluminio , e quindi riciclabili al 100%”. Per la linea dei detersivi Safylla è stato studiato un particolare flacone che permette di stivare per ogni pallet 648 pezzi contro i 384 della bottiglia cilindrica tradizionale. “Lo studio del ciclo di vita del prodotto ha rivelato che il suo riutilizzo attraverso i sistemi di ricarica fa risparmiare l’80% delle emissioni di Co2 rispetto alla normale distribuzione”. E i tessili, che completano la gamma dei prodotti insieme a cosmetici e oggetti per la casa, “sono ove possibile ottenuti con fibre biologiche, tinti con colori naturali”.

Dopo anni di lavoro con realtà estere – oggi collabora con 170 organizzazioni di produttori in una cinquantina di Paesi – nel 2011 Altromercato ha avviato un progetto dedicato al nostro Paese, lanciando il marchio Solidale Italiano: “Comprende prodotti provenienti dalle regioni del Sud, dai terreni confiscati alle mafie, dalle economie carcerarie. Lo abbiamo creato perché ci siamo resi conto che anche qui ci sono tanti piccoli produttori responsabili, che però producono in condizioni difficili e fanno fatica ad arrivare al mercato”. Il prossimo passo, a cui si sta lavorando, è avviare una produzione di pomodori, arance e kiwi liberi dalle infiltrazioni mafiose e dal caporalato, ove possibile prodotti da cooperative di braccianti stranieri “che diventano produttori e non sono più schiavi”.

Le previsioni dicono che il carrello in futuro continuerà a essere meno pieno, ma sarà più responsabile. Quello che i consumatori chiedono, adesso, è un’offerta adeguata alle proprie richieste: “Spesso si dice che i consumatori nordeuropei sono più responsabili. Questo è vero solo in parte, perché molto dipende anche dall’offerta: su 10 caffè messi in vendita dalla Coop svizzera, 50 sono equosolidali, mentre in Italia sullo scaffale di un supermercato è già tanto se se ne trova uno. Non è solo colpa dei consumatori, adesso le aziende devono svegliarsi”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende