Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Altromercato: 25 anni di sostenibilità integrata, tra ambiente, sociale ed economia:

Altromercato: 25 anni di sostenibilità integrata, tra ambiente, sociale ed economia

novembre 20, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Esiste dagli anni Ottanta, ma proprio nel bel mezzo della crisi, quando molti ne temevano forse il declino, l’equo e solidale sta rivelando le sue potenzialità. Secondo la prima edizione dell’Osservatorio Altromercato del Vivere Responsabile, presentato in questi giorni a Milano in occasione dei 25 anni di attività del consorzio, il 60% dei cittadini è disponibile a cambiare il proprio stile di vita adottando comportamenti socialmente responsabili: “Il 27% della popolazione, e la percentuale è in crescita, è orientata a comprare prodotti che abbiano valori di responsabilità, e un altro 25%, se stimolato, è pronto a far propria questa sensibilità”, spiega il direttore generale di Altromercato Paolo Palomba, che forse non si aspettava dati così positivi.

Sì, è vero, il consorzio è la principale organizzazione italiana di commercio equo e solidale, è attivo dal 1988 e oggi conta 300 botteghe nel nostro Paese – oltre a distribuire i propri prodotti anche nei supermercati – e un fatturato all’ingrosso pari a oltre 50 milioni di euro, ma il fatto che 9 italiani su 10 sappiano della sua esistenza e ne riconoscano missione e valori è un risultato che fa ben sperare per il futuro.

La sua storia corre di pari passo con una certa presa di coscienza da parte dei consumatori, quell’idea che la sovranità popolare non si esprime solo nella cabina elettorale, ma anche, e sempre più spesso, con il carrello: “La sostenibilità sociale, ambientale ed economica per noi rientrano in un unico modello integrato. Tra i nostri consumatori, quelli più attenti all’impatto ambientale dei prodotti sono anche i più disponibili ad integrare gli altri due aspetti”, racconta Palomba. E anche il consorzio, pur partendo dalle regole internazionali che prevedono di “pagare in anticipo almeno il 50% di una fornitura, pagare un premium price rispetto ai mercati internazionali in modo da riconoscere l’impegno dei produttori, mantenere una relazione continuativa”, pone grande attenzione alla dimensione ambientale.

Oggi, su 4.500 prodotti alimentari commercializzati, oltre la metà è certificata biologica, ma pesa addirittura per il 60% sul totale degli acquisti. Il biologico, spiega Palomba, “è un modo per salvaguardare la terra e la sua fertilità, e allo stesso tempo uno strumento per valorizzare maggiormente i prodotti. In Paraguay, per esempio, lavoriamo con 1.500 coltivatori di canna da zucchero. Li stiamo incentivando a passare al biologico: tra poco aprirà uno zuccherificio che li abbiamo aiutati a realizzare, con una linea per lo zucchero di canna bio. E pochi sanno che il nostro è il caffè biologico più venduto in Italia”. L’approccio, in tutti i casi, è “trade, not aid”: aiutare i produttori a commercializzare i prodotti, ma non dare sussidi, e in quest’ottica il biologico può aiutare ad avere un maggiore sbocco sul mercato e una remunerazione più alta.

Da alcuni anni Altromercato pone particolare attenzione anche agli imballaggi: “Siamo stati i primi nel nostro Paese a lanciare i pacchetti di caffè senza alluminio , e quindi riciclabili al 100%”. Per la linea dei detersivi Safylla è stato studiato un particolare flacone che permette di stivare per ogni pallet 648 pezzi contro i 384 della bottiglia cilindrica tradizionale. “Lo studio del ciclo di vita del prodotto ha rivelato che il suo riutilizzo attraverso i sistemi di ricarica fa risparmiare l’80% delle emissioni di Co2 rispetto alla normale distribuzione”. E i tessili, che completano la gamma dei prodotti insieme a cosmetici e oggetti per la casa, “sono ove possibile ottenuti con fibre biologiche, tinti con colori naturali”.

Dopo anni di lavoro con realtà estere – oggi collabora con 170 organizzazioni di produttori in una cinquantina di Paesi – nel 2011 Altromercato ha avviato un progetto dedicato al nostro Paese, lanciando il marchio Solidale Italiano: “Comprende prodotti provenienti dalle regioni del Sud, dai terreni confiscati alle mafie, dalle economie carcerarie. Lo abbiamo creato perché ci siamo resi conto che anche qui ci sono tanti piccoli produttori responsabili, che però producono in condizioni difficili e fanno fatica ad arrivare al mercato”. Il prossimo passo, a cui si sta lavorando, è avviare una produzione di pomodori, arance e kiwi liberi dalle infiltrazioni mafiose e dal caporalato, ove possibile prodotti da cooperative di braccianti stranieri “che diventano produttori e non sono più schiavi”.

Le previsioni dicono che il carrello in futuro continuerà a essere meno pieno, ma sarà più responsabile. Quello che i consumatori chiedono, adesso, è un’offerta adeguata alle proprie richieste: “Spesso si dice che i consumatori nordeuropei sono più responsabili. Questo è vero solo in parte, perché molto dipende anche dall’offerta: su 10 caffè messi in vendita dalla Coop svizzera, 50 sono equosolidali, mentre in Italia sullo scaffale di un supermercato è già tanto se se ne trova uno. Non è solo colpa dei consumatori, adesso le aziende devono svegliarsi”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

febbraio 27, 2017

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

Aboca, Stefano Mancuso e i DeProducers tornano insieme con lo spettacolo Botanica per continuare ad unire musica e scienza e raccontare le meraviglie del mondo vegetale. Un progetto innovativo e coinvolgente che vede la consulenza scientifica di uno dei più importanti ricercatori botanici internazionali, il Prof. Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia [...]

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

febbraio 27, 2017

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

EVE – Electric Vehicle Energy è un progetto che nasce dalla collaborazione tra tre grandi realtà toscane, come Enegan, trader di luce e gas che opera a livello nazionale, il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) – realtà composta da 60 imprese hi-tech – e Dielectrik, che lavora alla progettazione e alla produzione di prototipi di generi [...]

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

febbraio 24, 2017

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

In Italia oltre la metà del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, circa 500.000 alloggi, è classificato ad elevato consumo energetico (classi E, F e G): per questo motivo le famiglie che vi abitano spendono oltre il 10% del loro reddito per elettricità e gas, a causa della bassa efficienza e di uno dei costi energetici [...]

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

febbraio 23, 2017

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

Just eat, azienda leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, ha dato il via ieri, nella sede istituzionale di Palazzo Marino a Milano, alla prima consegna di Ristorante Solidale, il progetto di food delivery solidale patrocinato dal Comune di Milano e sviluppato in collaborazione con Caritas Ambrosiana, l’organismo pastorale della Diocesi di [...]

GSVC: a Milano la sfida tra start up a impatto sociale e ambientale

febbraio 23, 2017

GSVC: a Milano la sfida tra start up a impatto sociale e ambientale

Tecnologie e progetti innovativi a forte impatto sociale o ambientale. Queste le soluzioni social venture per un’economia sostenibile, presentate in occasione della nona edizione italiana della Global Social Venture Competition (GSVC), premio internazionale ideato dall’Università di Berkeley (Usa) per favorire e sviluppare le idee imprenditoriali destinate a questo settore. L’evento, ospitato presso il Centro Convegni [...]

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

febbraio 23, 2017

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

Bicincittà, il più esteso network di bike sharing italiano (con oltre 110 comuni serviti) aderisce anche quest’anno alla campagna M’Illumino di Meno di Caterpillar-RAI Radio 2, in programma per venerdì 24 febbraio. BicinCittà, per questa edizione, ha  pensato  ad  un’originale  iniziativa  collaterale per sostenere in maniera più efficace la campagna: l’abbonamento sospeso. Così come a Napoli è [...]

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

febbraio 21, 2017

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

Obiettivo Alluminio giunge alla sua decima edizione e anche quest’anno si appresta a coinvolgere migliaia di studenti in oltre 5.000 scuole superiori italiane. Il progetto didattico organizzato dal CIAL (Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dell’Alluminio), in collaborazione con il Giffoni Film Festival e il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende