Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Altromercato: 25 anni di sostenibilità integrata, tra ambiente, sociale ed economia:

Altromercato: 25 anni di sostenibilità integrata, tra ambiente, sociale ed economia

novembre 20, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Esiste dagli anni Ottanta, ma proprio nel bel mezzo della crisi, quando molti ne temevano forse il declino, l’equo e solidale sta rivelando le sue potenzialità. Secondo la prima edizione dell’Osservatorio Altromercato del Vivere Responsabile, presentato in questi giorni a Milano in occasione dei 25 anni di attività del consorzio, il 60% dei cittadini è disponibile a cambiare il proprio stile di vita adottando comportamenti socialmente responsabili: “Il 27% della popolazione, e la percentuale è in crescita, è orientata a comprare prodotti che abbiano valori di responsabilità, e un altro 25%, se stimolato, è pronto a far propria questa sensibilità”, spiega il direttore generale di Altromercato Paolo Palomba, che forse non si aspettava dati così positivi.

Sì, è vero, il consorzio è la principale organizzazione italiana di commercio equo e solidale, è attivo dal 1988 e oggi conta 300 botteghe nel nostro Paese – oltre a distribuire i propri prodotti anche nei supermercati – e un fatturato all’ingrosso pari a oltre 50 milioni di euro, ma il fatto che 9 italiani su 10 sappiano della sua esistenza e ne riconoscano missione e valori è un risultato che fa ben sperare per il futuro.

La sua storia corre di pari passo con una certa presa di coscienza da parte dei consumatori, quell’idea che la sovranità popolare non si esprime solo nella cabina elettorale, ma anche, e sempre più spesso, con il carrello: “La sostenibilità sociale, ambientale ed economica per noi rientrano in un unico modello integrato. Tra i nostri consumatori, quelli più attenti all’impatto ambientale dei prodotti sono anche i più disponibili ad integrare gli altri due aspetti”, racconta Palomba. E anche il consorzio, pur partendo dalle regole internazionali che prevedono di “pagare in anticipo almeno il 50% di una fornitura, pagare un premium price rispetto ai mercati internazionali in modo da riconoscere l’impegno dei produttori, mantenere una relazione continuativa”, pone grande attenzione alla dimensione ambientale.

Oggi, su 4.500 prodotti alimentari commercializzati, oltre la metà è certificata biologica, ma pesa addirittura per il 60% sul totale degli acquisti. Il biologico, spiega Palomba, “è un modo per salvaguardare la terra e la sua fertilità, e allo stesso tempo uno strumento per valorizzare maggiormente i prodotti. In Paraguay, per esempio, lavoriamo con 1.500 coltivatori di canna da zucchero. Li stiamo incentivando a passare al biologico: tra poco aprirà uno zuccherificio che li abbiamo aiutati a realizzare, con una linea per lo zucchero di canna bio. E pochi sanno che il nostro è il caffè biologico più venduto in Italia”. L’approccio, in tutti i casi, è “trade, not aid”: aiutare i produttori a commercializzare i prodotti, ma non dare sussidi, e in quest’ottica il biologico può aiutare ad avere un maggiore sbocco sul mercato e una remunerazione più alta.

Da alcuni anni Altromercato pone particolare attenzione anche agli imballaggi: “Siamo stati i primi nel nostro Paese a lanciare i pacchetti di caffè senza alluminio , e quindi riciclabili al 100%”. Per la linea dei detersivi Safylla è stato studiato un particolare flacone che permette di stivare per ogni pallet 648 pezzi contro i 384 della bottiglia cilindrica tradizionale. “Lo studio del ciclo di vita del prodotto ha rivelato che il suo riutilizzo attraverso i sistemi di ricarica fa risparmiare l’80% delle emissioni di Co2 rispetto alla normale distribuzione”. E i tessili, che completano la gamma dei prodotti insieme a cosmetici e oggetti per la casa, “sono ove possibile ottenuti con fibre biologiche, tinti con colori naturali”.

Dopo anni di lavoro con realtà estere – oggi collabora con 170 organizzazioni di produttori in una cinquantina di Paesi – nel 2011 Altromercato ha avviato un progetto dedicato al nostro Paese, lanciando il marchio Solidale Italiano: “Comprende prodotti provenienti dalle regioni del Sud, dai terreni confiscati alle mafie, dalle economie carcerarie. Lo abbiamo creato perché ci siamo resi conto che anche qui ci sono tanti piccoli produttori responsabili, che però producono in condizioni difficili e fanno fatica ad arrivare al mercato”. Il prossimo passo, a cui si sta lavorando, è avviare una produzione di pomodori, arance e kiwi liberi dalle infiltrazioni mafiose e dal caporalato, ove possibile prodotti da cooperative di braccianti stranieri “che diventano produttori e non sono più schiavi”.

Le previsioni dicono che il carrello in futuro continuerà a essere meno pieno, ma sarà più responsabile. Quello che i consumatori chiedono, adesso, è un’offerta adeguata alle proprie richieste: “Spesso si dice che i consumatori nordeuropei sono più responsabili. Questo è vero solo in parte, perché molto dipende anche dall’offerta: su 10 caffè messi in vendita dalla Coop svizzera, 50 sono equosolidali, mentre in Italia sullo scaffale di un supermercato è già tanto se se ne trova uno. Non è solo colpa dei consumatori, adesso le aziende devono svegliarsi”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende