Home » Rubriche »Very Important Planet » Amara Lakhous: “Mi sento come un albero con radici mobili”:

Amara Lakhous: “Mi sento come un albero con radici mobili”

aprile 19, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Dall’Algeria a San Salvario, il quartiere multietnico di Torino, passando per il doloroso cammino del terrorismo, della censura, della repressione, come “un albero con radici volanti”. Solide, ma mobili. La vita di Amara Lakhous, scrittore algerino da 16 anni in Italia, prima a Roma ora in Piemonte, è un camper (ecologico, visto che lui e famiglia hanno scelto di non avere auto di proprietà e muoversi quasi sempre a piedi) di esperienze di migrazione. Dal Maghreb alla Capitale, per approdare poi nella città sabauda, sempre con l’occhio aperto dello scrittore. Lakhous racconta con l’ironia della commedia all’italiana cosa vuol dire sentirsi cittadino di molte terre, figlio di molte lingue, proprio come una “pianta camminante”, che cresce continuando il suo viaggio.

D) Lei è molto legato ai luoghi, come traspare dai suoi romanzi. Però, a un certo punto, li abbandona. Perché?

R) Sono sempre stato affascinato dagli alberi, ad esempio quelli che ho visto in Australia che hanno quattro secoli e portano con sé una storia incredibile. Considero la mia vita al pari di quella di un albero che diventa grande, ma non nella stessa terra. Ho bisogno di nutrirmi in più terre. Tant’è che scrivo in arabo e in italiano. Questa metafora dell’albero l’ho trasferita anche nell’ultimo romanzo e nel documentario per la regia di Fabio Ferrero, ambientato a San Salvario a Torino. Mi sento un albero che cammina. Ho sempre raccontato i miei trasferimenti, prendendo spunto dall’esperienza di immigrato che si è occupato di intermediazione culturale con gli arabi in Italia, mi sono interrogato a lungo sul concetto distorto di integrazione.

D) Non le piace questo termine?

R) No, perché presuppone una superiorità, una pretesa di spogliare l’immigrato della sua identità. Per questo mi sento un albero: non sono né algerinissimo, né italianissimo, ho adottato la vostra cittadinanza linguistica, con il sogno di essere uno scrittore. Nel mio paese non avevo la possibilità di realizzare questo sogno. Molti miei amici, penne celebri in Algeria, sono stati ammazzati durante il terrorismo degli anni ’90. Io sono stato fortunato. Ma odio la retorica dell’integrazione. L’Italia non è integrata in sé, tra uomini bianchi, italiani, cattolici non c’è fratellanza. Non penseremo mica di pretendere di omologare, non si sa bene sulla base di che parametri, chi viene da molto lontano? La mia cittadinanza è plurima, aggiornata, arricchita, è quella che darò ai miei figli.

D) Nella sua cultura, nel suo Paese d’origine, che attenzione c’è per le questioni ambientali? Sono un dibattito attuale? Se ne parla?

R) Purtroppo, sul discorso dell’ambiente siamo molto indietro. In Algeria la differenziata non si sa neppure cos’è. E’ questione di educazione, non certo di valori. La religione musulmana ha una grande attenzione e reverenza per quel che è natura. Per esempio per il corpo, che non appartiene all’essere umano, ma è dato in affidamento da Dio, come un pegno che va restituito. In un articolo che ho pubblicato anni fa per Affari Internazionali tentavo di trasferire questo concetto religioso dal corpo alla natura, che va preservata come il frutto di un prestito.

D) Il suo nuovo lavoro ha come teatro del racconto un quartiere di Torino. Come si vive nella città della Mole?

R) Il libro uscirà a maggio, in contemporanea con il documentario, perché le due cose sono strettamente legate. Credo che in Italia questa sia la città in cui la qualità della vita è più alta. Io e la mia famiglia non abbiamo l’auto di proprietà, ci muoviamo benissimo a piedi. Ci sono molti punti verdi, le distanze sono ravvicinate e dal punto di vista culturale l’offerta è incredibile e di qualità. Purtroppo non è così ovunque.

D) Ha in mente un esempio negativo?

R) Il mio maestro, Leonardo Sciascia, diceva che la Sicilia è metafora del mondo. Posti bellissimi, distrutti dall’abusivismo, dall’incuria, dalla sporcizia. Pensiamo a Siracusa e ai suoi templi. Credo sia mancanza di educazione da parte degli italiani, mancanza di civiltà. La stessa che si ritrova a Torino sui marciapiedi.

D) In che senso?

R) Nel senso che non si può camminare senza incontrare sul tragitto non so quanti escrementi di cani. L’inciviltà dei padroni di cani è uno dei punti neri della città.

D) E in Europa? Dove andrebbe ad abitare?

R) A Berlino. Ma ci ho già vissuto per breve tempo. Che città straordinaria, piena di parchi, con trasporti che funzionano alla perfezione! Il 20% della superficie è verde, è una cosa straordinaria, no?

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende