Home » Rubriche »Very Important Planet » Amara Lakhous: “Mi sento come un albero con radici mobili”:

Amara Lakhous: “Mi sento come un albero con radici mobili”

aprile 19, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Dall’Algeria a San Salvario, il quartiere multietnico di Torino, passando per il doloroso cammino del terrorismo, della censura, della repressione, come “un albero con radici volanti”. Solide, ma mobili. La vita di Amara Lakhous, scrittore algerino da 16 anni in Italia, prima a Roma ora in Piemonte, è un camper (ecologico, visto che lui e famiglia hanno scelto di non avere auto di proprietà e muoversi quasi sempre a piedi) di esperienze di migrazione. Dal Maghreb alla Capitale, per approdare poi nella città sabauda, sempre con l’occhio aperto dello scrittore. Lakhous racconta con l’ironia della commedia all’italiana cosa vuol dire sentirsi cittadino di molte terre, figlio di molte lingue, proprio come una “pianta camminante”, che cresce continuando il suo viaggio.

D) Lei è molto legato ai luoghi, come traspare dai suoi romanzi. Però, a un certo punto, li abbandona. Perché?

R) Sono sempre stato affascinato dagli alberi, ad esempio quelli che ho visto in Australia che hanno quattro secoli e portano con sé una storia incredibile. Considero la mia vita al pari di quella di un albero che diventa grande, ma non nella stessa terra. Ho bisogno di nutrirmi in più terre. Tant’è che scrivo in arabo e in italiano. Questa metafora dell’albero l’ho trasferita anche nell’ultimo romanzo e nel documentario per la regia di Fabio Ferrero, ambientato a San Salvario a Torino. Mi sento un albero che cammina. Ho sempre raccontato i miei trasferimenti, prendendo spunto dall’esperienza di immigrato che si è occupato di intermediazione culturale con gli arabi in Italia, mi sono interrogato a lungo sul concetto distorto di integrazione.

D) Non le piace questo termine?

R) No, perché presuppone una superiorità, una pretesa di spogliare l’immigrato della sua identità. Per questo mi sento un albero: non sono né algerinissimo, né italianissimo, ho adottato la vostra cittadinanza linguistica, con il sogno di essere uno scrittore. Nel mio paese non avevo la possibilità di realizzare questo sogno. Molti miei amici, penne celebri in Algeria, sono stati ammazzati durante il terrorismo degli anni ’90. Io sono stato fortunato. Ma odio la retorica dell’integrazione. L’Italia non è integrata in sé, tra uomini bianchi, italiani, cattolici non c’è fratellanza. Non penseremo mica di pretendere di omologare, non si sa bene sulla base di che parametri, chi viene da molto lontano? La mia cittadinanza è plurima, aggiornata, arricchita, è quella che darò ai miei figli.

D) Nella sua cultura, nel suo Paese d’origine, che attenzione c’è per le questioni ambientali? Sono un dibattito attuale? Se ne parla?

R) Purtroppo, sul discorso dell’ambiente siamo molto indietro. In Algeria la differenziata non si sa neppure cos’è. E’ questione di educazione, non certo di valori. La religione musulmana ha una grande attenzione e reverenza per quel che è natura. Per esempio per il corpo, che non appartiene all’essere umano, ma è dato in affidamento da Dio, come un pegno che va restituito. In un articolo che ho pubblicato anni fa per Affari Internazionali tentavo di trasferire questo concetto religioso dal corpo alla natura, che va preservata come il frutto di un prestito.

D) Il suo nuovo lavoro ha come teatro del racconto un quartiere di Torino. Come si vive nella città della Mole?

R) Il libro uscirà a maggio, in contemporanea con il documentario, perché le due cose sono strettamente legate. Credo che in Italia questa sia la città in cui la qualità della vita è più alta. Io e la mia famiglia non abbiamo l’auto di proprietà, ci muoviamo benissimo a piedi. Ci sono molti punti verdi, le distanze sono ravvicinate e dal punto di vista culturale l’offerta è incredibile e di qualità. Purtroppo non è così ovunque.

D) Ha in mente un esempio negativo?

R) Il mio maestro, Leonardo Sciascia, diceva che la Sicilia è metafora del mondo. Posti bellissimi, distrutti dall’abusivismo, dall’incuria, dalla sporcizia. Pensiamo a Siracusa e ai suoi templi. Credo sia mancanza di educazione da parte degli italiani, mancanza di civiltà. La stessa che si ritrova a Torino sui marciapiedi.

D) In che senso?

R) Nel senso che non si può camminare senza incontrare sul tragitto non so quanti escrementi di cani. L’inciviltà dei padroni di cani è uno dei punti neri della città.

D) E in Europa? Dove andrebbe ad abitare?

R) A Berlino. Ma ci ho già vissuto per breve tempo. Che città straordinaria, piena di parchi, con trasporti che funzionano alla perfezione! Il 20% della superficie è verde, è una cosa straordinaria, no?

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende