Home » Rubriche »Very Important Planet » Amara Lakhous: “Mi sento come un albero con radici mobili”:

Amara Lakhous: “Mi sento come un albero con radici mobili”

aprile 19, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Dall’Algeria a San Salvario, il quartiere multietnico di Torino, passando per il doloroso cammino del terrorismo, della censura, della repressione, come “un albero con radici volanti”. Solide, ma mobili. La vita di Amara Lakhous, scrittore algerino da 16 anni in Italia, prima a Roma ora in Piemonte, è un camper (ecologico, visto che lui e famiglia hanno scelto di non avere auto di proprietà e muoversi quasi sempre a piedi) di esperienze di migrazione. Dal Maghreb alla Capitale, per approdare poi nella città sabauda, sempre con l’occhio aperto dello scrittore. Lakhous racconta con l’ironia della commedia all’italiana cosa vuol dire sentirsi cittadino di molte terre, figlio di molte lingue, proprio come una “pianta camminante”, che cresce continuando il suo viaggio.

D) Lei è molto legato ai luoghi, come traspare dai suoi romanzi. Però, a un certo punto, li abbandona. Perché?

R) Sono sempre stato affascinato dagli alberi, ad esempio quelli che ho visto in Australia che hanno quattro secoli e portano con sé una storia incredibile. Considero la mia vita al pari di quella di un albero che diventa grande, ma non nella stessa terra. Ho bisogno di nutrirmi in più terre. Tant’è che scrivo in arabo e in italiano. Questa metafora dell’albero l’ho trasferita anche nell’ultimo romanzo e nel documentario per la regia di Fabio Ferrero, ambientato a San Salvario a Torino. Mi sento un albero che cammina. Ho sempre raccontato i miei trasferimenti, prendendo spunto dall’esperienza di immigrato che si è occupato di intermediazione culturale con gli arabi in Italia, mi sono interrogato a lungo sul concetto distorto di integrazione.

D) Non le piace questo termine?

R) No, perché presuppone una superiorità, una pretesa di spogliare l’immigrato della sua identità. Per questo mi sento un albero: non sono né algerinissimo, né italianissimo, ho adottato la vostra cittadinanza linguistica, con il sogno di essere uno scrittore. Nel mio paese non avevo la possibilità di realizzare questo sogno. Molti miei amici, penne celebri in Algeria, sono stati ammazzati durante il terrorismo degli anni ’90. Io sono stato fortunato. Ma odio la retorica dell’integrazione. L’Italia non è integrata in sé, tra uomini bianchi, italiani, cattolici non c’è fratellanza. Non penseremo mica di pretendere di omologare, non si sa bene sulla base di che parametri, chi viene da molto lontano? La mia cittadinanza è plurima, aggiornata, arricchita, è quella che darò ai miei figli.

D) Nella sua cultura, nel suo Paese d’origine, che attenzione c’è per le questioni ambientali? Sono un dibattito attuale? Se ne parla?

R) Purtroppo, sul discorso dell’ambiente siamo molto indietro. In Algeria la differenziata non si sa neppure cos’è. E’ questione di educazione, non certo di valori. La religione musulmana ha una grande attenzione e reverenza per quel che è natura. Per esempio per il corpo, che non appartiene all’essere umano, ma è dato in affidamento da Dio, come un pegno che va restituito. In un articolo che ho pubblicato anni fa per Affari Internazionali tentavo di trasferire questo concetto religioso dal corpo alla natura, che va preservata come il frutto di un prestito.

D) Il suo nuovo lavoro ha come teatro del racconto un quartiere di Torino. Come si vive nella città della Mole?

R) Il libro uscirà a maggio, in contemporanea con il documentario, perché le due cose sono strettamente legate. Credo che in Italia questa sia la città in cui la qualità della vita è più alta. Io e la mia famiglia non abbiamo l’auto di proprietà, ci muoviamo benissimo a piedi. Ci sono molti punti verdi, le distanze sono ravvicinate e dal punto di vista culturale l’offerta è incredibile e di qualità. Purtroppo non è così ovunque.

D) Ha in mente un esempio negativo?

R) Il mio maestro, Leonardo Sciascia, diceva che la Sicilia è metafora del mondo. Posti bellissimi, distrutti dall’abusivismo, dall’incuria, dalla sporcizia. Pensiamo a Siracusa e ai suoi templi. Credo sia mancanza di educazione da parte degli italiani, mancanza di civiltà. La stessa che si ritrova a Torino sui marciapiedi.

D) In che senso?

R) Nel senso che non si può camminare senza incontrare sul tragitto non so quanti escrementi di cani. L’inciviltà dei padroni di cani è uno dei punti neri della città.

D) E in Europa? Dove andrebbe ad abitare?

R) A Berlino. Ma ci ho già vissuto per breve tempo. Che città straordinaria, piena di parchi, con trasporti che funzionano alla perfezione! Il 20% della superficie è verde, è una cosa straordinaria, no?

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende