Home » Campioni d'Italia »Rubriche » ANAB: 25 anni di impegno per un’architettura che tuteli ambiente e salute:

ANAB: 25 anni di impegno per un’architettura che tuteli ambiente e salute

dicembre 10, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

“Nasce l’esigenza di inserire nel contesto della architettura una nuova disciplina, l’architettura bioecologica: è questa la nuova strada che noi indichiamo come l’unica attualmente capace di arginare il degrado dell’ambiente, dell’edilizia e del vivere dell’umanità”. Questa frase sembra scritta ieri: ormai si sente parlare di bioedilizia ovunque, e sta crescendo l’attenzione delle persone verso i materiali e i criteri con cui vengono costruite case, scuole, uffici. Se questi temi oggi sono così di attualità, lo si deve anche ad Anab: l’Associazione Nazionale per l’Architettura Bioecologica dal cui Manifesto fondativo del 1989 è stata in realtà presa la frase.

Dal documento, firmato dagli architetti Siegfried Camana, Gianfranco Carignano, Enrico Micelli ed Ermes Santi, sono passati 25 anni, ma i principi cardine di un nuovo modo di costruire in armonia con l’uomo e con l’ambiente erano già contenuti in quelle tre pagine scritte in modo semplice e chiaro. “La nostra motivazione principale era opporci al degrado dell’ambiente che ci circondava, ma anche a quello della nostra professione. Mentre gli edifici facevano male all’ambiente e all’uomo, avevamo l’impressione che gli architetti non stessero facendo il loro dovere morale: erano figure importanti per la società, ma erano diventati schiavi del potere, disposti a tutto per avere un incarico”, spiega Camana, attuale presidente dell’associazione.

L’altra questione che Anab ha sempre messo in cima alla propria agenda è quella della salute: “Il legame tra abitazione e salute non lo abbiamo inventato noi, ma preso dai Paesi d’Oltralpe, dove era già stato elaborato”. Negli ultimi decenni, infatti, le nostre case sono diventati luoghi di aria cattiva, soprattutto per i materiali costruttivi e gli arredi utilizzati: “Prima i materiali erano relativamente pochi e semplici, legati al territorio. Gli effetti negativi sulla salute nascono soprattutto dalla massa di materiali di origine petrolchimica che si sono sviluppati negli ultimi 50 anni. Sono migliaia, ma senza storia”. A cui Anab, fin dal suo manifesto, ne oppone altri che rispondano “ai seguenti punti fondamentali: siano possibilmente reperibili in loco; si privilegino quelli naturali non nocivi, che non siano stati resi inquinanti da trasformazioni strutturali, stravolgenti la loro composizione chimica; in ogni fase di utilizzo e trasformazione essi conservino costantemente la propria bioecologicità; siano riciclabili”. Tuttavia, ci tiene a precisare Camana, la bioarchitettura non deve fermarsi ai materiali: “La casa ecologica richiede un cambiamento di valori e di comportamenti. Noi siamo le prime case di noi stessi: per i “mattoni” che compongono il nostro corpo, dobbiamo scegliere cibi prodotti senza chimica e senza ogm. Alla fine il tema centrale è il rispetto, che dobbiamo avere verso noi stessi, gli altri, l’ambiente”.

Una concezione che inserisce l’architettura in un sistema più ampio, dandole un ruolo essenziale, come recitava già il Manifesto: “L’ architettura assume funzione essenziale in questa opera ‘di risanamento in quanto essa può tracciare il percorso per una ricalibratura del territorio, per un ripristino ambientale, per una riscoperta degli elementi fondamentali del vivere in sintonia con la natura. L ‘inserimento armonico dell’evento edilizio nell’ ambiente è indispensabile a tutti i livelli per ritrovare l’equilibrio tra natura e uomo anche attraverso l’intervento costruttivo”.

Per far passare concetti e approcci simili, che al confronto con i programmi di scuole tecniche e facoltà universitarie appaiono tutt’altro che scontati, Anab in questi due decenni e mezzo ha puntato molto sulla formazione: “La prima cosa che abbiamo fatto è stata quella di organizzare i corsi, grazie anche ai colleghi tedeschi, svizzeri e francesi che ci hanno dato una mano nella divulgazione. Personalmente mi sono dedicato ai geometri: sono loro i tecnici di fiducia dei Comuni più piccoli, formare un geometra spesso significa evitare errori”. Se comunque su questo fronte molto rimane da fare, i primi risultati si sono visti: “I professionisti in generale si sono sensibilizzati, così come l’opinione pubblica. Le prime a mostrare interesse per il legame tra architettura e salute sono state le donne”.

Tra i temi su cui Aiab continua a impegnarsi c’è lo stop al consumo di suolo: “Bisogna piuttosto rivolgersi al riuso e salvare il già costruito. E poi rivitalizzare i centri storici: riportare le persone a vivere nelle aree più antiche delle nostre città, non lasciarle solo ai negozi”. Sulla salubrità degli edifici, “l’alleanza con i medici è vitale: perché facendo architettura sostenibile si possono prevenire certe malattie. Altra alleanza fondamentale è quella con l’agricoltura: vogliamo un’economia basata su fabbriche naturali – boschi e campagna – e una filiera alimentare libera dalla chimica”.

Per i 25 anni dell’associazione, sono stati organizzati eventi in tutta Italia, da Udine a Bologna, dalla Sicilia a Milano, fino a Urbino e la Sardegna. Il titolo del programma è “Le bombe di architettura naturale per salvare il mondo”. Anche se alcuni hanno percepito nello slogan, erroneamente secondo Camana, echi bellici, l’obiettivo era promuovere la costruzione di “case per la vita e non per la morte. Quando abbiamo iniziato siamo stati costretti a scegliere un nome che contenesse il prefisso “bio” per far capire cosa volevamo dire: oggi tutti cercano di accaparrarselo, mentre io a questo punto ne farei a meno. Per indicare il costruire sostenibile, basterebbe usare la parola architettura, con la A maiuscola”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende