Home » Rubriche »Very Important Planet » Andrea Boldrini: ispirato dai paesaggi in via di estinzione:

Andrea Boldrini: ispirato dai paesaggi in via di estinzione

giugno 27, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Pittore intimo e raffinato di paesaggi molto suggestivi, grande amante dell’astronomia e fratello della presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini. Andrea Boldrini espone in  questo periodo a Roma insieme ad altri 14 artisti nell’ambito della mostra “Energia per l’arte”, promossa da Cofely Italia, società attiva nel settore dell’efficienza energetica e ambientale. “Dopo la quarta edizione del “Premio Cofely per l’Efficienza Energetica e Ambientale” tenutasi a luglio 2013 presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma, nell’ambito dell’anteprima della mostra “ενέργεια” (Energheia) di Andrea Boldrini, abbiamo deciso anche quest’anno di coniugare l’Energia e l’Arte, in quanto la prima può contribuire a sostenere lo sviluppo della seconda”, spiega l’ad e direttore generale di Cofely Italia Enrico Colombo. Il paesaggio è al centro di molte opere di Boldrini, a partire dalle colline delle Marche, la sua terra: “Di questo paesaggio così ondulato e dolce mi ha sempre profondamente colpito la trasformazione morfologica che esso subisce dal giorno alla notte. Purtroppo devo riscontrare che da 30 anni a questa parte il paesaggio notturno non esiste più a causa dell’inquinamento luminoso. Il cielo stellato che un tempo ispirava i mistici del deserto, gli artisti, i poeti e gli scienziati è scomparso e ora dalle nostre campagne non si riesce a vedere neppure la Via Lattea!”, riflette l’artista.  L’iniziativa, che resterà a Roma (via Ostiense, 333) per tutta l’estate per poi approdare in autunno nella sede di Milano, permetterà ai dipendenti dell’azienda e a tutti i visitatori di apprezzare le opere esposte all’entrata e nei piani della sede aziendale.

D) Quali opere espone alla mostra “Energia per l’Arte”? Su quali temi si focalizzano?

R) Nella mostra collettiva “Energia per l’arte”, curata da Francesca Pietracci e promossa da Cofely Italia, ho esposto soltanto un’opera, come gli altri 14 artisti che hanno partecipato. L’opera descrive un paesaggio notturno sul quale si staglia imponente la Via Lattea. Al centro un volto di uomo che unisce le sue membra al paesaggio incarnandosi e divenendo esso stesso un vivente. Qui il tema dominante è la natura nella sua cosmicità, che soffre come nelle doglie di un parto, che è compartecipe del destino ultimo dell’uomo. Si potrebbero, pertanto, configurare due piani temporali entro cui si svolge la vicenda. Il primo è il tempo tra il già e il non ancora che è il nostro tempo, il tempo della storia, dell’attesa, della tensione. L’altro è il tempo del compimento, della ricapitolazione in cui si prospettano, unitamente all’uomo redento, paesaggi nuovi sia del cielo che della terra.

D) Cosa pensa dell’iniziativa di Cofely Italia?

R) Il titolo “Energia per l’Arte” è emblematico! In questo momento di massima depressione economica e di quiescenza culturale a tutti i livelli, si direbbe che anche l’arte abbia assoluto bisogno di una nuova energia, di un “Rinascimento” moderno. L’incontro di una curatrice attenta e lungimirante come Francesca Pietracci con un imprenditore esteta ed illuminato come Enrico Colombo e un organizzatore abile e capace come Michele Amici ha innestato una trasmissione di energia che si è ripercossa a cascata su tutti i soggetti interagenti, a partire dagli artisti fino ai fruitori. Inoltre, penso anche agli effetti benefici sull’impresa stessa che in questo modo vuol rendere belli sia il suo spazio interno, che la sua immagine esterna. Questo esempio di interazione arte-impresa deve diventare un paradigma di riferimento per il futuro. Ed è ammirabile come, nonostante il giogo opprimente di una tassazione tra le più alte in Europa, Cofely abbia sostenuto questa iniziativa coraggiosa e lungimirante. Ritengo oltremodo necessario che, per avviare globalmente questa marcia, sia indispensabile una nuova legislazione che incentivi, da parte delle imprese, gli investimenti nel campo sia del recupero, restauro e salvaguardia dei beni artistici, sia dell’acquisto di opere d’arte, di istituzioni di fondazioni e collezioni.

D) Torniamo alla sua arte e e al tema del paesaggio. Di solito da dove trae ispirazione? Ci sono paesaggi che considera particolarmente suggestivi e che l’hanno ispirata per realizzare delle opere?

R) Circa l’ispirazione non posso dire nulla se non che avviene improvvisamente e inspiegabilmente come un’epifania. I paesaggi che mi ispirano sono quelli della mia regione, le Marche. È un paesaggio in via di estinzione, ferito a morte dalla cementificazione. Non trovo più traccia di quel paesaggio dove sono nato e l’ispirazione diventa necessariamente un’operazione sulla memoria personale. Era un paesaggio sacro e lirico insieme, espressione di una sapiente cura e rispetto del creato. Sebbene io abbia vissuto solo marginalmente quella civiltà rurale che per secoli ha caratterizzato la mia terra, tuttavia ne conservo ancora il residuale ricordo. Di questo paesaggio così ondulato e dolce mi ha sempre profondamente colpito la trasformazione morfologica che esso subisce dal giorno alla notte. Purtroppo devo riscontrare che da 30 anni a questa parte il paesaggio notturno non esiste più a causa dell’inquinamento luminoso. Il cielo stellato che un tempo ispirava i mistici del deserto, gli artisti, i poeti e gli scienziati è scomparso e ora dalle nostre campagne non si riesce a vedere neppure la Via Lattea!

D) Lei ha lavorato molte volte sul tema del paesaggio. Qual è il suo rapporto con il paesaggio e con l’ambiente?

R) Il paesaggio per me non è solo quello che mi appare dal mio punto di osservazione. Esso è anche la mia vita, il mio popolo, la mia storia, il mio Paese, le mie tradizioni. E l’idea dominante per me sinteticamente è questa: tutta la storia del mondo è contrassegnata dal mistero dell’iniquità che è destinato ad aumentare fino alla sua manifestazione finale. Nel frattempo il nostro impegno per salvaguardare la natura deve essere totale: abbiamo ricevuto questo dono e come custodi dobbiamo proteggerlo e migliorarlo con i nostri talenti per consegnarlo ancora “buono” ai nostri figli!

D) Lei è un appassionato astrofilo. Che cosa la affascina dello spazio?

R) Sì, sono un appassionato astrofilo, però chi guarda troppo il cielo può perdere facilmente la dimensione quotidiana del vivere, tanto è immerso dentro quell’universo oggetto della sua indagine da volerne capire tutte le dinamiche. Ho fatto costruire uno strumento telescopico binoculare, il binodobson 24″ che è tra i più grandi al mondo. Consente la visione del cielo profondo con tutti e due gli occhi. Una raccolta di luce impressionante che permette di scandagliare gli oggetti con grande potere risolutivo. Osservo sia con lo spirito di geometria ma soprattutto con lo spirito di finezza che apre un varco profondo all’emozione, alla meraviglia, allo stupore, al brivido e infine alla vertigine cosmica.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende