Home » Rubriche »Very Important Planet » Andrea Scanzi: giornalista, gourmet, vegetariano:

Andrea Scanzi: giornalista, gourmet, vegetariano

giugno 26, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Uno dei giornalisti italiani più graffianti e noti del momento, spesso ospite a La7 in qualità di opinionista, Andrea Scanzi ha numerose altre passioni oltre l’attualità. Saggista, scrittore e autore di testi teatrali, è anche sommelier e degustatore ufficiale (AIS), oltre che assaggiatore di formaggi (Onaf) oggi convertito alla filosofia vegana. Uscito recentemente in libreria con La vita è un ballo fuori tempo, in televisione conduce Reputescion, giunto alla quinta edizione.

D) Andrea, il tuo ultimo volume “La vita è un ballo fuori tempo” raccoglie molte delle tue passioni. In breve, perché hai deciso di scriverlo?

R) È la storia di un paese immaginario, Lupinia, che tanto somiglia all’Italia. Racconto una settimana in provincia dei personaggi, tutti fuori tempo perché hanno perso la sintonia delle loro vite. Lo stile è ironico, surreale. Se vuoi alla Calvino, alla Vonnegut, alla Benni… Volevo raccontare questo presente facendo sorridere, ma al tempo stesso inducendo a riflettere. È meno autobiografico di quanto si creda, il protagonista Stevie è molto più dolce e tenero di me, ma ci sono molte mie passioni: la musica, il vino, lo sport, i fumetti, i (bei) piedi delle (belle) donne. Eccetera. Le tante recensioni che ricevo, da parte dei lettori, sono caratterizzate da due parole in particolare, “divertente” e “amaro”. Credo che fotografino bene il libro.

D) Cosa pensi dell’informazione ambientale in Italia?

R) L’informazione ambientale non è tra le priorità di questo paese, vuoi per colpa dell’informazione stessa e vuoi per la forma mentis di molti italiani, bravissimi a distruggere uno scenario irripetibile come quello italiano. Viaggio molto e, in ogni luogo, è sconcertante constatare come l’animale uomo sia così instancabile nel rovinare quasi tutto.

D) Quanto pensi che la politica italiana sia effettivamente interessata alla tanto decantata sostenibilità e all’attuazione di pratiche ambientali?

R) Alla politica italiana, fatte salve sporadiche e mai troppo fortunate eccezioni, dell’ambiente non interessa nulla! È poco redditizio sul piano elettorale, non sposta voti e dunque è irrilevante. Basta pensare alla Liguria, alle umiliazioni e agli sfaceli che una regione così bella continua a subire per colpa di questi politici caricaturali. Non è cambiato nulla dai tempi della “rapallizzazione” di Montanelli e della “speculazione edilizia” di Calvino, anzi se possibile la situazione è peggiorata.

D) Quali sono secondo te i valori della “generazione in panchina” di cui hai scritto? L’ambiente rientra fra questi?

R) Non sono l’oracolo della mia generazione, anche se costantemente mi chiedono di radiografarla. Gli ho solo dedicato il libro precedente, Non è tempo per noi. È una generazione che contiene tutto e niente, nello stesso anno sono nati Sorrentino e Alfano: appunto, tutto e niente. Essere cresciuti negli edonistici anni Ottanta ha spostato l’asse dei nostri “valori” (sto generalizzando) verso l’io e non e il noi: verso il frivolo, l’effimero, il narcisistico. Ne so qualcosa. Siamo un jukebox che contiene l’alto e il bassissimo. L’ambiente non mi pare rientrare, purtroppo, nelle nostre priorità…

D) Qual è il tuo rapporto personale con l’ambiente?

R) Cerco, nel mio piccolo, che l’ambiente non si accorga della mia presenza…

D) Ci sono azioni quotidiane che compi per rispettarlo (la spesa, i trasporti, i consumi…)?

R) Faccio la spesa privilegiando piccoli produttori, quando posso bypasso la grande distribuzione (anzitutto sui vini). Per me, poi, rispettare l’ambiente significa rispettare anche e soprattutto il mondo animale. Sono vegetariano dal 2001 e dal 2014 sono ormai praticamente vegano. Faccio qualche deroga solo al ristorante dopo gli spettacoli teatrali, perché in Italia il rispetto per i vegetariani è minimo (figurati per i vegani). Ma in casa mia non troverai carne, pesce, uova e formaggi. Non cerco proseliti e non nego che la mia scelta sia non solo etica ma anche salutistica, senza carne e formaggi sto molto meglio. Fisicamente e psicologicamente.

D) Sei un grande appassionato di vini: cosa ne pensi dell’agricoltura biodinamica?

R) Penso di essere stato uno dei primi addetti ai lavori a parlarne, fin dal libro Elogio dell’invecchiamento nel 2007. Non fumo, non mi drogo, a tavola non sgarro quasi mai: il vino – e a volte i distillati – sono il mio unico grande vizio. E i vizi vanno coltivati bene. Non potrei mai bere per esigenze quantitative, ma solo qualitative: se un vino non mi emoziona, lo lascio bere agli altri. Bevo ormai solo “vini naturali” e “veri”, fatti da piccoli produttori che in vigna e cantina intervengono pochissimo. Zero chimica, niente solfiti o quasi, tanto rispetto per l’ambiente. Alcuni sono biodinamici. Da un vino cerco personalità, bevibilità, originalità. Uno dei protagonisti del romanzo, il nonno Sandro, ogni capitolo apre vini naturali strepitosi: sono quelli che bevo io. Bianchi, nel 95% dei casi. I rossi mi annoiano quasi sempre.

D) Dicono che tu sia anche un appassionato di cucina: cosa ne pensi della filosofia “Km.0″ e della valorizzazione delle risorse del territorio?

R) Non so quanto sia realmente “appassionato di cucina”… Non potrei mai andare in un fast food, la sola idea mi fa inorridire, e sto attento ai prodotti che utilizzo. Questo sì. Sono anche degustatore di formaggi Onaf, ma appartiene a una o due mie vite fa. I miei pasti sono quasi sempre fatti da verdure, legumi e derivati (seitan, mopur, eccetera). Odio i dolci, non mangio quasi mai pane e pasta, se prendo una fetta di formaggio mi sento in colpa. Per me la cucina è anzitutto convivialità, stare insieme: giocare e conversare. Con la mia compagna, con gli amici. Ma sono sempre molto più interessato al vino (bianco) che non a quello che ho sul piatto.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende