Home » Rubriche »Very Important Planet » Andrea Scanzi: giornalista, gourmet, vegetariano:

Andrea Scanzi: giornalista, gourmet, vegetariano

giugno 26, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Uno dei giornalisti italiani più graffianti e noti del momento, spesso ospite a La7 in qualità di opinionista, Andrea Scanzi ha numerose altre passioni oltre l’attualità. Saggista, scrittore e autore di testi teatrali, è anche sommelier e degustatore ufficiale (AIS), oltre che assaggiatore di formaggi (Onaf) oggi convertito alla filosofia vegana. Uscito recentemente in libreria con La vita è un ballo fuori tempo, in televisione conduce Reputescion, giunto alla quinta edizione.

D) Andrea, il tuo ultimo volume “La vita è un ballo fuori tempo” raccoglie molte delle tue passioni. In breve, perché hai deciso di scriverlo?

R) È la storia di un paese immaginario, Lupinia, che tanto somiglia all’Italia. Racconto una settimana in provincia dei personaggi, tutti fuori tempo perché hanno perso la sintonia delle loro vite. Lo stile è ironico, surreale. Se vuoi alla Calvino, alla Vonnegut, alla Benni… Volevo raccontare questo presente facendo sorridere, ma al tempo stesso inducendo a riflettere. È meno autobiografico di quanto si creda, il protagonista Stevie è molto più dolce e tenero di me, ma ci sono molte mie passioni: la musica, il vino, lo sport, i fumetti, i (bei) piedi delle (belle) donne. Eccetera. Le tante recensioni che ricevo, da parte dei lettori, sono caratterizzate da due parole in particolare, “divertente” e “amaro”. Credo che fotografino bene il libro.

D) Cosa pensi dell’informazione ambientale in Italia?

R) L’informazione ambientale non è tra le priorità di questo paese, vuoi per colpa dell’informazione stessa e vuoi per la forma mentis di molti italiani, bravissimi a distruggere uno scenario irripetibile come quello italiano. Viaggio molto e, in ogni luogo, è sconcertante constatare come l’animale uomo sia così instancabile nel rovinare quasi tutto.

D) Quanto pensi che la politica italiana sia effettivamente interessata alla tanto decantata sostenibilità e all’attuazione di pratiche ambientali?

R) Alla politica italiana, fatte salve sporadiche e mai troppo fortunate eccezioni, dell’ambiente non interessa nulla! È poco redditizio sul piano elettorale, non sposta voti e dunque è irrilevante. Basta pensare alla Liguria, alle umiliazioni e agli sfaceli che una regione così bella continua a subire per colpa di questi politici caricaturali. Non è cambiato nulla dai tempi della “rapallizzazione” di Montanelli e della “speculazione edilizia” di Calvino, anzi se possibile la situazione è peggiorata.

D) Quali sono secondo te i valori della “generazione in panchina” di cui hai scritto? L’ambiente rientra fra questi?

R) Non sono l’oracolo della mia generazione, anche se costantemente mi chiedono di radiografarla. Gli ho solo dedicato il libro precedente, Non è tempo per noi. È una generazione che contiene tutto e niente, nello stesso anno sono nati Sorrentino e Alfano: appunto, tutto e niente. Essere cresciuti negli edonistici anni Ottanta ha spostato l’asse dei nostri “valori” (sto generalizzando) verso l’io e non e il noi: verso il frivolo, l’effimero, il narcisistico. Ne so qualcosa. Siamo un jukebox che contiene l’alto e il bassissimo. L’ambiente non mi pare rientrare, purtroppo, nelle nostre priorità…

D) Qual è il tuo rapporto personale con l’ambiente?

R) Cerco, nel mio piccolo, che l’ambiente non si accorga della mia presenza…

D) Ci sono azioni quotidiane che compi per rispettarlo (la spesa, i trasporti, i consumi…)?

R) Faccio la spesa privilegiando piccoli produttori, quando posso bypasso la grande distribuzione (anzitutto sui vini). Per me, poi, rispettare l’ambiente significa rispettare anche e soprattutto il mondo animale. Sono vegetariano dal 2001 e dal 2014 sono ormai praticamente vegano. Faccio qualche deroga solo al ristorante dopo gli spettacoli teatrali, perché in Italia il rispetto per i vegetariani è minimo (figurati per i vegani). Ma in casa mia non troverai carne, pesce, uova e formaggi. Non cerco proseliti e non nego che la mia scelta sia non solo etica ma anche salutistica, senza carne e formaggi sto molto meglio. Fisicamente e psicologicamente.

D) Sei un grande appassionato di vini: cosa ne pensi dell’agricoltura biodinamica?

R) Penso di essere stato uno dei primi addetti ai lavori a parlarne, fin dal libro Elogio dell’invecchiamento nel 2007. Non fumo, non mi drogo, a tavola non sgarro quasi mai: il vino – e a volte i distillati – sono il mio unico grande vizio. E i vizi vanno coltivati bene. Non potrei mai bere per esigenze quantitative, ma solo qualitative: se un vino non mi emoziona, lo lascio bere agli altri. Bevo ormai solo “vini naturali” e “veri”, fatti da piccoli produttori che in vigna e cantina intervengono pochissimo. Zero chimica, niente solfiti o quasi, tanto rispetto per l’ambiente. Alcuni sono biodinamici. Da un vino cerco personalità, bevibilità, originalità. Uno dei protagonisti del romanzo, il nonno Sandro, ogni capitolo apre vini naturali strepitosi: sono quelli che bevo io. Bianchi, nel 95% dei casi. I rossi mi annoiano quasi sempre.

D) Dicono che tu sia anche un appassionato di cucina: cosa ne pensi della filosofia “Km.0″ e della valorizzazione delle risorse del territorio?

R) Non so quanto sia realmente “appassionato di cucina”… Non potrei mai andare in un fast food, la sola idea mi fa inorridire, e sto attento ai prodotti che utilizzo. Questo sì. Sono anche degustatore di formaggi Onaf, ma appartiene a una o due mie vite fa. I miei pasti sono quasi sempre fatti da verdure, legumi e derivati (seitan, mopur, eccetera). Odio i dolci, non mangio quasi mai pane e pasta, se prendo una fetta di formaggio mi sento in colpa. Per me la cucina è anzitutto convivialità, stare insieme: giocare e conversare. Con la mia compagna, con gli amici. Ma sono sempre molto più interessato al vino (bianco) che non a quello che ho sul piatto.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende