Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Anemos. I venti del Mediterraneo e i loro odori:

Anemos. I venti del Mediterraneo e i loro odori

giugno 26, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “Anemos. I venti del Mediterraneodi Fabio Fiori , edito da Ugo Mursia Editore (pag.108,  9.00euro).

Sono nato sulle rive dell’Adriatico, agitato e iracondo secondo gli antichi, stretto da alte montagne a occidente e a oriente. Alpi, Appennini e Balcani si alzano maestosi praticamente dall’acqua. Un mare chiamato per secoli Golfo di Venezia, una profonda insenatura mediterranea, dal tempo eternamente variabile, in cui nel volgere di una giornata il vento può fare tutto il giro dell’orizzonte e passare dalla bonaccia bianca al fortunale. I venti adriatici sono innanzitutto capricciosi e umorali, difficilmente prevedibili, perciò ancor più affascinanti.

Da bambino, andando a remi, ho scoperto la forza del Furiano e le bizzarrie del Garbino. Poi nella prima notte di navigazione a vela ho conosciuto il vento di Focara, di dantesca memoria. Ancora oggi continuo a guardare il cielo e il mare con il cuore in gola, quando attraverso le Bocche di Cattaro, bordeggio nel Canale del Maltempo, scapolo la Punta della Maestra. Luoghi il cui solo nome induce da sempre nel navigante timore reverenziale. In una luminosa giornata d’autunno la Bora mi ha strappato una vela troppo grande, che incautamente portava la barca e l’equipaggio oltre le proprie possibilità. Mi sono rifugiato nell’isola di Sansego per evitare di essere investito da un colpo di Neverino nel Golfo del Quarnero.

A terra, come in un racconto di Giani Stuparich, c’erano pescatori e piloti che avevano controllato le mie manovre, pronti a venire in aiuto. Erano preoccupati, conoscendo bene la repentina violenza di quel vento. A Portovenere, all’ingresso del Golfo di La Spezia, ho passato una notte insonne a controllare gli ormeggi della barca, tesi come corde di violino da una libecciata. Ho atteso giorni a Vittoriosa nell’isola di Malta, aspettando che il Maestrale si quietasse, per farmi poi spingere verso la costa maghrebina. Altrettanto lunga e preoccupata è stata la sosta impostami dal Ponente nel piccolo, fortificato porto di Centuri in Corsica.

Di contro, ogni inverno, nelle quiete acque adriatiche attendo per ore una brezza di Tramontana, capace di spazzare la nebbia e riempire le vele. Non dimentico la gioia provata anni fa quando, con il sopraggiungere dello Scirocco, la barca riprese l’abbrivio dopo un’interminabile notte di bonaccia nel Canale d’Otranto. O l’ancor più ansiosa attesa di un alito di vento che mi evitò di venire trainato, da un’infausta corrente, sulle secche dell’isola di Montecristo. Anch’io come Goethe ero in balia di un’assoluta bonaccia. Il veliero su cui viaggiava il poeta rischiò infatti di finire sugli scogli delle Sirene presso Capri, proprio perché rimase a lungo senza vento, andando pericolosamente alla deriva. Inutili risultarono i tentativi di trainare la nave con una piccola scialuppa a remi; solo il provvidenziale arrivo di una leggerissima brezza salvò la nave dal naufragio e il comandante, accusato d’imperizia, da una rivolta dei passeggeri. Nicolò Tommaseo, linguista dalmata attento alle parole della gente di mare, scrisse che la bonaccia non piace al marinaio che vorrebbe vedere sempre gonfie le vele.

Lungo tutte le rive del Mediterraneo, il vento insieme al cielo e alle onde sono frammenti intatti di un paesaggio «odissiaco» giunto fino ai giorni nostri. Anzi, il vento più delle onde solcate da enormi mercantili e del cielo attraversato da veloci aerei, rimane l’unico immutabile elemento dalla notte dei tempi. Forse anche per questo indissolubile legame con un passato mitico, crescendo mi sono appassionato alla vela, che del vento è la macchina per eccellenza. Ho così imparato a riconoscerne la provenienza e la forza, a dirne i nomi e predirne i cambiamenti, a sentirne l’odore. Sì l’odore, perché ogni vento ha uno strettissimo rapporto con il luogo, con le forme del mare e della terra. Il vento investe, abbraccia, stringe le acque, le rocce e le sabbie, raccogliendone l’odore e portandolo lontano.

Ma la curiosità di anno in anno si è fatta divorante. Non mi sono più bastati gli orizzonti della mia barca e del mio tempo, della mia lingua e della mia cultura. Mi sono così imbarcato in un’avventura più grande, entrando a far parte di un variegato equipaggio mediterraneo, che chiama il vento vjetarwind, ,טניוו erë, حايرلا , rüzgarvientovent. Parole ordinate in relazione ai miei incontri, dapprima con slavi e tedeschi, poi con ebrei e albanesi, infine uscendo dall’ellisse adriatica, con turchi, arabi, spagnoli e francesi. Di tanti altri ho ascoltato con piacere la voce, non riuscendo però a trascriverla.

Il timoniere di questa nave chiamava il vento con una più antica parola, άνεμος, che portava tatuata sul braccio. Ánemos, una voce che è da sola poesia.

In una notte senza luna, con il mare imbiancato dal Grecale, mi disse di aver appreso quel termine in un primo viaggio iniziatico, a bordo di un antico vascello che aveva una trave sacra posta in mezzo alla carena, ricavata da una quercia di Dodona. Raccontò anche i reconditi significati di ánemos e di un’altra parola pericolosa e seducente: psychein, soffiare. Credo di dover ringraziare la fortuna di quella notte per aver perso memoria delle rotte mitiche e religiose di anima e psiche. Mi avrebbero allontanato dal previsto approdo, portandomi in mari oscuri. [...]

Fabio Fiori*

*Fabio Fiori è nato a Rimini nel 1967. Ricercatore e insegnante, è appassionato di mare, vela, remo e nuoto. Nel 2001 ha lavorato al progetto editoriale “Adriatico Mare d’Europa. L’economia e la storia”. Ha pubblicato ”Un mare. Orizzonte adriatico” (2005), ”Abbecedario Adriatico. Natura e cultura delle due sponde” (2008), “Vela libre. Idee e storie per veleggiare in libertà” (2012). Scrive di paesaggio, ecologia e cultura del mare su quotidiani, su riviste e sul blog www.maregratis.blogspot.com

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende