Home » Rubriche »Very Important Planet » Angela Finocchiaro: l’efficienza energetica è una cosa seria:

Angela Finocchiaro: l’efficienza energetica è una cosa seria

aprile 10, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Volto noto del piccolo e grande schermo, Angela Finocchiaro ci ha fatto ridere nei suoi numerosi film ha vinto due volte il David di Donatello come  migliore attrice non protagonista per La bestia nel cuore (2006) e Mio fratello è figlio unico (2007) – e nelle sue partecipazioni a fiction televisive nonché trasmissioni di cabaret, senza dimenticare gli spettacoli teatrali. Attualmente al cinema con Latin Lover della Comencini, Angela sarà anche testimonial di Klimahouse Toscana, la mostra-convegno per il risanamento e l’efficienza energetica in edilizia che avrà luogo dal 17 al 19 aprile 2015 alla Stazione Leopolda a Firenze.

D) Angela, lei farà da testimonial per Klimahouse Toscana, come è nata questa collaborazione?

R) Ora vivo in campagna, ma abbiamo deciso di avviare una ristrutturazione in Firenze centro. Nella nostra casa di campagna abbiamo una caldaia a legna che ci scalda in maniera molto efficiente, per alimentarla ci bastano i ceppi che recuperiamo per tenere pulito il bosco che abbiamo intorno. Ci troviamo molto bene, pertanto per questa ristrutturazione volevamo una soluzione energetica pari livello. I tecnici che lavoravano con noi ci hanno proposto questa cosa che io chiamo  “mettere i cappottini dappertutto“. Non abbiamo ancora finito i lavori, ma siamo molto soddisfatti perché ci crediamo molto, ci sembra una buona soluzione per ridurre i consumi energetici e un po’ del nostro impatto sull’ambiente: dovremmo riuscire ad avere una temperatura più costante in casa, quindi usare meno la caldaia, e avere una maggiore ventilazione, quindi creare un microclima domestico più sano.

D) Com’è stata l’esperienza di ristrutturazione della sua casa?

R) Avendo un geometra che dirige i lavori e persone con le idee molto chiare che ci affiancano siamo molto tranquilli. A un certo punto devo dire che mi sono sentita un po’ accerchiata perché non pensavo mi “incappottassero” così tanto, ma mi fido perché penso che avrò una maggiore tranquillità sui consumi, un fattore cui prestiamo molta attenzione. Tant’è vero che siamo intervenuti anche sui vetri degli infissi. In campagna abbiamo installato un impianto fotovoltaico, ma qui in centro è più complicato per la questione dei tetti e per l’estetica degli edifici.

D) L’efficienza energetica può essere un argomento complicato per i non addetti ai lavori. È stato facile averci a che fare?

R) Sono molto curiosa rispetto a queste cose, per cui tutto quello che riesco a mettere in pratica nel piccolo a me piace farlo. Certo si potrebbe fare di più, quando leggi le notizie ti senti imbarazzato perché dovrebbero essere condotte scelte politiche importanti, ci vorrebbe un cambio fondamentale di cultura, di coscienza. La nostra eredità è il nostro pianeta, dovremmo pensare tutti di essere sulla stessa barca.

D) Ci sono delle buone abitudini che mette in atto a casa per risparmiare energia?

R) Ho deciso di passare alla macchina ibrida, che richiede un tipo di guida diverso, con un occhio attento ai consumi. In campagna poi è decisamente più facile assumere dei comportamenti sostenibili. Tutto l’umido, per esempio, ha più senso per noi che facciamo l’orto, perché se ne ricava il compost, per concimare. Cerchiamo di rispettare l’ambiente in tante piccole azioni quotidiane che  trasmettiamo ai nostri figli. Loro, a differenza nostra, sono nati nell’epoca della differenziata, hanno una coscienza diversa e, spero, un po’ più responsabile rispetto a noi, che invece buttavamo i rifiuti da un buchino del palazzo e pensavamo di essercene liberati completamente.

D) Lei vive da più di venti anni nel Mugello, in campagna. Com’è cambiata la sua vita lasciando Milano?

R) Sono molto legata a Milano, ma mi è piaciuto andare a vivere in campagna. I primi tempi ovviamente fai degli errori. Per esempio quando sono arrivata mi dissero “qui la terra è bassa” e pensai “boh, chissà cosa vorrà dire?”. Poi quando cominciai a fare l’orto capii cosa intendevano. Però per esempio non ho più ucciso nessun insetto o altro animaletto, perché ho cambiato il punto di vista. La natura mi restituisce sempre molto, dove abito ora per me è il mio paradiso.

D) Vivere in campagna ha cambiato quindi il suo rapporto con l’ambiente?

R) Sì, sono diventata più consapevole. Sebbene ci siano aspetti belli e brutti. Per esempio, quando un lupo mi ha mangiato diverse cosette, tipo capre e pecore, la “poesia della natura” non mi piaceva più così tanto, però ho cominciato a capire anche il punto di vista del lupo. Sicuramente mi ha dato tanto, il dentro e il fuori non esiste più. In città hai la mentalità del “mi vesto ed esco”, in campagna non esiste più questo confine: “adesso porto i bambini al parco”,“mi vesto e porto il cane a fare pipì”,  in campagna non è così.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende