Home » Rubriche »Very Important Planet » Angela Finocchiaro: l’efficienza energetica è una cosa seria:

Angela Finocchiaro: l’efficienza energetica è una cosa seria

aprile 10, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Volto noto del piccolo e grande schermo, Angela Finocchiaro ci ha fatto ridere nei suoi numerosi film ha vinto due volte il David di Donatello come  migliore attrice non protagonista per La bestia nel cuore (2006) e Mio fratello è figlio unico (2007) – e nelle sue partecipazioni a fiction televisive nonché trasmissioni di cabaret, senza dimenticare gli spettacoli teatrali. Attualmente al cinema con Latin Lover della Comencini, Angela sarà anche testimonial di Klimahouse Toscana, la mostra-convegno per il risanamento e l’efficienza energetica in edilizia che avrà luogo dal 17 al 19 aprile 2015 alla Stazione Leopolda a Firenze.

D) Angela, lei farà da testimonial per Klimahouse Toscana, come è nata questa collaborazione?

R) Ora vivo in campagna, ma abbiamo deciso di avviare una ristrutturazione in Firenze centro. Nella nostra casa di campagna abbiamo una caldaia a legna che ci scalda in maniera molto efficiente, per alimentarla ci bastano i ceppi che recuperiamo per tenere pulito il bosco che abbiamo intorno. Ci troviamo molto bene, pertanto per questa ristrutturazione volevamo una soluzione energetica pari livello. I tecnici che lavoravano con noi ci hanno proposto questa cosa che io chiamo  “mettere i cappottini dappertutto“. Non abbiamo ancora finito i lavori, ma siamo molto soddisfatti perché ci crediamo molto, ci sembra una buona soluzione per ridurre i consumi energetici e un po’ del nostro impatto sull’ambiente: dovremmo riuscire ad avere una temperatura più costante in casa, quindi usare meno la caldaia, e avere una maggiore ventilazione, quindi creare un microclima domestico più sano.

D) Com’è stata l’esperienza di ristrutturazione della sua casa?

R) Avendo un geometra che dirige i lavori e persone con le idee molto chiare che ci affiancano siamo molto tranquilli. A un certo punto devo dire che mi sono sentita un po’ accerchiata perché non pensavo mi “incappottassero” così tanto, ma mi fido perché penso che avrò una maggiore tranquillità sui consumi, un fattore cui prestiamo molta attenzione. Tant’è vero che siamo intervenuti anche sui vetri degli infissi. In campagna abbiamo installato un impianto fotovoltaico, ma qui in centro è più complicato per la questione dei tetti e per l’estetica degli edifici.

D) L’efficienza energetica può essere un argomento complicato per i non addetti ai lavori. È stato facile averci a che fare?

R) Sono molto curiosa rispetto a queste cose, per cui tutto quello che riesco a mettere in pratica nel piccolo a me piace farlo. Certo si potrebbe fare di più, quando leggi le notizie ti senti imbarazzato perché dovrebbero essere condotte scelte politiche importanti, ci vorrebbe un cambio fondamentale di cultura, di coscienza. La nostra eredità è il nostro pianeta, dovremmo pensare tutti di essere sulla stessa barca.

D) Ci sono delle buone abitudini che mette in atto a casa per risparmiare energia?

R) Ho deciso di passare alla macchina ibrida, che richiede un tipo di guida diverso, con un occhio attento ai consumi. In campagna poi è decisamente più facile assumere dei comportamenti sostenibili. Tutto l’umido, per esempio, ha più senso per noi che facciamo l’orto, perché se ne ricava il compost, per concimare. Cerchiamo di rispettare l’ambiente in tante piccole azioni quotidiane che  trasmettiamo ai nostri figli. Loro, a differenza nostra, sono nati nell’epoca della differenziata, hanno una coscienza diversa e, spero, un po’ più responsabile rispetto a noi, che invece buttavamo i rifiuti da un buchino del palazzo e pensavamo di essercene liberati completamente.

D) Lei vive da più di venti anni nel Mugello, in campagna. Com’è cambiata la sua vita lasciando Milano?

R) Sono molto legata a Milano, ma mi è piaciuto andare a vivere in campagna. I primi tempi ovviamente fai degli errori. Per esempio quando sono arrivata mi dissero “qui la terra è bassa” e pensai “boh, chissà cosa vorrà dire?”. Poi quando cominciai a fare l’orto capii cosa intendevano. Però per esempio non ho più ucciso nessun insetto o altro animaletto, perché ho cambiato il punto di vista. La natura mi restituisce sempre molto, dove abito ora per me è il mio paradiso.

D) Vivere in campagna ha cambiato quindi il suo rapporto con l’ambiente?

R) Sì, sono diventata più consapevole. Sebbene ci siano aspetti belli e brutti. Per esempio, quando un lupo mi ha mangiato diverse cosette, tipo capre e pecore, la “poesia della natura” non mi piaceva più così tanto, però ho cominciato a capire anche il punto di vista del lupo. Sicuramente mi ha dato tanto, il dentro e il fuori non esiste più. In città hai la mentalità del “mi vesto ed esco”, in campagna non esiste più questo confine: “adesso porto i bambini al parco”,“mi vesto e porto il cane a fare pipì”,  in campagna non è così.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende