Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » Antica Enotria: la filosofia del biologico, oltre l’etichetta:

Antica Enotria: la filosofia del biologico, oltre l’etichetta

ottobre 19, 2016 Campioni d'Italia, Greeneria, Rubriche

Trent’anni fa era un rudere, “poche pietre abbandonate nella piana del Tavoliere”, a Cerignola, in Puglia; oggi la masseria Contessa Staffa, tirata su nel 1700, è un’azienda agricola modello che ha ispirato molti imprenditori  agricoli della zona nella scelta del biologico. Parliamo di Antica Enotria fondata, anzi riconvertita, nel 1993 da Raffaele Di Tuccio che, dopo generazioni e generazioni di lavoro agricolo puro, in quegli anni decise di mettersi a trasformare i frutti della terra. Una scelta obbligata perché in quegli anni era “impossibile vendere l’uva bio, non aveva mercato né acquirenti” spiega Luigi, il figlio di Raffaele, che dopo gli studi scientifici ha seguito le orme paterne e da 15 anni si dedica all’azienda, di cui oggi è amministratore.

La filosofia di vita della famiglia si legge in questi versi, vergati a mano dal padre e pubblicati sul sito internet aziendale: “Improvvisamente sei consapevole che non puoi continuare a sfruttare, avvelenare, forzare perché ciò che fai alla terra lo fai a te stessoEd inizia il rispetto. Il rispetto per te stesso e per la terra, per il tempo e per la vita. Il respiro torna regolare, naturalmente lento, finalmente naturale. La vigna che coltivi diventa avara, ma lo capisci: i suoi grappoli sono ora più preziosi ed il vino è ricco, come tutte le cose povereAgricoltura Biologica, la chiamano…”. Una vera conversione (in senso lato), più che una scelta di mercato. Le parole di Raffaele spiegano infatti, meglio di tanti ragionamenti, perché lui, la moglie Antonia e il figlio Luigi abbiano fatto questa scelta impegnativa e lungimirante, prima di ogni “moda”.

Una svolta non facile, dura, ma ricca di soddisfazioni: “abbiamo iniziato con un vino artigianale, da garagista come si dice in gergo, con pochi mezzi e attrezzature, ma senza additivi chimici. Negli anni siamo cresciuti, abbiamo migliorato la qualità e conquistato il gusto dei consumatori”. Nei 40 ettari di Contessa Staffa, nei primi anni 2000, racconta Luigi, al vigneto si sono aggiunte altre colture  con ” la lavorazione di pomodori secchi, carciofi, conserve, pelati. Frutti dei nostri campi, tutta roba nostra“.

Un impegno sempre maggiore che “ci ha cambiato la vita, siamo arrivati a completare tutta la filiera, con un nostro marchio che ci ha offerto l’opportunità di valorizzare i prodotti della nostra terra. In provincia di Foggia c’è sempre stata una grande produzione, ma non di alta qualità. Noi abbiamo puntato sul rifiuto della chimica, su lavorazioni semplici per stravolgere il meno possibile le caratteristiche originali dei nostri prodotti“. Ecco un esempio concreto: “il vino lo teniamo in botti grandi, non in quelle piccole (le barriques, NdR) che cambiano l’aroma naturale. Siamo vicini al mare e otteniamo vini molto tesi che si prestano molto bene all’invecchiamento, eleganti, fini e non piacioni e marmellatosi“. Quindi ecco dei Nero di Troia, Aglianico, Primitivo, Negroamaro (alcuni senza zolfo), con aromi e sapori autentici, che non seguono mai le tendenze, “mode che vanno e che vengono, ma noi non seguiamo i mercati di massa, per fortuna c’è una nicchia che apprezza la nostra filosofia“.

Per non cedere al ribasso dei prezzi della grande distribuzione e dei canali tradizionali la famiglia Di Tuccio, con i nove collaboratori, punta sulla distribuzione alternativa: ristoranti, gastronomie di qualità, negozi biologici, e-commerce specializzati e tanto estero: Nord Europa, Stati Uniti, Asia. Piccoli numeri, ma buoni. Approccio glocal con salde radici nel territorio. Dove oltre ad aver sperimentato per primi il biologico hanno puntato anche alla custodia della memoria storica delle architetture con il recupero della masseria del XVIII secolo, che è un vero e proprio lavoro di valorizzazione dell’identità del luogo. “E’ un monumento del 1700, una sorta di piccolo villaggio, con le stalle, le dimore per i contadini e intorno l’azienda agricola – spiega Luigi – Ci abbiamo lavorato tanto e non abbiamo ancora finito”.

Un’idea di sviluppo virtuosa per il Sud, ma Luigi non ama i luoghi comuni: “penso che ci sia Sud e Sud… In Puglia c’è tanta imprenditoria innovativa, non penso che sia una terra del malessere anzi ci sono tante persone operose. Per esempio qui a Cerignola molti altri produttori hanno seguito il nostro modello bio ed oggi ci sono tante aziende che hanno ripreso la nostra scelta. In verità devo sottolineare che siamo anche fortunati,  grazie alla qualità del terreno e al clima molto favorevole per il biologico”. E sul bio (recentemente indagato da Report nelle sue storture) Luigi ha idee molto chiare: “il sistema ha tante falle, non basta il biologico per assicurare qualità. La differenza è tra produzione industriale e artigianale, non basta l’etichetta“.

Gian Basilio Nieddu

 


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende