Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » Antica Enotria: la filosofia del biologico, oltre l’etichetta:

Antica Enotria: la filosofia del biologico, oltre l’etichetta

ottobre 19, 2016 Campioni d'Italia, Greeneria, Rubriche

Trent’anni fa era un rudere, “poche pietre abbandonate nella piana del Tavoliere”, a Cerignola, in Puglia; oggi la masseria Contessa Staffa, tirata su nel 1700, è un’azienda agricola modello che ha ispirato molti imprenditori  agricoli della zona nella scelta del biologico. Parliamo di Antica Enotria fondata, anzi riconvertita, nel 1993 da Raffaele Di Tuccio che, dopo generazioni e generazioni di lavoro agricolo puro, in quegli anni decise di mettersi a trasformare i frutti della terra. Una scelta obbligata perché in quegli anni era “impossibile vendere l’uva bio, non aveva mercato né acquirenti” spiega Luigi, il figlio di Raffaele, che dopo gli studi scientifici ha seguito le orme paterne e da 15 anni si dedica all’azienda, di cui oggi è amministratore.

La filosofia di vita della famiglia si legge in questi versi, vergati a mano dal padre e pubblicati sul sito internet aziendale: “Improvvisamente sei consapevole che non puoi continuare a sfruttare, avvelenare, forzare perché ciò che fai alla terra lo fai a te stessoEd inizia il rispetto. Il rispetto per te stesso e per la terra, per il tempo e per la vita. Il respiro torna regolare, naturalmente lento, finalmente naturale. La vigna che coltivi diventa avara, ma lo capisci: i suoi grappoli sono ora più preziosi ed il vino è ricco, come tutte le cose povereAgricoltura Biologica, la chiamano…”. Una vera conversione (in senso lato), più che una scelta di mercato. Le parole di Raffaele spiegano infatti, meglio di tanti ragionamenti, perché lui, la moglie Antonia e il figlio Luigi abbiano fatto questa scelta impegnativa e lungimirante, prima di ogni “moda”.

Una svolta non facile, dura, ma ricca di soddisfazioni: “abbiamo iniziato con un vino artigianale, da garagista come si dice in gergo, con pochi mezzi e attrezzature, ma senza additivi chimici. Negli anni siamo cresciuti, abbiamo migliorato la qualità e conquistato il gusto dei consumatori”. Nei 40 ettari di Contessa Staffa, nei primi anni 2000, racconta Luigi, al vigneto si sono aggiunte altre colture  con ” la lavorazione di pomodori secchi, carciofi, conserve, pelati. Frutti dei nostri campi, tutta roba nostra“.

Un impegno sempre maggiore che “ci ha cambiato la vita, siamo arrivati a completare tutta la filiera, con un nostro marchio che ci ha offerto l’opportunità di valorizzare i prodotti della nostra terra. In provincia di Foggia c’è sempre stata una grande produzione, ma non di alta qualità. Noi abbiamo puntato sul rifiuto della chimica, su lavorazioni semplici per stravolgere il meno possibile le caratteristiche originali dei nostri prodotti“. Ecco un esempio concreto: “il vino lo teniamo in botti grandi, non in quelle piccole (le barriques, NdR) che cambiano l’aroma naturale. Siamo vicini al mare e otteniamo vini molto tesi che si prestano molto bene all’invecchiamento, eleganti, fini e non piacioni e marmellatosi“. Quindi ecco dei Nero di Troia, Aglianico, Primitivo, Negroamaro (alcuni senza zolfo), con aromi e sapori autentici, che non seguono mai le tendenze, “mode che vanno e che vengono, ma noi non seguiamo i mercati di massa, per fortuna c’è una nicchia che apprezza la nostra filosofia“.

Per non cedere al ribasso dei prezzi della grande distribuzione e dei canali tradizionali la famiglia Di Tuccio, con i nove collaboratori, punta sulla distribuzione alternativa: ristoranti, gastronomie di qualità, negozi biologici, e-commerce specializzati e tanto estero: Nord Europa, Stati Uniti, Asia. Piccoli numeri, ma buoni. Approccio glocal con salde radici nel territorio. Dove oltre ad aver sperimentato per primi il biologico hanno puntato anche alla custodia della memoria storica delle architetture con il recupero della masseria del XVIII secolo, che è un vero e proprio lavoro di valorizzazione dell’identità del luogo. “E’ un monumento del 1700, una sorta di piccolo villaggio, con le stalle, le dimore per i contadini e intorno l’azienda agricola – spiega Luigi – Ci abbiamo lavorato tanto e non abbiamo ancora finito”.

Un’idea di sviluppo virtuosa per il Sud, ma Luigi non ama i luoghi comuni: “penso che ci sia Sud e Sud… In Puglia c’è tanta imprenditoria innovativa, non penso che sia una terra del malessere anzi ci sono tante persone operose. Per esempio qui a Cerignola molti altri produttori hanno seguito il nostro modello bio ed oggi ci sono tante aziende che hanno ripreso la nostra scelta. In verità devo sottolineare che siamo anche fortunati,  grazie alla qualità del terreno e al clima molto favorevole per il biologico”. E sul bio (recentemente indagato da Report nelle sue storture) Luigi ha idee molto chiare: “il sistema ha tante falle, non basta il biologico per assicurare qualità. La differenza è tra produzione industriale e artigianale, non basta l’etichetta“.

Gian Basilio Nieddu

 


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

novembre 22, 2018

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

Il 28 novembre prossimo Flymove Holding organizzerà a Milano, nello Spazio di via Gadames 57, un evento riservato a operatori finanziari, investitori e partners tecnologici, per il lancio mondiale della Flymove Smart Mobility Platform e delle nuove automobili elettriche EV City Car e Sportive Car a brand “Dianchè by Bertone”, che faranno uso di un innovativo sistema di scambio rapido di batteria [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende